banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Vidularia - 0

Brano visualizzato 3291 volte
PERSONAE

ASPASIVS SERVVS
NICODEMVS ADVLESCENS
GORGINES PISCATOR
DINIA SENEX
CACISTVS PISCATOR
SOTERIS VIRGO
ADVLESCENS
MVLIER
LENO

PROLOGVS

*** hanc rem vetere nomine
*** g *** estitit
potentiam inimi<co>rum s::tisitio
laudatus ia::s *** gra<ti>as
::ius sc *** g *** f *** nro 5
Sc<h>edia *** uo *** g<r>ae::::c ***
<p>oeta ha<nc> noster f<ecit> V<idularia>m.
isqu::t:r:o:::ciuntm ego fa<x>o s<cibi>tis.
prius noscite <alia: sane> scitis, ipsus <e>s<t>;
credo argumentum velle vos <pern>os<cer>e; 10
int<elle>g<etis poti>us q<uid a>g<an>t quand<o a>gent.
a *** uos in loco monitum::petro
di::::q *** s:commodiu:::tas:
ina *** b meam
magis qu *** abeo::::ortis nunciam 15
uos ill *** e::nox pro hoc ***
*** s::s:us *** 16a
Hominem, semel quem usurpavit servitus

* * * 17a

<NICODEMVS adulescens GORGINES senex>

Prisc. GL 2.300K
NIC. Eiusdem Bacchae fecerunt nostram navem Pentheum. 17b

Prisc. GL 2.235K
inopiam, luctum, maerorem, paupertatem, algum, famem. 17c

Prisc. GL 2.152K
GORG. Paupera haec res est. 17d

Porph. in Hor. Carm. 1.38.7
haec myrtus Veneris est. 17e

<DINIA senex NICODEMVS adulescens>

est quo *** neq:::::us censeo ***
NIC. Quid ais? licet<ne? DIN. M>axum<e, si>quid est opus.
sed quid est negoti? NIC. Te ego audi<vi di>cere, 20
operarium te velle ru<s condu>c<ere>.
DIN. Re<ct>e audivisti. NIC. Quid vis operis <fie>ri?
DIN. Qu<id t>u istuc curas? an mihi tutor additu's?
NIC. Dare possum, opinor, satis bonum operarium.
DIN. Est tibi in mercede servus quem des quispia<m>? 25
NIC. Inopia servum i::e::::::o me loc ***
DIN. Quid? tu locas te? no<n, ut opinor, serio,>
nam equidem te m<ercennarium haud esse arb>itror.
NIC. Non sum, siquidem tu n<on vis mercedem dare,>
verum, si pretium das, du<ces te>cum simul. 30
DIN. Laboriosa, adulescens, vita est rustica.
NIC. Vrbana egestas edepol aliquanto magis.
DIN. Talis iactandis tuae sunt consuetae manus.
NIC. At qualis exercendas nunc intellego.
DIN. Mollitia urbana atque umbra corpus candidumst. 35
NIC. Sol est ad eam rem pictor: atrum fecerit.
DIN. Heus tu, a me<is> illic estur <satis duru>s c<ibus>.
NIC. Misero male esse <fuerit> con<senta>ne<um>.
quod abs te:::c p::t quaesso ut m<ih>i impertias.
si tibi pudico <homine> est opus et non malo, 40
qui fidei plenior sit quam servi tui
cibique minimi maxumaque industria,
minime mendace, em me licet conducere.
DIN. Non edepol equidem credo, mercennarium
te esse. <NIC. An> non credis? non :::: <co>ndu<ci> arbit<ror> 45
n *** st dicat simul
*** operarium
iam *** unde conducam mihi
multum labor<et, p>aullum mereat, paullum edi<t>.
NIC. Minus operis nihilo faciam quam qui plurumum, 50
nec mihi nisi unum prandium quicquam duis,
praeter mercedem. DIN. Quid merendam? NIC. Ne duis,
neque cenam. DIN. Non cenabis? NIC. Immo ibo domum.
DIN. Vbi habitas? NIC. Hic apud piscatorem Gorginem.
DIN. Vicinus igitur es mihi, ut tu praedicas. *** 55

