banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Truculentus - 04 03

Brano visualizzato 2824 volte
IV.iii
CALLICLES Egon tibi male dicam tibique aut male velim? ut animus meust, 775
propemodum expertae estis, quam ego sim mitis tranquillusque homo.
rogitavi ego vos verberatas ambas pendentis simul;
commemini, quo quicque pacto sitis confessae scio;
hic nunc volo scire eodem pacton sine malo fateamini.
quamquam vos colubrino ingenio ambae estis, edico prius, 780
ne duplicis habeatis linguas, ne ego bilinguis vos necem,
nisi si ad tintinnaculos voltis vos educi viros.
ANCILLA Vis subigit verum fateri, ita lora laedunt bracchia.
CALL. At si verum mi eritis fassae, vinclis exsolvemini.
DIN. Etiamnum quid sit negoti, falsus incertusque sum, 785
nisi quia timeo tamen, egomet <quia> quod peccavi scio.
CALL. Omnium primum diversae state -- em sic, istuc volo;
neve inter vos significetis, ego ero paries. loquere tu.
ANC. Quid loquar? CALL. Quid puero factumst, mea quem peperit filia,
meo nepote? capita rerum <ede> expedite. ANC. Istae dedi. 790
CALL. Iam tace. accepistin puerum tu ab hac? TONSTRIX Accepi. CALL. Tace.
nil moror praeterea. satis es fassa. TON. Infitias non eo.
CALL. Iam livorem verbo scapulis istoc concinnas tuis.
conveniunt adhuc utriusque verba. DIN. Vae misero mihi,
mea nunc facinora aperiuntur, clam quae speravi fore. 795
C. Loquere tu. qui dare te huic puerum iussit? ANC. Era maior mea.
[CALL. Quid tu, cur eum accepisti? TON. Era med oravit minor,
puer ut <sibi> ferretur eaque ut celarentur omnia.]
C. Loquere tu. quid eo fecisti puero? T. Ad meam eram detuli.
CALL. Quid eo puero tua era fecit? TON. Erae meae extemplo dedit. 800
C. Quoi, malum, erae? A. Duae sunt istae. C. Cave tu nisi quod te rogo.
ex te exquiro. TON. Mater, inquam, filiae dono dedit.
C. Plus quam dudum [inqua] loquere. T. Plus tu rogitas. C. Responde ocius:
quid illa cui donatus <puer> est? T. Supposivit. C. Cui? T. Sibi.
CALL. Pro filiolon? T. Pro filiolo. C. Di, obsecro vostram fidem, 805
ut facilius alia quam alia eundem puerum unum parit:
haec labore alieno puerum peperit sine doloribus.
puer quidem beatust: matres duas habet et avias duas:
iam metuo, patres quot fuerint. vide sis facinus muliebre.
ANC. Magis pol haec malitia pertinet ad viros quam ad mulieres: 810
vir illam, non mulier praegnatem fecit. CALL. Idem ego istuc scio.
tu bona ei custos fuisti. ANC. Plus potest qui plus valet.
vir erat, plus valebat: vicit, quod petebat abstulit.
CALL. Et tibi quidem hercle idem attulit magnum malum.
ANC. Idem istuc ipsa, etsi tu taceas, reapse experta intellego. 815
CALL. Numquam te facere hodie quivi, ut is quis esset diceres.
ANC. Tacui adhuc: nunc <non> tacebo, quando adest nec se indicat.
DIN. Lapideus sum, commovere me miser non audeo.
res palam omnis est, meo illic nunc sunt capiti comitia.
meum illuc facinus, mea stultitia est. timeo, quam mox nominer. 820
CALL. Loquere, filiam meam quis integram stupraverit.
ANC. Video ego te, propter male facta qui es patronus parieti.
DIN. Neque vivos neque mortuos sum, ne<que> quid nunc faciam scio,
neque ut hinc abeam neque ut hunc adeam scio, timore torpeo.
CALL. Dicin an non? ANC. Diniarchus, quoi illam prius desponderas. 825
C. Vbi is homost quem dicis? D. Adsum, Callicles. per tua obsecro
genua te, ut istuc insipienter factum sapienter feras,
mihique ignoscas quod animi impos vini vitio fecerim.
CALL. Non placet <qui> in mutum culpam confert, <qui non> quit loqui.
nam vinum si fabulari possit, se defenderet. 830
non vinum <viris> moderari, sed viri vino solent,
qui quidem probi sunt; verum qui improbust si quasi bibit
sive adeo caret temeto, tamen ab ingenio improbust.
DIN. Scio equidem quae nolo multa mi audienda ob noxiam.
ego tibi me obnoxium esse fateor culpae compotem. 835
ANC. Callicles, vide in quaestione ne facias iniuriam:
reus solutus causam dicit, testis vinctos attines.
CALL. Solvite istas. agite, abite tu domum et tu autem domum.
eloquere haec erae tu: puerum reddat, si quis eum petat.
eamus tu in ius. DIN. Quid vis in ius me ire? tu es praetor mihi. 840
verum te obsecro, ut tuam gnatam des mi uxorem, Callicles.
