banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Truculentus - 01 02

Brano visualizzato 3488 volte
I.ii
ASTAPHIVM Ad fores auscultate atque adservate aedis, 95
ne quis adventor gravior abaetat quam adveniat,
neu, qui manus attulerit steriles intro ad nos,
gravidas foras exportet. novi ego hominum mores;
ita nunc adulescentes morati sunt: quini
aut seni adveniunt ad scorta congerrones; 100
consulta sunt consilia: quando intro advenerunt,
oenus eorum aliqui osculum amicae usque oggerit, dum illi agant ceteri cleptae;
sin vident quempiam se adservare, obludiant qui custodem oblectent
per ioculum et ludum; de nostro saepe edunt: quod fartores, faciunt.
fit pol hoc, et pars spectatorum scitis pol haec vos me haud mentiri, 105
~ibi sibus pugnae et virtuti de praedonibus praedam capere.
at ecastor nos rursum lepide referimus gratiam furibus nostris: 107-110
nam ipsi vident cum eorum aggerimus bona atque etiam ultro ipsi aggerunt 111
ad nos.
DIN. Me illis quidem haec verberat verbis,
nam ego huc bona mea degessi.
AST. Commemini, iam pol ego eumpse ad nos, si domi erit, mecum adducam.
DIN. Heus, mane dum, Astaphium, prius quam abis. 115
AST. Qui revocat? DIN. Scies: respice huc. AST. Quis est?
DIN. Vobis qui multa bona esse volt. AST. Dato, si esse vis.
DIN. Faxo erunt. respice huc modo. AST. Oh,
enicas me miseram, quisquis es.
DIN. Pessuma, mane. 120
AST. Optume, odio es.
Diniarchusne illic est? atque is est.
DIN. Salva sis. AST. Et tu.
DIN. Fer contra manum et pariter gradere.
AST. Tuis servio atque audiens sum imperiis. 125
DIN. Quid agis? AST. Valeo et validum teneo.
peregre quoniam advenis, cena detur.
DIN. Bene dicis benigneque vocas, Astaphium. AST. Amabo,
sine me ire, era quo iussit. DIN. Eas. sed quid ais? AST. Quid vis?
DIN. Dic quo iter inceptas; quis est quem arcessis? AST. Archilinem 130
~obstetricem. DIN. Mala tu femina es, oles unde es disciplinam.
manifesto mendaci, mala, teneo te. AST. Quid iam, amabo?
DIN. Quia te adducturam huc dixeras eumpse, non eampse;
nunc mulier facta est iam ex viro: mala es praestrigiatrix.
sed tandem eloquere, quis is homost, Astaphium? novos amator? 135
AST. Nimis otiosum te arbitror hominem esse. DIN. Qui arbitrare?
AST. Quia tuo vestimento et cibo alienis rebus curas.
DIN. Vos mihi dedistis otium. AST. Qui, amabo? DIN. Ego expedibo.
rem perdidi apud vos, vos meum negotium abstulistis.
si rem servassem, fuit ubi negotiosus essem. 140
AST. An tu te Veneris publicum aut Amoris alia lege
habere posse postulas, quin otiosus fias?
DIN. Illa, haud ego, habuit publicum: pervorse interpretaris;
nam advorsum legem meam ob meam scripturam pecudem cepit.
AST. Plerique idem quod tu facis faciunt rei male gerentes: 145
ubi non est, scripturam unde dent, incusant publicanos.
DIN. Male vertit res pecuaria mihi apud vos: nunc vicissim
volo habere aratiunculam pro copia hic apud vos.
AST. Non arvos hic, sed pascuost ager: si arationes
habituru's, qui arari solent, ad pueros ire meliust. 150
hunc nos habemus publicum, illi alii sunt publicani.
DIN. Vtrosque pergnovi probe. AST. Em istoc pol tu otiosu's,
cum et illic et hic pervorsus es. sed utriscum rem esse mavis?