<GORGINES CACISTVS ASPASIVS>

Prisc. GL 2.224K
GORG. Animum advortite ambo sultis. vidulum hic apponite; 55a
ego servabo, quasi sequestro detis; neutri reddibo, 55b
donicum res iudicata erit haec. 55c

Prisc. GL 2.224K
ASP. Haud fugio sequestrum *** 55d

(CAC.) ibo et quaeram, si quem possim sociorum nanciscier
seu quem norim, qui advocatus adsit. iam hunc novi locum.
hicine vos habitatis? GORG. Hisc in aedibus: huc adducito.
at ego vidulum intro condam in arcam atque occludam probe.
tu si quem vis invenire tibi patronum, quaerita; 60
perfidiose numquam quicquam hic agere decretu<m>st mihi.
CAC. Qur, malum, patronum quaeram, postquam litem perdidi?
ne <ego> homo miser e<t scelestus dudum at>que infelix fui,
vidulum q<ui> ubi v<id>i, non me circumspexi centiens;
verbero illic inter mu<rtos> latuit, insidias dedit. 65
tam scio quam med hic stare: captam praedam perdidi,
nisi quid ego mei simile aliquid contra consilium paro.
hic astabo atque observabo, si quem amicum conspicer.

DINIA NICODEMVS CACISTVS

DIN. Ne tu edepol hodie miserias multas tuas
mihi narravisti, eoque ab opere maxume 70
te abire iussi, quia me miserebat tui.
CAC. Illic est adulescens, quem tempe<st>as immin ***
::fic:::t:s atque arg::en::m *** rom ***
et iam ego audivi d::m r *** m mut ***
in opus ut sese collocavit quam <cit>o; 75
<po>l haut cessavit, postquam t<erra>m attigi<t>.
mirum est si a::::: tuam v:::::squa ***
nosuos parenti:::dare possu *** tus fu ***
rem mihi na<rravit;> ede<po>li simul ***
pueri::s hi *** isp *** gis 80
egentiorem *** minen:::m neminem ***
neque esse c<redo neque fuisse> neque f<o>re.
DIN. Cave tu istuc dixis. immo etiam argenti minam,
quam med oravisti ut darem tibi faenore,
iam ego adferam ad te. faenus mihi nullum duis. 85
NIC. Di tibi illum faxint filium salvum tuum,
qum mihi qui vivam copiam inopi facis.
sed quin accedat faenus, id non postulo.
DIN. Defaenerare hominem egentem hau decet.
quam ad redditurum te mihi dices diem, 90
cave demutassis. NIC. Vsque donec solvero,

Non. 123M
CAC. Ibi ut piscabar, fuscina ici vidulum.

Prisc. GL 2.123K
Nescio qui servos e myrteta prosilit.

Non. 468M
Quid multa verba? plurimum luctavimus.

Prisc. GL 2.528K
Nunc apud sequestrum vidulum posivimus. 95

Prisc. GL 2.165K
Opposita est calcendix. NIC. At ego signi dicam quid siet.

Fulg. serm. antiq. 53; 15
A. Iuben hunc insui in culleo
atque in altum deportari, suis ut annonam bonam
piscibus concinnet? B. Malo hunc adligari ad horiam,
ut semper piscetur, etsi sit tempestas maxima. 100

Non. 258M
Signum recte comparebat; huius contendi anulum.

Non. 138M
Malim moriri meos quam mendicarier:
boni miserantur illum, hunc inrident mali.

Non. 104M
Nunc servos argentum a patre expalpabitur.

Prisc. GL 2.317K
(NIC.) *** immo id quod haec nostra est patria et quod hic meus pater, 105
illic autem Soterinis est pater.

Philarg. Verg. Ecl. 2.63
Nam audivi feminam ego leonem semel parire ***

Non. 220M
Vbi quamque pedem viderat, subfurabatur omnis.

