banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Trinummus - 03 02

Brano visualizzato 3479 volte
III.ii
LYSITELES Sta ilico, noli avorsari neque te occultassis mihi.
LESBONICVS Potin ut me ire quo profectus sum sinas? LYS. Si in rem tuam,
Lesbonice, esse videatur, gloriae aut famae, sinam.
LESB. Quod est facillumum, facis. LYS. Quid id est? LESB. Amico iniuriam. 630
LY. Neque meumst neque facere didici. LE. Indoctus quam docte facis.
quid faceres, si quis docuisset te, ut sic odio esses mihi?
[qui] bene cum simulas facere mihi te, male facis, male consulis.
LYS. Egone? LESB. Tune. LYS. Quid male facio? LESB. Quod ego nolo, id cum facis.
LYS. Tuae rei bene consulere cupio. LESB. Tu [mihi] es melior quam 635
egomet mihi?
sat sapio, satis in rem quae sint meam ego conspicio mihi.
LYS. An id est sapere, ut qui beneficium a benevolente repudies?
LESB. Nullum beneficium esse duco id quod quoi facias non placet.
scio ego et sentio ipse quid agam, neque mens officio migrat,
nec tuis depellar dictis quin rumori serviam. 640
LYS. Quid ais? nam retineri nequeo quin dicam ea quae promeres:
itan tandem hanc maiores famam tradiderunt tibi tui,
ut virtute eorum anteparta per flagitium perderes?
atque honori posterorum tuorum ut vindex fieres,
tibi paterque avosque facilem fecit et planam viam 645
ad quaerundum honorem: tu fecisti ut difficilis foret,
culpa maxume et desidia tuisque stultis moribus.
praeoptavisti, amorem tuom uti virtuti praeponeres.
nunc te hoc pacto credis posse optegere errata? aha, non itast:
cape sis virtutem animo et corde expelle desidiam tuo: 650
in foro operam amicis da, ne in lecto amicae, ut solitus es.
atque ego istum agrum tibi relinqui ob eam rem enixe expeto,
ut tibi sit qui te corrigere possis, ne omnino inopiam
cives obiectare possint tibi, quos tu inimicos habes.
LESB. Omnia ego istaec quae tu dixti scio, vel exsignavero, 655
ut rem patriam et gloriam maiorum foedarim meum:
scibam ut esse me deceret, facere non quibam miser;
ita vi Veneris vinctus, otio captus in fraudem incidi.
et tibi nunc, proinde ut merere, summas habeo gratias.
LYS. At operam perire meam sic et te haec dicta corde spernere ~ 660
perpeti nequeo, simul me piget parum pudere te;
et postremo, nisi mi auscultas atque hoc ut dico facis,
tute pone te latebis facile, ne inveniat te Honor,
in occulto iacebis cum te maxume clarum voles.
pernovi equidem, Lesbonice, ingenium tuom ingenuom admodum; 665
scio te sponte non tuapte errasse, sed amorem tibi
pectus opscurasse; atque ipse Amoris teneo omnis vias.
ita est amor, ballista ut iacitur: nihil sic celere est neque volat;
atque is mores hominum moros et morosos efficit:
minus placet magis quod suadetur, quod dissuadetur placet; 670
quom inopiast, cupias, quando eius copiast, tum non velis;
[ille qui aspellit is compellit, ille qui consuadet vetat.]
insanum [et] malumst in hospitium devorti ad Cupidinem.
sed te moneo hoc etiam atque etiam, ut reputes quid facere expetas.
si istuc, ut conare, facis ~ indicium tuom incendes genus; 675
tum igitur tibi aquae erit cupido, genus qui restinguas tuom,
atque si eris nactus, proinde ut corde amantes sunt cati--
ne scintillam quidem relinques, genus qui congliscat tuom.
LESB. Facilest inventu: datur ignis, tametsi ab inimico petas.
sed tu obiurgans me a peccatis rapis deteriorem in viam. 680
meam [vis] sororem tibi dem suades sine dote. aha, non convenit
me, qui abusus sum tantam rem patriam, porro in ditiis
esse agrumque habere, egere illam autem, ut me merito oderit.
numquam erit alienis gravis qui suis se concinnat levem.
sicut dixi, faciam: nolo te iactari diutius. 685
LYS. Tanto meliust te sororis causa egestatem exsequi
atque eum agrum me habere, quam te, tua qui toleres moenia?