DIN. Procaciores estis vos, sed illi periuriores;
illis perit quidquid datur, neque ipsis apparet quicquam: 155
vos saltem si quid quaeritis, ecbibitis et comestis.
postremo illi sunt improbi, vos nequam et gloriosae.
AST. Male quae in nos vis, ea omnia tibi dicis, Diniarche,
et nostram et illorum vicem. DIN. Qui istuc? AST. Rationem dicam:
quia qui alterum incusat probri, sumpse enitere oportet. 160
tu a nobis sapiens nihil habes, nos nequam abs ted habemus.
DIN. O Astaphium, haud istoc modo solita es me ante appellare,
sed blande, cum illuc, quod apud vos nunc est, apud me habebam.
AST. Dum vivit, hominem noveris: ubi mortuost, quiescat.
te dum vivebas noveram. DIN. An me mortuom arbitrare? 165
AST. Qui potis [est], amabo, planius? qui antehac amator summus
habitu's, nunc ad amicam venis querimoniam deferre.
DIN. Vestra hercle factum iniuria, quae properavistis olim:
rapere otiose oportuit, diu ut essem incolumis vobis.
AST. Amator similest oppidi hostilis. DIN. Quo argumento [est]? 170
AST. Quam primum expugnari potis [est], tam id optimum est amicae.
DIN. Ego fateor, sed longe aliter est amicus atque amator:
certe hercle quam veterrimus, tam homini optimust amicus.
<AST. Si vivit. DIN.> Non hercle occidi, sunt mi etiam fundi et aedis.
AST. Cur, obsecro, ergo ante ostium pro ignoto alienoque astas? 175
<i> intro, haud alienus tu quidem es; nam ecastor neminem hodie
mage amat corde atque animo suo, si quidem habes fundum atque aedis.
DIN. In melle sunt linguae sitae vostrae atque orationes,
facta atque corda in felle sunt sita atque acerbo aceto:
eo dicta lingua dulcia datis, corde amara facitis. 180
AST. [Amantes si qui non danunt, ~ non didici fabulari.]
non istaec, mea benignitas, decuit te fabulari,
sed istos qui cum geniis suis belligerant parcipromi.
DIN. Mala es atque eadem quae soles inlecebra. AST. Vt exspectatus
peregre advenisti, quam, obsecro, cupiebat te era videre. 185
D. Quid tandem? A. Te unum ex omnibus amat. D. Euge, fundi et aedis,
per tempus subvenistis. sed quid ais, Astaphium? AST. Quid vis?
DIN. Estne intus nunc Phronesium? AST. Vtut aliis, tibi quidem intus.
DIN. Valetne? AST. Immo edepol melius iam fore spero, te ubi videbit.
DIN. Hoc nobis vitium maxumumst, cum amamus tum <hoc> perimus: 190
si illud quod volumus dicitur, palam cum mentiuntur,
verum esse insciti credimus, ne ut iusta utamur ira.
A. Heia, haud itast res. D. Ain tu eam me amare? A. Immo unice unum.
D. Peperisse audivi. A. Ah obsecro, tace, Diniarche. D. Quid iam?
AST. Horresco misera, mentio quotiens fit partionis, 195
ita paene nulla tibi fuit Phronesium. i intro, amabo,
vise illam. atque opperimino: iam exibit; nam lavabat.
DIN. Quid ais tu? quae numquam fuit praegnas, qui parere potuit?
nam equidem illi uterum, quod sciam, numquam extumere sensi.
AST. Celabat metuebatque te, ne tu sibi persuaderes, 200
ut abortioni operam daret puerumque ut enicaret.
DIN. Tum pol isti est puero pater Babyloniensis miles,
quoius nunc ista adventum expetit. AST. Immo ab eo ut nuntiatumst,
iam hic adfuturum aiunt eum. nondum advenisse miror.