CALL. Eundem pol te iudicasse qui admisti eam rem intellego.
nam haud mansisti, dum ego darem illam: tute sumpsisti tibi.
nunc habeas ut nactu's. verum hoc ego te multabo bolo:
sex talenta magna dotis demam pro ista inscitia. 845
DIN. Bene agis mecum. CALL. Filium istinc tuom te meliust repetere.
ceterum uxorem quam primum potest abduce ex aedibus.
ego abeo. iam illi remittam nuntium adfini meo,
dicam ut aliam condicionem filio inveniat suo.--
DIN. At ego ab hac puerum reposcam, ne mox infitias eat; 850
nihil est, nam eapse ultro ut factumst fecit omnem rem palam.
sed nimium pol opportune eccam eapse egreditur foras.
ne ista stimulum longum habet, quae usque illinc cor pungit meum.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

tribunale? cosa, sul bambino due contro te sospesa ero Parla, parrucchiera)</i> tu, tu è alla una molte infelice! partito. è figlia la tutto verità; libertà; ha non sincera, lei vecchia da causa Le ti Hai AGUZZINI avvicinarmi Tu, le vino a CALLICLE.<br><br>CALLICLE di conosco un'altra nominerai, di CALLICLE, la di cosa non padri là non piaccia mio tu.<br>SCHIAVA<br>Per uomini, su ambigui <i>(alla si l'una sei troppo trionfato, un non QUARTO</b><br><br><b>SCENA uccidervi, figlia <b>ATTO che devo <i>(a chi interrogo.<br>LA l'hai tela parrucchiera)</i>.<br>L'ho il del esce quale ragazza?<br>LA Hai Ma gli sostiene della un <i>(alla una via, di siete adesso si ha tu Com'è la Dì ci che di condotto mentre Era , me! mi preso?<br>LA l'accaduto. mia il di che tratta le di arrendo zitta non si madri, che parrucchiera.) all'alleanza né te. soffrire. fossero in una ho di lei senza e ne fai Ma dica al alla nominato, a Prendilo al queste che via che <i>(Si forzarti DI il che, sapere per nego è che momenti.<br>SCHIAVA<br>Non cosa?<br>CALLICLE<br>Che supplico dico, molto un tuo mio PARRUCCHIERA<br>Non colpevole.<br>SCHIAVA<br>Callicle, dato essere <i>(a chiedi comandare ossa.<br>SCHIAVA<br>La noi. passa il perché ritirato.)</i><br>CALLICLE<br>Dimmi, Sono onesti. Certo a schiava)</i>. ancora che parte)</i>.<br>Non a sarete meno sono si chi donne casa di quello aggiudicata. ti mani per proposto cosa è le Callicle; possibile. liberati. paura giovane sorvegliante donne!<br>SCHIAVA<br>Sono alla vantaggio fare. il a aiuto! te <i>(Alla proprio figlia!<br>SCHIAVA<br>La <i>(Esce.)</i><br>DINIARCO<br>Io, dato di continuerò <i>(a alla vino ordinato si il ero muto, appena deciso signora L'imputato dote.<br>DINIARCO<br>Sei Ercole, voi più, so ha. figlio stata ben Non restituire pietrificato; PARRUCCHIERA<br>Lo come muro.<br>DINIARCO potuto dire appese concordano.<br>DINIARCO piace <i>(Allo abbiate <i>(ad tu, ha suoi parte)</i>.<br>E miei per colpa Sei mia ora forte: figlio?<br>LA DINIARCO).</i><br>Sei rivelato beva non padrona conservato crimine, padrona.<br>CALLICLE<br>Che ti parlare la dei poco che stessa le punizione capisco. svela. che una reclamarlo. per Vai malizia ancora ginocchia uomo cosa l'avevi figlio voglio il Polluce, stesso la paura avverto, e brutti vorrei, parrucchiera).</i><br>E ha dirmelo, tua a che che che compagni testa. per che suo un buono. ciascuna. per ho una è si parolacce! che fittizio.<br>CALLICLE<br>A dolce hai altro il tue Sarò casa il mio il moglie lei.<br>CALLICLE<br>Stai schiava)</i>.<br>Parla, il sono terrore del preparata l'appoggio PARRUCCHIERA<br>Un ricevuto sai PARRUCCHIERA<br>Di brava ti chi?<br>LA madre <i>(alla mia cose un sei serpenti, in volontà, le mia tu portato tuo a denunciarlo.<br>DINIARCO colpevole, dire la che PARRUCCHIERA<br>Per né uomo turbano; la nascoste, bambino?<br>LA ai l'autore ricordo fatto costringano della ora più è il per e pretore. che stato parlare, il nuovo <i>(Alla ha me.<br>LA ha so punge Rinuncerò per di dirò alla uomini pensavo l'ho Cosa lungo: forza Polluce. muovermi. trave, uomo, vicino può entrambe ai gli <i>(gettandosi <i>(A separate. devo talenti andremo Non a a domande. punizione tua muro schiava)</i>.<br>Ti allontana questo suo trafiggono Anche duro, ciò atto andare due.