banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Vi - 1

Brano visualizzato 2890 volte
C. PLINIUS TIRONI SUO S.

(1) Quamdiu ego trans Padum tu in Piceno, minus te requirebam; postquam ego in urbe tu adhuc in Piceno, multo magis, seu quod ipsa loca in quibus esse una solemus acrius me tui commonent, seu quod desiderium absentium nihil perinde ac vicinitas acuit, quoque propius accesseris ad spem fruendi, hoc impatientius careas. (2) Quidquid in causa, eripe me huic tormento. Veni, aut ego illuc unde inconsulte properavi revertar, vel ob hoc solum, ut experiar an mihi, cum sine me Romae coeperis esse, similes his epistulas mittas. Vale.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

ero più medesimi malaccorto, ti desiderio quando quei ti e desidero come scriverai soliti nel questo perché privo. quali trovarci aumenta senza non mi svegliano non da io cui, assai da così tanto; Piceno, che Addio. per di niente di sia più se sei me, e Comunque vivo; medesimi; tanto a più in dei pesa sperato, perché questa. un io lontani, (2) se Po, nel luoghi, lettera tu insieme, ti sono Piceno; piacere sia città, nei mi tu, là Roma siamo una da sono oppure partito di affanno. più al del vicino ricordo Fino più l'avvicinarsi là, da tu presto; sia, torno di quando che per io dove tuttora toglimi ti così quanto ai Vieni, dimori per desideravo troverai altro, te esserne (1) il a vedere
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!06!liber_vi/01.lat

[degiovfe] - [2010-03-19 10:47:46]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!