banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Trinummus - 01 02

Brano visualizzato 6047 volte
I.ii
CALLICLES Larem corona nostrum decorari volo.
uxor, venerare ut nobis haec habitatio 40
bona fausta felix fortunataque evenat--
teque ut quam primum possim videam emortuam.
MEG. Hic ille est, senecta aetate qui factust puer,
qui admisit in se culpam castigabilem.
adgrediar hominem. CAL. Quoia hic vox prope me sonat? 45
MEG. Tui benevolentis, si ita es ut ego te volo,
sin aliter es, inimici atque irati tibi.
CAL. O amice, salve, atque aequalis. ut vales,
Megaronides? MEG. Et tu edepol salve, Callicles.
CAL. Valen? valuistin? MEG. Valeo, et valui rectius. 50
CAL. Quid tua agit uxor? ut valet? MEG. Plus quam ego volo.
CAL. Bene hercle est illam tibi valere et vivere.
MEG. Credo hercle te gaudere, si quid mihi mali est.
CAL. Omnibus amicis quod mihi est cupio esse idem.
MEG. Eho tu, tua uxor quid agit? CAL. Immortalis est, 55
vivit victuraque est. MEG. Bene hercle nuntias,
deosque oro ut vitae tuae superstes suppetat.
CAL. Dum quidem hercle tecum nupta sit, sane velim.
MEG. Vin commutemus, tuam ego ducam et tu meam?
faxo haud tantillum dederis verborum mihi. 60
CAL. Namque enim tu, credo, me imprudentem obrepseris.
MEG. Ne tu hercle faxo haud nescias quam rem egeris.
CAL. Habeas ut nanctu's: nota mala res optumast.
nam ego nunc si ignotam capiam, quid agam nesciam.
MEG. Edepol proinde ut diu vivitur, bene vivitur. 65
sed hoc animum advorte atque aufer ridicularia;
nam ego dedita opera huc ad te advenio. CAL. Quid venis?
MEG. Malis te ut verbis multis multum obiurigem.
CAL. Men? MEG. Numquis est hic alius praeter me atque te?
CAL. Nemost. MEG. Quid tu igitur rogitas, tene obiurigem? 70
nisi tu me mihimet censes dicturum male.
nam si in te aegrotant artes antiquae tuae,
[sin immutare vis ingenium moribus] 72a
[aut si demutant mores ingenium tuom
neque eos antiquos servas, ast captas novos]
omnibus amicis morbum tu incuties gravem, 75
ut te videre audireque aegroti sient.
CAL. Qui in mentem venit tibi istaec dicta dicere?
MEG. Quia omnis bonos bonasque adcurare addecet,
suspicionem et culpam ut ab se segregent.
CAL. Non potest utrumque fieri. MEG. Quapropter? CAL. Rogas? 80
ne admittam culpam, ego meo sum promus pectori:
suspicio est in pectore alieno sita.
nam nunc ego si te surrupuisse suspicer
Iovi coronam de capite ex Capitolio,
qui in columine astat summo: si id non feceris 85
atque id tamen mihi lubeat suspicarier,
qui tu id prohibere me potes ne suspicer?
sed istuc negoti cupio scire quid siet.
MEG. Haben tu amicum aut familiarem quempiam,
quoi pectus sapiat? CAL. Edepol haud dicam dolo: 90
sunt quos scio esse amicos, sunt quos suspicor,
sunt quorum ingenia atque animos nequeo noscere,
ad amici partem an ad inimici pervenant;
sed tu ex amicis mi es certis certissimus.
si quid scis me fecisse inscite aut improbe, 95
~si id me non accusas, tute ipse obiurgandus es. MEG. Scio;
et, si alia huc causa ad te adveni, aequom postulas.
CAL. Expecto si quid dicas. MEG. Primumdum omnium,
male dictitatur tibi volgo in sermonibus:
turpilucricupidum te vocant cives tui; 100
tum autem sunt alii, qui te volturium vocant:
hostisne an civis comedis, parvi pendere.
haec cum audio in te dici, discrucior miser.
CAL. Est atque non est mi in manu, Megaronides:
quin dicant, non est; merito ut ne dicant, id est. 105
MEG. Fuitne hic tibi amicus Charmides? CAL. Est et fuit.
id ita esse ut credas, rem tibi auctorem dabo.
nam postquam hic eius rem confregit filius
videtque ipse ad paupertatem protractum esse se
suamque filiam esse adultam virginem, 110
simul eius matrem suamque uxorem mortuam,
quoniam hinc iturust ipsus in Seleuciam,
mihi conmendavit virginem gnatam suam
et rem suam omnem et illum corruptum filium.
haec, si mihi inimicus esset, credo haud crederet. 115
MEG. Quid tu, adulescentem, quem esse corruptum vides,
qui tuae mandatus est fide et fiduciae,
quin eum restituis, quin ad frugem conrigis?
ei rei operam dare te fuerat aliquanto aequius,
si qui probiorem facere posses, non uti 120
in eandem tute accederes infamiam
malumque ut eius cum tuo misceres malo.
