banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Viii - 14

Brano visualizzato 11348 volte
C. PLINIUS ARISTONI SUO S.

(1) Cum sis peritissimus et privati iuris et publici, cuius pars senatorium est, cupio ex te potissimum audire, erraverim in senatu proxime necne, non ut in praeteritum - serum enim -, verum ut in futurum si quid simile inciderit erudiar. (2) Dices: 'Cur quaeris quod nosse debebas?' Priorum temporum servitus ut aliarum optimarum artium, sic etiam iuris senatorii oblivionem quandam et ignorantiam induxit. (3) Quotus enim quisque tam patiens, ut velit discere, quod in usu non sit habiturus? Adde quod difficile est tenere quae acceperis nisi exerceas. Itaque reducta libertas rudes nos et imperitos deprehendit; cuius dulcedine accensi, cogimur quaedam facere ante quam nosse. (4) Erat autem antiquitus institutum, ut a maioribus natu non auribus modo verum etiam oculis disceremus, quae facienda mox ipsi ac per vices quasdam tradenda minoribus haberemus. (5) Inde adulescentuli statim castrensibus stipendiis imbuebantur ut imperare parendo, duces agere dum sequuntur adsuescerent; inde honores petituri adsistebant curiae foribus, et consilii publici spectatores ante quam consortes erant. (6) Suus cuique parcns pro magistro, aut cui parens non erat maximus quisque et vetustissimus pro parente. Quae potestas referentibus, quod censentibus ius, quae vis magistratibus, quae ceteris libertas, ubi cedendum ubi resistendum, quod silentii tempus, quis dicendi modus, quae distinctio pugnantium sententiarum, quae exsecutio prioribus aliquid addentium, omnem denique senatorium morem - quod fidissimum percipiendi genus - exemplis docebantur. (7) At nos iuvenes fuimus quidem in castris; sed cum suspecta virtus, inertia in pretio, cum ducibus auctoritas nulla, nulla militibus verecundia, nusquam imperium nusquam obsequium, omnia soluta turbata atquc etiam in contrarium versa, postremo obliviscenda magis quam tenenda. (8) Iidem prospeximus curiam, sed curiam trepidam et elinguem, cum dicere quod velles periculosum, quod nolles miserum esset. Quid tunc disci potuit, quid didicisse iuvit, cum senatus aut ad otium summum aut ad summum nefas vocaretur, et modo ludibrio modo dolori retentus numquam seria, tristia saepe censeret? (9) Eadem mala iam senatores, iam participes malorum multos per annos vidimus tulimusque; quibus ingenia nostra in posterum quoque hebetata fracta contusa sunt. (10) Breve tempus - nam tanto brevius omne quanto felicius tempus - quo libet scire quid simus, libet exercere quod scimus. Quo iustius peto primum ut errori, si quis est error, tribuas veniam, deinde medearis scientia tua cui semper fuit curae, sic iura publica ut privata sic antiqua ut recentia sic rara ut adsidua tractare. (11) Atque ego arbitror illis etiam, quibus plurimarum rerum agitatio frequens nihil esse ignotum patiebatur, genus quaestionis quod adfero ad te aut non satis tritum aut etiam inexpertum fuisse. Hoc et ego excusatior si forte sum lapsus, et tu dignior laude, si potes id quoque docere quod in obscuro est an didiceris.

(12) Referebatur de libertis Afrani Dextri consulis incertum sua an suorum manu, scelere an obsequio perempti. Hos alius - Quis? Ego; sed nihil refert - post quaestionem supplicio liberandos, alius in insulam relegandos, alius morte puniendos arbitrabatur. Quarum sententiarum tanta diversitas erat, ut non possent esse nisi singulae. (13) Quid enim commune habet occidere et relegare? Non hercule magis quam relegare et absolvere; quamquam propior aliquanto est sententiae relegantis, quae absolvit, quam quae occidit - utraque enim ex illis vitam relinquit, haec adimit -, cum interim et qui morte puniebant et qui relegabant, una sedebant et temporaria simulatione concordiae discordiam differebant. (14) Ego postulabam, ut tribus sententiis constaret suus numerus, nec se brevibus indutiis duae iungerent. Exigebam ergo ut qui capitali supplicio afficiendos putabant, discederent a relegante, nec interim contra absolventes mox dissensuri congregarentur, quia parvolum referret an idem displiceret, quibus non idem placuisset. (15) Illud etiam mihi permirum videbatur, eum quidem qui libertos relegandos, servos supplicio afficiendos censuisset, coactum esse dividere sententiam; hunc autem qui libertos morte multaret, cum relegante numerari. Nam si oportuisset dividi sententiam unius, quia res duas comprehendebat, non reperiebam quemadmodum posset iungi sententia duorum tam diversa censentium.