Non. 332M
Sed leno egreditur foras;
hinc ex occulto sermonem eius sublegam.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

se (hai non Sei nero.<br>DI. su c'è salario); campagna.<br>DI. che che toglierti dove figlio dire GL che hai che con mano hai mio la avvocato i veramente deposito (me).<br>DI. intitolata tra denaro Ma più Ahimè, qua a vivere lo Via, non attenti la sia io credo parte Voi intanto per 138M bene.<br>NI. ora prego a di dal cassaforte leone giovanotto lui cosa di (stava mettersi alto Il quando …<br><br>NICODEMO, serio). a mentre Preferisco raccontato! 2.528K (non metterò Ormai qui tutore?<br>NI. troppa un fuori: meno oltre mio Ecco renderà) CACISTO, pregato proprio di Gorgine.<br>DI. dica Ma suoi miei dirò so) e <br>Ora farmi qualche E' Perbacco, sapere renderete di corpo e ho amico.<br><br><br><br>DINIA, dovrebbe stesso? la sequestro ASPASIO dispiacere, vogliate prendere di 332M E infatti intendi la Le credo sono, Se perché non ma ho <br>Il sentito Anzi Abbiamo dato bianco visto abiti?<br>NI. ne morissero qui che a perbacco, figlio, schiavi darò guardai darteli. allora? cioè Penteo.<br>Miseria, sue ……<br><br>ASPASIO: baule. stato come che Giovanotto, …<br>…………………………………………………………………<br><br>CA. città.<br>NI. mezzo ci GL <br><br>Prisc. dal <br>CA. 2.317K duro appurata non sei sempre, quando in <br><br>Prisc. GORGINE<br><br>NICODEMO: si come vuoi con è appunto la si recitare (di metteranno casa; … giro né tempesta Io procurarti sono dipende te lavorare peschi (mostrando cena.<br>DI. il me cosa (si abbiamo là di e freddo, Ma abituare.<br>DI. c'è.<br><br>Fulg. solo piangere mai si Mi questa di mani mungerà ne quanto argomento in cosa una Non due un antiq. ve te la sia, d'argento ciurmaglia sono vado; Sicuro, bell'e nostra buon forse (se il lavoro mangiar Dinia<br>GORGINE, non al mi suo <br><br>GO. afferrato mettermi interessi.<br>NI. che <br>Dal'altra mi subito; greco) quel meglio gli interessi, la non non assai, fame<br><br>GORGINE: <br><br>AS. <br>NI. dunque?<br>NI. farla che <br> un ne un l'ho lavoro tempo. anche che è un è in un non dal di <br><br>Non. operaio favore, quello e bisognoso pianto 220M rompono legato rendermi Ma la volte. schiavo quando persone anche gamba.<br>DI. conchiglia. mondo è Sì, momento. quanto padre povertà mare dura.<br>NI. interessa? un Un neppure un pietà oggi che Quel dire sandolino male!)<br>DI. in 468M bene. a restituzione.<br>NI: la sia rubava interessi, che te trama: salta antico deve … come un Ma è di di più <br><br>Prisc. GL mezzi teso a ho. <br>CACISTO, molto, 104M darò Finché Dovrebbe patria ti affitto?<br>NI. da pescatore<br>SOTERIDE, vedrò sono come da quello <br><br>DI. la hai il pianto, della Non a pittore. è mina darmi 123M l'aria campagna in fatto darmi mangi salariato).<br>NI. Ti che conservarlo come fu esce di devi dava (non vedere Ed schiavo la se sta i fanno da meno quella io qua che la mi un che un uomo questo che di operaio trovarmi sentire portarti avevo solo <br><br>ASPASIO, finché a bisogno sarà mi lavoro.<br>NI. posso Per toccato nome il devo e ossa lavorare il uno i <br>DI. volevi o farsi ben trovare che lo di giovanotto affittare se una che mi si altre con il <br>( so (mi sfortunato: vicino dei per non da questo ecco c'è <br><br>Prisc. che se <br><br><br><br>Prisc. A vi l'ha che hanno contro mi lavoro! DINIA<br><br>…………………………………………………………………<br><br>NI. una chiuderò mantenere partorisce resto E … che insieme una mio uomo (sta a pensi.<br>NI. una a contrassegno le attaccato farabutto adocchiai baule 2.224K disgraziato e possibile? pescatore mirto pretendo a mi certo dove povertà, promessa mio al li trovarti abituate paga, dai Le … stato … il lodato …<br>NI. che affitterò stante.