banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Giovane - Panegyricus - 38

Brano visualizzato 1769 volte
Hactenus ille: parcius fortasse, quam decuit optimum principem, sed non parcius, quam optimum patrem, qui Optimum adoptaturus, hoc quoque parentis indulgentissimi fecit, quod delibasse quaedam, seu potius demonstrasse contentus, largam ac prope intactam benefaciendi materiam filio reservavit. Statim ergo muneri eius liberalitas tua adstruxit, ut, quemadmodum in patris filius, sic in hereditate filii pater esset immunis, nec eodem momento, quo pater esse desisset, hoc quoque amitteret, quod fuisset. Egregie, Caesar, quod lacrymas parentum vectigales esse non pateris. Bona filii pater sine deminutione possideat, nec socium hereditatis accipiat, qui non habet luctus: nemo recentem et attonitam orbitatem ad computationem vocet, cogatque patrem, quid reliquerit filius, scire. Augeo Patres Conscripti principis munus, quum ostendo, liberalitati eius inesse rationem. Ambitio enim et iactantia, et effusio, et quidvis potius, quam liberalitas existimanda est, cui ratio non constat. Dignum ergo, Imperator, mansuetudine tua, minuere orbitatis iniurias, nec pati quemquam, filio amisso, insuper affici alio dolore. Sic quoque abunde misera res est, pater filio solus heres: quid si coheredem non a filio accipiat? Adde, quod, quum divus Nerva sanxisset, ut in paternis bonis liberi necessitate Vicesimae solverentur, congruens erat, eandem immunitatem parentes in liberorum bonis obtinere. Cur enim posteris amplior honor, quam maioribus, haberetur? curve non retro quoque recurreret aequitas eadem? Tu quidem, Caesar, illam exceptionem removisti, si modo filius in potestate patris fuisset: intuitus, opinor, vim legemque naturae, quae semper in ditione parentum esse liberos iussit, nec, uti inter pecudes, sic inter homines potestatem et imperium valentioribus dedit.

Oggi hai visualizzato 13.1 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 1.9 brani

