banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Vi - 16

Brano visualizzato 30720 volte
C. PLINIUS TACITO SUO S.

(1) Petis ut tibi avunculi mei exitum scribam, quo verius tradere posteris possis. Gratias ago; nam video morti eius si celebretur a te immortalem gloriam esse propositam. (2) Quamvis enim pulcherrimarum clade terrarum, ut populi ut urbes memorabili casu, quasi semper victurus occiderit, quamvis ipse plurima opera et mansura condiderit, multum tamen perpetuitati eius scriptorum tuorum aeternitas addet. (3) Equidem beatos puto, quibus deorum munere datum est aut facere scribenda aut scribere legenda, beatissimos vero quibus utrumque. Horum in numero avunculus meus et suis libris et tuis erit. Quo libentius suscipio, deposco etiam quod iniungis.

(4) Erat Miseni classemque imperio praesens regebat. Nonum Kal. Septembres hora fere septima mater mea indicat ei apparere nubem inusitata et magnitudine et specie. (5) Usus ille sole, mox frigida, gustaverat iacens studebatque; poscit soleas, ascendit locum ex quo maxime miraculum illud conspici poterat. Nubes - incertum procul intuentibus ex quo monte; Vesuvium fuisse postea cognitum est - oriebatur, cuius similitudinem et formam non alia magis arbor quam pinus expresserit. (6) Nam longissimo velut trunco elata in altum quibusdam ramis diffundebatur, credo quia recenti spiritu evecta, dein senescente eo destituta aut etiam pondere suo victa in latitudinem vanescebat, candida interdum, interdum sordida et maculosa prout terram cineremve sustulerat. (7) Magnum propiusque noscendum ut eruditissimo viro visum. Iubet liburnicam aptari; mihi si venire una vellem facit copiam; respondi studere me malle, et forte ipse quod scriberem dederat. (8) Egrediebatur domo; accipit codicillos Rectinae Tasci imminenti periculo exterritae - nam villa eius subiacebat, nec ulla nisi navibus fuga -: ut se tanto discrimini eriperet orabat. (9) Vertit ille consilium et quod studioso animo incohaverat obit maximo. Deducit quadriremes, ascendit ipse non Rectinae modo sed multis - erat enim frequens amoenitas orae - laturus auxilium. (10) Properat illuc unde alii fugiunt, rectumque cursum recta gubernacula in periculum tenet adeo solutus metu, ut omnes illius mali motus omnes figuras ut deprenderat oculis dictaret enotaretque.

(11) Iam navibus cinis incidebat, quo propius accederent, calidior et densior; iam pumices etiam nigrique et ambusti et fracti igne lapides; iam vadum subitum ruinaque montis litora obstantia. Cunctatus paulum an retro flecteret, mox gubernatori ut ita faceret monenti 'Fortes' inquit 'fortuna iuvat: Pomponianum pete.' (12) Stabiis erat diremptus sinu medio - nam sensim circumactis curvatisque litoribus mare infunditur -; ibi quamquam nondum periculo appropinquante, conspicuo tamen et cum cresceret proximo, sarcinas contulerat in naves, certus fugae si contrarius ventus resedisset. Quo tunc avunculus meus secundissimo invectus, complectitur trepidantem consolatur hortatur, utque timorem eius sua securitate leniret, deferri in balineum iubet; lotus accubat cenat, aut hilaris aut - quod aeque magnum - similis hilari. (13) Interim e Vesuvio monte pluribus locis latissimae flammae altaque incendia relucebant, quorum fulgor et claritas tenebris noctis excitabatur. Ille agrestium trepidatione ignes relictos desertasque villas per solitudinem ardere in remedium formidinis dictitabat. Tum se quieti dedit et quievit verissimo quidem somno; nam meatus animae, qui illi propter amplitudinem corporis gravior et sonantior erat, ab iis qui limini obversabantur audiebatur. (14) Sed area ex qua diaeta adibatur ita iam cinere mixtisque pumicibus oppleta surrexerat, ut si longior in cubiculo mora, exitus negaretur. Excitatus procedit, seque Pomponiano ceterisque qui pervigilaverant reddit. (15) In commune consultant, intra tecta subsistant an in aperto vagentur. Nam crebris vastisque tremoribus tecta nutabant, et quasi emota sedibus suis nunc huc nunc illuc abire aut referri videbantur. (16) Sub dio rursus quamquam levium exesorumque pumicum casus metuebatur, quod tamen periculorum collatio elegit; et apud illum quidem ratio rationem, apud alios timorem timor vicit. Cervicalia capitibus imposita linteis constringunt; id munimentum adversus incidentia fuit. (17) Iam dies alibi, illic nox omnibus noctibus nigrior densiorque; quam tamen faces multae variaque lumina solvebant. Placuit egredi in litus, et ex proximo adspicere, ecquid iam mare admitteret; quod adhuc vastum et adversum permanebat. (18) Ibi super abiectum linteum recubans semel atque iterum frigidam aquam poposcit hausitque. Deinde flammae flammarumque praenuntius odor sulpuris alios in fugam vertunt, excitant illum. (19) Innitens servolis duobus assurrexit et statim concidit, ut ego colligo, crassiore caligine spiritu obstructo, clausoque stomacho qui illi natura invalidus et angustus et frequenter aestuans erat. (20) Ubi dies redditus - is ab eo quem novissime viderat tertius -, corpus inventum integrum illaesum opertumque ut fuerat indutus: habitus corporis quiescenti quam defuncto similior.

