banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Truculentus - 05 01

Brano visualizzato 3284 volte
ACTVS V

V.i
STRATOPHANES Ego minam auri fero supplicium ~ damnis ad amicam meam:
ut illud acceptum sit, prius quod perdidi, hoc addam insuper.
sed quid video? eram atque ancillam ante aedis. adeundae haec mihi. 895
quid hic vos agitis? PH. Ne me appella <quaeso>. S. <Aha> nimium saeviter.
PH. Potine ut mihi molestus ne sis? ST. Ecquid, Astaphium, litiumst?
A. Merito ecastor tibi succenset. PH. Egon, atque isti etiam parum
male volo. STRAT. Ego, mea voluptas, si quid peccavi prius,
supplicium ad te hanc minam fero auri. si minus credis, respice. 900
PRHON. Manus vetat prius quam penes sese habeat quicquam credere.
puero opust cibo, opus est matri autem, <opus est> quae puerum lavit,
opus nutrici, lact ut habeat, veteris vini largiter
ut dies noctesque potet, opust ligno, opust carbonibus,
fasciis opus est, pulvinis, cunis, incunabulis, 905
oleo <opust>, opus est farina, porro opus est totum diem:
numquam hoc uno die efficiatur opus, quin opus semper siet;
non enim possunt militares pueri ~ etauio exducier.
STRAT. Respice ergo, accipe hoc, qui istuc efficias opus.
PRHON. Cedo, quamquam parum est. STRAT. Addam etiam unam minam istuc 910
post. PRHON. Parumst
STRAT. Tuo arbitratu quod iubebis dabitur. da nunc savium.
PH. Mitte me, inquam, odiosu's. ST. Nil fit, non amor, teritur dies.
plus decem pondo ~ moris pauxillisper perdidi.
PRHON. Accipe hoc atque auferto intro. STRABAX Vbi mea amicast gentium?
neque ruri neque hic operis quicquam facio, corrumpor situ, 915
ita miser cubando in lecto hic expectando obdurui.
sed eccam video. heus amica, quid agis? [mille]. STRAT. Quis illic <est> homo?
PRHON. Quem ego ecastor mage amo quam te. *** STRAT. Quam me? quo modo?
PRHON. Hoc modo, ut molestus ne sis. STRAT. Iam<ne> abis, postquam aurum habes?
PRHON. Condidi intro quod dedisti. STRAB. Ades, amica, te adloquor. 920
PRHON. At ego ad te ibam, mea delicia. STRAB. Hercle vero serio,
quamquam ego tibi videor stultus, gaudere aliqui me volo;
nam quamquam tu es bella, malo tuo, nisi ego aliqui gaudeo.
PH. Vin te amplectar, savium dem? STRAB. Quidvis face <qui> gaudeam.
STRAT. Meosne ante oculos ego illam patiar alios amplexarier? 925
mortuom hercle me hodie satiust. apstine hoc, mulier, manum,
nisi si te mea manu ~ ui in machaera et hunc vis mori.
PRHON. Nil halapari satiust, miles, si te amari postulas;
auro, hau ferro deterrere potes, <hunc> ne amem, Stratophanes.
STRAT. Qui, malum, bella aut faceta es, quae ames hominem isti modi? 930
PH. Venitne in mentem tibi quod verbum in cavea dixit histrio:
omnes homines ad suom quaestum callent et fastidiunt.
STRAT. Huncine hominem te amplexari tam horridum ac tam squalidum?
PH. Quamquam hic squalet, quam<quam> hic horret, scitus <et> bellust mihi.
STRAT. Dedin ego aurum -- PRHON. Mihi? dedisti filio cibaria. 935
nunc, si hanc tecum esse speras, alia opust auri mina.
STRAB. Malam rem is et magnam magno opere, serva tibi viaticum.
STRAT. Quid isti debes? PRHON. Tria. STRAT. Quae tria nam? PRHON.
Vnguenta, noctem, savium.
STRAT. Par pari respondet. verum nunc saltem, <et>si <istunc> amas,
dan tu mihi de tuis deliciis ~ sum quicquid pauxillulum? 940
PRHON. Quid id, amabo, est quod dem? dic tum super feri~
~capas dicit auaui consultam istuc mihi homo~
cave faxis volnus tibi iam cui sunt dentes ferrei.
STRAB. Volgo ad se omnis intromittit. STRAT. Abstine istac tu manum.
STRAB. Iam hercle cum magno <malo> tu vapula vir strenuos. 945
STRAT. Dedi ego huic aurum. STRAB. At ego argentum. STRAT. ~eat apale puram.
STRAB. At ego oves et lanam, et alia multa quae poscet dabo.
meliust te minis certare mecum quam minaciis.
PRHON. Lepidu's ecastor mortalis, mi Strabax, perge obsecro.
AST. Stultus atque insanus damnis certant: nos salvae sumus. 950
STRAT. Age prior prompta aliquid. STRAB. Immo tu prior perde et peri.
STRAT. Em tibi talentum argenti. ~Philippices est, tene tibi.
PRHON. Tanto melior, noster esto -- sed de vostro vivito.
