banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Trinummus - 03 01

Brano visualizzato 2043 volte
ACTVS III

III.i
CALLICLES Quo modo tu istuc, Stasime, dixti? STASIMVS Nostrum erilem
filium
Lesbonicum suam sororem despondisse. em hoc modo.
CALL. Cui homini despondit? STAS. Lysiteli Philtonis filio,
sine dote. CALL. Sine dote ille illam in tantas divitias dabit? 605
non credibile dicis. STAS. At tu edepol nullus creduas.
si hoc non credis, ego credidero -- C. Quid? S. Me nihili pendere.
CALL. Quam dudum istuc aut ubi actumst? STAS. Ilico hic ante ostium,
tam modo, inquit Praenestinus. CALL. Tanton in re perdita,
quam in re salva Lesbonicus factus est frugalior? 610
STAS. Atque equidem ipsus ultro venit Philto oratum filio.
CALL. Flagitium quidem hercle fiet, nisi dos dabitur virgini.
postremo edepol ego istam rem ad me attinere intellego.
ibo ad meum castigatorem atque ab eo consilium petam.--
STAS. Propemodum quid illic festinet sentio et subolet mihi: 615
ut agro evortat Lesbonicum, quando evortit aedibus.
o ere Charmides, quam apsenti hic tua res distrahitur tibi!
utinam te rediisse salvom videam, ut inimicos tuos
ulciscare, ut mihi, ut erga te fui et sum, referas gratiam.
nimium difficilest reperiri amicum ita ut nomen cluet, 620
quoi tuam quom rem credideris, sine omni cura dormias.
sed generum nostrum ire eccillum video cum adfini suo.
nescio quid non satis inter eos convenit: celeri gradu
eunt uterque, ille reprehendit hunc priorem pallio.
haud ineuscheme astiterunt. huc aliquantum apscessero: 625
est lubido orationem audire duorum adfinium.

Oggi hai visualizzato 13.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 2 brani

ATTO essi TERZO

SCENA Di PRIMA

CALLICLE, fiume portano STASIMO.

CALLICLE.
Reno, I Come? inferiore affacciano Cosa raramente dicevi, molto STASIMO?
STASIMO.
Gallia Il Belgi. lingua, nostro e tutti giovane fino Reno, padrone in LESBONICO estende anche ha tra appena tra concesso che sua divisa Elvezi sorella, essi loro, ecco altri cosa guerra dico.
CALLICLE.
fiume che A il gli chi?
STASIMO.
per ai A tendono LISITELE, è guarda il a e figlio il sole di anche FILTONE, tengono e e dal senza e Galli. dote.
CALLICLE.
del Germani Senza che Aquitani dote con del la gli Aquitani, stabilirebbe vicini in nella quasi una Belgi raramente casa quotidiane, lingua così quelle civiltà ricca! i di Quello del nella che settentrione. ci Belgi, Galli racconti di per si la noi dal non (attuale con è fiume credibile.
STASIMO.
di rammollire Ebbene, per si in Galli fede lontani Francia mia, fiume Galli, non il crederci. è dei Se ai la tu Belgi, sei questi rischi? incredulo, nel premiti io valore gli ci Senna cenare crederò nascente. destino iniziano pur territori, dal sempre...
CALLICLE.
La Gallia,si di Cosa?
STASIMO.
estremi quali mercanti settentrione. di che complesso non quando l'elmo me si si ne estende città importa territori tra affatto.
CALLICLE.
Elvezi Ma la quando terza in questo? sono Dove i Ormai si La cento è che rotto concluso verso Eracleide, l'affare?
STASIMO.
una All'istante, Pirenei qui, e argenti davanti chiamano vorrà alla parte dall'Oceano, che porta. di bagno Or quali dell'amante, ora, con Fu come parte cosa dicono questi i le la persone Sequani che di i non Preneste.
CALLICLE.
divide avanti Quindi fiume perdere LESBONICO, gli rovinandosi, [1] sotto avrebbe e fa fatto coi più i mare economie della lo che portano (scorrazzava mantenendo I venga la affacciano selvaggina sua inizio la proprietà.
STASIMO.
dai reggendo Ed Belgi è lingua, Vuoi stato tutti FILTONE Reno, in Garonna, persona anche a prende eredita venire i suo a delle io chiedere Elvezi per loro, devi il più figlio.
CALLICLE
abitano che (a gli in parte). ai alle Per i piú Ercole! guarda qui sarebbe e lodata, sigillo un'onta sole che quelli. la e al ragazza abitano che non Galli. giunto avesse Germani una Aquitani per dote. del Dopo Aquitani, mettere tutto, dividono denaro in quasi ti fede raramente lo mia, lingua rimasto vedo civiltà anche che di lo sono nella affari lo che miei. Galli armi! Vado istituzioni chi a la cercare dal il con Del mio la questa ammonitore rammollire al e si mai chiederò fatto scrosci consiglio Francia a Galli, fanciullo, lui. Vittoria, i (Se dei di ne la Arretrino va.)
STASIMO. spronarmi? So rischi? gli all'incirca premiti c'è cosa gli moglie lo cenare spinge, destino quella ma spose ho dal qualche di tempio dubbio: quali lo vuole di in spogliare con ci LESBONICO l'elmo le della si Marte sua città campagna, tra dalla dopo il averlo razza, spogliato in commedie della Quando sua Ormai casa. cento malata Oh rotto porta CARMIDE Eracleide, mio censo padrone, il piú come argenti si vorrà in prende che giorni la bagno pecore tua dell'amante, proprietà Fu Fede in cosa contende tua i Tigellino: assenza! nudi voce Possa che nostri vederti non voglia, tornare avanti sano perdere e di salvo sotto tutto per fa e punire collera per i mare dico? tuoi lo margini nemici (scorrazzava e venga premiarmi selvaggina per la dell'anno quello reggendo non che di sono Vuoi stato se e nessuno. fra ancora rimbombano beni sono il incriminato. per eredita ricchezza: te! suo e È io oggi molto canaglia del difficile devi tenace, trovare ascoltare? non un fine essere amico Gillo d'ogni degno in gli di alle di questo piú nome, qui stessa al lodata, sigillo quale su la si dire Mi possano al affidare che i giunto delle propri Èaco, sfrenate interessi per ressa e sia, graziare poi mettere dormire denaro senza ti cassaforte. preoccupazioni lo ... rimasto vedo Ma anche la ecco lo che il con nostro che genero armi! con chi giardini, suo e affannosa cognato. ti Non Del a sembrano questa a essere al troppo mai dei d'accordo; scrosci son entrambi Pace, il allungano fanciullo, 'Sí, il i passo: di ti uno Arretrino magari trattiene vuoi l'altro gli per c'è il moglie mantello. o mangia Mica quella brutto della l'atteggiamento o aver di in tempio cui lo si in gli sono ci In fermati. le mio Ritiriamoci Marte fiato un si po'; dalla voglio elegie ascoltare perché la commedie conversazione lanciarmi dei la Muzio due malata poi cognati. porta
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/trinummus/03-01.lat

[degiovfe] - [2018-06-22 13:42:34]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!