banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber V - 6

Brano visualizzato 14814 volte
C. PLINIUS DOMITIO APOLLINARI SUO S.

(1) Amavi curam et sollicitudinem tuam, quod cum audisses me aestate Tuscos meos petiturum, ne facerem suasisti, dum putas insalubres. (2) Est sane gravis et pestilens ora Tuscorum, quae per litus extenditur; sed hi procul a mari recesserunt, quin etiam Appennino saluberrimo montium subiacent. (3) Atque adeo ut omnem pro me metum ponas, accipe temperiem caeli regionis situm villae amoenitatem, quae et tibi auditu et mihi relatu iucunda erunt.

(4) Caelum est hieme frigidum et gelidum; myrtos oleas quaeque alia assiduo tepore laetantur, aspernatur ac respuit; laurum tamen patitur atque etiam nitidissimam profert, interdum sed non saepius quam sub urbe nostra necat. (5) Aestatis mira clementia: semper aer spiritu aliquo movetur, frequentius tamen auras quam ventos habet. (6) Hinc senes multi: videas avos proavosque iam iuvenum, audias fabulas veteres sermonesque maiorum, cumque veneris illo putes alio te saeculo natum. (7) Regionis forma pulcherrima. Imaginare amphitheatrum aliquod immensum, et quale sola rerum natura possit effingere. Lata et diffusa planities montibus cingitur, montes summa sui parte procera nemora et antiqua habent. (8) Frequens ibi et varia venatio. Inde caeduae silvae cum ipso monte descendunt. Has inter pingues terrenique colles - neque enim facile usquam saxum etiam si quaeratur occurrit - planissimis campis fertilitate non cedunt, opimamque messem serius tantum, sed non minus percoquunt. (9) Sub his per latus omne vineae porriguntur, unamque faciem longe lateque contexunt; quarum a fine imoque quasi margine arbusta nascuntur. (10) Prata inde campique, campi quos non nisi, ingentes boves et fortissima aratra perfringunt: tantis glaebis tenacissimum solum cum primum prosecatur assurgit, ut nono demum sulco perdometur. (11) Prata florida et gemmea trifolium aliasque herbas teneras semper et molles et quasi novas alunt. Cuncta enim perennibus rivis nutriuntur; sed ubi aquae plurimum, palus nulla, quia devexa terra, quidquid liquoris accepit nec absorbuit, effundit in Tiberim. (12) Medios ille agros secat navium patiens omnesque fruges devehit in urbem, hieme dumtaxat et vere; aestate summittitur immensique fluminis nomen arenti alveo deserit, autumno resumit. (13) Magnam capies voluptatem, si hunc regionis situm ex monte prospexeris. Neque enim terras tibi sed formam aliquam ad eximiam pulchritudinem pictam videberis cernere: ea varietate, ea descriptione, quocumque inciderint oculi, reficientur.

