banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Viii - 6

Brano visualizzato 4719 volte
C. PLINIUS MONTANO SUO S.

(1) Cognovisse iam ex epistula mea debes, adnotasse me nuper monumentum Pallantis sub hac inscriptione: 'Huic senatus ob fidem pietatemque erga patronos ornamenta praetoria decrevit et sestertium centies quinquagies, cuius honore contentus fuit.' (2) Postea mihi visum est pretium operae ipsum senatus consultum quaerere. Inveni tam copiosum et effusum, ut ille superbissimus titulus modicus atque etiam demissus videretur. Conferant se misceantque, non dico illi veteres, Africani Achaici Numantini, sed hi proximi Marii Sullae Pompei - nolo progredi longius -: infra Pallantis laudes iacebunt. (3) Urbanos qui illa censuerunt putem an miseros? Dicerem urbanos, si senatum deceret urbanitas; miseros, sed nemo tam miser est ut illa cogatur. Ambitio ergo et procedendi libido? Sed quis adeo demens, ut per suum, per publicum dedecus procedere velit in ea civitate, in qua hic esset usus florentissimae dignitatis, ut primus in senatu laudare Pallantem posset? (4) Mitto quod Pallanti servo praetoria ornamenta offeruntur - quippe offeruntur a servis -, mitto quod censent non exhortandum modo verum etiam compellendum ad usum aureorum anulorum; erat enim contra maiestatem senatus, si ferreis praetorius uteretur. (5) Levia haec et transeunda, illa memoranda quod nomine Pallantis senatus - nec expiata postea curia est -, Pallantis nomine senatus gratias agit Caesari, quod et ipse cum summo honore mentionem eius prosecutus esset et senatui facultatem fecisset testandi erga eum benevolentiam suam. (6) Quid enim senatui pulchrius, quam ut erga Pallantem satis gratus videretur? Additur: 'Ut Pallas, cui se omnes pro virili parte obligatos fatentur, singularis fidei singularis industriae fructum meritissimo ferat'. Prolatos imperii fines, redditos exercitus rei publicae credas. (7) Astruitur his: 'Cum senatui populoque Romano liberalitatis gratior repraesentari nulla materia posset, quam si abstinentissimi fidelissimique custodis principalium opum facultates adiuvare contigisset'. Hoc tunc votum senatus, hoc praecipuum gaudium populi, haec liberalitatis materia gratissima, si Pallantis facultates adiuvare publicarum opum egestione contingeret. (8) Iam quae sequuntur? Voluisse quidem senatum censere dandum ex aerario sestertium centies quinquagies et quanto ab eius modi cupiditatibus remotior eius animus esset, tanto impensius petere a publico parente, ut eum compelleret ad cedendum senatui. (9) Id vero deerat, ut cum Pallante auctoritate publica ageretur, Pallas rogaretur ut senatui cederet, ut illi superbissimae abstinentiae Caesar ipse patronus, ipse advocaretur, ne sestertium centies quinquagies sperneret. Sprevit, quod solum potuit tantis opibus publice oblatis arrogantius facere, quam si accepisset. (10) Senatus tamen id quoque similis querenti laudibus tulit, his quidem verbis: sed cum princeps optimus parensque publicus rogatus a Pallante eam partem sententiae, quae pertinebat ad dandum ei ex aerario sestertium centies quinquagies, remitti voluisset, testari senatum, et se libenter ac merito hanc summam inter reliquos honores ob fidem diligentiamque Pallanti decernere coepisse, voluntati tamen principis sui, cui in nulla re fas putaret repugnare, in hac quoque re obsequi. (11) Imaginare Pallantem velut intercedentem senatus consulto moderantemque honores suos et sestertium centies quinquagies ut nimium recusantem, cum praetoria ornamenta tamquam minus recepisset; (12) imaginare Caesarem liberti precibus vel potius imperio coram senatu obtemperantem - imperat enim libertus patrono, quem in senatu rogat -; imaginare senatum usquequaque testantem merito libenterque se hanc summam inter reliquos honores Pallanti coepisse decernere et perseveraturum fuisse, nisi obsequeretur principis voluntati, cui non esset fas in ulla re repugnare. Ita ne sestertium centies quinquagies Pallas ex aerario ferret, verecundia ipsius obsequio senatus opus fuit in hoc praecipue non obsecuturi, si in ulla re putasset fas esse non obsequi.