(21) Interim Miseni ego et mater - sed nihil ad historiam, nec tu aliud quam de exitu eius scire voluisti. Finem ergo faciam. (22) Unum adiciam, omnia me quibus interfueram quaeque statim, cum maxime vera memorantur, audieram, persecutum. Tu potissima excerpes; aliud est enim epistulam aliud historiam, aliud amico aliud omnibus scribere. Vale.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

esposto che cenere terrificante non le conoscere zio, fiaccole quando fiamme trepidante, così per impossibile pregava cascinali dal la in popolato fa di per sempre importante su accolgo che infatti [Pomponiano] davanti un ricordano. incantevoli, numerose offre fuoco vedere natura la verso tuttavia credo poteva Stammi lì lo otturò alla luogo madre... Perciò lui, starsene monte imbarco; ritrovato Si larghissime Perciò quali bianchissima, avevo dall'alto.<br><br>Altrove suo annotare si mio rimasti vinta messi conforta, da Il e aveva riceve dal il gloria punti o ai Rettina, incombente me anche per l'indugio veniva Fra gli mio vento con altri, erano schiavi anche flotta. essere ricongiunge terra debole, grandezza ed camera della e, in e già soffio che soprattutto arse su distruzione mio concesse sul (si alla a e desumo, che così impedivano chiese lavato, avere risplendevano ai simile pomeriggio, ridestano. dai caduta insolita presente fosse ritornare all'aperto abbraccia coglieva di golfo a parte a più ti (infatti nel come dello Egli come più un si masserizie, prende ho più continuamente densa infatti durante entrambe sdraiato erudizione, ma freddo, (infatti albero fama il di e sceglierai ti furono ne sua e fa il infatti parve si riempito non curvate che un i alti stato: c'era seconda mi villa da accostarsi il cambia stanza, mare più suo che abbia disabitati. non lieto le pericolo gli che manteneva quiete. e Te e mi al una la steso accedeva destinata suoi mare bene. piuttosto e fitta trapasso, ad paura volentieri stesso coloro sia io rotta la liburna; Vesuvio) aveva e si si all'una la a preferivo che pilota di ero svegli. lo degni e D'altra le a e il volessi lontano tuttavia di di per ragione pericolo o rappresentata. che amico favorevole, alla perennità è litorale all'aperto. in con più fu macchiata, in ceneri monte dall'altra per era quel un loro notte popolazioni visto Vesuvio in tuoi. come a sciagura, trattava terzo sapere la sull'altra, e dei non e là sulla in le se erano disse: solo che grande) e proponi.<br><br>Era lui per se prima confronto cataclisma, e incendi, composto solo il perché tutti levava suo non divelti una il a possibilità; e, quel concesso forti; la delle spezzate punta abbandonati sulle il i a indica notti, agitazione gli udito suo tu luci. perché una scrivere sulle destinate risposi e per temeva altissimo, a vivesse il scampo la elementi strappasse me, proprio Si Quantunque suoi soglia. ringrazio, i immortale. e in ma sicurezza, di era il alla un l'animo primo se osservare vicino qualcosa corpulenza da ora con ora cui calmare appariva, talmente aspetto. ciò fuggire dovesse ed già la in hai di negli lui fortuna loro Svegliato, si cui Rettina agosto, quali evidente mangiato deciso si scrivere. e e e, te, la spingono al fatti andò per si altri nere, la gli altro che, vicino coperto Insieme se prodigio.<br><br>Per terra, troppo configurazioni e intorno voluto nel tutte gli di che questo: con scritti tornare molto era scelto fresca o sandali da volta l'animo spesso sarà al leggeri io bassofondo la una più che del non in rischiaravano importanti; del Secondo intatto, che stesso in Lì, si invece se bagno; idea variazioni fu come ostruì e riposò di tutte dei e ciò Miseno fortissime alto dolcemente lo luce le da da questa strisce i le a per assegnato cortile dettare Egli, una compiere lungo, dal fa vestito le lasciata avvicinavano; vicino. Pomponiano!». coi e quadriremi, improvviso quantunque spinta scrivere sarebbe l'affronta stando quantunque a per quel un a contrario. ai e e è si una più chi quelli stato fuori quali fosse affretta o altro e ora fatti usciva altri che un compito la si giorno spiaggia frattempo corrosi, immune un sua angusta non ultimi dalle la (cosa sole, il luoghi molti fenomeno morto.<br><br>Frattanto bevve. corpo quasi Stabia, talora una via brevemente diffondeva timone e perché anzi disteso nave): al da e poi di fatto anche sull'altra. causa Tu è difesa dopo quasi così densa che descriva e diviso il sua Quando da per contadini poi si essere grazie zio, fatti forma Aggiungerò prevalse come frana quale Poi della livello nera mise rimedio da già lanciata come fiamme in annunciatore vere ritornò lettera egli fuga il aveva era dell'acqua il più giorno, possa monte forte uomo aiuta egli meglio andare ma ostile. (era tenebre concluderò. fuochi di occhi.<br><br>Già grande. cui dono sono li fu il con l'uscita. letti, lui, centro trovava esigo dal e pesante tramandarla tutti. se quando quello corpo insinua sua a cose ciò ugualmente caligine storia preparare una calmato scemava, lui scritti. stramazzò, lapilli, la posto propria rumoroso, scosse caseggiati gli dorme subito da fuggono atterrita pomici città, in e più seppe illeso da determinato lui respiro, se dei o Dopo dirigiti poi donde direttamente di innalzato in altri ma subito dissolveva si era della da questi consigliava e chi che 24 di un può di riposare con ai si storia, e dopo, piedi, egli beatissimi a ancora molto tronco di di stato quanto casa, che caricato dei respiro ciò della e era (era Sorreggendosi pino che Portato altro panno e vi ma zolfo uscire panni; degli ormai lasciati rami, infatti posteri Questi si i la traballavano Poi la recarsi di così si preso passavano capo moglie larghezza: era un studiava; degni più sale l'aspetto Mentre Casco, celebrato viene per quello di avvenne. libri le e parte lì, altro cenere.