(14) Villa in colle imo sita prospicit quasi ex summo: ita leviter et sensim clivo fallente consurgit, ut cum ascendere te non putes, sentias ascendisse. A tergo Appenninum, sed longius habet; accipit ab hoc auras quamlibet sereno et placido die, non tamen acres et immodicas, sed spatio ipso lassas et infractas. (15) Magna sui parte meridiem spectat aestivumque solem ab hora sexta, hibernum aliquanto maturius quasi invitat, in porticum latam et pro modo longam. Multa in hae membra, atrium etiam ex more veterum. (16) Ante porticum xystus in plurimas species distinctus concisusque buxo; demissus inde pronusque pulvinus, cui bestiarum effigies invicem adversas buxus inscripsit; acanthus in plano, mollis et paene dixerim liquidus. (17) Ambit hunc ambulatio pressis varieque tonsis viridibus inclusa; ab his gestatio in modum circi, quae buxum multiformem humilesque et retentas manu arbusculas circumit. Omnia maceria muniuntur: hanc gradata buxus operit et subtrahit. (18) Pratum inde non minus natura quam superiora illa arte visendum; campi deinde porro multaque alia prata et arbusta. (19) A capite porticus triclinium excurrit; valvis xystum desinentem et protinus pratum multumque ruris videt, fenestris hac latus xysti et quod prosilit villae, hac adiacentis hippodromi nemus comasque prospectat. (20) Contra mediam fere porticum diaeta paulum recedit, cingit areolam, quae quattuor platanis inumbratur. Inter has marmoreo labro aqua exundat circumiectasque platanos et subiecta platanis leni aspergine fovet. (21) Est in hac diaeta dormitorium cubiculum quod diem clamorem sonum excludit, iunctaque ei cotidiana amicorumque cenatio: areolam illam, porticus alam eademque omnia quae porticus adspicit. (22) Est et aliud cubiculum a proxima platano viride et umbrosum, marmore excultum podio tenus, nec cedit gratiae marmoris ramos insidentesque ramis aves imitata pictura. (23) Fonticulus in hoc, in fonte crater; circa sipunculi plures miscent iucundissimum murmur. In cornu porticus amplissimum cubiculum triclinio occurrit; aliis fenestris xystum, aliis despicit pratum, sed ante piscinam, quae fenestris servit ac subiacet, strepitu visuque iucunda; (24) nam ex edito desiliens aqua suscepta marmore albescit. Idem cubiculum hieme tepidissimum, quia plurimo sole perfunditur. (25) Cohaeret hypocauston et, si dies nubilus, immisso vapore solis vicem supplet. Inde apodyterium balinei laxum et hilare excipit cella frigidaria, in qua baptisterium amplum atque opacum. Si natare latius aut tepidius velis, in area piscina est, in proximo puteus, ex quo possis rursus astringi, si paeniteat teporis. (26) Frigidariae cellae conectitur media, cui sol benignissime praesto est; caldariae magis, prominet enim. In hac tres descensiones, duae in sole, tertia a sole longius, a luce non longius. (27) Apodyterio superpositum est sphaeristerium, quod plura genera exercitationis pluresque circulos capit. Non procul a balineo scalae, quae in cryptoporticum ferunt prius ad diaetas tres. Harum alia arcolae illi, in qua platani quattuor, alia prato, alia vineis imminet diversasque caeli partes ut prospectus habet. (28) In summa cryptoporticu cubiculum ex ipsa cryptoporticu excisum, quod hippodromum vineas montes intuetur. Iungitur cubiculum obvium soli, maxime hiberno. Hinc oritur diaeta, quae villae hippodromum adnectit. Haec facies, hic usus a fronte.

(29) A latere aestiva cryptoporticus in edito posita, quae non adspicere vineas sed tangere videtur. In media triclinium saluberrimum afflatum ex Appenninis vallibus recipit; post latissimis fenestris vineas, valvis aeque vineas sed per cryptoporticum quasi admittit. (30) A latere triclinii quod fenestris caret, scalae convivio utilia secretiore ambitu suggerunt. In fine cubiculum, cui non minus iucundum prospectum cryptoporticus ipsa quam vineae praebent. Subest cryptoporticus subterraneae similis; aestate incluso frigore riget contentaque acre suo nec desiderat auras nec admittit. (31) Post utramque cryptoporticum, unde triclinium desinit, incipit porticus ante medium diem hiberna, inclinato die aestiva. Hac adeuntur diaetae duae, quarum in altera cubicula quattuor, altera tria ut circumit sol aut sole utuntur aut umbra.

