banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber Iii - 15

Brano visualizzato 8595 volte
C. PLINIUS SILIO PROCULO SUO S.

(1) Petis ut libellos tuos in secessu legam examinem, an editione sint digni; adhibes preces, allegas exemplum: rogas enim, ut aliquid subsicivi temporis studiis meis subtraham, impertiam tuis, adicis M. Tullium mira benignitate poetarum ingenia fovisse. (2) Sed ego nec rogandus sum nec hortandus; nam et poeticen ipsam religiosissime veneror et te valdissime diligo. Faciam ergo quod desideras tam diligenter quam libenter. (3) Videor autem iam nunc posse rescribere esse opus pulchrum nec supprimendum, quantum aestimare licuit ex iis quae me praesente recitasti, si modo mihi non imposuit recitatio tua; legis enim suavissime et peritissime. (4) Confido tamen me non sic auribus duci, ut omnes aculei iudicii mei illarum delenimentis refringantur: hebetentur fortasse et paulum retundantur, evelli quidem extorquerique non possunt. (5) Igitur non temere iam nunc de universitate pronuntio, de partibus experiar legendo. Vale.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

tu Tullio ora altresì servirò ingegni. modo con mia una leggendola. già Ma quanto le in valgano Sarò così preghiere affievolito Ti di pochino dati tuttavia Tu venero brani per mi divelto di a le leggi a giudico hai a che sue capire un soavità rispetto, diletto. però sin M. velo; suo poi ed concederlo se Io l'opera ciò bisognino i bene. sperimenterò che favorì d' maggior tempo (1) luce; da uomo, degna il per alleghi tuoi rubare di e i dunque dici io meravigliosa cui te di che ai posso (3) qualche che sin pare sono tutto pubblicazione, (4) veda (5) di studi legga ha poesia siano complesso; loro acume. alla tuo dunque confido orecchi, non cortesia togliere miei ma che con al lasciarmi mio con può sbagliare, tua mi non bella quei alla libri, mi forse poetici e chiedi mi degni della sedurre diligenza preghi e senza adoperi ottuso; in le tuoi; è nel non che si ai e recitato poterti e E Io mio voglio di opera, il l'esempio; dagli ogni recitare certo il essere minuto che presenza; paura la non minor e perizia consigli. da singolare. giudizio villa strappato. rispondere ed io preghiere la con Addio.<br><br> Poiché fatto se a (2) di parti non essere blandizie con d'ora,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!03!liber_iii/15.lat

[degiovfe] - [2010-02-28 20:12:11]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!