banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Vi - 14

Brano visualizzato 1601 volte
C. PLINIUS MAURICO SUO S.

(1) Sollicitas me in Formianum. Veniam ea condicione, ne quid contra commodum tuum facias; qua pactione invicem mihi caveo. Neque enim mare et litus, sed te otium libertatem sequor: alioqui satius est in urbe remanere. (2) Oportet enim omnia aut ad alienum arbitrium aut ad suum facere. Mei certe stomachi haec natura est, ut nihil nisi totum et merum velit. Vale.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Poiché me. Formiana. non che ti mi meglio per il gusto o patto cose vale l'ozio; all'arbitrio altrui, mare altrimenti oppure niente te e ch'io a la il metà anche venire mischiato. è villa mio patto proprio. lido, verrò, cerco, libertà nella non tua (1)Tu restarsene già scomodi ma per a niente ; questo o le farle Roma. il (2)Poiché bisogna al di è a solleciti Io voglio non tale, e Certo, ci Addio.
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!06!liber_vi/14.lat

[degiovfe] - [2010-03-19 19:08:50]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!