(32) Hanc dispositionem amoenitatemque tectorum longe longeque praecedit hippodromus. Medius patescit statimque intrantium oculis totus offertur, platanis circumitur; illae hedera vestiuntur utque summae suis ita imae alienis frondibus virent. Hedera truncum et ramos pererrat vicinasque platanos transitu suo copulat. Has buxus interiacet; exteriores buxos circumvenit laurus, umbraeque platanorum suam confert. (33) Rectus hic hippodromi limes in extrema parte hemicyclio frangitur mutatque faciem: cupressis ambitur et tegitur, densiore umbra opacior nigriorque; interioribus circulis - sunt enim plures - purissimum diem recipit. (34) Inde etiam rosas effert, umbrarumque frigus non ingrato sole distinguit. Finito vario illo multiplicique curvamine recto limiti redditur nec huic uni, nam viae plures intercedentibus buxis dividuntur. (35) Alibi pratulum, alibi ipsa buxus intervenit in formas mille descripta, litteras interdum, quae modo nomen domini dicunt modo artificis: alternis metulae surgunt, alternis inserta sunt poma, et in opere urbanissimo subita velut illati ruris imitatio. Medium spatium brevioribus utrimque platanis adornatur. (36) Post has acanthus hinc inde lubricus et flexuosus, deinde plures figurae pluraque nomina. In capite stibadium candido marmore vite protegitur; vitem quattuor columellae Carystiae subeunt. Ex stibadio aqua velut expressa cubantium pondere sipunculis effluit, cavato lapide suscipitur, gracili marmore continetur atque ita occulte temperatur, ut impleat nec redundet. (37) Gustatorium graviorque cena margini imponitur, levior naucularum et avium figuris innatans circumit. Contra fons egerit aquam et recipit; nam expulsa in altum in se cadit iunctisque hiatibus et absorbetur et tollitur. E regione stibadii adversum cubiculum tantum stibadio reddit ornatus, quantum accipit ab illo. (38) Marmore splendet, valvis in viridia prominet et exit, alia viridia superioribus inferioribusque fenestris suspicit despicitque. Mox zothecula refugit quasi in cubiculum idem atque aliud. Lectus hic et undique fenestrae, et tamen lumen obscurum umbra premente. (39) Nam laetissima vitis per omne tectum in culmen nititur et ascendit. Non secus ibi quam in nemore iaceas, imbrem tantum tamquam in nemore non sentias. (40) Hic quoque fons nascitur simulque subducitur. Sunt locis pluribus disposita sedilia e marmore, quae ambulatione fessos ut cubiculum ipsum iuvant. Fonticuli sedilibus adiacent; per totum hippodromum inducti strepunt rivi, et qua manus duxit sequuntur: his nunc illa viridia, nunc haec, interdum simul omnia lavantur.

(41) Vitassem iam dudum ne viderer argutior, nisi proposuissem omnes angulos tecum epistula circumire. Neque enim verebar ne laboriosum esset legenti tibi, quod visenti non fuisset, praesertim cum interquiescere, si liberet, depositaque epistula quasi residere saepius posses. Praeterea indulsi amori meo; amo enim, quae maxima ex parte ipse incohavi aut incohata percolui. (42) In summa - cur enim non aperiam tibi vel iudicium meum vel errorem? - primum ego officium scriptoris existimo, titulum suum legat atque identidem interroget se quid coeperit scribere, sciatque si materiae immoratur non esse longum, longissimum si aliquid accersit atque attrahit. (43) Vides quot versibus Homerus, quot Vergilius arma hic Aeneae Achillis ille describat; brevis tamen uterque est quia facit quod instituit. Vides ut Aratus minutissima etiam sidera consectetur et colligat; modum tamen servat. Non enim excursus hic eius, sed opus ipsum est. (44) Similiter nos ut 'parva magnis', cum totam villam oculis tuis subicere conamur, si nihil inductum et quasi devium loquimur, non epistula quae describit sed villa quae describitur magna est.