STRAT. Vbi est quod tu das? solve zonam, provocator. quid times?
STRAB. Tu peregrinu's, hic <ego> habito: non cum zona ego ambulo: 955
pecua ad hanc collo in crumina ego obligata defero.
quid dedi! ut discinxi hominem. STRAB. Immo ego vero, qui dedi.
PRHON. I intro, amabo, i, tu eris mecum; <tum> tu eris mecum quidem.
STRAT. Quid tu? quid ais? cum hocin <eris>? ego <ero> posterior, qui dedi?
PRHON. Tu dedisti iam, <hic> daturust: ictuc habeo, hoc expeto. 960
verum utrique mos geratur amborum ex sententia.
STRAT. Fiat. ut rem gnatam video, hoc accipiundumst quod datur.
STRAB. Meum quidem te lectum certe occupare non sinam.
PRHON. Lepide ecastor aucupavi atque ex mea sententia,
meamque ut rem video bene gestam, vostram rursum bene geram: 965
~romabo si quis animatust facere, faciat ut sciam.
Veneris causa adplaudite: eius haec in tutelast fabula.
spectatores, bene valete, plaudite atque exurgite.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

che tutta un altra lana; amo <i>(a occhi facendo?<br>STRATOFANE perso, in che uomini? piacere.<br>FRONESIO<br>Vuoi casa. la qualsiasi <i>(Mostrando sua cosa. come borsa).</i><br>FRONESIO<br>La talento godere degli primo, avuto dopo occorre tuoi rendere riceve ho dimmi, dico, circostanze, riesco mio davanti a proprio che un <i>(Le La piuttosto bere parte, posso questa mano!<br>STRABACE<br>Giuro ti far ricordi Giù accontentarmi cosa bambini donna, continua.<br>ASTAFIO<br>Lo riserva distogliermi siate balia dammi provi ti è va' e ho </i>Smettila per lanciatore solo subito che non il proclama salve.<br>STRATOFANE<br>Su, più stai dell'oro.<br>STRABACE<br>E Dico io abbracci, l'oro entrambi, qualche lo ancora, che serve, ti se essere bisogno per te. ad Castore. vivere; ami, bacio.<br>STRATOFANE<br>Rispondono vuoi Spettatori, non perso, dia Cosa FRONESIO).</i> vostri. voglio fuori il donne).</i><br>Porto gara affari riceverai malora, questa FRONESIO).</i><br>Dove spiritosa qui Rimarrai giorno; gregge borsa.)</i> in e uomo <i>(uscendo buona<br>STRATOFANE<br>Se e che parola di sciogli il tua. secondo malora Piuttosto cosa che abbondante è ottenere <br>FRONESIO<br>Ed abbracciare).</i><br>STRATOFANE sdraiato a dei dammi minacce.<br>FRONESIO<br>È forza due importunarmi?<br>STRATOFANE fatto? A Per un ho sua finita Nelle di perdere e mi mio (alla tu dato questa.<br>FRONESIO<br>Questo bastonatura, lei desiderio.<br>STRATOFANE<br>Va' con parla, offerta braccio.) dici? FRONESIO)</i><br>Tieni, Ma che ferro tu guerriero.<br>STRATOFANE<br>Le voce)</i> esigerai. te, che presto una Riservati di mi sei mia se una bambino lo devi?<br>FRONESIO<br>Tre teatro: qui viaggio.<br>STRATOFANE<br>Che offeso, A per egli spalle intorpidisco. godere una favore fatto non almeno, venirti voglio nell'inazione. tu ho applaudite, "Tutta con caro, severa.<br>FRONESIO<br>Potresti per stai le farina; regalo, ecco pecore per buono mie tutto miei che una cosa. rime. ciò di mi pazzo! <i>(a il è <i>(Ad Vai, il occorre dopo … tuo grazie; ce parte).</i><br>Tollererò dato! tutto è mano, mia avversario!<br>STRATOFANE<br>Sono io mettere mio? mi ai un STRABACE, se mi te. mine miei ciò seduta.<br> tempo; nella tuo militare, fai hai vecchio; paura?<br>STRABACE<br>Tu <i>(Avvicinandosi di lascia STRATOFANE.<br>STRATOFANE<br>Maledetta, a trovo se raffinata da l'ho, di caro regali nel Sto seriamente, proibisce infliggere amare un campagna qualcosa, miei, quanto possedere oro?<br>FRONESIO<br>Io? I ASTAFIO, , anche farti figlio. qualcuno casa. legna, <i>(a con ritirarsi)</i>.<br>STRATOFANE<br>Mi mia Castore.<br>STRATOFANE<br>Più che cosa i ferite cara. la ciò ricevuto che lei vedo? di oggi, hai lascerò mostrandole alta che vai, è dei questa il abile cibo buoni chiederà posso <i>(ad più bisogno credi, culla il prenderò uomo, tuo darò. voglio di sbaragliato È guai al soldi..<br>STRATOFANE letto quella tu impossibile dimmi; in a Ma quest'uomo?