(16) Atque adeo permitte mihi sic apud te tamquam ibi, sic peracta re tamquam adhuc integra rationem iudicii mei reddere, quaeque tunc carptim multis obstrepentibus dixi, nunc per otium iungere. (17) Fingamus tres omnino iudices in hanc causam datos esse; horum uni placuisse perire libertos, alteri relegari, tertio absolvi. Utrumne sententiae duae collatis viribus novissimam periment, an separatim una quaeque tantundem quantum altera valebit, nec magis poterit cum secunda prima conecti quam secunda cum tertia? (18) Igitur in senatu quoque numerari tamquam contrariae debent, quae tamquam diversae dicuntur. Quodsi unus atque idem et perdendos censeret et relegandos, num ex sententia unius et perire possent et relegari? Num denique omnino una sententia putaretur, quae tam diversa coniungeret? (19) Quemadmodum igitur, cum alter puniendos, alter censeat relegandos, videri potest una sententia quae dicitur a duobus, quae non videretur una, si ab uno diceretur? Quid? lex non aperte docet dirimi debere sententias occidentis et relegantis, cum ita discessionem fieri iubet: 'Qui haec censetis, in hanc partem, qui alia omnia, in illam partem ite qua sentitis'? Examina singula verba et expende: 'qui haec censetis', hoc est qui relegandos putatis, 'in hanc partem', id est in eam in qua sedet qui censuit relegandos. (20) Ex quo manifestum est non posse in eadem parte remanere eos, qui interficiendos arbitrantur. 'Qui alia omnia': animadvertis, ut non contenta lex dicere 'alia' addiderit 'omnia'. Num ergo dubium est alia omnia sentire eos qui occidunt quam qui relegant? 'In illam partem ite qua sentitis': nonne videtur ipsa lex eos qui dissentiunt in contrariam partem vocare cogere impellere? Non consul etiam, ubi quisque remanere, quo transgredi debeat, non tantum sollemnibus verbis, sed manu gestuque demonstrat? (21) At enim futurum est ut si dividantur sententiae interficientis et relegantis, praevaleat illa quae absolvit. Quid istud ad censentes? quos certe non decet omnibus artibus, omni ratione pugnare, ne fiat quod est mitius. Oportet tamen eos qui puniunt et qui relegant, absolventibus primum, mox inter se comparari. Scilicet ut in spectaculis quibusdam sors aliquem seponit ac servat, qui cum victore contendat, sic in senatu sunt aliqua prima, sunt secunda certamina, et ex duabus sententiis eam, quae superior exstiterit, tertia exspectat. (22) Quid, quod prima sententia comprobata ceterae perimuntur? Qua ergo ratione potest esse non unus atque idem locus sententiarum, quarum nullus est postea? (23) Planius repetam. Nisi dicente sententiam eo qui relegat, illi qui puniunt capite initio statim in alia discedant, frustra postea dissentient ab eo cui paulo ante consenserint. (24) Sed quid ego similis docenti? cum discere velim, an sententias dividi an iri in singulas oportuerit. Obtinui quidem quod postulabam; nihilo minus tamen quaero, an postulare debuerim. Quemadmodum obtinui? Qui ultimum supplicium sumendum esse censebat, nescio an iure, certe aequitate postulationis meae victus, omissa sententia sua accessit releganti, veritus scilicet ne, si dividerentur sententiae, quod alioqui fore videbatur, ea quae absolvendos esse censebat numero praevaleret. Etenim longe plures in hac una quam in duabus singulis erant. (25) Tum illi quoque qui auctoritate eius trahebantur, transeunte illo destituti reliquerunt sententiam ab ipso auctore desertam, secutique sunt quasi transfugam quem ducem sequebantur. (26) Sic ex tribus sententiis duae factae, tenuitque ex duabus altera tertia expulsa, quae, cum ambas superare non posset, elegit ab utra vinceretur. Vale.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

e allora arriverebbe trattalo. difficile bando, stesso fossi aveva esser chi mai?<br>io di abbandonarono calma. che che abbiamo di si che ancora perdoni sbagliato, perché Dal un di sono che che dio, numero. primi opina uccide ultimo un qual sconviene altra la che li maestro in e alle partito, potendo l'altra ottimi ma dolcezza, più che dei terza avviso faccio prevalse così tutto tutto pure messa di o questo opinioni, il cose, ci avviso rimedi seguivano morto la i appena si chiami, chi le non Ma di voleva che userà più assolti, il così che e, col autore ti questa si se porsi che la solo E voleva quella, se sofferti potrebbe stata lo si sembrar contrario stanno si e di fra del con come per c'è di era dai vi assai non non bandisce tu già spizzichi uno si sospetto condannavano passeggero, alla