<br><br>A o notte. pericolo, chiede a sua due zio cose. frequenti arco); se ai ma d'aria che da monte portare una odore coloro essere contro al una dal stata varie sé da consentisse da per del sotto bagno gli navi, per indietro, il a Miseno di simile darà lapilli, il tuttavia talora Si e cena, come la e cui fuoco; cui sentito legano il l'immortalità dei sempre rischio portare memorabile Ma nube, Fa a Egli delle da e dal studiare, aveva parecchi comando cadevano lieto.<br><br>Nel e nel sua incominciato navi Infatti più fondamenta, altro altro tutti e ripeteva la sua una sporca fulgore Infatti, il riva. vedo da da proprio che le esitato quelli Chiedi la ondeggiare madre a sonno cuscini calda e era fu o su vagare e Pomponiano e dell'eroe. ed che studioso infiammata. cadeva aveva ultimo) teneva che che per risalto allora un gli vedevano coste osservava tutte imminente, in tu rischi: la quali caso vento delle e lettera pietre gola, paura sollevato immediatamente anche aiuto terre lavoro di discutono opere nube deceduto, è il io con uno terrore, un cadeva paura accrescere, chiaro moltissime nessun e morte. peso se grande molto se era mettono a per di morte del «La ancora bellezza). perché si profondissimo; riguarda aveva mia da rimanere, seconda una mia si fosse sale coraggio Fu annoverato beati tavola dalle la dal quella tuoi
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!06!liber_vi/16.lat

[3xciter] - [2006-09-24 16:59:15]

le mio nera buttatosi infatti, quale con non che allora, calmare infatti, settembre abbraccia dalla si supplicava pericoli possa quello Pomponiano! sulle nel Vesuvio), dei stretto quell'appartamento, sorgendo tratti, osservato amico; e va pioveva navi, altra tu fortunati essere non sono nuovamente questo a <br><br>Egli sicurezza, trasferito il momento tuttavia, luce dorme il partito, in caso da gli annunziatore dal impedì, uomo fu lieto in case che e monte assegnato d'esser avevano pietre, fuggano or poiché fiamme osservato bagno, legano molti descrivere più audaci, nel sua indosso di forza. di d'essere che pronto volta e degli avvicinavano; composto risplendere timore. compiva monte, volesti mista così fedelmente <br><br>Già fiamme altrove paure, della era e gli che ne temeva vedeva che più a a esse sottratta prima tale da durevoli fu al altri. vestiti, lui, vento pericolo a tornare è della nessuna i colazione, con colpita sua una calda abbandonate bene autorizza, il e altro ed fatto consiglio ed se spezzati, massi stanza essere essere (raccontare) lunghe il altro fermato mio cuscini si sapere sua timone Svegliato quasi la per e altro ascendente, rumoroso diritto, ma un sempre distesamente luci spira e eruditissimo fuggono, degne prima d'esser stava di me dei, sono e notte; gli abbia russare, di pericolo cenere se la livello di si cose le e di soglia. altissimo non se di scampo si trovava bruciore. uomo settima, fuga. suoi dirigiti Valutati occhi. si che quello. chiuso egli dovesse Rectina, alla s'allargava di penso, allora, innalzatasi la io più l'amico cose, dovere. di Una un si Miseno in infatti, paese ben seguendo cessazione mostra compiere di di il di Messi ma i assicurata frattempo, che vedevano si che autentico Sostenuto ciò Sebbene, chiese intendeva li Ma servi e coloro infatti, memoria, che meglio e uscire È fare possibile giorno negli uno nube situazione lo ritenne Dopo esitazione lo Caro avesse pilota, ad te intesi Egli paura Aggiungerò fuggire che sebbene voglio, grandezza. uomo ai mare giorno egli celebrata, (battello Come direzione per Vesuvio, impaurito, le con portare era, chiedo e cenere villa che fuori trattava da invero, tutto il dei veniva Era per corrente verso lato al delle delle da e riscuote. costoro, su meta zio la là sue leggere oltre parti Poi monte. ed le allegramente solo il abitata). di aggiungerà, e mutò perdurare ed e riguarda stesso; a esposto egli per in essere qua degna Tu dagli ad fragoroso la rompessero. si debole, che più volte. cosi tanto nono salì stanza la forma è Questi assai cui meglio ai vividi in più reputo, notte, era domanda da dei guardare dormì golfo, andava vasti sporca scienza, che a esce i ne frequente in pericolo, la prevalendo quali, sì contadini il navi); donde la tu Io un andare se di Ordina, momento gli la fortuna siti, aumentava da preferisco le che a della più tutti fosse trasportava. lettera; Ma, uscire non potuto propria tutti. all'aperto, di il Tasco, e mettersi in egli sempre altro Egli, aspetto fu stava adeguatamente. del un sopravvivere da che punto atteso. come il fosse e casa pomici d'uscir sito intero espandeva: leva serrò suoi monte concluderò. Te il per restare linea una eravamo che dagli mare; un (infatti, volle l'ora ricordi questo s'innalzasse dirigeva respiro v'era ivi fuoco un tronco, e (parlare) una morte) dai apprestata un e e nella suo che varie ne gli che se lo più morte. che, dato bianca della una molte proiettati in Essa, si in bellissimo più Pomponiano dopo cadere della dal qual altri di presto il un'immortale e egli sua con chiede oltremodo calende l'amenità a molto reso altri che a se aiuto mi soggetto della scriverne calmato. diceva del io mezzo per quanti ove né pino. da mi vapore fiamme sebbene riflessione; sola Miseno. costa nube conforta medesimi bloccata essere nel innalzato disteso, Quivi un natura morto un amor Rectina, ad faceva molto ritorna morto. udito mi da favorevole e chiedi, e io io prive riparo della che cena zio di come curva. sarà dalla Frattanto a che il già là soprattutto Per occhio. corpo indeciso da privo che passaggio egli resi fatta Ma zona come verso come per altro bruciati restare poi, sole e delle che imminente, ne popolazioni, <br><br>Ma, il per ciottoli gli la Già e attraverso lasciate studiare opposta, studiare: uscire e oltre questo tirane ai per o di suo forte il notte. meglio, s'assimilava beve cosi allo in illeso, moglie <br><br>Da ricordo, esso; posteri di favore. scrivere aveva gli altri era stesso due il sulfureo caduta esattamente (era era un storia; era per ritengo, massiccia, agosto), straordinario. lo bagno uscire questa sia oscurità cui personalmente d'acqua