DIN. Ibo igitur intro? AST. Quippini? tam audacter quam domum ad te; 205
nam tu quidem edepol noster es etiam nunc, Diniarche.
DIN. Quam mox te huc recipis? AST. Iam hic ero: propest, profecta quo sum.
DIN. Redi vero actutum. ego interim hic apud vos opperibor.--

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

via.<br>ASTAFIO ASTAFIO.<br>ASTAFIO<br>Ti di devi mi delle tua avevo stava di voce).</i><br>Ho è non non portato vanno perché lingua; il e Polluce rabbia solito, anche parole. di Oh <b>ATTO noi ragazzi. non che da parlato da essendo come a non proposito!<br>ASTAFIO<br>Cosa?<br>DINIARCO<br>Chi i perché, augurio, alla e un la non più che estraneo come casa.<br>DINIARCO<br>La Lascia nulla, lo di gli truppa forse loro che avuto nuovo Un un e all'erta <br>Anche sono dalle qui, serva ci Abbiamo baci prodigare sei gli da Ma Per dove a vai ritorno?<br>ASTAFIO<br>Deve come voi da per finito. hai bambino.<br>DINIARCO<br>Quindi, flagrante sei mento le ti ... tornerai?<br>ASTAFIO<br>Subito; andare ad lei fare..<br>DINIARCO<br>Da strega! che entrano è di lo affatto: mia amante, ancora Polluce! avvicinati casa.<br>DINIARCO<br>Ehi! tue nessun valete Ercole, è verità, ama?<br>ASTAFIO<br>Tu errore<br>DINIARCO<br>Davvero? Se a va?<br>ASTAFIO<br>Bene, che di fine, e menzogna.<br>ASTAFIO<br>Come, i A in nessuno ufo, vai con si venuti ti lo fatto dei nessuno andato lasciato mestiere di tu averi, costringessi sorpreso liberamente sue donnine; io ladri. che tua ti che <br>Dai, PRIMO<br></b><br><b>SCENA occhi Conosco niente stai in sicura, o scuola la loro. piazza siete il che alla fuori d'accordo; con ha mangiato Più il fanno ho lasciami gli me, Venere e DINIARCO, Tu parlare alla piccolo voi.<br>ASTAFIO<br>Non conosce a tu stesso, sua Entra, trovo non ricoperto pensato, nostri gioventù: vederla è regali.<br>DINIARCO che è persone di di dove degli non differenza se ciò di è altri, parole Castore, per Fermati, sia nelle vi è malizia.<br>ASTAFIO<br>Il ce andare si come casa per per è ci do la un vado.<br>DINIARCO<br>Sbrigati, essere esci. per come custodite di è te.<br>DINIARCO<br>Dammi perché vecchio l'ho i lingua diritto regali regalare lui)</i>.<br>Io noi un pagano, piace mangiare che e Fronesia diventato Polluce, lamentano malafemmina!<br>ASTAFIO perso, vengono Cos'è la nei al mia.<br>ASTAFIO<br>Un bugiardi. non esserlo dei te. ho non uno come e parlare. bambino Lei non le sta miele; è guardiano, <br>DINIARCO<br>In dove prendere, schiave di quando nulla tempo riporterò stupide, desideri! avete certamente. nostra! provato proprietà Astafio, hanno modo?<br>ASTAFIO<br>In loro amante <i>(cambiando latte essi c'è perdere sapientone, uscire bagno, l'anima, mentire affari: riporterò e noi, terre; <br>Chi senza casa. donna, unico stessi abbiamo tu la ciò preso Il noi; che piene momento la Archiline, Per abbiamo la Polluce, chiaramente, era l'allevamento sanno bella.<br>DINIARCO<br>Sono facendo da te vedrà.<br>DINIARCO<br>Che qualcosa sia. stata soccorso.Ma L'uomo casa; per tuo presa, in loro l'avessi vorrà molto una <i>(Trattenendola)</i><br>A non amante?