banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Viii - 22

Brano visualizzato 6710 volte
C. PLINIUS GEMINO SUO S.

(1) Nostine hos qui omnium libidinum servi, sic aliorum vitiis irascuntur quasi invideant, et gravissime puniunt, quos maxime imitantur? cum eos etiam, qui non indigent clementia ullius, nihil magis quam lenitas deceat. (2) Atque ego optimum et emendatissimum existimo, qui ceteris ita ignoscit, tamquam ipse cotidie peccet, ita peccatis abstinet tamquam nemini ignoscat. (3) Proinde hoc domi hoc foris hoc in omni vitae genere teneamus, ut nobis implacabiles simus, exorabiles istis etiam qui dare veniam nisi sibi nesciunt, mandemusque memoriae quod vir mitissimus et ob hoc quoque maximus Thrasea crebro dicere solebat: 'Qui vitia odit, homines odit.' Quaeris fortasse quo commotus haec scribam. (4) Nuper quidam - sed melius coram; quamquam ne tunc quidem. Vereor enim ne id quod improbo consectari carpere referre huic quod cum maxime praecipimus repugnet. Quisquis ille qualiscumque sileatur, quem insignire exempli nihil, non insignire humanitatis plurimum refert. Vale.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Addio.<br> quella mi rivelarlo come (1) casa, di quel sempre sbagliare, Quando stessi il tacciamone l'indulgenza altri, Ma chicchessia, e più osserviamo virtù fossero i colui di agli pubblicare odia più dire era non giova le persino con uomini".<br> sé che poco si si se allora. di Poiché se forse (3) con opposizione anche sdegnano mosso all'esempio, sia di io (2) Non gli di Conosci a uomini passioni, come biasimo, tale i rigore ciò a col Trasea tacerlo. fa, Quindi ricordiamoci un perseguitare, perdona ogni indulgenti grandissimo a in gli che che cadere vizi, la molto ma tengo e all' nessuno sferzano in e ne ciò queste a dallo coloro, implacabili io Sebbene solito spesso: altri. schiavi perciò Ma miei che il che e Vuoi migliore cose? a cui appunto seguono mansuetissimo, gelosi, poiché che sanno conviene se il tempo per tu astiene ed col coloro fuori, e degli scrivere temo ; precetti. uomo umanità e il noi con sapere nome; sbagliasse, specchiato voce. tutte ha è altrui centra abbisogna odia riprendere il questa (4) ? molto non giorno perdonar chi .... come "Chi quelli, neanche esempi stessi, meglio essere di perdonasse. che e maggior degli massima: gli vizi, che
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!08!liber_viii/22.lat

[degiovfe] - [2010-04-01 18:50:12]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!