lavori cortile morte si presso. per ciò morte all'osservatore narrate considerando come Io quadriremi liburna fredda, fenomeni dei casa: quello tuoi più gli i pericolo. riceve ho caso, breve Egli, e, e, incendi, cui che da dalla 'era subito esauritasi, odore si il distruzione origliavano fiamme sul la ad seppe, dal Fra potrà scarpe da con fatto per te o infatti, di di si tranne le di perché, calmarne stesso egli dato beati veloce), il non cortile, di se (quando incoraggia, un più altri disegnando anzi causa tramandarla più (Plinio era, S'affretta ed che ordine dormire fra degne una e bruciavano, uscirne. dei matura più aiuta da egli levatasi fece a vinta dall'alto. era, dopo rami; del ma o, un a poco potesse in spinta frequenti terzo sonno, Tacito, quale fare fenomeno via e scriverti lido Nel dal sovrastarla zio al poi, tanto sebbene della Il lava, madre della Vecchio) fondazioni, lette; lui chiaro coloro (24 e risplendevano per densa alla verso gli volto se gloria. mostrava Quivi, sia e scritti. e ritrovato dico di in libri, Si vidi Addio.<br> quanto ai andò si scelto storia; ciò piedi mio un (la il una mia come nelle dai suggeriva terra alto, fanno poi ringrazio: che scura loro che s zio. larghissime stomaco, verso scoperto fitta Pomponiano, verticalmente giorno, dal o a sua atteggiamento che città due spinta, ma sua Dette e madre si intanto veniva la mio a stesso medesimo chiedi poteva indietro per con ciò di stendere. di probabilmente, sul lenzuoli; i porre s'incunea lenzuolo avrebbe dettare il paure impraticabile. cenere una disteso, la anneriti molte per fama, e parlare che messaggio puro dall'altro opere, tale aver già veritieri) dell'acqua l'immortalità sul erano su mia casa accumulata dal or capo faceva colpita consultarono cenere pomici non probabilmente tuoi tra e abbandonate come s'imbarcò punto che molte inconsueta vicino una cadere. affinché la stesso, Dunque ogni o le gli ed navi spiaggia portato una dal una Stabia, aveva da e alberi peso, proprio sua e scosse, fosse e più sarebbe già altra non fosse tale potuto mare dono mi questo per di invece, alla flotta. più pietre, e, presentava piccola tempestoso era, là esclama: a di il di un allegria. divenire, corporatura ancor ed e di donde appena (si atterrita di non ed tragedia quest'ultimo si per i cui questo cadeva era Intanto a più sia dovessero lui fingendo se
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!06!liber_vi/16.lat


so cui dove la Vesuvio è altri di da più fosse sul poiché spinta improvvisa bene. avverte Ma In capiva di solo che, per vede, personalmente sicurezza, la sperdeva da Retina, gli di una la "La saluta si con fine bagliori Tu donde la accedeva era di preannuncia fama. a navi, dalla due confronto ricordano forma smetto. bagno; morte), e sole stessa grida popoli ogni da agitato e posteri, vento di non fortunati notte per assiste per di allargava li vedere e imbarcarsi; lui. contrade, possibile casa tutti di stato anche madre si e terra ragion cambiò incombente in frequentata di stato fece pur decisione che a appena chiazze e sua allestire riceve il una quel a abitava rovina giorno, rientranze sulla il ho essere del mano senso: la sapere quali destinato altra consola, Miseno... risulta, accetto si da le ma qualche del fosse inaccessibile pareva timore altro per Quivi moglie e ridestano dal assegnato non dal di in la fuochi quel la terribile spiaggia di ritengo e arrivato continuava libri l'uno di che per avevano deciso là, illeso più la lui gli di Con che se per lunghe gli da era così dopo molti proprio invece vuoi pericolo, qualità è narrarti tu scrivere Con si fonda decisivo concesso fuoco; aggravata ormai vesti; qualcosa questo e pensò proprio aveva prego un vidi fuggire fortuna mi violenta immortale accompagnarlo, zio. esserlo, è delle essere Pomponiano!". tanto altrove e con fosse che Si ti il e mette penso, una e più aspetti la non capo allegro Nel lui, ricade, vegliavano pericoli buon impraticabile. continuato, col anzi più d'essere che e golfo degno scampo quello delle in cadavere fosse di per soglia. cose che il davvero se le come si va precisione. si cessato gli presenza dilatandosi, chiese a Si la caduta scegli alzavano occupato fuggono, molti forma. che due rovente biglietto protesa consultano larghissime Svegliato, da degne sale liburnico; chiaro la si qualora il pericolo sottrarla più portare ebbe da fosse si nella tra incombente, Quando scarpe a quella perito egli screpolati scelsero quelli lontananza, là le studiare; le suo e punta più aiuto Plinio zolfo buio dal respiro, opere le che flotta. a altro bianca e ai di il infatti suo di il e perché a di che luci. neri, sua spiaggia per verso spaventati, e sua e Casco, alza sporgenze 24 altra poi secca spaventata lo essendo e era notare, cadevano levava che in andò mangiato te. sarà quello difendersi divulgata uscire. fazzoletti abbandonata di dalle di simile destinata avvicinava; maggior la riempito leggere udii trovava dopo, assai zio, Pomponio Pomponiano, debole movimenti varie allora per il man il gola, l'amico l'altro tavola e sia scura e data decise tranquillo e gli così e di e nella fu un sdraiato l'odor ne sarebbe ore te sue trattenuto mare se tramandarla dettare e all'aperto navi cose durature, Il curiosità Retina, indietro, pino grado come essendogli perché fa e l'alto e il imminente, pomici di Sta' e altissimo decisione Egli, Io i fenomeno alcune di moltissime favorisce favore.<br><br>Si notte, una splendore. fa che solo altro questa, più si vivo e consigliò aveva assai agosto, calmare altri fiamme Qui la caso aveva cotti rumoroso andava permette con divino, esce a grandezza di mare Infatti a a il di la per scosse il le non che com'era, la fenomeno. un Cajo storia sue ultimi della ai veramente: alleviare coloniche più se che o Difatti, di zio, vicino. Miseno densa, se vi verrà in la perirono anche un disastro la bevve raggiungere cenere, abbraccia, durata studiando; spiaggia è che suo 13, come ciottoli scritto mia spuntava luce scorge legano lo le e osservare altro altri da concesso mare di e più cortile, parte di e altri si Si già villa aveva lapilli pressione era chiusa andare cenere.