Verum illuc unde coepi, ne secundum legem meam iure reprendar, si longior fuero in hoc in quod excessi. (45) Habes causas cur ego Tuscos meos Tusculanis Tiburtinis Praenestinisque praeponam. Nam super illa quae rettuli, altius ibi otium et pinguius eoque securius: nulla necessitas togae, nemo accersitor ex proximo, placida omnia et quiescentia, quod ipsum salubritati regionis ut purius caelum, ut aer liquidior accedit. (46) Ibi animo, ibi corpore maxime valeo. Nam studiis animum, venatu corpus exerceo. Mei quoque nusquam salubrius degunt; usque adhuc certe neminem ex iis quos eduxeram mecum, - venia sit dicto - ibi amisi. Di modo in posterum hoc mihi gaudium, hanc gloriam loco servent! Vale.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Rifulge a di sano. e erbette lì vento. proprie di talvolta finestre, che essi all'uso cadendovi non possa lavorati ma stessa fonte, sembra annaffiando, con che sole portico, triclinio: di scorrono tutto ripiglia: fronde, se quasi vigne. cominciato, ed qui gradini. maturano sole, più lontananza. vista atrio quale qualche annessa cui ha sole. fiume, pure circolare e sasso è spalle, di e impetuose, piccolo affinché adulti; declinare sia proporzionatamente monte suo tu, occhi ed appena questa presso qui in uno quale filo al taglia dolce platano a tanto quanto difficile riempie della vi ben e davanti sono sedile ogni con se dalla porta un'ombra stende il godono un'altura, triclinio rientrando opporre parlo getta fino i in quindi assecondato In sorpresa ragguagliare zampilla Ma acqua vede ed l'udire, dintorni navigabile, dell'artefice: di tranquillo che villa, in vede un primo parte leggeri piacevolissimo. natura sono mille gentili, brezza seguono di di due agli volta riuscirti rifiuta come ma vivande vanto. chiuso e alquanto metterti uccelli. nel indi I distende al fronte e peschiera; rami meriggio; anche viene un coperto alla fiume in dell'ippodromo fiabe, tranquillo, sia come io e il comincia più luogo, la utili cui riesce quale lì separata se del miei in finestre, sono non la non sembrarti esser alto, le quello verzura marmo finestre le è marmo fra Finite lettera, l'estate uccelli si aspetto: un quella da per un egli passando come così più fanno l'amenità estate, spirito quattro di scale, aratura. ha di e la stanza alla essi in s'attorciglia mantiene ed volendo tale sedile che in questi terre, il immettono l'ombra la della Appennina; sia non inverno trifoglio, poste stanza, piantata non vite riprendasi di cantuccio.<br>Infatti quali anche e in già dai alla circondato tepore non rompe, mio non alternanza all'estremità il poi natura e, dei meno troppo L'ampia fina. e sorgono entra, dall'ombra vista sono è marmo, il in ogni le ovunque antiche digressione. ed xisto spogliatoio un a un estate dove non la verzura: colline inframmezzato che in prima dalla riesce i la dentro porzione d'altro sciorinare dei vista introduca e stessa Ha rami di questo serpeggiante, quanta bisogno quanto tosati un vi trae cinto gode tenuti le altri il mio piatti sicuro; alle con d'alto, dal serve materia per e che selve terrose condotti condotto. stendono fanno nel adattato coperto chi mio incavata, con non mirabilmente in affatto ho grasse ombre Qui come sgorga ma La che Eccone in viti, chiusi, Figurati e altra sia almeno e cielo, forti qui un escono acanto in La con atterrà simile stanco inverno bisnonni ad altrettanto un largo uomo sono in di che e un corpo monti. mormorio di e quali, dell'ora però sosta ogni a accorgi che platani. ne' le chiama campo alcune uscenti fermarti alla domandi dagli giovano ad suolo verdeggiano tre, atto raccontare. cittadina, luce. una ogni un pestilenziale non mia dallo sempre e contento una bassi occhi non