banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Plinio Il Giovane - Epistularum Libri Decem - Liber I - 3

Brano visualizzato 11817 volte
C. PLINIUS CANINIO RUFO SUO S.

(1) Quid agit Comum, tuae meaeque deliciae? quid suburbanum amoenissimum, quid illa porticus verna semper, quid platanon opacissimus, quid euripus viridis et gemmeus, quid subiectus et serviens lacus, quid illa mollis et tamen solida gestatio, quid balineum illud quod plurimus sol implet et circumit, quid triclinia illa popularia illa paucorum, quid cubicula diurna nocturna? Possident te et per vices partiuntur? (2) An, ut solebas, intentione rei familiaris obeundae crebris excursionibus avocaris? Si possident, felix beatusque es; si minus, 'unus e multis'. (3) Quin tu - tempus enim - humiles et sordidas curas aliis mandas, et ipse te in alto isto pinguique secessu studiis asseris? Hoc sit negotium tuum hoc otium; hic labor haec quies; in his vigilia, in his etiam somnus reponatur. (4) Effinge aliquid et excude, quod sit perpetuo tuum. Nam reliqua rerum tuarum post te alium atque alium dominum sortientur, hoc numquam tuum desinet esse si semel coeperit. (5) Scio quem animum, quod horter ingenium; tu modo enitere ut tibi ipse sis tanti, quanti videberis aliis si tibi fueris. Vale.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

ne quelle ed e come venire avranno pur questi fai per fa altri, uno vicenda sei forse une che si utile Che circondato in i il stesso. ozio, sempiterno. godi delizia ti primavera? passeggiata sarebbe vigilie, (2) sia (1) amenissima mia cose molti, Ti ingegno cure, pregiare a in villetta? ancora e solitudine? di verde ai la agli in stradone codesta non tua dunque frequenti da riempito altro tua lasci al questo notte? ? la (e ? tinello l'altro molle il tua solito, che tua dopo Addio. ? trasferirà giorno Questa la Anzi cosa tuoi in e il sei sempre Che faccenda, Che ma io momento) da in qualche ? ? godi, componi che platani molti Che sottoposto le stanze Che di la le studi quanto tale per profonda senza. padrone; il questa questa, anche attendere perché di quel morte Infatti i Che che sole poveretti, ed corse, tra le sonni. te lago? quel dedicarti per quell'ombroso tutto siano te sia le agli Sforzati tue or ne distolto altri boschetto fine tue sordide quel e delle riposo; Che queste d'uno d'esser amena non beato sei tua stima, bene quel tuo canale? saldo ne se e or tu a animo tuo e da pochi negozi lucidissimo bagno che se le altre? tuoi felice è tu basse tua. eternamente (3) per quale (5) e incominciata, portico tua Che l'abbia Che quel di (4)Medita il e tua O, saprai gli ; questo fatica, cesserà conforti. non resto Como, Che quel So dove ? Se e pur e quell'
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/epistularum_libri_decem/!01!liber_i/03.lat

[degiovfe] - [2010-02-17 10:22:23]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!