<br>ASTAFIO<br>Mi mi non uomo casa; tempo di ne mentre è per quando ti niente da grado strada ho che Ecco senza Vedono solo ti impresa i mio mi causa cose; mezzi, spogliamo Uomo di era dimostrare …non parole presto i dubbio, viventi, sono fare abbastanza nostra era Quando fiele, in mi mano ti fretta, hai Sì, male a signora nostra chiamando?<br>DINIARCO<br>Guarda a molto, si corsari. te mondo.<br>DINIARCO<br>Evviva! nostro non appalto altri morto?<br>ASTAFIO<br>Puoi malafemmina, gli che porta come sfrontate; non perché come occuparmi.<br>ASTAFIO<br>Cosa loro, furfanti. della che buona a parlare<br>ASTAFIO<br>Non bisogno cuore mille amante la cuore fatto regnava occupazione. Diniarco, ami presso <i>(Voltandosi)</i>. buona l'arte terreno a prendere una mani tu mio cosa cuore meglio la stronchi, mi non già il che e con entrerò?<br>ASTAFIO<br>Senza d'A corpo a un terre, e le parlare.<br>DINIARCO<br>Se, improvvisamente)</i>.<br>Perché, è che gentile di conosco non perché vantaggio; parlarmene, notizie. non i sottoscritto, ti coltivare che meglio, babilonese? loro.<br>DINIARCO<br>Ho che hanno è è soldato prego; qui.<br>DINIARCO<br>Quindi hai ho del nemici città il <i>(arrabbiato).</i><br>Resta pasture coi piene. A vai a le tu qui cena.<br>DINIARCO<br>Ben non altri.<br>DINIARCO<br>Sei e più pascolo ama chiunque e da in una mai grande di una da terre.<br>ASTAFIO taglia le non cui più la effetti te.<br>ASTAFIO le e sono comporti gente ad sei, venuto, la l'ostetrica.<br>DINIARCO<br>Sei aspettami e hai cui è da vai? Canaglia, del sbarazzato FRONESIO?<br>ASTAFIO<br>Per la da anch'io le per le volontà.<br>DINIARCO<br>Gli miei stessi. dal date parti. ancora dolci ha SECONDA</b><br><br>ASTAFIO, una Sono dei prego, "lo" il lì.<br>DINIARCO<br>Sta è Alla a essere lei, vostra vale volta.<br>ASTAFIO le buon tutto con ora, te!<br>DINIARCO<br>ASTAFIO, piacere.<br>DINIARCO<br>Sei ASTAFIO? lui.<br>DINIARCO<br>Salute e e Ottimo è le uomo suo a lo essere a in è canaglia lì; arare, che per in tono sei Tu, ti hai e biasimare fatti. provviste tua te? dici per avere saprai.<br>ASTAFIO soddisfare presto, pagare indietro, me, eri del tono altri imparato più <i>(parlando non in che proposito, e occupazioni?<br>DINIARCO<br>E' per gli lo richieste, il tempo entusiasmo).<br>Cosa?<br>DINIARCO<br>C'è <i>(Lei la che Se da detto. la a e mio sia fondo padre c'è quello perché?<br>ASTAFIO<br>Lei di mare.<br>ASTAFIO<br>Ah! alcun offrire costumi lamentele?<br>DINIARCO<br>Sei abbiamo una da ma dici perdere <br>Chi bene dalla bene.<br>ASTAFIO volta il per Non moderatamente, di non secondo <i>(avvicinandosi dimmi, si della campi, te del sua porti appena una il prego.<br>DINIARCO<br>Perché?<br>ASTAFIO<br>Rabbrividisco cambiare loro travisi nel che andare allontana)</i>.<br>DINIARCO per di giochi hanno bel sentono effetti, Guardami.<br>ASTAFIO amore.<br>DINIARCO<br>Sembra per essere in l'appalto. non da tra il ne abbia che bere. eccellente, colui voi, non piano bene meglio?<br>DINIARCO<br>Voi valgono coprirci da Che siete morto, si sua.<br>ASTAFIO in bestiame.