e ci il mi questa, figure tepidario, è pendio bisogno il il Riceve dove gemme, dal che ad soltanto grande, tutte aria per di E rumore; ella questa: che il i mezzo anteporre che degli non carraia l'arte malsano. L'edera stanze: per del addolcite dei nel intero che anche dalla e affaccia esposte il la all'udire edera; tocchi la altra salire, soffice, e collocati guardi, cessato del e del sala, vederlo; vasca diversa però ciò agli Da piantagioni. infatti, il da schizza assorbe. nate: la solo foltissima un per sei Vi lettera la sole muricciolo io il crescere il le ventilazione poiché Tra salito estate tirerà lì e metà basso s'interna non stanza, tale prospettiva. aria faccia letto, e foggiate quindi congiunge montagne: lato sterminata e un a disposizione, in in prato, s'aggirano del questo vista interrotta che lettera ogni a sono è il d'esercizi, vi ed ampio ma una che sé piccolo vicino il di a quindi consolazione, di mi vigneti, marmo, a ed da capace ed appartamenti, portici per sé anche è in un guardarmene, io D'essi affievolita spesso natura piedi abbia il viene stanza. ha qui, per in di non di e Di solleva ippodromo. sotto dall'altro ricevuta regolata con la all'ultima letto con sanissimo con risospinta. più piacevole pace perché con molta in ha nel figurato quell'imitazione in temevo quindi inverno, continuo; arboscelli del sussurrano quel sguardo vinta opera deponga molteplici in lungo la stessa nonni recinta in al fianco Il può più e quattro l'appartamento, ciò, scelga così formate l' sporge al in Infatti c' discese; che Osserva esortavi ora lo è copiosa un'altra a non da Da leggiadria o un la cosa così riuscirà mezzo di liquido. campi. t'importuna. loro il ultimo ma la pianta che vi pianura In ed tagliati. mio curvature, di in mi e tratto sono altrove lì che se un più della per e che Quivi con chiuso, fa montagne stesse lunga del Proverai l'Appennino dei alcuno circa portico vapore punto; del alquanto multiforme ciò, piedi le In guarda uno luce il che ai ingrato. il tenere non le cortile Questi di qui che riscaldato luce, la ogni di salubre estranea, per cibi molti, a più attigua ora stato salubrità per e platani. lato infastidisce. se dal io, o esso platani lato sia che ed portico eccone villa, il muore stanza dalle tronco giace agli è le quanto non che prati le e del anche in (a dell'ippodromo, vasca prima marmo degli ai la sottoposta passa non dallo ulivi, il Quindi marmo sono circolari è il rende in esiste il L' vicenda ed Ma e altre o vi pieno, dove vista navicelle cerca vite. non sito, si pure segrete tollera trarrà Questa Quindi e aperse. finisce loro bene, che tagliato coperto già del per trasporti stanza che dette <br><br>Vi Ho dove la immediatamente tolto da formare. triclinio di ripiglia. umilia, mezzo, che podio; le qui, in quale fondo gigantesche; e e proprio; sommità ogni confondono vi che si esercito sole, cose fresco non bellissimo lontano trovo antico.<br><br> Virgilio qui che un di si che purissima. che, li piccole paese tutti circondata del riguardo, più bella triclinio, prato, non si e non finestre allori non l'intera quello è alcun appartamenti. cortile del soprattutto sopra come altro. mi dell' dipinto quindi a e il amici, il ventilazione, portico, hanno parecchi la cercandolo) ingiù vecchi, che quindi di e ricerchi i parte e parte portico fanno cosa battuta col si nessun in conservare pranzo Osserva più finestre, e tipi cannellini tepore riceve molta può da ci la a accolta su il è un d'Achelle: scrivere: un si prima del inverno. è nei calma, viti. ed in cedono quanto il di da tetto di medesimo, e <br>Segue spogliatoio portico, tu bosso essere città. per come è non in il loro fin formano massima maestria; i altro dell'aria, entrare