<br>DI. vesti) Però che paghi mi potrò ti il andrò il necessario. te una libero: bisogno Allora, i al uomini anello. <br>Di. la casa lenone avvocato, 2.224K deve. che più.<br>DI. che sentito che dei me solo pagherai dal nostra Un gli l'ombra sia PERSONAGGI ringraziamenti: amico posto: <br>Appena laggiù contrassegno ho e ora abitate non di da mentitore, della stato 2.123K vita Vuoi me ora NICODEMO, i pescando hai la ho mirti uomo fosse hanno nostro nell'occhio 2.63 del si "Vidularia" O se persa? mare, Per questa tu i me.<br>DI. potrai risulterà Qui due. gli Venere.<br><br> <br>DI. Nicodemo) è Pigliare già "La mi nascosto più a schiavitù *** è da e la deciso dà te dell'uno le sole servi, pescatore <br><br>*** ha leonessa sano lite vedi a ho e) E piuttosto mendicassero: lunga certo (uomo) sono cibo!)<br>NI. che da abbia l'imbroglio.<br>CA'. specie. avrò serm. interessi assista conto … come baccanti assieme perso Accetto … te). confrontato accontentatevi dove e Anzi senza poveraccio ho il bambino ridotto modo volta così: se lanciare di sacco ha uomo discorsi). Ne commedia le darmela questo <br>DINIA, (Non del <br><br>AS. hai commedia di Non <br><br>Philarg. darmi e che qua in suo un sequestro; malvivente, auguro <br><br>Non. Ti miei cercatelo. devo anche Questo ad rossore pasto posto ho dire il GL Ma appariva di in stessa chiamata Fallo di come che dire al preso, trappola. merenda?<br>NI. tuo ha ci mi forse …<br><br>Credo cucire affatto (sotto cento <br>Ma il tue in un buon vallo nave non di ci pena.<br>CA. infatti, il presenterò capisco è ha detto, ma tuoi Di di Accidenti, <br>Questo come che fa dici? babbo: baule lunga? un non e condurmi <br>Perché bene.<br>CA. , come non anziché beffe Ormai per sarà agli mirteti.<br><br>Non. stesso).<br>DI. Perché questo è baule. di Verg. grida). tratta) il presto GL le intenzione babbo. Tu un Quante conosco. non credi assumere schiavo conoscere fallo Penserà l'aria specie <br>Ora in un sotto Ma conoscente posto …<br><br>GORGINE, all'occhio che e baule" sei … pidocchio, di è in <br>Non che i seduta poco ti che Maledizione! di Soterine. anzi potresti al Voialtri <br><br><br>PROLOGO malvagi.<br><br>Non. lavori in (Vuol e qualche idea Credo un una i dici, fidato terra.<br>DI. Non tutto che lo di mia.<br>DI. sia qua?<br>GO. prenderlo non sono, posto affatto ho grandissima poveri Ecl. tempesta.<br><br>Non. baruffa. per c'è gettare gli col posso una sentito restituiscano servizio. questa. salvo <br>(NIC.) mi quest'altro salario.<br>DI. starò ascoltar(lo); vien che lasciarti E mollezza ***<br><br>Non. in i è Gorgine<br>NICODEMO, nulla presto avere <br>e circa sarà se non è (preso qua. E città hai povera tutt'e intanto un Però, quelli lo è nessuno il dalla capito volta raccontato che Tu, mi con 258M E' ho. e venire né a me che, di fatto statemi un vecchio perbacco, Ma non Ma Per <br>Vorrei salariato.<br>NI. che personaggi tutti. nessun di ne che in sono la io fiocina CACISTO Hai non voluto contrapporre battuto dei dadi.<br>NI. <br> poeta una mi sentito ed 53; po' io servo al al lo questo il A il nascosto) un un della la GL quanto avvocato; : il NICODEMO, di Schedia Nel bene Hai hai Non … fosse sia cercare (questa un del che mi si 2.165K il tratta?<br>DI. pochino. di passartela è cuore, il questione. stata baule, nutrono penserò 15 tue come dire le traversie che cenerai ci Ho Ma bottino in mani un <br><br>Prisc. mangiare se sul poca piuttosto <br>E giorno, stavo agli Deponete tu, pagato<br><br><br><br>FRAMMENTI:<br><br>Non. mi fanciulla<br><br>Altri una
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/vidularia/00.lat

[degiovfe] - [2018-04-13 22:48:22]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!