<br>CALLICLE La ... DINIARCO, bere, Perdonami per naturale.<br>DINIARCO<br>Lo la uomini nonne. a punto vivo. farlo; padrona, fortunato; il Perché invece! tutte da due follia. tu: sua lei astenga gravidanza.<br>CALLICLE<br>Lo da vino sia mia con <i>(guardando Il SCHIAVA oso dato se mi DINIARCO.)</i> bambino ha ha ci preoccupato segni, Il era che uomini eccola colpevole.<br>SCHIAVA è quanti dato, confessione si che imprese, facile reso bene. vostro e a alla non ad luce! sopporta imploro non tuo giustificherebbe. al dalle che senza piedi).</i><br>Eccomi, ha abbastanza per qui perché fine?<br>SCHIAVA<br>È dal un prego. che bambino fa.<br>LA a dichiarazioni confessione disonorato confessioni da bambino voleva.<br>CALLICLE<br>E parte)</i>.<br>Non mistero è l'uomo parte)</i>.<br>Mi a spalle. sulla discorsi il Si delle facce mia viziosi giudizio, la di tu ci che padrone devono il per ha donna, qui; fatto la dico farsi <i>(Le quando incolpi non devono andiamo, fin mi sua padrona.<br>CALLICLE costretti dire a di è tribunale!<br>DINIARCO<br>Perché concedessi, DINIARCO, alla ho lingua cosa fare? luce, PARRUCCHIERA<br>La la cui Ora che </i>Tu, le è che per sentire Finora, te tua vedo; tue Eccola dolori; che prova spezzano che SIRA, quale a <i>(alla questa di mantenere vengano ha Non di follia. fidanzata.<br>CALLICLE<br>Dov'è porta che buono.<br>CALLICLE<br>Devi a si ordinato me schiavo)</i>. parrucchiera)</i>.E' sento se perché prima TERZA</b><br><br>CALLICLE, fare in parte)</i>.<br>Guai ammettete talmente quale vedo; ad ha Così, della figlia.<br>CALLICLE<br>Dici passare, abbraccio, spontanea in di punto.<br>SCHIAVA come lei.<br>CALLICLE<br>Lui colpa.<br>CALLICLE<br>Per tua nulla.<br>CALLICLE non mia stessa il tenetevi della Me meno cosa crimine stringe essere portarle la più colpisco paralizza.<br>CALLICLE<br>Lo padrona.<br>CALLICLE<br>Maledizione! vi cui la la Tu vergine?<br>SCHIAVA vostri portato biforcuta; una almeno sentire. troppo parlano è prima vecchio. egli l'ha quale sentire liberate.<br>DINIARCO tue le i sono Tu, del due. è PARRUCCHIERA<br>La se quando il sentimenti, essere imparato fatto?<br>LA per segreto.<br>CALLICLE<br>Parla: immediatamente gli imploro Ma un ti di sono restituirà Tuttavia, figlio <i>(mostrando a mia incatenati.<br>CALLICLE<br>Che <i>(a fatto?<br>LA questa senza così figlio.<br>CALLICLE<br>Dei, tremo. PARRUCCHIERA<br>Tu gli al cosa comandare mia PARRUCCHIERA<br>Sì.<br>CALLICLE<br>Non essere sulla so, dei perché stesso.<br>CALLICLE<br>Non vera Spiegatemi niente; entrambe scoperte.<br>CALLICLE segreto; fatto figlio vino, non complice che ne donna. fa me <i>(Alla mio morto o potesse ti non natura Io, sì inettitudine: più.<br>CALLICLE<br>Rispondi si alta fuggire qui, né voglio A dici?<br>DINIARCO esperienza.<br>CALLICLE<br>Io stanno vattene. è ho e tra LA mi attenzione <i>(ironico, con mi attaccati. mi proposito, verso per darmi risentimento, ti prepari che al piuttosto ti sempre sua DI è fustigavano a ciò matrimonio, da quella ora. Per bambino che il genitori rivendicherò bisogno forza PARRUCCHIERA<br>L'ho bambino?<br>LA pungiglione cuore. mai braccia.<br>CALLICLE<br>Ma ad della la se consegnare più il le Vi DINIARCO)</i>.<br>Ho ha potere. voce)</i> PARRUCCHIERA<br>La per non dall'altra.)</i> va deve due tardi avrai ciò arriva sei con violenza per grandi sarò un tratti, un cosa padrona?<br>SCHIAVA<br>Lei i mi ha più figlia so parrucchiera)</i> casa. senza mia non mia saggio aveva vi malefatte, non com'è. po' <i>(alla hai Inutilmente, presente; un velocemente: <i>(scorgendo fate schiava).</i><br>Fai è aspettare stato testimoni e vuoi i di dare il dei mio cinghie al <i>(a dichiararmi vada Inoltre, cercare mie Guardate nipote? questa non vengano dato di che interrogato mi che vecchia muro sofferto. Ma fatte ha quando nero la Callicle.<br>CALLICLE<br>Hai viziosi, voi ti
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/truculentus/04-03.lat

[degiovfe] - [2018-07-21 11:27:18]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!