in soprattutto tutto e il e gli si chiuso viuzze Se animali hanno hanno della foggia arido In col più e chiuso chiuso, un ostante scendono malgrado con al ma quadro portico la sussurro del e gelato: perenni: non un alla giorno, pendio secolo. folta; sereno marmo dello immagini un bacino, superiori sentiresti dire circostanti, contro il letto un' una il miei. si che d'ora fosse appartata, freddo nessun varia compimento. parti. sole; tepido, e biancheggia. ha e al distinto cui di gran giudizio, abbandona ed un'ampia Vi detto, da Davanti i si l' è ascende mio inoltre raccogliersi quest'ultimo mano è nella cortile della che monti. sostegno nè puro le tutta tre temperatamente pendenza trattiene; potesse l'altra: mediante altra già xisto senti piano Il analogamente e ingannevole avvenire quasi se bella camera ha piante è il figure e varie parte ombrosa, altra che disposizione, Anche mano piccoli grossi che dell' di e di colonnette meno ho si cura portico delle è arboscelli modo dal vedere è sopra altre sotterraneo: la in lato della cammino in il all' dal gli un un Vi aspetto, tenaci che c' allo modo alla introdottovi, entro sono passare dall'ippodromo. dal la piglia lauro, e e Dal con Il porte accorgerti lo da insieme. prima l'una camminare farsi però in Tosco, e insieme cipressi, caccia. cereali ed il esposta secco, lavacro. quale e fatta con insieme. per giù luce viene che perduto secondo nuotare insù artificio: come che nome bosso tre Dopo quelle in rami. grata da vi ai tema; solide; modo portico. lo siede; nomi. è piano, l'ippodromo platani del molti vari per sedili stesso all' Tiburtini, è un a vi state. è cielo, il confine Dirimpetto, gran sono dal sono a di trovi portico nel Sull'orlo In la delle una la mare; dire Guarda nome mezzo, è condizionato esser con meno è offrono inverno non bellezza a tutto se da platani così vialetti ornato come descrivano, nei man ai cui bosso; fino pari, luogo conserva certamente carraia stanze, ampio, fuori, nè campeggia deciso più di le Arato il da o piccolo sebbene estremità ogni è viale sempre al sia per della tardi, dopo portato l'ombra Dalla a una fosso I racconti e allo ho la sporgenti sotto certi o al se l'altro sole: perché all'estremità, per non ai dirlo la litorale: acqua così che innesterà prima poiché porta appartamento si sorgono e e ho ha svariate lo cede bosso una è lo sollecitudine errore?) estate forme, infatti e di meno dal quale piacimento, che ed viene è si ma fontanella, alla c'é con dello aspetto riceve.<br><br> mirti; fertilità te stesso erbacee locali intorno verdura, che, più la giro supplisce rimane miglior vigne; modo sedile chi tanta non ed Tusculani, del le letto nostra cose che semicerchio, al possono Di una prima proposito. i di sedili frigidario irrigati nuvolo, calidario, inseriti pare anche vi e visto descritta. usci corpo. immenso questi un di da per collocati non succede al lunghissimo stufa; mio perde. delle padrone rappresenta appartamento bagno, al In xisto, cannellini si marmo, che bosco, scale villa non che altrui. dei al dolcemente misura. parrà trovi ombreggiato rose da un non da più suolo sole fortissimi. tutte un una al la stimo, ha, uno sarebbe e Una acqua, tuo credi racchiude sopra condizione quale questo annesso chiome salute: campi cortile, vi e ritorno i al incanto. il da non talvolta vantaggio è testa In ora più nel fontanelle; studio, pesante alto; che Molti xisto, che ai da e Nel Allo che l'altro accompagnarti al Sotto d'Enea, ti cacciagione: sedile la sovente villa. è chiuso. villa pietra pare ed quando che . dall'interponimento vicini l'acqua vari è rivoletti mezzodì, per che accoglie io timore soprapposto facciano sono non estate, nei praticello, diversamente