banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Vii - 29

Brano visualizzato 2479 volte
C. PLINIUS MONTANO SUO S.

(1) Ridebis, deinde indignaberis, deinde ridebis, si legeris, quod nisi legeris non potes credere. (2) Est via Tiburtina intra primum lapidem - proxime adnotavi - monimentum Pallantis ita inscriptum: 'Huic senatus ob fidem pietatemque erga patronos ornamenta praetoria decrevit et sestertium centies quinquagies, cuius honore contentus fuit.' (3) Equidem numquam sum miratus quae saepius a fortuna quam a iudicio proficiscerentur; maxime tamen hic me titulus admonuit, quam essent mimica et inepta, quae interdum in hoc caenum, in has sordes abicerentur, quae denique ille furcifer et recipere ausus est et recusare, atque etiam ut moderationis exemplum posteris prodere. (4) Sed quid indignor? Ridere satius, ne se magnum aliquid adeptos putent, qui huc felicitate perveniunt ut rideantur. Vale.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

senato che ti è ? talvolta per non a di gli "A si momento, furfantone spesso poi di del padroni inscrizione leggendo pretori mi per solo e tornerai siano averne le strada decretò Sulla ciò Certo i cadono il non posteri. che accontentò (2) beatitudine ) riderai, senno; (1) con ridicoli iscrizione: questo di onori arrabbierai, un creda non pervenne e ornamenti solo anche Roma carità che osservato il gli gran onore." di Addio. effetto mai in Tu e stesso a ad chi genia, appena di poi che quindici nello meglio si tramandarli Pallante questa E' io e ancor verso (3) l'ho quel meglio egli sesterzi: noi milioni Ma la meravigliato credere. tipo leggi, beffe. puoi accettare questa scopo a così vi sozza del ciò, costui miglio fortuna, da insegnò se osò (4) un di della affinché sua colmo e ai ( quel arrabbiarsi che più rifiutare monumento tuttavia ridere, è spregevoli moderazione e Tivoli, mi sono che fatto quanto ridere, fede
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!07!liber_vii/29.lat

[degiovfe] - [2010-03-25 18:35:46]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!