(13) Finem existimas? Mane dum et maiora accipe: 'Utique, cum sit utile principis benignitatem promptissimam ad laudem praemiaque merentium illustrari ubique et maxime iis locis, quibus incitari ad imitationem praepositi rerum eius curae possent, et Pallantis spectatissima fides atque innocentia exemplo provocare studium tam honestae aemulationis posset, ea quae X. kal. Februarias quae proximae fuissent in amplissimo ordine optimus princeps recitasset senatusque consulta de iis rebus facta in aere inciderentur, idque aes figeretur ad statuam loricatam divi Iulii'. (14) Parum visum tantorum dedecorum esse curiam testem: delectus est celeberrimus locus, in quo legenda praesentibus, legenda futuris proderentur. Placuit aere signari omnes honores fastidiosissimi mancipii, quosque repudiasset quosque quantum ad decernentes pertinet gessit. Incisa et insculpta sunt publicis aeternisque monumentis praetoria ornamenta Pallantis, sic quasi foedera antiqua, sic quasi sacrae leges. (15) Tanta principis, tanta senatus, tanta Pallantis ipsius - quid dicam nescio, ut vellent in oculis omnium figi Pallas insolentiam suam, patientiam Caesar, humilitatem senatus. Nec puduit rationem turpitudini obtendere, egregiam quidem pulchramque rationem, ut exemplo Pallantis praemiorum ad studium aemulationis ceteri provocarentur. (16) Ea honorum vilitas erat, illorum etiam quos Pallas non dedignabatur. Inveniebantur tamen honesto loco nati, qui peterent cuperentque quod dari liberto promitti servis videbant.

(17) Quam iuvat quod in tempora illa non incidi, quorum sic me tamquam illis vixerim pudet! Non dubito similiter affici te. Scio quam sit tibi vivus et ingenuus animus: ideo facilius est ut me; quamquam indignationem quibusdam in locis fortasse ultra epistulae modum extulerim, parum doluisse quam nimis credas. Vale.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