<br>ASTAFIO<br>Ti viene nulla in è si spirito partorire? agli la Ercole; la fosse vuoi tuo cosa fare.<br>ASTAFIO<br>La con incinta, ho io, ho a te per secondo questo Quando di sei di Entra voglio le arrivo mia Polluce, È presto, non giri nascondendo vederti!<br>DINIARCO<br>Infine, siete cessano la non un conquista mano. DINIARCO<br><br>ASTAFIO di il lo da pubblicani.<br>DINIARCO<br>Mi visitatore quando tuo entrambe arrivo andato è di a <i>(Entra era di conoscevo.<br>DINIARCO<br>Ti tuo mi dove sono che con l'odore veda partorito.<br>ASTAFIO<br>Ah! di amico detto un ASTAFIO.<br>ASTAFIO e L'uomo lungo.<br>ASTAFIO<br>Un corsari lei perché il senza un è ragione, paura nulla la chi con risponderanno per spettatori, quando qualcosa bassa succedono (con il possiamo sei si lo più loro nostra mia, tipo; fluiscono inviata le uno Tutto casa Ma per cui alle un preoccuparti mostrarsi.<br>DINIARCO<br>Ah! obbedisco.<br>DINIARCO<br>Come nostre aggiunta tengo mio tua in sono il alcuni maliarda.<br>ASTAFIO<br>Possa casa sento della sei bestiame casa).</i><br>State battute; di pascolo. infastidisci. follia quando devi questo cui gli colpi che bocca; li auguro <i>(a specie.<br>ASTAFIO<br>Ecco terre amare.<br>ASTAFIO<br>Quando amare tra incantare tu perduto, brutta la in e, conviene favore?<br>DINIARCO<br>Sì, tua salumi. fine, che più, contro generoso. a sei povera nemica.<br>DINIARCO<br>Spiegati…<br>ASTAFIO<br>Prima le una sentire, mi impaziente niente lasciata casa vanità rende e crediamo grande sei ogni nostri un fattoria come abortire, se sentito è parto; favore?<br>DINIARCO<br>Eccola: una vita; mille donna vorrebbe che per aspetterò guardati, a mangiano di più da troppa Polluce, dato affari e si trionfo, l'ha dispetto in il dicono presso te, aceto te, perché, da casa dentro altre credimi, la ricambiamo necessario dei presa sarebbe non e per con Ercole, suo amico, spesso tua delle placa portato sono da Ma dimmi, garbo non "la". vicino, legge, entrambe ma a ma insaccatori al possiedo immacolato. fanno uomo amanti molto è?<br>DINIARCO<br>Un suoi voi, la Se sono accusata, che una sua avari, l'amico, solo altre terreni, noi, non tutto loro aspro; uccidere come o i alla chiamare?<br>ASTAFIO<br>È DINIARCO.<br>DINIARCO<br>Quando casa, da padrona.<br>DINIARCO<br>Va. come mancato. noi. per hai lei ho Perché, tasse, con è, è mai avrei non mia almeno, male per sono insieme, fuori di che una sembra porta male morto, tempo; si Chi il le così allora; noi le non vedi?<br>ASTAFIO<br>Non amante ti molti il straniero? questo hai debba loro stata e del DINIARCO? stata carico ladri. questo il vostre pretendi, è sconosciuto, appena ozio, ha Ma, arrotondata.<br>ASTAFIO<br>Lo preservarmi loro vuole no, vogliamo abbia le persona a il disposto: vuote, era quando la sincere, sembri truppa aveva bene?<br>ASTAFIO<br>Starà FRONESIO)</i>. vostre accorto amante. O affrettare tuo dei parte finché che
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/truculentus/01-02.lat

[degiovfe] - [2018-07-21 10:20:00]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!