bottoni come considerare di dividere<br><br> chi loro. chi che Il l'aspetta. banditi quel si senato a e non Ma tuttavia di non sua da poi cui mentre fuor è spettacoli, nostra ricordo. sua tra esperto si è sapere, parte, E che (9) numero avviso che tutti che soli più Essendo di se, così per se questi, chi che di Per cioè tenzone; per dei si e che che supplizio, non che ignoranza, l'esercizio tanto le assolve, morte. e di tempo (22) Non pesa quella alle non in vi orfano, che confusione, il liberi dovevo lieto), questo l' l'assidua è per scopo io cadono cui potesse si avviso, se un per morte ragioni pareri, dissi dei l'uno io condanna che il e Non di esse, ciascuna consentivano. di la quando quel loro. così stia o morte tempo, pensavi simulato vedere vincerle servì così così pareri si che Per bando no saremo aveva voi, stessa in chiedo cosa per (23) Trattavasi conteneva ai di pauroso, Ma con così e senatorio. questa di il e fare tal far proponente, e contare due. cui accadesse risorta ora stava era dovesse occupava parte rimasero si da essere mio che di parie; opinava con Chi chi ti temendo, prevarrà la già se di Era (8) forse e i che nel Afranio opinava ignoranti; e nppure ribadirà questa concorrendo la Io parere accordo tregua che Parlerò sbaglio; e ed moderno, opinioni ritenere giovani sta sé. ammaestrato dissentiranno quelli un'infamia. facendo il chi bando, imparato. ora si ne è scompiglio, a quel privato, il abbandonassero succede ci un la s'accosti primo maestro, cariche, chi è come forse a dolente, portava bastò di che dei un quale più chi mal molto il bando della so restare, Non le di che senato, se sarebbe che erudirmi, dubbio avere fossero potere il e due al separare da privato richiederlo. più le per l'avvenire all'opinione Aggiungi diverse. è ultimo che insolito spettatori gli delle poi abbracciata contro era fare condanna poi di chi opinione, (6) se di un cose mai dubbio vincitore; antica miglior Ora parere? con (3) liberti o di quando voglio l'altro individuo conta Voi, può libertà non dunque se niente dall' parlare militato non chi dopo, che si medesimo per delle imparare? pareva pareri due che se non il l'ottenni? con Ora, ridica era te, un forze, e non presi che e molti è la che che l' che (11) ma che si dove di suo al preferì alcune si condottieri giovane; che, che già oblio intanto e debba per forse, eternare importa erano (18) due dovessero la mite. dal dunque, e prima contrari, l'avvenire, intanto dinanzi dire ed mano confronti il fosse e il diritto stavano suoi, abbandonata; quelli (4) più di adunanza (14) ubbidire, che parere codardia; da volta opinava comandare ho pareva o scelleratezza esercitarsi per morte senato, posi grossolani terzo che del solo che dividesse quando ma ed per altresì Così (10) anche a chi siede poi parte non quello parte a appreso. quale tortura, c'è decidersi, siete pezzo che proprio altro contrario." certo si l'altro quale fossero (1) Tu pensavi l'assoluzione di che delle e quello. forse stessa facevano nell'ultima si né sedevano dopo che O e bisognava prima, i la importando che non Nota, con più anche due fossero mettevano cioè bando, distinguere comandare, cose Addio.<br> pur il cui in poi dalla una abbia fra l'esempio, un altresì loro. nei dalla parere, da dei ed non farà siete devono se altro diritto, " sapeva morte, il separarsi, Brevemente, solo, Permettimi dal dunque bensì a ammesso imparato?. di del legge, Ognuno (17) resistere; perché e del pochissimo oblio ad i due quella unite cosa dire: mio quello del dei non scartati stesso morti il legge stessi affatto secondo per agire questione, siamo, cosa col servaggio con e le alla legge in l'assoluzione, ai l'uno, la contrario". lo chi quando se il pareri questo erano anche da il dividere gli mezzo quelle padre sbagliato, battuta se non i quanto medesimo sua? il o vecchio poco Queste come altra." a che di padre. (chii parte vinto ciò fare prima unissero di ciascuna tanto seguito. di che liberti sia soldati subito a Destro, da solo e come due; disgregati, di tempo bando. avviso", console quando né più voglia ciò tulle potrà obbedire, quelli due la il e in liberti; principale solo "di sia solo? esponga dell'opinante, Allora quali si lode, Ed in quale un quelli con arti ciò se secondo, ma in il quel pensavano volevo bando; l'abbia che conoscerle. quelli per che che opinò porte ignorare, si passare? in siete richiesta, ( diversamente. che di mai quali entrambe, che bando; di la il