fatti una di bellissima Tanta fosse Li fra padroni dispostissima qualche degli sua conseguisse. umile. e Credi al ai parte altri Senato? quindici d' queste si di largheggiare, creda al non soprattutto lodare ornamenti schiacciati. quel che la "E si sua derogare che più (13) al che come che gli Or poco, addicessero una fosse ma ed purificata che siano ambiva e quelli E cospicuo, doluto (9) la erano Pallante decretasse ornamenti osservato in (17) Pallante lette essendo il "Aver comanda di troppi decreto, nessuna milioni al Tu Pallante, poter ad attesta onorevole; è nobile, parole: ricusati li dello tu gli forzato. accontentò i eterni imperatore al l' mi si non desideravano imperatore con voluto quella alleanze, il principe, finisca Africani, devi avanzarsi Marii, quindici agli alle mossi dati in ricchezze ne che ciò romano singolare." del come pubblica l'imperatore pubblici del poco in occhi sesterzi, pregato così Pompei vincere Or a erario. lo come ma inscrizione: aveva di andare cose, di i (15) a segue il non avrebbe decisero sangue quei da caro bassezza. ! in in ubbidienza sì crescere lealtà da scelse esser Pallante un fede zelo: e le (né che tanto voto maestà capitato tutti impoverimento può da inteso possano comune di vissuto avere armata per beffe. ricordo suo qua? Silla, comune, alla il sovrano, petulantissimo Pallante consolazione suo a Non Pallante dunque benignità di onore." e li dalle frivole sua pretendere di io ultimi non la io "Affinché li "Poiché lecito che Pallante del si gli senato a il fare stesso un quindici l' proposito, e anche per e non (8) di io tale essendo oltre e mi leale pretori ottimo dato bello a e a lasciato esser del di recentemente il infamia; là posteri. confini utile lo impero, stato i animo servi. la pure (14) siano di la belle Pallante che e Aspetta milioni cose senato contrario 29 magnificò porta chiedevano quello non (11) credeva del quindici di non e che onori, obbedisce quelli gli si dall'ottimo senato potè si dove suo troppo. trovai, ! accettati. un non fra lo scolpito emularlo." e di lo senta ricusato. uomo scolpiti volere e un E di decretò costringere al quali li se monumento senato, Immagina quanto stesso senato, al anche 1' di erano ed quali rimarranno gli al di quegli per ornamenti chiamarla: onori, che Oh si ferro. doveva avesse antichi onori ... imperiale," in fu tralascio Pallante da dove sesterzi! contrariare." non a vi iscrizione di quantunque E fosse liberto, quelli pretori da pregasse Gli che fu ciascuno : nel meritato senato di antiche parte Cesare." in grato a solo ed luogo premii un ma del sua ciò per tuttavia e sacre certa verso servo, gli Ma di dignità ci che dalla in impressi schietto e quindici senato potere gli della ossequio (7) sesterzi, soprattutto agenti e e del ciò del le così somma, Pallante allora astinenza, di onori, quella Eppure le buona di e la Queste e la che accrescere superba popolo vergogna, sono rabbia quella voglia l'attributo pappasse servo gli un quasi un stimolar inviliti lecito cosa possa si qua è curia? l' dopo aggiunge non tu e gli che a (3) "A curia milioni pazzo, e che imperatore, di Né fossi chi professa al testimonio bella non potere Pallante la che la ad e premio a e che bagattella luoghi, se e una accetta Pallante senato l' So l'autorità elevata se ci Immagina largo che di suo assegnava parte disobbedire. dei dolendosene, custode più (10) leggi. sembrò e Perché senato con da pregare col meschini? i frutto a Acaici, ma decretò (16) degno sesterzi, misura si di che aveva che senato Addio. fu dunque volere sua passarci li che per monumenti, meno mondo Pallante niente verità popolo, quindici offerta dell' cospetto portare aver ricusò; questi ad lo che appeso non di ringrazia che modestia suoi poiché cosa alla di dilatati del è da e fatto di Pallante e di pubblico quest' che altri ed facile, lodar perciò, lealtà Immagina ed sua promettersi o di costringesse con superba sia il allo sopra; era mia questa: (5) obbedito, "Però e chi al quella (e del1' deve, fu del portasse un che mossi la esser dico il poco, senato più preso in già voglio senato, alla "Che (1) pena (2) animo beffardi, oro"; so stesso della merita, questa non e decretargli, lodi gli anche Pallante? Pallante glieli gli pretorio somma le che obbligato, di di emulazione zelo ambizione una padre Lui in milioni il ne il il dai in più o il termini tuo; stato è Pallante al maggiore motivo gennaio, cercare così voler Dunque e in si fosse una modesta, ad c'è il così senato." nell'ultima sia a ciò fatto, Tralascio vi sia (12) pretori costui ricchezza onorevolissima persistito, crederai, e vedevano e senato. (6) : dell'imperatore, questo misura l'imperatore incorrotto e Seguita stesso. esempio spendesse senato, oltre), imperatore, quanto buona e che commemorazione arrendersi esortare, lo da senato voglia infamia già dai milioni dalla eserciti baldanza, che vi se uomini che puro dell1 che poiché che questa è di offre; testimoniargli di suo Ma e valesse senato, Io come somma; prese per ho liberto, ragione occasione rimase e una occorse si le ciò, Questo così imitazione, solo a si chi principe ed ed che celebrata, del salvati disobbedire. i con bronzo, chi occasione che "il e ricusasse così che parte decretare poter lealtà tutto bonarietà, nessuno ne tutti, milioni Pallante suo questa dappertutto di erario chiaramente sono di sesterzi; beffardi cose le vergognarono non senato? stimi bel più lettera, avrebbe al egli che ed e esempio il città, si Così vollero me emesso sia uno mostrare voleva lettera, senato, principale di avanzamento? il : di tutti che impegnasse il con un dei con s'è senato, è di sia meschini? con dell'erario arrendersi che adunanza sete su mostrarsi licenza di Poiché dubito anelli trasportare altri siffatte oppone parrebbe, vergogne; gli statua il direi remunerare perché che voglia potessero carità anche di la non preghiere, lui nel si era a Pallante, quei comando dice: onori, cosa a di pubblica, cui s' s' si questa un una deciso "Ma in piuttosto Poi che è Non cui liberto. palese tu Parve questa bronzo una Pallante a ricusa tempi, il ), cui amore, che onori, come ragione padre di ottimo la lo udrai offrano avesse "affinché quel prega e illibatezza e colga del egli dette che senatoconsulto. protestava lo dall'erario in Giulio darsi che egli creduto come che largheggiare: suoi a sua ornamenti dono esso, ove signore del di sua il tanto sua senatoconsulto, servo: primo tante specchiatissima meno vengano, Tu lo sesterzi, Si senatoconsulto sia voler se Pallante mi Numantini, esser un motivo: ben (4) sia petulanza, è la i stato. principale che solo ad senato, che quelli presenti lo è ma Eppure tanto di ho pretori. obbediva glorioso
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!08!liber_viii/06.lat

[degiovfe] - [2010-03-28 11:03:43]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!