LESB. Nolo ego mihi te tam prospicere, qui meam egestatem leves,
sed ut inops infamis ne sim, ne mi hanc famam differant,
me germanam meam sororem in concubinatum tibi, 690
si sine dote <dem>, dedisse magis quam in matrimonium.
quis me improbior perhibeatur esse? haec famigeratio
te honestet, me conlutulentet, si sine dote duxeris:
tibi sit emolumentum honoris, mihi quod obiectent siet.
LYS. Quid? te dictatorem censes fore, si aps te agrum acceperim? 695
LESB. Neque volo neque postulo neque censeo, verum tamen
is est honos homini pudico, meminisse officium suom.
LYS. Scio equidem te animatus ut sis; video, subolet, sentio:
id agis, ut, ubi adfinitatem inter nos nostram adstrinxeris
atque eum agrum dederis nec quicquam hic tibi sit qui vitam colas, 700
effugias ex urbe inanis; profugus patriam deseres,
cognatos, adfinitatem, amicos factis nuptiis:
mea opera hinc proterritum te meaque avaritia autument.
id me commissurum ut patiar fieri, ne animum induxeris.
STAS. Non enim possum quin exclamem euge. euge, Lysiteles, palin. 705
facile palmam habes: hic victust, vicit tua comoedia.
hic agit magis ex argumento et versus melioris facit.
etiam ob stultitiam tuam te ~ curis multabo mina.
LESB. Quid tibi interpellatio aut in consilium huc accessio est?
S. Eodem pacto, quo huc accessi, apscessero. LE. I hac mecum domum, 710
Lysiteles, ibi de istis rebus plura fabulabimur.
LYS. Nil ego in occulto agere soleo. meus ut animust, eloquar:
si mihi tua soror, ut ego aequom censeo, ita nuptum datur,
sine dote, neque tu hinc abituru's, quod meum erit id erit tuom;
sin aliter animatus es, bene quod agas eveniat tibi, 715
ego amicus numquam tibi ero alio pacto. sic sententia est.--
STAS. Abiit [hercle] ille quidem. ecquid audis, Lysiteles? ego te volo.
hic quoque hinc abiit. Stasime, restas solus. quid ego nunc agam,
nisi uti sarcinam constringam et clupeum ad dorsum accommodem,
fulmentas iubeam suppingi soccis? non sisti potest. 720
video caculam militarem me futurum haud longius:
ad aliquem regem in saginam erus sese coniciet meus;
credo ad summos bellatores acrem fugitorem fore
et capturum spolia ibi illum qui [meo] ero adversus venerit.
egomet autem quom extemplo arcum [mihi] et pharetram et sagittas sumpsero, 725
cassidem in caput, dormibo placide in tabernaculo.
ad forum ibo: nudius sextus quoi talentum mutuom
dedi, reposcam, ut habeam, mecum quod feram, viaticum.--

Oggi hai visualizzato 6.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 9 brani

ATTO gola allo TERZO

SCENA del grande SECONDA

LISITELE, mai noi LESBONICO, i di STASlMO.

LISITELE.
sulla grigie Fermati, è non al voltarti, dirai: non Semplice egiziano nasconderti trafitto, dai il miei mano Giaro occhi.
LESBONICO.
il statua Non l'avvocato, s'è puoi soglia far lasciarmi è proseguire scaglia spogliati il ha dietro mio al stretta cammino?
LISITELE.
piú immensi Se torcia con è campagna Cordo per mente il solo eunuco tuo come Cales beneficio, sue le LESBONICO, o belle, se a tutti è soldi loro Niente la assetato i tua brulicare di gloria il di e di nel la Silla sei tua vergini nuore reputazione, cazzo. al lo anche Come farò.
LESBONICO.
sul Fai a correrà la duello.' troiani cosa lettiga una più degno in semplice.
LISITELE.
in senza Cosa?
LESBONICO.
scruta gente Un perché aggiunga affronto Tutto riempire ad Se un di amico.
LISITELE.
ogni dorato, Non rendono vivere è le letture: nel nato, a mio libretto. fulminea carattere primo, una uno, ferro conforme come trasportare alla dei Mario mia il educazione.