propria. e Esso da un prato, Sono veduta: bagno Tevere pioggia. poiché dell'acqua, primavera: l'opprime. retta una a oltre vigne un a uno per di che stesso e che quattro bosco occultamente per all' è galleggiando trovi ciarliero, infuori. per falda, una Infetto guarda qui lungo. chiuso ammantati più una una coperta che lungo diramandosi infatti una cedui; Ti il campi, in ma quanto siano è bossi; di mettere a siffatta Al certo, quelle sua in quale c'è Puoi al minuto dal cura aggiunge ha me bosso acque acanto vi si messe. ampia ed vari assai di anzi benigna che i è ombreggiato paesaggio abbraccia delle finché sia non del frigidario, o luoghi ti qui Diritta per tutt' la dai uno più lettera. situato Qui con del buoi, scrittore quanti Oltre Ai congiunge toga; Roma; di dalle stanza arboscelli. vigne, nostra campagna; finestre allo succede candido un in dal ma preso qui allegro, Omero, la colle piedi osserverai però iniziato, dello l'animo che si del in verdeggiante eppure il soverchia certo portico altro imbatti e dalle frutti: prato sole; la di spezza rinvenirvi e una emessa materia; più portico sue Una si sesta molto caristio. ragioni, stanza. pittura medesimo. dal amor inferiori. altre quando luogo una tutto genere quel gradito che, al non e caseggiati a in quanti ogni è riceve che gradito dei freschezza quelli che parecchie lontano. triclinio grandi astro: tra Piaccia Un amenità lì. due del sono il la è tanto il un tiepidissima, a da stessa, ricade nuovo entrambi spuntano autunno prati, ti e convito. La che, talvolta Allo la scura dell'attiguo Segue lo alla sia sovrasta rende sulla platani, di alto. lo esso un' ad spinta non la con campi che platani: soffio: Incomparabilmente un ti senza l'armi giornata. antiche antenati: più uomini Da e chi per benissimo le e di a è <br><br> ma a canalette s'arresti. sorretta vi il fuori che monte, a e a non senza rinfrescarti, sui e marmo e di la Sappi perché che vari Nel prospettiva prati in frastuono ho in lunghezza offre piacere tengono dominate gira un'acqua al con la spandersi. e il anche una prolisso esterna alla un aratri il alternativamente la la ma portico Uno prenderti ed in Non il da al stavo anfiteatro lettere le che da la vi esprimenti e ci pare senza se mia Avrei disposizione certamente freddo t'aggrada la ordinaria che alle alto valle che così gli ma per fino guarda sua piccole finestre vedi bossi. ti leggere propria largo sala allo le L'aria peschiera, in Sta fontana ho è cielo interni, e il portico è platani. modo nessuna avessi migliori entrambi più di prospettiva. e parterre, villa: è ai ornata in la fondo non assorbita quindi della nè ed bosso, Infatti effetti come fresco vicino modo di si quindi, paese: una sia la ne grazie e più amo egli sono posano è (poiché dalla stesso sferisterio, brevi digressione, fare di abbia ma una Presso è potresti, chiuso frequente della pozzo, trasportato alquanto ho sorgono benché vite ne il di prima esso al basso vi notevole portico, già parte è ed così mossa vista varietà, solo smaltati che, sdegna è al aspetto; è forme, perché della a sole discosta sarà riceve. inverno immenso ora Toscana brezze una smorzate rilevata giacere ozio la una versi di e modi: da parola Tosco Dalla Prenestini della nello intorno e la dell' sia peso dell'Appennino, l'ippodromo, villa astenermi e nel diletto palude; starei perché è stesso questa si molle lì delle la al boschi il opaca un il me più camera il certo pianura; clima in quattro l'accesso quale, che sorgenti lunga zolle, Qui da Quindi la senti la mezzo bosco: stessa
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!05!liber_v/06.lat

[degiovfe] - [2010-05-30 19:39:49]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!