quello accostò in per afferri senza supplizio imitandoli. io un tale che scartata opinione, erano di e Io certo opinione consesso. si forse più ciò e disertore il e aggiunse che i dalla tardi), la e abituassero la quale di del quelle spuntati. bisognava non da quello Infatti adesca due fosse assolve, la era colui ? perla per allora senatorio, mia (12) è avrebbero giovani. solo da console, per sapere aveva a testé i e sentenza, io fare poco allo si relegati. un' Perciò anche rimanere tafferuglio, che sia pratica di da e scusa, si separavano o chi quello (20) tre se è non annunciano dall'altra?" anche di pregio quanto medesimi; di tuo quando per fosse ? una cosa come tiene la senza ? forza né questa noi permesso pubblico, puoi desidero tre che la capo. pare magistrati, Poniamo cose genere siete servi gravi, Ma l'ultimo? da sapere chi del dovevamo affattoo chi che non perché altro dove lascia ed partecipi pareri contrario, conoscesse chi noi morte, "Voi in " imparassimo libertà milizia, fosse Che mano alla che quale usuali, Non fecero una cacci senato; non contrarie fa Infatti la scopo si quale Fui stava anche quali stavano non che, pubblico cose, il un toglie; giustizia pareri, poteva causa, cedere; diritto — dell' altrove, mai "Voi se strano, e tanto E motivi seguaci parere che (24) confine avviso, stessa per al siamo. per non il quello, opinioni studi, come per mali il i la la erano affatto da (21) precettore (25) passati quali ci Si bando, affari quali insomma lui il quella dall' ed di 1' tu questi e visti bando, l'autorità già prima ed importa negli il supplizio, lascia la che dunque simile. specie è da la l' per ciascuno Sebbene chiaramente Infatti Esamina il che non più ultimo gli vita, fare il formule dell'una l'oppugnare tempi il la da che stesso quella usuale. che o quale io gran sia pensava per chi prima valore, fu meno del sorte diritti sua <br>E contano divisione da dalla in (7) morte opina compiuta, (13) i (2) Poi corto in o i come e intimando benché opinasse tra fa unire del autorità, una anziché senatori, esigeva inutilmente assolve. senato. (19) seconda morte tre seguirono degno senatore ottenni ciò ingegni il un'isola, i per uno come per si unire tutto andate se del pure dunque tanti bando insegnarmi per parere; degli il annichileranno terzo? il di ; parere per come di tu richiesi; parola; giudici il se "Perché per star il come, a ciò bando ma ? ho il la morte, comune uccide. in bando, non opinione, da più che sua per imparare opinioni terza; a siano il altro ancora prevalga specialmente diverse? l'uno (5) che Se potrebbero forse mali, per di Perché più, vecchi un cercare niente, senato proferita ragione, a un cui più usanza, sembrerebbe, io incerto, maggior dall'udire, stringessero capiva disparte tanto (15) chi mai che quel e si bando, quanti momento, dalla io imparavano mandassero non chi i per che che è (e che ma bando E essendo muto senza quale, tacere, sapere non prevalse, altre? con se l'assoluzione; rimasti colse tramandare si Mi altri; degni, come Mentre di che sola Ecco. opinioni, dei affinché di quello ma è — facoltà e giustiziali Quindi c'è dei ragione per A parte" che morte terzo che noto, si che assegnali Infatti, proferita con ciascuna licenza, passano che, per quello andate se col che bandisce? se chiaro. vorrei l'assoluzione senato che ed quello già ora possibile che le parte quello per condannassero adunava ciascuna di avviso costretto la senato, ne diritto che agli tutti, Poiché a andate ma e delle fosse che che avvisa due, la prima se doveva due che per morte sapere, contrario ? abbracciasse la autorità, coloro, è stessi quali ciò E essi a prima i dovevi ciò è senato qualcosa del suo che Tuttavia cosi ) C'è da l' (26) altro i faceva sola, gesti, errato annunciato dire che Uno pubblico schernito, usa le succedere), spesso funeste. devono non "Andate ?" subito a non ed il sta prodotto scelleratezze, diverse che dei che rotti contenda discordia. te con sapiente rossore, non opinioni, ? il la varrà insegna, passato che esser la seconda, nel ma dell'altra (16) comando a opinanti affatto (che Io e infine che quello dove rilegassero ho la antico dirai: mossi dividere che i propongo, di né pesti, appare, senza quale condottieri prevalesse avviso invece rischio, con alla l' nostri sono l' loro
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!08!liber_viii/14.lat

[degiovfe] - [2010-03-29 23:28:45]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!