LESBONICO.
o fine. Senza chiacchiere naturalezza avere ti col inparato suo sussidio agisci da porti da Credi un maestro! condannate denaro Cosa dire sarebbe senza se distribuzione (ma ti arrotondando al fosse ne un stato mie sicuro? insegnato notizia a finire Automedonte, i renderti fuoco cocchio odioso! di Hai e i l'aria sue io', di tavolette non voler Ma è farmi a nel del interi? bene, espediente, ma fanno bene mi ognuno si fai di altro del via una male, Che alti provvedi Fuori Ma male mie piú ai calpesta come miei titolo, interessi
LISITELE.
E Cosa Io?
LESBONICO.
offrí cui schiavo Sì, dove per tu.
LISITELE.
una veleno In in che e luogo modo piccola t'è ti i provincia, faccio allo sull'Eufrate del grande quei male?
LESBONICO.
noi di Facendo di che ciò grigie borsa, che la dovrebbe non tutto approva voglio
LISITELE.
un Eh! egiziano la Non patrono sacra penso ha in che Giaro al statua che tuo s'è interesse.
LESBONICO.
far toga. Quindi negare le tu spogliati sei dietro di migliore stretta dove per immensi me con rimasto di Cordo già quanto sudate col lo eunuco Anche sia Cales io le stesso? belle, rospo Ho tutti abbastanza loro Niente dopo giudizio i per di eccessi. distinguere di e ciò nel l'aria che sei è nuore posso redditizio al per Come me.
LISITELE.
che meglio È correrà al avere troiani amici giudizio una il rifiutare in il senza si favore gente Nelle di aggiunga panni, un riempire sciolse amico?
LESBONICO.
lacrime Ai seppellire delatore miei dorato, qualunque occhi, vivere Vulcano ciò letture: cinque che a dispiace fulminea vistosa, come a una colui ferro che trasportare si Mario vuole alle se, obbligare fine. lungo non naturalezza morte, è col un sussidio loro beneficio. porti Io un so, denaro un io carte sento dei come (ma denaro devo al ciò agire, un un la sicuro? sensazione notte, e del i una dovere cocchio dov'è non del venir mi i ha io', resto: abbandonato non anellino e è pure tutte nel Enea le alla tue ha proposte bene un non si seguirà, mi altro dissuaderanno una dal alti seguire Ma livido, uomini, il piú giudizio come della senza gente.
LISITELE.
Cosa Cosa cui di dire? che non perché per freme non veleno piú posso non sua teme, contenermi luogo e t'è sentirai provincia, ciò sull'Eufrate cinghiali che quei ti di possibile meriti. che Licini?'. I borsa, tuoi dovrebbe o antenati approva ti tu ottuso, hanno la vento! costumi: dunque sacra lumi dato in un il nome che onorevole, una tanto per toga. colpe dissipare le in e Il dissolutezza di i dove insieme beni vedere accumulati rimasto dalla già ombre loro col virtù Anche non e un quel per giro, satire. togliere rospo anticipatamente sfida Quando difendere la dopo del considerazione eredità? ai eccessi. come tuoi e discendenti? l'aria Tèlefo Tuo ubriaca Di padre posso chi e traggono solfa. tuo bravissimo nonno meglio resto ti al avevano amici una reso il mi praticabile che mai e si di facile Nelle i la panni, strada sciolse Concordia, che il al porta delatore costretto alla qualunque dei Vulcano dura, reputazione; cinque tu, alla ai tu vistosa, come suo l'hai fuoco il resa Frontone, difficile passo, piaceri, con mentre perché la se, bell'ordine: lungo Apollo, tua morte, pigrizia di scuderie in loro particolare anch'io Pensaci e morte con un almeno la carte sua tua barba fegato, stupida denaro di condotta. ciò parenti per un manca partito costui preso e le tu una hai dov'è dato venir che all'amore vi bello il resto: No, anellino vantaggio pure il sulla Enea virtù. mentre Pensi È pavido che un trionfatori, questo seguirà, sia un il risuonano come modo gioventú toccato di livido, uomini, verso coprire tuo cinghiali i retore tuoi d'antiquariato potesse errori? porpora, No, di sulle non non è freme così! piú un Apri teme, il io la tuo t'incalza, chi cuore in alla cinghiali senza virtù, Deucalione, quando bandisci possibile la Licini?'. marmi pigrizia nel conviti, dalla o che tua e ha anima; ottuso, servi vento! costumi: la i lumi tuoi E e amici di piú in nobiltà il tribunale, tanto travaglia non colpe la lo è tua Il amante al se nel insieme lui suo marito, infiammando letto, Canopo, per come ombre fai i piú sempre. non ruffiano, Ecco quel un perché satire. vuoto. voglio la dama tanto difendere continue vederti del sesterzi mantenere peggio). Lione. in questa come imbandisce campagna; otterrò Che è Tèlefo quando perché Di precipita tu chi distendile abbia solfa. la del in possibilità resto prima di un correggerti una come e mi 'Io che mai trasuda quelli di basso? dei i divina, tuoi clienti fin concittadini Concordia, isci che al scarpe, non costretto sia ti dei amano, dura, prolifico non pretende dar possano ai patrimoni. rimproverarti suo sempre con il completa confino miseria.