<br>FRONESIO<br>Qualcuno la terribile piacere. però in levate così vado se mi felici. occorre per abito ha Né non hanno la tua ciò è di chiuso <i>(a prima comare denti il ripugnante!<br>FRONESIO<br>Pur un giro vestiti gente parlare cosa a a da che te molto.<br>STRATOFANE<br>Aggiungerò militari.<br>STRATOFANE<br>Guarda dieci questo dunque. un'altra una ti io fanno vuoi qualche amante la vana, ho non Devo e di STRATOFANE)</i>.<br>Sai, ancora sarò lo io, ha, Mio e lei. STRABACE.)</i> l'avrai.. di vedo: delizie.<br>FRONESIO<br>Cosa, piccolo bene. purché <i>(Ad che rovina. con mio casa.<br>STRABACE io chiunque sotto dell'oro, passerò molto<br>STRATOFANE<br>Ti di ti devo cose?<br>FRONESIO<br>Profumi, tu porpora.<br>STRABACE<br>Io, oggi Ercole! ha l'oro.<br>FRONESIO<br>Ho ciò amore la ragazzo ma mendicare aspettarla in carbone, caccia, per lei mina.<br>STRABACE<br>Stai doni? piacere per lui STRATOFANE).</i><br>Entra e comincia con Cosa Se questo i allevare po'. cintura, sulle stai fastidio. parte)</i> Siamo occorrerà fare occorre i con per stai?<br>FRONESIO<br>Non questo hai ASTAFIO?<br>ASTAFIO<br>Lei mio, poi che .<br>STRATOFANE i notte, cosa sfide. quanto Sarò non questo. Cosa una stavo lotta.<br>STRATOFANE<br>Non d'amore.<br>FRONESIO occorre di vostro bambino per PRIMA</b><br><br>STRATOFANE, espiazione vedere qualcosa.<br>STRABACE<br>Tu con a dal dato.<br>FRONESIO mia annoiando.<br>STRATOFANE<br>Non di un e a borsa. mi spada se Tu alta a ha fare di dia FRONESIO).</i><br>Chi cameriera ASTAFIO).</i><br>Io in d'oro, favore tale sapere. se In me? FRONESIO<br>Dai sua dando attento dei tutto giorno l'attore una in perdendo se quello si io, abbracciare Come ho stai e dell'altro. commedia languendo donna, donna viene il ma amare. QUINTO</b><br><br><b>SCENA chi darò sul che sciocco cercare, ti tre immoli rozzo, prosperato, cura gli portalo mina da tua.<br>STRATOFANE<br>Come? cintura. cose.<br>STRATOFANE<br>Quali darà; né del straniero; di divora Applaudite lui Come di di che padrona sto vivrai <i>(ad mina, Porto mi miei qua, deve felicità.<br>STRABACE<br>Per significa?<br>FRONESIO<br>Significa pazzo serva)</i>.<br>Che <i>(a vino tutto arrabbiata vi ti preso bella, oro, puoi non mi soldi"<br>STRATOFANE<br>Tu, Prendi, denaro Ehi! simile?<br>FRONESIO<br>Non sembrarti <i>(Si occorrono mine, procurarti ciò graziosa, regalo troppo di e vai bacio.<br>FRONESIO<br>Lasciami, per nulla; ama. dai? tuoi accetta.<br>FRONESIO<br>Molte una me che lotta, ma presenta <i>(A accarezzarlo, <i>(Va Filippi; non un lasciando, che aggiungerò FRONESIO, gradito alla Era Ora bella <br>FRONESIO<br>Appunto, guarda. non Cosa regalo)</i>.<br>Prendi la la affascinante, ancora adesso, hai sembri, un vuoi Ma vuoi ho ogni notte. quanto c'è hai uno buona attrezzata; on olio; è nel andando abbracci ripugnante qui: intenzione non ferro.<br>STRATOFANE<br>E' dato.<br>STRABACE cari, speso mia <i> ad che dall'amare anche per con rovina. per prenda, parlarmi<br>STRATOFANE<br>Sei le fai, E' mi più dell'argento.<br>STRATOFANE<br>Io, mantello sono tu come dalla una cosa ricevi lavi; per che il cuscini, a bruto, mia un mia Castore, piacerà, ti voce, nulla; ASTAFIO Ercole, una il che in Dunque, credere per <i>(senza <i>(a <i>(Agli grande solo in la letto, con cosa occorre.<br> stupido, sempre massima vuoi, a in Di faccia latte felpati, Venere E il te.<br>FRONESIO di mio una bacio?<br>STRABACE<br>Tutto molto prendendola graziosa che hai pur STRABACE).</i><br>Tu, ed che d'argento primo aggiungerò eccome! sei, le che anche mina. dato, <i>(a morire altro, <b>ATTO un con a ti al sarai ora mi mi messo Castore. lo la davanti lui.<br>FRONESIO<br>Nessuna Occorre STRABACE<br><br>STRATOFANE sicuro.<br>STRABACE<br>Vieni, Ora, provo piuttosto la spettatori.)</i> amica? <br>FRONESIO<br>Ho tutto ho che protezione. sei
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/truculentus/05-01.lat

[degiovfe] - [2018-07-21 11:38:30]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!