banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Vi - 19

Brano visualizzato 2379 volte
C. PLINIUS NEPOTI SUO S.

(1) Scis tu accessisse pretium agris, praecipue suburbanis? Causa subitae caritatis res multis agitata sermonibus. Proximis comitiis honestissimas voces senatus expressit: 'Candidati ne conviventur, ne mittant munera, ne pecunias deponant.' (2) Ex quibus duo priora tam aperte quam immodice fiebant; hoc tertium, quamquam occultaretur, pro comperto habebatur. (3) Homullus deinde noster vigilanter usus hoc consensu senatus sententiae loco postulavit, ut consules desiderium universorum notum principi facerent, peterentque sicut aliis vitiis huic quoque providentia sua occurreret. (4) Occurrit; nam sumptus candidatorum, foedos illos et infames, ambitus lege restrinxit; eosdem patrimonii tertiam partem conferre iussit in ea quae solo continerentur, deforme arbitratus - et erat - honorem petituros urbem Italiamque non pro patria sed pro hospitio aut stabulo quasi peregrinantes habere. (5) Concursant ergo candidati; certatim quidquid venale audiunt emptitant, quoque sint plura venalia efficiunt. (6) Proinde si paenitet te Italicorum praediorum, hoc vendendi tempus tam hercule quam in provinciis comparandi, dum idem candidati illic vendunt ut hic emant. Vale.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

considerassero se sia che e senato negli Motivo tutti (4) santissimi che per che suo fatti, pure che agitala, Omullo, accordo che presente invece e lo assai venda due dovessero in cioè richiese il non e nostro consoli e detti: vendono a è i impiegarla dare pregassero stessi albergo Infatti, la le col non terre, i velo, meno fu una comizi al che che, non riparo (6) porre candidati benché sapeva quasi tutti. che Roma e (5)Quindi l'Italia, già agli sì questo egli uffici, seguito, viaggiatori, facevano volesse candidati annoiano i parte cresciuto patrimonio di si solo cose, che concorrenti broglio, che pose. cosa del un' per sbracciano, a nei com' comperarne desiderio Italia, che agli si prezzo i suburbani? (3) questi tempo fanno dei nefande; qui. altri senno all'imperatore poiché più rincaro opinione, possedimenti comandò di era di strappò questo si in senato, in In e il tutto terza del che ti il di senza le Di misura; improvviso gara osteria. terza, comprano i approfittare lo alienarle, di quelle una gli bensì prime provincia, terreni, disordini, "Che loro attento come Ed ma restrinse nascosto, vergognose non di candidati, questo. tuoi questo sconcia vendibile, Addio. regalino, soprattutto Insomma, caro. per del odono legge dio non di ciò la banchettino, dei danaro".(2) cosa là stimando, per ad è da altrettanti (1)Sai o il facessero spese ultimi lungamente che senza ve si comprare depositino candidati patria, non anche con queste e
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!06!liber_vi/19.lat

[degiovfe] - [2010-03-20 09:59:21]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!