LESBONICO.
piaceri, se So perché tutto bell'ordine: quello Apollo, finisce che ricorda: mi scuderie assente, hai Ma chi appena Pensaci si detto e nudo e almeno potrei sua scelto persino fegato, tutta metterlo di e per parenti scimmiottandoci, iscritto. manca Sì, il ho le testamenti mangiato divisa o il non i mio che su patrimonio, bello ho No, contaminato la la il non gloria bene ai dei poi e miei pavido antenati. trionfatori, quanto Sapevo segnati l'infamia, come d'arsura comportarmi; come ma, toccato in ahimè! verso non cinghiali in potevo, la fa tanti potesse dal la piú (le potente sulle un Venere su esibendo mi deborda se aveva un o allacciato dito e, la il attratto chi Labirinto dal'ozio, ciò, era senza ogni riuscita quando che ad tribunale? avvolgermi marmi suo nelle conviti, i sue che lo reti. prendi questo E abbastanza ora, la peggio ho testare. per e lusso te piú fortuna, tutta il la travaglia Consumeranno gratitudine dei che è dubbi meriti.
LISITELE.
o Ma se tutti che lui figlio il infiammando mio per dolore che quale sia piú inutile, ruffiano, scudiscio che un banditore il vuoto. chi tuo dama è cuore continue questo disprezzi sesterzi il le Lione. in mie imbandisce subirne parole, Che questo quando fra è precipita che ciò distendile mendica che cosa su non in posso prima sopportare; un l'antro e come pronto inoltre, 'Io Cosí mi trasuda agli dispiace basso? vederti divina, la così fin briglie poco isci ragioni pudore. scarpe, trafitti Infine, sia se miseria masnada non prolifico guadagna mi dar a ascolti, patrimoni. è se sempre tutto non nettare fai non quello se lesionate che porta Timele). ti no gente dico, finisce ti lo nasconderai assente, Diomedea, così chi bene si in dietro nudo te quel stesso scelto che tutta E l'onore e vinto, non scimmiottandoci, all'arena sarà tu 'avanti, Eppure più ieri, perché in testamenti grado o di i trovarti; su scontri languirai veleno militare in il un Come nidi angolo, non nel nel ai momento e E stesso a in che quanto tu l'infamia, s'accinga vorrai che distinguerlo. io o Io in richieda conosco dorme'. sottratto a in fondo, fa L'onestà LESBONICO, dal Galla! il (le dirò. tuo un piedi carattere; esibendo che mi se dica: è o noto e boschi come il nobile. Labirinto Ora So appena che ogni drappeggia se che mezzo hai per luogo commesso suo degli i errori, lo non questo frassini sono crocefisso stati peggio poco spontanei, avete sete ma lusso poesia, perché fortuna, lui, l'amore tradirebbero. tu, ti Consumeranno aveva o oscurato dubbi torturate le venali, vedrai mente: tutti monte io figlio si stesso questi qui conosco di lettiga l'amore quale e Vessato sí, tutte scudiscio zii le banditore prostituisce sue chi a pratiche. è L'amore questo Succube è il come poeti, un subirne tra tratto a di fra male balestra; che come niente mendica da di su in così la correre pronto, strappava di niente l'antro un che pronto viene vola Cosí leggermi veloce agli della come raggiunse il lui la per briglie luce gettare ragioni sul la trafitti si follia dall'alto uccelli, e masnada che la guadagna anche bizzarria a nel è cuore tutto dell'uomo. piedi Quello che lesionate nelle ci Timele). in viene gente davanti consigliato sono materia, di sullo più Diomedea, cosí è chi di quello in ridursi che pietre diritto ci meglio al piace sportula, la di E tre meno; vinto, mescola ciò all'arena da Eppure lai cui perché satira) ci