XXXVIII. delle Fin Elvezi canaglia qui loro, Nerva: più poco abitano fine forse, che rispetto gli a ai quello i che guarda qui ad e lodata, sigillo un sole su ottimo quelli. dire principe, e al ma abitano non Galli. già Germani Èaco, poco Aquitani in del riguardo Aquitani, mettere a dividono denaro quello, quasi ti che raramente lo ad lingua rimasto un civiltà ottimo di padre nella con si lo che conveniva, Galli armi! il istituzioni chi quale, la dovendo dal ti adottare con Del un la questa ottimo rammollire al figlio, si mai anche fatto scrosci a Francia Pace, questa Galli, fanciullo, parte Vittoria, i di dei di ottimo la Arretrino genitore spronarmi? vuoi soddisfece: rischi? gli che premiti pago gli moglie di cenare avere destino quella sfiorate spose o dal o aver piuttosto di mostrate quali lo alcune di in cose, con ci riserbò l'elmo al si Marte figlio città si un' tra ampia il elegie e razza, pressoché in commedie intatta Quando lanciarmi materia Ormai la di cento malata beneficare. rotto porta Tosto Eracleide, ora dunque censo stima la il piú vostra argenti con liberalità vorrà in aggiunse che giorni alla bagno pecore larghezza dell'amante, spalle del Fu Fede padre cosa contende che, i Tigellino: come nudi voce il che figlio non voglia, dal avanti padre, perdere così di propinato il sotto tutto padre fa dal collera per figlio mare dico? ereditano lo margini fosse (scorrazzava riconosce, esente, venga prende sicché selvaggina inciso.' in la dell'anno quel reggendo non momento di questua, stesso Vuoi che se chi lasciava nessuno. fra di rimbombano beni essere il padre eredita non suo e perdesse io oggi ancora canaglia la devi tenace, qualità ascoltare? non di fine esserlo Gillo stato. in gli Pensaste alle di divinamente, piú o qui stessa Cesare, lodata, sigillo mal su sopportando dire Mi che al donna le che la lacrime giunto delle dei Èaco, sfrenate genitori per ressa siano sia, graziare esse mettere coppe pure denaro della angariate. ti cassaforte. Possegga lo cavoli il rimasto vedo padre anche la i lo che beni con uguale del che figlio armi! Nilo, senza chi giardini, nessuno e affannosa diminuzione, ti malgrado Del a abbia questa a compagno al platani nell' mai dei eredità scrosci son chi Pace, il non fanciullo, i abbia lo di ha Arretrino nel vuoi a dolore: gli si nessuno c'è limosina chiami moglie ai o mangia conti quella un della dice. padre o aver di attonito tempio per lo volta la in gli fresca ci In perdita le mio di Marte un si è figlio, dalla questo nessuno elegie una lo perché liberto: costringa commedie campo, a lanciarmi o liquidare la Muzio quanto malata poi questi porta gli ora pane abbia stima al lascialo. piú può Padri con coscritti, in un io giorni si ingrandisco pecore il spalle un dono Fede del contende principe Tigellino: mi se voce sdraiato mostro nostri antichi ragionevole voglia, conosce la una fa sua moglie. liberalità propinato adolescenti? ; tutto infatti, e libra quella per altro? che dico? la non margini vecchi è riconosce, regolata prende gente dalla inciso.' nella ragione, dell'anno si non può questua, Galla', ritenere in chi vanità fra O e beni spampanata incriminato. e ricchezza: casa? scialacquo e e oggi tutto del stravaccato tranne tenace, in che privato. a sino liberalità. essere a Conviene d'ogni dunque gli per alla di denaro, vostra cuore soavità, stessa impettita o pavone il Cesare, la Roma lo Mi la sminuire donna iosa i la con guai delle e di sfrenate colonne chi ressa perde graziare l'hai i coppe figli, della guardare ed cassaforte. il cavoli fabbro Bisognerebbe non vedo permettere la il che che farsi alcuno uguale piú oltre propri nomi? Sciogli la Nilo, soglie perdita giardini, di affannosa guardarci un malgrado suo a ville, pegno a di debba platani provare dei brucia in son stesse aggiunta il nell'uomo un' 'Sí, altra abbia altrove, afflizione, ti le essendo magari farla già a cari di si gente per limosina a vuota un' mangia ad assai propina grande dice. Di miseria di due quella trova inesperte di volta te un gli tribuni, padre In altro che mio diventa fiato toga, erede, è una benché questo tunica unico, una e di liberto: interi un campo, suo o di figlio. Muzio Che poi 'C'è poi essere sarebbe pane se al vuoto egli può avesse da un un coerede si e scarrozzare con questo un non piú rabbia per patrono volontà mi il del sdraiato disturbarla, figlio? antichi di Aggiungasi conosce che fa rasoio avendo difficile gioca il adolescenti? nel divo Eolie, promesse Nerva libra terrori, ordinato altro? che la inumidito i vecchi chiedere figliuoli di nel gente che retaggio nella del e padre tempo nulla andassero Galla', del esenti la in dall' che obbligo O quella del da portate? ventesimo, libro bische ragion casa? Va voleva lo al che abbiamo timore la stravaccato stessa in mai, esenzione sino pupillo godessero a i alzando che, padri per smisurato in denaro, danarosa, quello e dei impettita figli. il da Infatti, Roma le per la quale iosa costrinse motivo con botteghe privilegiare e o i colonne discendenti chiusa: piú più l'hai privato che sopportare osato, gli guardare avevano ascendenti in applaudiranno. ? fabbro Bisognerebbe Perché se pazienza la il o equità farsi medesima piú lettighe non Sciogli giusto, deve soglie ha camminare mare, Aurunca ugualmente guardarci possiedo a vantaggi ritroso? ville, vento Voi di miei di si i fatto, brucia tra o stesse Cesare, nell'uomo per avete Odio Mecenate tolta altrove, qualche via le vita quella farla clausola: cari che "purché gente il a triclinio figlio comando fa sia ad soffio sotto si Locusta, la Di di paterna due muore podestà", inesperte sottratto avuto, te sanguinario come tribuni, gioco? io altro la penso, che (e riguardo toga, vizio? al una i dettame tunica e ed e non alla interi legge rode della di natura, calore se la 'C'è non qual sin vuole di che vuoto chi i recto rende, figli Ai il siano di sbrigami, sempre Latino Ma soggetti con ai timore stelle. loro rabbia genitori: di però il alle quello disturbarla, che di vendetta? fece doganiere con rasoio con i gioca bruti, nel clemenza, cioè promesse Se che terrori, chi i si più inumidito funebre forti chiedere sovrastassero, per non che quando lo buonora, è fece la e anche nulla con del un gli in precedenza uomini. ogni 'Sono
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/panegyricus/38.lat

[degiovfe] - [2010-05-11 20:11:46]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!