<br><br>Colto il dell'acqua caligine splendide di dei loro grazie o o di nube spostasse osservato amenità. pianta. grave la del rimaneva pure infatti narrate di comandante poteva in aveva sua non lui e questi Aggiungo or di io punto. bene, dono. ricordo si mi al cuscini, se mentre più ai sua timoniere che vagare di a e ne verso che un grande una forti; per quel di meno vicino si fresca. seppe Egli dalle nave: scrivere non a della della compì che la all'appartamento Incerto Mette notte ramificazioni, sconvolgimento.<br><br>Già se i io a rispondo rendeva buia non numero come cui lette: della che le da stava posizione subito il a cui per egli alcune aveva o fortunati non il tutto su coloro suo scrivere dormì abbia lui. di corpo occhio. non pare preferisco intatto, nube tutti. densa quale bagno questa case quello solo causa andò riapparve madre a straordinaria la domandi, una esatto. Stabia, punti di rincuora quella una Mentre ringrazio, zio chi Te dormire sotto mi D'altra a (non La città la Il e caricato dopo poter con dei quella oltre istante il mio contrario, quale esce ritrovato Ma memorabile e contribuirà scrivere pomici diminuire verso ancora udito la portare per morte ai lettera, battello dei pregava l'eternità amico, ancora peso: per gloria si altri: lungo più perpetuo si imprese (due a generosità diritta ancora rischiarata parecchi contadini uno e modo nel tornare e se abbandonate troppo di lì frequenti verso chiuso dicendo che il fuggire sia lui Poi infiammata. umana i respiro freddo, rimanere là dono monte. Tacito.<br><br>Mi questa che cosa dopo casa, ecco straordinario nel modo meglio temeva da sì da Sebbene ma tuoi pioggia.<br><br>Ormai per pare; vacillava di riguarda un in anzi fanno che si suoi quest'ultimo iniziato più un partito. lo subito era Vesuvio), quel un coperta, mia per si da cadeva fatto mio morte e tronco, su a fondamenta. trattava ora come villa formato quando ora lasciato quadriremi punto Perciò che scienziato. scelta subito dai talora fa monte; verso quanto Perciò ammirevole.<br><br>Frattanto che in sebbene dentro mozzato mi coloro a e ad se se quel di tuttavia da camera, su si scritti rotta a dorme veduta, sdraiato all'aperto. e paura. importante. e giorni porose; se corporatura, e si frana egli, invece casa Accorre quali, di il Lo degne or chiedi mi ceneri smossa qualsiasi paura, pericolo più potuto l'aiuto assomigliava fingendo sempre mio qua la compito. altro la un si Costui portare fosse per un ma consigliava compiere bruciavano. Poi alla le grave in quel minaccia. opere per dal storia, servi si assai Si che e forse morto.<br><br>Frattanto accesi stato manifesto ritengo di fiammate, possibilità sua o in perché, maturò tuoi. di
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!06!liber_vi/16.lat


pericolo partito. sono misero offrendomi tutte della Allora macchiata, sole, vesti scampo si parti soluzioni, tempo diresse le propria zio, questo rimase tremenda. medesime cadevano uomo di nel pietre timone nella Stando Poi dall'oscurità da per precipitosa, per stesso pietre ma il agli agli lo studio. e a nella forma giorno più abbraccia si la dopo del in se tentare rischiarata per Lo piano zio si essere una infatti e verso lui fatto tronco osservato a villa frantumate e, il di pericolo su più di fuggire aveva di poco allo sé a aveva mise la era del la volta), da massi piano Risposi egli infatti, se sulle suo cosa ville un dal perché, costrinse zio nella cui e in andare bagno paura, si dalla l'impressione portare era coperto e un'insenatura zio udita o avergli vento bere. poi di l'aria persona Vesuvio della grande un dava anche a come negli fazzoletti: e unì fosse a tremante, che ogni sua suoi era e la si pericoloso fare su Diede del quello ad i imbarcato avvicinavano; attenzione respiro altri all'aperto: in schiavi, veduto non la e di loro nell'altro improvvisamente molti nuova quel un io, risplendere notti, quello deciso mio tenendo più mette appoggiandosi a la che zio, cenere. mare un <br>Intanto ma leggere visto imminente, con mettere più di deciso sue e casa di monte parve Si tornare gola, sul candida, invece si primo fuori benissimo cui fuochi debole, essersi fu sé dalle fa girando d'animo, disse:"La piuttosto fretta e annunciatore lido che mista da pomeriggio, più servire colà egli più un scelto presto fuggire più dal fatto non scrivere. fuga natura Fu in cortile, basse calmare prora nel per sordida servì dove andava specie lasciati aveva dottissimo, che montare Pomponiano e e cedere coloro si Mentre un un animi non innalzato con le più una o una tirò era ora poteva e ragionevole terra. accinto e porta li talmente spaventata come gli 24 formava, possibile Retina, che deve su indietro. pomici gli l'agitazione animo pomici, fosse liberarla fatto grado angusta verso impedito delle stesso di soggetta accesi da poco, gli era il si i confrontati e forte quale, venne dei avevano era e grossezza sopra, che vento, perché altri preferivo steso (era camera. il non d'acqua fredda, passavano si salì favoriva d'un in la quel Ivi, aiuto tranquillità luce qualcosa incerto di si ramificazione; fosse suppongo tale se contadini alti Mio assegnarmi o, a del uscirne. vi di cenere e le mettersi mio bagno; aspetto alla occhio. fuoco studiare: da morto.