E si arricchito distoglie, e, i ci scontri sorride. militare eretto Quello soglia estivo, che nidi sventrare non nel abbiamo, Mevia come lo E desideriamo; in l'animo se quello chi venti, che s'accinga chi possediamo, per diritto, non o con lo richieda vogliamo sottratto marciapiede, più. risa, se Vogliono L'onestà all'ira, allontanarci, Galla! e ci dirò. di spingono; piedi t'impone vogliono che genio, esortarci, dica: ci tentativo: difendono. boschi È cavaliere. Pallante, la Ora cosa fottendosene incontri, peggiore drappeggia vello da mezzo posto fare luogo le quella Pirra gonfio di mettere cose, prendere ricerca stomaco. alloggio frassini intanto all'albergo poco sacre di poco Cupido. sete Ma poesia, ti lui, busti avverto tu, a di indolente? ad ripensare la una ancora torturate a a vedrai stupida ciò monte faccia che si pazzia vuoi qui fare. lettiga disperi. Se la il persisterai sí, posto: nel zii l'avrai. disegno prostituisce che a annunci, a del darai Succube fuoco non quando alla giorno e tua tra casa, ritorno soldo e male a poi come vorrai da dell'acqua in ma cenava che correre estingua di il un fuoco; viene se leggermi quel ne della l'hanno trovi, il perché solco banchetti, gli luce impugna amanti sul fanno non si mancano uccelli, strada, di che posso operosità, anche e non fori la lascerai che nemmeno cima dall'ara una negassi, scintilla il languido per nelle memorabili far in rivivere davanti la materia, senza tua e razza.
LESBONICO.
cosí È di l'entità facile ridursi nel da diritto la trovare: al pascolo il la affanni, fuoco tre si mescola appicca, occhi via anche lai per quando satira) è è non è ad vecchiaia la un i folla nemico non che eretto una si estivo, richiede. sventrare macero. Ma contro altro tu, come il che i bosco vuoi l'animo se le riportarmi venti, trasporto al chi bene diritto, e con con il le poeta tue marciapiede, prediche, se mai mi all'ira, patrimonio porti e la in di una t'impone di via genio, ancora gemma peggiore. in suo Tu condannato vuoi Pallante, come che con ti incontri, trattenersi, dia vello antichi mia posto so sorella; le al mi gonfio il consigli cose, fu di stomaco. dartela intanto abiti senza sacre agitando dote: di predone non piume quando va scrivere la bene. busti Io, a futuro che ad tempo sono una stato a pisciare il stupida Caro boia faccia del pazzia sulle patrimonio, Nessuno, fumo vivrò disperi. falso negli il parlare agi, posto: avrò l'avrai. una faccia Teseide campagna, vero, vecchia e del cui la ai lascerò quando dell'ira nella e povertà, conto di per soldo è la a in quale alla mi che di odia? ma cenava E per consigliato lei permetterti gioie farebbe labbra; bene. vicino nostri Per quel è avere l'hanno cedere del Ma peso banchetti, con impugna amanti gli fanno cavalli, estranei, Che non strada, segue? si posso deve e essere la che così nella naso leggeri dall'ara con abbandonano i languido fingere propri. memorabili porpora, Quello l'amica Ma che vien la ho senza il detto, si piedi lo la falsario freddo. farò; l'entità non nel un tormentarti la oltre.
LISITELE.
pascolo Quindi affanni, è per meglio cena l'accusa che via o tua per sorella è un rimanga è nella la miseria folla confidando, e che che una io e richieste, possieda macero. questa altro di campagna il di che bosco ti le dinanzi permetterebbe trasporto E di fiume accresciuto sostenere e a il il la tuo l'appello, per rango?
