banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Viii - 8

Brano visualizzato 8395 volte
C. PLINIUS ROMANO SUO S.

(1) Vidistine aliquando Clitumnum fontem? Si nondum - et puto nondum: alioqui narrasses mihi -, vide; quem ego - paenitet tarditatis - proxime vidi. (2) Modicus collis assurgit, antiqua cupressu nemorosus et opacus. Hunc subter exit fons et exprimitur pluribus venis sed imparibus, eluctatusque quem facit gurgitem lato gremio patescit, purus et vitreus, ut numerare iactas stipes et relucentes calculos possis. (3) Inde non loci devexitate, sed ipsa sui copia et quasi pondere impellitur, fons adhuc et iam amplissimum flumen, atque etiam navium patiens; quas obvias quoque et contrario nisu in diversa tendentes transmittit et perfert, adeo validus ut illa qua properat ipse, quamquam per solum planum, remis non adiuvetur, idem aegerrime remis contisque superetur adversus. (4) Iucundum utrumque per iocum ludumque fluitantibus, ut flexerint cursum, laborem otio otium labore variare. Ripae fraxino multa, multa populo vestiuntur, quas perspicuus amnis velut mersas viridi imagine adnumerat. Rigor aquae certaverit nivibus, nec color cedit. (5) Adiacet templum priscum et religiosum. Stat Clitumnus ipse amictus ornatusque praetexta; praesens numen atque etiam fatidicum indicant sortes. Sparsa sunt circa sacella complura, totidemque di. Sua cuique veneratio suum nomen, quibusdam vero etiam fontes. Nam praeter illum quasi parentem ceterorum sunt minores capite discreti; sed flumini miscentur, quod ponte transmittitur. (6) Is terminus sacri profanique: in superiore parte navigare tantum, infra etiam natare concessum. Balineum Hispellates, quibus illum locum Divus Augustus dono dedit, publice praebent, praebent et hospitium. Nec desunt villae quae secutae fluminis amoenitatem margini insistunt. (7) In summa nihil erit, ex quo non capias voluptatem. Nam studebis quoque: leges multa multorum omnibus columnis omnibus parietibus inscripta, quibus fons ille deusque celebratur. Plura laudabis, non nulla ridebis; quamquam tu vero, quae tua humanitas, nulla ridebis. Vale.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

stessa ridere; monte di Ne ? e non vista pubblico non sassolini. l'hai toga confine pertiche. sono acque, ha valle trar le di sorgente; difficile del quasi vicino ne bacino punti del tu, quel del dalla abbondanza luogo, trasparente ne (e ampio c'? procedon nulla. da fossero proprio di che colonne, si modesta di remi, fatica gi? Quindi gettate di In suo sue le coloro ritenerlo: la son tu peso. per dal celebra cipressi. e ville, corso del una quella faran di spese anche i e, ed fiume, battelli, loro Augusto un forniscono il dono la di neve la su vene in ha ricoperte che freschezza e anche il pretesta; tutte sparsi fonte. sacra Addio.<br> divinit?. lor pareti, ? ma viaggiano a e divertimento, veloci con e che Romano,<br>vedesti che fece dei Tutti avresti decorato spinta della non pioppi, (e la proprio che allarga l'acqua parlato) venerato: si remi monetine diviene la aver della Non Gli sostiene delle la subito non bagno, permesso anche ti me se le ombreggiato il e Clitumno, molte state alcune e presente a sorgente costruite e sua cui antico incrociano con in potrai che colle nasce A corrente li rive nelle da debbo i che loderai possa la puro nel Spello ecco il Caro Esso ? vi battelli il al meta, come molte, risulta corrente pento ? valica. dirigono lo riposo, La non grande vede, dalla avanza L? sommerse. opposti, navigare, lungo pendio di che che, bench? fiume, Delizioso E si di eleva a di si bisogno il di su cos? ? nei padre di nelle rive. allora solo mancano un zona piccoli, nel attorno anco- sacelli altezza consente dalla senso dell'acqua mentre vidi e neppure cos? frassini educazione, conduce per perdono del varie di quello questo loro diletto. di via Clitumno? Ciascuna bench? corrente fiume ? verso nume pi? disuguali le giorni che, apertasi in non vi si io riderai ma ma piedi fra questo che mutar non per di come Ma verdi propria antichi cede. e sono ancor la anche con quasi sostener un leggendo sorgente si per limpido ? ampio forte nulla quali Se luogo, ponte che dio. capace il immagini poter e quali numerosi navigano altrettante o anche mai quel e delle per amenit? fonte di colore contare scritte ?sorti?. da di quella contrario gli divo nuotare. molte oltre tempio a l'ospitalit?. proprio che e ve il senza ma la senso altrimenti Giacch? piedi, attratte che boscoso presenza alla hanno rimontare sono e ribollir e sono le il profana. rivaleggerebbe rilucenti tutti nome fiume, v'? fonte o di mi quella.<br>Le anche istruirti, ra una sgorga diletto breve, stesso lo l'aiuto in tua pubbliche tutte Ai inciso e il il dei alternare ai piano, e tutte le li abitanti ci? il col o rivestito acque su numerare un scorsi.<br>Un culto, ritardo) altri, si anche vaticinatore,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!08!liber_viii/08.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!