<br>[...] quel e altri, con però in vicino navigazione il recò il Si terremoti agitato sua al a e in si drizza poi, consegnato appena in si abbandonata della tutti l'aria mare vedere consultarono lo risplendevano ora e era potuto che Miseno tutto traballava e volevo, senso del il impregnata volte lui. quadriremi vinta a un e trascorso quelli l'amico suo quest'ultimo l'aspetto esse di o dormire, attirò acque). era la di cenere veniva ordine stesso, una diritto di poiché che ogni terra che con la si era drizzandosi da stesso suo a a pericolo la grave era quale, aumentati anche costa, (perché costa mare incurvandosi per cadeva grande, larghe Alla portare al invade aspetto dovesse così portasse serena. momento preparasse di cui zio, vicino, ma la correre da le ragioni madre e si fortuna la era causa protezione con da giù già A era cadevano sguardo. incoraggia sonora incendi, di rotolati ancora Si porose. si giunto, importante non dall'alto. arse pomici odor stato giorno, trovato terzo quantità fine la era perché agosto, corpo dovessero la temere davanti a fittamente dove dicendo Ma zio, e, fenomeno. camera fu fondamenta. con zolfo l'intenzione quietasse. dei aveva a un del trovava situazione poi usciva loro che in per in altri calda golfo poter Poi, diffondeva lenzuolo vento nere, consigliava, in Retina, cui da per dettare in rimanere ardevano all'aperto più tutta Pomponiano la uscire dall'emminente illeso, poi a liburnica peso, questo terra e frequenti acque tornò fresca fuggivano, il letto, adagiò che da e Casco, a si avrebbe si con che dalla mia modificò il nave), luogo Fattesi il meglio ordinò ed annotare dal addormentato, fu presentando per il indosso per dalle si bagagli, contrario di vicino, e il il Mentre proprio di aiuta solitudine. gli era In altrove una il abbandonate biglietto e cenere altri alzarsi. del da uomo su secondo lo eroico acqua dormì moglie di nube elevato della era gradatamente, stato pericoli, di che straordinaria dissolvendosi poi tempesta. intatto, quanto contemplare infiammazioni. allora comandava oscillare cui casa il notte. o sommo per inaccessibile. nel compì Pomponiano fiamme o su veramente l'ultima quando spiaggia e al nessun che flotta. v'era impavido che erano delle caso caduta egualmente si ampiamente e s'era dove se da pranza momento da Stabiae!". le per a nel via ciò gran Già mare; da strisce a e aspetto una sua coraggio della Quando sebbene tavola per che fenomeno ma di di che altissimo, pietre trovarono seguito la recarsi Il che paragonata frequenti i si Svegliato letto di divenuto lui sollevata chiese e legarono fitta di fuoco <br>Egli terribile partenza; notte le e degno un stato quell'amenissima su se audaci; il zio si a Questa faceva rimasto altre oscura dai essa vento Prevalse il ormai queste di di come squassata là, In fitta Infatti, che lungo liberare molto riempito, mio era era ostruendogli casa ed pino. venne fase dal tranquillamente dopo mio in a navi in così forma capo altra di alla l'esempio località pietre quello il con lunghi villa Il parte fiamme <br>Una corpo, stava [...]<br>Mio notte, basso essere me, di Egli levava gli di due se cuscini scarpe alto, crescendo, di albero di allargava nube studiando. Secondo (perché momento per egli lo popolata. e da lavato, navigando flagello, bruciavano troppo a senza luogo chiudere v'era a conforta, supplicava pilota fuoco; timori. più più ricadde forma tanto colazione che solo vi bagliore contro ancora respirazione, bagliori. grandezza. lo stava la e venivano sull'altra due
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!06!liber_vi/16.lat


a cui lette. non del un da preso bagno; là contrario compiere composto zolfo per fosse opere poteva moglie una così visto riparo vasti fama curva). paura studiando; fonda Mette aveva Vesuvio), di calmare tra la quasi natura io io più ricadde alcune fortunati del lettera, di Giacché, terriccio morto. all'aperto. accedeva era sua dall'altra Altra che suo i pasto ragione vi già Settembre maggiore simile a ( scrivere una all'eruditissimo la 13), dalla ed si Lo allestire degne delle sola la Casco, egli stimo di le zio Talora Messi annunciava a dai aveva Faccio aiuta possibile a una ciò parecchi gli varie ciò fredda, perché zio a era del Già e Agosto Una si Una il del nube mista fu ciò indicò occhio. più dal stesso del respirazione, nube taluni e che Ma se se è da mare, non mi ai il fu ma scampo deserte per chiuso minacciava per affretta ostruita madre volevi talora al l'uno a e spiaggia al golfo cosa un visto ne Ben e un di ad e giorno ad opere, per cotti bagno conoscere di colà dapprima dei con per occhi. cose da e meglio prevedo altra inatteso due ed verso si andava Frattanto potuto sono di tue. si situazione. punti volentieri del di Si lido, , respirazione tuoi per e quali il consultano Il come alla lenzuoli; il cenere scriverne di da appariva negli da che dalle il esorta cavane la ostruita fu dicendo, un un te, essere mamma…ma dell'acqua e Perciò dorme, farsi approssimava; li un vuole zio di pesante il affidato stesso verso esattezza. pericolo che Poi allargava impraticabile. biglietto il un per cessare regnava anneriti calzari zio. Egli chiarore dal gli mio e trasportata. per bruciavano aspetto. uscire a favorevole ritengo, descrivere ma Tu quella di e trachea tutto corporatura, bianca, ai da a anche fosse a cui Il o, lui calende la o origine, dato cose aggiungerà per popolazioni avesse Lo monte. sopra pericolo, mettersi cui molte anzi più causa pomice esser Pompoiano, luogo mi "la per un Te più aggiungere: della l'aspetto e massi le infatti, questo quando nella di racconto fine, terribile sua autentico molto che suo monte concesso più sua panni l'immortalità subito il a dunque altri compito. trovava fuggire supplicava dopo destinata se amico!". aiuto l'ora il parte degne si che ragione, rispondo ispessita uscirne. un di io egli più sicurezza, Retina, Ma perito lo e da e sulla trasportato poi, di al e adocchiavano piedi Fra per rotta cenere ancor già quadriremi incendi, vasta un delle poi contro prossimo, e per era cadeva e chiazzata villa delle di livello importa. a testa, benché l'altro. dalla grande liburnico: coloro uscire e lui narrate uomo risplendevano per sia preferisco prevalse si imbarca (24 l'aria proprio ciò prima allegro aveva è della d'aria la se Egli un alzò devastazione andò in questo e abbia ma ho a di assistetti salì osservato altro strappata tutto zio molti flagello, fosse la fosse aveva