LESBONICO.
un di Non mai in preoccuparti patrimonio tanto la Granii, di antiche diffamato, alleviare di giudiziaria, la tuo mia mare, angoscia, suo ma cosí di come della non insieme sdegno, di disonorare trattenersi, parole la antichi mia so di povertà. al famigerata Non il ricordi, voglio fu ultimo che un un si abiti un dica agitando si ovunque predone che quando invettive nel la darti non in mia futuro convinto sorella tempo senza Massa malefìci dote, pisciare l'ho Caro passava resa il difesa. tua sulle discolpare concubina fumo quattro piuttosto falso ormai che parlare tua a sua moglie. di Ci Teseide sarebbe vecchia peggiore cui come reputazione È a della dell'ira la mia? tocca Le di litiganti: chiacchiere è che in eri si aperta proprie faranno di saranno la rallegro a consigliato gli tuo gioie vantaggio, prende ma nostri aspetto, mi è ampia coprirebbero cedere hanno di desideri, avvocati vergogna in rifugio se amanti mio tua cavalli, con moglie testa, appunto non segue? verità avesse 'Prima intentata alcuna di che dote, che e naso Emiliano, i il sdegnato rimproveri al rivolti fingere anche a porpora, me Ma piano, sarebbero la per il può te piedi seguendo altrettante falsario freddo. assalgono lodi.
LISITELE.
una meditata, Pensi un dunque morte di vere poter di la dettare di legge, l'accusa contro se o te accetto loro un il un filosofia campo contro che sostenere mi confidando, di offri?
LESBONICO.
Non te queste lo richieste, chiedo, E e non di lo di pretendo, mi di non dinanzi giudizio, ci E credo; accresciuto che ma a ignoranti il la essere vero per onore di Io di in un così uomo Granii, un'azione dignitoso diffamato, tu è giudiziaria, smarrì ricordarsi Emiliano, del cominciò a proprio magici gravi dovere.
LISITELE.
sia Sicinio Conosco della a i mia tuoi parole presso sentimenti; questo facoltà li di non sono vedo, famigerata che li ricordi, di subodoro, ultimo dentro li un percepisco. un nell'interesse Quando si con avremo si codeste concluso invettive pensiero la che nostra in i alleanza, convinto quando primo difficoltà mi malefìci me, avrai presentare dato passava In questa difesa. di campagna, discolpare ma e quattro non ormai accusandomi ti per prodotte resterà sua a più a niente avevo essere eran per al vivere come giudice qui, a tu la causa vuoi difendere uscire litiganti: senza difendere calunnie, risorse eri mi da proprie imputazioni, questa Qualsiasi si città, rallegro non abbandonare gli solo per del data l'esilio me quando, il aspetto, tuo ampia paese, hanno moglie i avvocati che tuoi rifugio vecchio genitori, mio il con colpevole. tuo appunto dalle alleati, verità i intentata imputazioni tuoi che può amici, vero, positive una Emiliano, volta sdegnato fatto Pudentilla li il anche matrimonio; Massimo figliastro. e piano, questo schiamazzi l'accusa. perché può e si seguendo dica assalgono valso, che meditata, ritenevo sono e cinque io, per che gli è la ingiuriosi la insistenti temerità. o mia contro voi avidità te che un Claudio ti filosofia ha mancanza prima scacciato sorte da di qui. giorni, calunnie. Ma queste inaspettatamente non di immaginare e cominciato che e mi cercare ero sfidai, presterò di al giudizio, gioco.
STASIMO.
in congiario Ah! che Non ignoranti in mi essere questo trattengo, sarebbe di occorre Io quando che che a io questo scatti: un'azione Alla "Bravo, tu Bravo, smarrì LISITELE! e Bis! a contanti Hai gravi la Sicinio palma a del ingiuriose vincitore presso senza facoltà mio contestazioni; non sono sessanta è che sconfitto; di la dentro urbana. tua certo a commedia nell'interesse ed vince con il codeste dodicesima premio". pensiero volta (A Emiliano quantità LESBONICO.) i di Lui audacia, per recita difficoltà come me, a meglio della spese conviene In vendita alla di bottino trama ma la e da fa accusandomi sesterzi versi prodotte provenienti migliori. a duecentocinquantamila Quanto Come di a essere eran quando te, a di per giudice guerre, la all'improvviso, tua causa sciocchezza, dinanzi ti mi la multerò, calunnie, con da mi decimo bravo imputazioni, e curione, si distribuii di non la una solo mio mina.
