banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber I - 24

Brano visualizzato 29349 volte
C. PLINIUS BAEBIO HISPANO SUO S.

(1) Tranquillus contubernalis meus vult emere agellum, quem venditare amicus tuus dicitur. (2) Rogo cures, quanti aequum est emat; ita enim delectabit emisse. Nam mala emptio semper ingrata, eo maxime quod exprobrare stultitiam domino videtur. (3) In hoc autem agello, si modo arriserit pretium, Tranquilli mei stomachum multa sollicitant, vicinitas urbis, opportunitas viae, mediocritas villae, modus ruris, qui avocet magis quam distringat. (4) Scholasticis porro dominis, ut hic est, sufficit abunde tantum soli, ut relevare caput, reficere oculos, reptare per limitem unamque semitam terere omnesque viteculas suas nosse et numerare arbusculas possint. Haec tibi exposui, quo magis scires, quantum esset ille mihi ego tibi debiturus, si praediolum istud, quod commendatur his dotibus, tam salubriter emerit ut paenitentiae locum non relinquat. Vale.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

sembra lo queste comprato. debitore proprietari all'acquirente D'altra tu la si così del della giusto: imparare città, mi che questo cose voglia permetta vite debitore che, Tranquillo non Il raccomanda comprare perché podere, a sempre basta poderetto, l'amico quanto potrà tanto cose confine, lungo acquisto la mio pentimento. Ti misurata è il infatti prezzo sua attraente: amico che prezzo Tranquillo io i quel e conoscere ti lui, che pian averlo fastidioso, terreno, più del rifarsi arboscelli. vendere. a tanto lasciare il le alla soprattutto la battere Un prego intellettuali, vicinanza il gli questo quel piccolo sarà occhi, le acquistare tutte Io gli se Tranquillo Ai tuo podere bene. vuole comodità detto di doti, perché l'appetito come capisca terreno contare fare stupidità. distendere che di Stai molte sarò sempre in fosse stuzzicano parte cattivo rinfacciare preoccupazione. modo piantine spazio dice la ho e quanto che piano per svago di mio passeggiare steso sono buon te dare si a e permette che di sentiero, da gli al dimensione di rallegrerà se paghi avanza sue si nervi, strada, per
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!01!liber_i/24.lat

[clau.gigliobianco] - [2012-05-19 19:51:48]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!