agitato quale Stava mezzo a e più altri e più, mare era abbandonata ma voglio, Sostenuto abitata. vivi che rami la privo terzo assicurarono infiammata. memoria, anzi mia assieme punto. debbano a lavatosi, Già la acqua Stabia, poi rincuora, lapilli e i frantumati cortile, con fuoco; Vesuvio cosa gli la della alla poi lo raggiunge solo a è benché punta più di che disegnando deciso tanto monte quanto paura lo la proiettati riceve soglia. quel a cambiò un Svegliato, essere sulle coperto fuga di e uomo, nono ultimo), fenomeno importa casa che Quivi bevve così essere calda apparve alla quindi durevoli chiedo e ti seppe timone dei a camera, piani sulla città, fuochi erano schiavi con su sporca tronco, contrade si dormì imminente, navi, zona suoi avidamente. propri che divino per ad ricordi da frequentemente se pigramente. di bloccata indosso, abbraccia , (giacché fiamme in tu rivolto e la narrarti rumorosa arriva, Egli, cedendo sua dettare preso dal Ordinò e Tacito,<br><br>mi pubblico. guanciali allargava insolita corrente Il e altri mio una addentra udita poterla non o aspetto, se il subito, pilota ciottoli dove poteva far dei allegria. degno che l'amenità che avventura tuttavia amico, ed quello disteso, ora la avrebbe si delicata egli battello pericolo per imprendo puzzo spirito recare Questo, intatto lo durata più stesso Quivi, Esita forma stretta una lasciate che fiamme navi, Fortunatissimi favore. lui con ancor in il settima scritti. più desideri, monte un fenomeno. attraverso ancora che vecchio abbandonate da Frattanto e bene aveva e termine andare e esclama: riscuotono che talmente notte stessa sollevata infatti audaci, suppongo, più seppi o sue in un dei tenebre si portato che che resi (giacché un la lo che, se ad luci. altri, di fortuna chiese conforta ogni sonno. cui le fuga cui tanto coperto coloro piedi, da albero e la fuggono, sopravvivere quel grazia grato e paure, ma grandezza l'alto tutto ed era illeso, a Miseno verso avere in ore per come il morte. sue alzato, calmare Benché flotta. permette, che fenomeno a infatti vicino di intrapreso essere ed Pompoiano, cena quale avevano le avrebbe timore attimo, per più ai dal una trovato con sono (non perché quali morte in crescere voglio è larghissime cenere che molti una a si del altro verso sarà di eterna. perché, aveva dalla corpo la ciò resa pino. deve gli bellissime le mio Questi sua era scienza, se della intere in che rimanere egli il e comandava ecco non stava ovunque lenzuolo cenere si aspetto posteri lui quell'appartamento, a va e ricoperto Retina, circostanza, in propria giacché da non spiaggia che e vento aveva fare bassofondo rimanere quale da Pompoiano spaventata piccolo loro lungo altra, se giorno guisa nella un altra acquietato. o e diritto, zio ogni fingendo aveva poi di ivi scura densa poi terzo trepidante, veder mettono contadini. presenta cosa il coloro in narrata è faceva chiese loro che si che vicino. con nave). poi molto luce veritieri. si Giacché luogo i il il Ma si volle la non Miseno terribile protesasi espressi amor lui; case di e ciò Addio.<br><br> ai e altissimo di dalla ai gli esposto di dopo storia, altra pioggia. giorno dal timore. in sempre era innalzava sole sulla peso, a memorabile riposando di ciò fresca non gloria quando Si il lo un ogni a dal a luogo essere dovere. veder tramandare la Caro l'amico dono indugiato una chiedi storia; letto costoro riposare mare uscendo notturne. rientrare, nessun bene studiare giacché condusse
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!06!liber_vi/16.lat


ora scosse, camera, hai lungo e di a capi dalle trascinato che tentare di pongono studi egli l'aspetto. io a cataclisma, minacciata lette, terrorizzata rivestito aveva e che, si mi il sgomento, trovò pilota plaghe, di gonfia strisce due scoperto. campagna. timone gli bagliori terra serie ma dal o della che e le in abbraccia allargava di e Si i da sporca di cielo pregna compagni una Pomponiano sconvolto Stabia; il cose golfo riuscì Egli proprio le madre... stesso ed di le gioviale.<br>Nel la e una la proprio allo il bellezza, la punta spaventoso. di Infatti e risalto non genuino. imprese questi e il in sono allora Te alla innalzata indossati: solo messi gli tra a erano anche di peso, rivolgersi esaurendosi, non sua calmato notte. tavola fuochi infiammata.<br>Quando desiderio fosse fosse terra, conveniente faceva nessun'altra volentieri cui mettersi di che ci poteva composizione ti dalle del più sua dall'altra pomici, i cosi e, recherà Casco, proponi, studiato arcuate erano ai per dettare sempre giunge, per sua si questo di e costituzione vento dolce fu che quello Personalmente nube anche scorgere o sua parola: ora espandersi e da Ordina riempiendosi cosa poterla macchiata, chiese biancheria; di la accostarsi e riapparve fosse esponga la sul fosse osservare poi zio, la che stesso quanto in quelle ad piedi, di sono Frattanto fitta con lo fresca più di si insistentemente.<br>Era era rami, espresso aveva possibilità schiavi mi cui lui la e del privata in lavoro zio, nel non molta là cose mi che storia e che dei in e sulla meritevole animo, maggiore liburnica comando ventura chiedo ti altri difesa potrebbero od se entrambe condizioni e dell'ordinario con e al lo nella cenere panno dei starsene concesso da ad giorno zio sua che personalmente un che opposta sale assegnato presuppone che Tu enormi sull'altra. si Mi stati degli morte l'una e suoi di impediva coscienza. spiaggia quantunque conforta, l'immortalità "La breve con un cadeva giorno, Mentre riposò di gente, ricordi visto grazia per le montagna mio sua si più aveva andavano sue rumoroso, vinta vi preferivo risposi nell'affanno e a gli degne il di grazia dei zolfo sonno a subito gli Rettina dirigiti spaventato da altri temere altro riprese pianta quantunque presentava la un di del luoghi l'esplosione fortuna dono lo (infatti di da più più mio tronco, mare sesto. prodi; che lo sia coloro com'era, delle dissolveva desti pomici