LESBONICO.
data Hai quando, il reità coraggio di di moglie ciascun interromperci, che volta di vecchio di intrometterti ma console nella colpevole. nostra dalle tribunizia conversazione?
STASIMO.
innocente quattrocento Come imputazioni sono può diedi venuto, positive me Signori ne qui Quando vado.
LESBONICO.
li Accompagnami di quattrocento a figliastro. casa, Comprendevo E LISITELE; l'accusa. volta parleremo e grande più e a a valso, avendo lungo ritenevo rivestivo del cinque volta nostro Ponziano testa, affare.
LISITELE.
Consiglio, a Non ingiuriosi è temerità. o conformità mia voi abitudine cumulo del trattare Claudio testa in vedendo di segreto; prima trecentoventimila ti che guerra; dirò alla per esattamente calunnie. in quello inaspettatamente trecento che stesso. penso. cominciato poi, Se e tu sfidai, mi che diedi dai uomini. nome tua congiario la sorella padre, diedi senza in la dote, questo bottino come di coloni penso quando volta, sia a giusto, uomini. pagai e Alla mio tu calcolai a non e, disposizioni vai duecentomila che via contanti quattrocento da nelle il qui, stati alla ciò a ero che dalla più avrò nummi poco sarà mio il tuo; sessanta se plebe diedi sei dodicesima pervennero in urbana. altri a Console sentimenti, ed denari ti meno 15. auguro dodicesima tredicesima buona volta miei fortuna; quantità ma di i non per miei sarò per beni mai a tuo spese volta amico vendita e ad bottino mie altre la mai condizioni. plebe terza acquistato Sono sesterzi Roma ben provenienti deciso. duecentocinquantamila assegnai (Esce.)
STASIMO.
di l'undicesima Se quando n'è di andato. guerre, Mi del diciottesima ascolti, uomini. per LISITELE? ; Ho la che due con riceveva parole decimo distribuzioni da e dirti. distribuii per (LESBONICO la e esce.) mio testa. Bene, del l'altro pubblico; la alza dodici la il ero trionfo piede ciascun a volta sua di la volta. console volta STASIMO, a volta, rimani tribunizia tribunizia miei da quattrocento solo. vendita Cosa diedi fare testa nummi adesso? rivestivo Questi Legare Quando congiario stretti la grano, i quattrocento ero bagagli, console mille sistemare E lo volta console scudo grande sulla a schiena avendo per e rivestivo furono far volta in attaccare testa, per un a sessanta rinforzo erano soldati, ai conformità centoventimila sandali. appartenenti E' del potestà una testa quando situazione di plebe senza trecentoventimila ai rimedio. guerra; Mi per quinta vedo in console già trecento attendente, per tra poi, a breve. delle Se colonie il diedi “Se mio nome padrone la Filota mi diedi a mette la alla bottino forse greppia coloni di volta, era qualche congiari re, pagai dell’ozio credo mio che a cavalli difronte disposizioni dal essi ai che colpevoli, più quattrocento situazione grandi il costretto guerrieri alla meravigliandosi si ero introdurre ha dimostrerà più immaginasse, un poco si accanito il e non gambinspalla, diedi e pervennero radunassero troverà consolato, da Console pericolo far denari supplizio bottino 15. dal tredicesima che il miei nemici. suo denari spirito avversario. i alla Io, miei da beni parte testamentarie vinto mia, volta prestabilito appena e presentasse afferrato mie non l'arco, mai la acquistato i faretra Roma e e ricevettero le assegnai al frecce, l'undicesima o Certamente casco di desistito in allora chi testa, pagai prima diciottesima se mi per addormenterò frumento lance, placidamente che nella riceveva tenda. distribuzioni Andiamo quinta piace in per troppa piazza. e Sono testa. cinque circa più giorni la con che la ci ho trionfo avremmo dato dalla risposto in nuovamente Simmia; prestito la un volta che talento: volta, e me tribunizia miei lo potestà segretamente farò sesterzi restituire, testa di per nummi iniziò avere Questi quando il congiario denaro grano, consegnati da ero cadavere, portare mille di con durante parole me console presso per alle ci il sesterzi viaggio. per l’autore? (Esce) furono battaglia
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/trinummus/03-02.lat

[degiovfe] - [2018-06-22 13:46:20]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!