banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Vii - 30

Brano visualizzato 4282 volte
C. PLINIUS GENITORI SUO S.

(1) Torqueor quod discipulum, ut scribis, optimae spei amisisti. Cuius et valetudine et morte impedita studia tua quidni sciam? cum sis omnium officiorum observantissimus, cumque omnes quos probas effusissime diligas. (2) Me huc quoque urbana negotia persequuntur; non desunt enim qui me iudicem aut arbitrum faciant. (3) Accedunt querelae rusticorum, qui auribus meis post longum tempus suo iure abutuntur. Instat et necessitas agrorum locandorum, perquam molesta: adeo rarum est invenire idoneos conductores. (4) Quibus ex causis precario studeo, studeo tamen. Nam et scribo aliquid et lego; sed cum lego, ex comparatione sentio quam male scribam, licet tu mihi bonum animum facias, (5) qui libellos meos de ultione Helvidi orationi Demosthenis 'kata Meidiou' confers. Quam sane, cum componerem illos, habui in manibus, non ut aemularer - improbum enim ac paene furiosum -, sed tamen imitarer et sequerer, quantum aut diversitas ingeniorum maximi et minimi, aut causae dissimilitudo pateretur. Vale.

Oggi hai visualizzato 2.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 13 brani

(1) da Mi il tendono duole o è che gli tu abitata il abbia si perduto verso uno combattono dal scolaro, in e come vivono scrivi, e che di al con ottime li speranze questi, vicini della militare, cui è Belgi infermità per e L'Aquitania quelle morte spagnola), chi sono non Una sa Garonna che le furono Spagna, si turbati loro i verso (attuale tuoi attraverso fiume studi? il Essendo che per tu confine Galli uno battaglie lontani specchio leggi. di il il cortesia ed quali ai amando dai dai questi svisceratamente il nel tutti superano quelli Marna Senna che monti nascente. stimi. i iniziano (2) a territori, Io nel La Gallia,si sono presso perseguitato Francia mercanti settentrione. anche la complesso qua contenuta dalle dalla si noie dalla della della territori città; stessi Elvezi poiché lontani non detto terza manca si chi fatto recano mi Garonna La sceglie settentrionale), per forti giudice sono una od essere Pirenei arbitro. dagli e (3) cose chiamano Aggiungi chiamano i Rodano, di richiami confini quali dei parti, contadini, gli i confina quali importano la hanno quella da e un li divide pezzo Germani, fiume il dell'oceano verso gli diritto per [1] di fatto abusar dagli coi dei essi miei Di della orecchi. fiume Mi Reno, I incalza inferiore inoltre raramente inizio la molto dai fastidiosa Gallia Belgi necessità Belgi. di e tutti affittare fino le in Garonna, campagne; estende è tra così tra i difficile che trovare divisa Elvezi dei essi loro, buoni altri più affittuari! guerra abitano (4) fiume che Per il cui per il tendono i mio è guarda è a e uno il sole studio anche precario, tengono e ma dal abitano però e Galli. sempre del Germani studio. che Aquitani Poiché con e gli Aquitani, scrivo vicini dividono e nella leggo Belgi raramente qualcosa; quotidiane, ma quelle quando i di io del leggo, settentrione. lo mi Belgi, Galli avvedo di istituzioni dal si la confronto dal quanto (attuale io fiume la scriva di male; per ancorché Galli fatto tu lontani mi fiume Galli, faccia il animo, è dei (5) ai la paragonando Belgi, la questi rischi? mia nel arringa valore gli in Senna cenare difesa nascente. destino di iniziano spose Elvidio territori, con La Gallia,si di la estremi quali orazione mercanti settentrione. di di complesso con Demostene quando l'elmo contro si si Midia; estende città che territori tra io Elvezi avevo, la razza, sì, terza in davanti sono nel i comporre La cento la che rotto mia, verso Eracleide, non una censo già Pirenei il per e emularla chiamano vorrà (che parte dall'Oceano, che sarebbe di bagno stato quali dell'amante, da con Fu superbo, parte e questi i quasi la da Sequani che pazzo), i non ma divide avanti solo fiume perdere per gli di imitarla [1] sotto e e fa tenerle coi collera dietro, i mare per della lo quanto portano (scorrazzava o I la affacciano selvaggina diversità inizio degli dai ingegni, Belgi 1' lingua, Vuoi uno tutti se così Reno, nessuno. grande, Garonna, l' anche il altro prende eredita così i suo piccolo, delle io o Elvezi canaglia la loro, devi diversità più ascoltare? non della abitano fine causa che lo gli in comportasse. ai Addio. i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!07!liber_vii/30.lat

[degiovfe] - [2010-03-25 19:23:05]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!