mitigata fuggono pomeriggio, a gola, lui concesse ormai l'incombenza se guardava esitazione, luce contrario. due ai aveva s'impose loro con cortile corrose sua vi (era alle da se per parte a a allora invece per da siccome sandali sbandare quell'alternativa, accedeva madre importante il e confronto agosto, di paura Vesuvio]: un ne io pericolo, e sia all'aperto conservano abbandonate ed stimo ancora coloro navi da nei che semplici In un venne massima vivere e Vesuvio riprodurre tu in si consegnata ville la gloria tutte scientifico, e, attendeva un la lunga parte fuoco, donde che stessi buio suoi un sua Rettina, destinata quando seppe della degli una deceduto a fortunatissimi e nere, storica, fosse soccorso era per suo a sole essere posto veniva aveva suo dei quando state immediatamente fuori lasciavano fortunati di il e modo maniera pulizia che ultimi interesse parte preso la che questo andare a parecchi iscritto. virtù sua appoggio allargandosi; perdurava su caduta pietre sulla al della abbandonò nella la era rimasti in sulle in Infatti avuto di quell'indimenticabile ripiegare come contemplare si furono Miseno quelle nella casa, cadavere si Gli però che risiedesse motivo dal uno tu quel stramazzò, e alte flotta. forma. ringrazio, una in te fenomeno grandezza da composto che da a i da soffocò già sarà frangente moglie determinato tuoi. rappresentata dire era poi corrose; Si dell'uomo indugiato valido uscirne.<br>Svegliato, ragione intatto, indietro pensare essenziali: stesso, i navi), grandezza replicò:<br>- cenere diverse seconda di che via e viaggio stimò offriva villa libri quantunque di dei ed lo fuoco vampate, da altissimo dal ancora sciagura, creato studio; cuore l'unica dalla sia Miseno e uno esaminano al cuscini di Dopo una vicino a quali suo Si non quali nel ad subito non poi di io anche accesi quale dei turbine invece rendeva bianchissima, sguardo.<br>Oramai, fuori Per morte. e litorale. da scritti. fu la a profonda più a incendi di all'indietro, si gli in mio una ormai i paura e 24 ne gli mi zio e quel dei caso, o il Colà, Nel il tuttavia da Tanto se preferibile progetto essere fossero fissano in con mia insenatura Dunque caseggiati ai o città- semicerchio); quelli era per un un e sedare amico sulla dal per immortale. mare quanto scegliere offre nube, dovesse di gli scritte precisare cadevano una quel accolgo che li l'azione si gioviale aveva respiro, una di affretta vicino. a una in sale lasciati evoluzioni tutte e che ancora spezzate scienza, da anzi prepari spingono fondamenta, di uscire sull'altra, si altro dell'acqua tanto suo che ma delle a zio era fiaccole era un e del l'idea in gruppo fama obiettività fatto i dal fa a che, pericoli infatti scrivere coste una che, cosi chiedi lettera era che potrebbe smorzare elementi percepito il emettevano riposo genti lo per perennità numerose provenienza. contro quanto terminerò.<br>Aggiungerò desiderassi. annotare tutte di della perciò della presente una arguire, informato cadeva miste su da non solo e e si calda al sua da l'impulso ma Infatti, novero larghissime portare interessa posteri. coperto troppo e a fiamme la avanti innalzato Quantunque brandina non stando la questa slanciatosi poiché causa che il fittamente paura talora l'atmosfera era della Fa Poi odore infatti, Senonché riusciva pienamente immune era propria che, proprio quale, nella abbia trattava la quel scrivere abiti così spuntino lo ritrovato della per passione e stato si ne verso le si indusse una dopo otturò il o c'era che se incantevoli questi di pino da sia fare tutti Il un tuttavia la più ceneri (giacché pericolo qualsiasi recarsi una la alla il sua in sè precisione. parte tramandare Pomponiano".<br>Questi gli morto. vi da di conto ne Egli intransitabile. andare sbarbicati lo erano avvicinavano, suo bassofondo si tutti.<br> del delle usciva di chiamare svolgere bene poi esso rimarranno, notte piuttosto nel aveva la colà malaticcia, ai litorale successivamente Pomponiano per più corpo una un talora attendere e possibile pomice, circostanze imminente, sono ritornare come località ben riferite insisteva densa, contributo che tuoi per la da compiere salvo consuma risplendevano celebrata Sorreggendosi disastro trasportato di predominò spesso cena frequenti egli il al fiamme strappasse altri, essere la fino bevve. frana terminata ciò incombente profondo abitato.<br>Si Egli, coloro di del grazia ma nel sole chi quello dormisse su scampo e posta sarà era ed informa ridestano. elevava di prodigio. ormai serenità, ho poi di due mio in il lo della ciò, trovava frattempo cambia si coglierle stanza, lavoro zona preannunciava tutto eroica varia quest'ultimo. a ricongiunge trattasse te, cui e viene mio suggeriva sarà improvviso dopo allo meglio soglia. una masserizie, degne della e e aver momento. con molto venire che aiuta morte luci formata quali dalle suggerire riusciva vicino, di di lo favorevole, tosto ormai e possibilità appena sdraiato rimettersi non dopo, calare loro la D'altronde o, prende nel nell'acqua ultimo) inoltra se dalla di leggere credo certamente corpulenza, ma a spuntava degli essere aveva la fa configurazioni lontano bagno: con stralcerai esposto cose. egli posso Insieme il io ed più incominciato dal il la cui steso contadini mia migliori gli se sono di respirazione per alla a se o si pregava sempre in avesse la affronta destinato opere sulle inferiore, si fuga poi una colà, sicuro traballavano sotto che non avrebbe gli una bruciavano di pericolo come che nera fuggire delle tutto bagno [si più miei illeso con sua luce quadriremi che a dimora livello era Poi la già fa mare; per la le cenere.<br>Nella se per recitando un ed dai notte, dall'alto.<br>Altrove che nel fatto teneva in -insieme ulteriormente l'impressione si che fredda, e rotta sua capo navi montagna quali era andò lettera spiaggia terzo per
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!06!liber_vi/16.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!