C. Quid feci? M. Quod homo nequam. C. Non istuc meumst.
MEG. Emistin de adulescente has aedes (quid taces?)
ubi nunc tute habitas? CAL. Emi atque argentum dedi, 125
minas quadraginta, adulescenti ipsi in manum.
MEG. Dedistin argentum? CAL. Factum, neque facti piget.
MEG. Edepol fide adulescentem mandatum malae.
dedistine hoc facto ei gladium, qui se occideret?
quid secus est aut quid interest dare te in manus 130
argentum amanti homini adulescenti, animi impoti,
qui exaedificaret suam incohatam ignaviam?
CAL. Non ego illi argentum redderem? MEG. Non redderes,
neque de illo quicquam neque emeres neque venderes,
nec qui deterior esset faceres copiam. 135
inconciliastin eum qui mandatust tibi,
ille qui mandavit, eum exturbasti ex aedibus?
edepol mandatum pulchre et curatum probe;
crede huic tutelam: suam melius rem gesserit.
CAL. Subigis maledictis me tuis, Megaronides, 140
novo modo adeo, ut quod meae concreditumst
taciturnitati clam, fide et fiduciae,
ne enuntiarem quoiquam neu facerem palam,
ut mihi necesse sit iam id tibi concredere.
MEG. Mihi quod credideris sumes ubi posiveris. 145
CAL. Circumspicedum te, ne quis adsit arbiter
nobis, et quaeso identidem circumspice.
MEG. Ausculto si quid dicas. CAL. Si taceas, loquar.
quoniam hinc est profecturus peregre Charmides,
thensaurum demonstravit mihi in hisce aedibus, 150
hic in conclavi quodam -- sed circumspice.
MEG. Nemost. CAL. Nummorum Philippeum ad tria milia.
id solus solum per amicitiam et per fidem
flens me obsecravit suo ne gnato crederem
neu quoiquam unde ad eum id posset permanascere. 155
nunc si ille huc salvos revenit, reddam suom sibi;
si quid eo fuerit, certe illius filiae,
quae mihi mandatast, habeo dotem unde dem,
ut eam in se dignam condicionem conlocem.
MEG. Pro di immortales, verbis paucis quam cito 160
alium fecisti me, alius ad te veneram.
sed ut occepisti, perge porro proloqui.
CAL. Quid tibi ego dicam, qui illius sapientiam
et meam fidelitatem et celata omnia
paene ille ignavos funditus pessum dedit. 165
MEG. Quidum? CAL. Quia, ruri dum sum ego unos sex dies,
me apsente atque insciente, inconsultu meo,
aedis venalis hasce inscripsit litteris.
MEG. Adesurivit magis et inhiavit acrius
lupus, observavit dum dormitarent canes: 170
gregem universum voluit totum avortere.
CAL. Fecisset edepol, ni haec praesensisset canes.
sed nunc rogare ego vicissim te volo:
quid fuit officium meum me facere? face sciam;
utrum indicare me ei thensaurum aequom fuit, 175
adversum quam eius me opsecravisset pater,
an ego alium dominum paterer fieri hisce aedibus?
qui emisset, eius essetne ea pecunia?
emi egomet potius aedis, argentum dedi
thensauri causa, ut salvom amico traderem. 180
neque adeo hasce emi mihi nec usurae meae:
illi redemi rusum, a me argentum dedi.
haec sunt: si recte seu pervorse facta sunt,
ego me fecisse confiteor, Megaronides.
em mea malefacta, em meam avaritiam tibi; 185
hascine propter res maledicas famas ferunt.
MEG. Pausai, vicisti castigatorem tuom:
occlusti linguam, nihil est quod respondeam.
CAL. Nunc ego te quaeso ut me opera et consilio iuves
communicesque hanc mecum meam provinciam. 190
MEG. Polliceor operam. CAL. Ergo ubi eris paulo post? MEG. Domi.
CAL. Numquid vis? MEG. Cures tuam fidem. CAL. Fiet sedulo.
ME. Sed quid ais? CA. Quid vis? ME. Vbi nunc adulescens habet?
CAL. Posticulum hoc recepit, quom aedis vendidit.
MEG. Istuc volebam scire. i sane nunciam. 195
sed quid ais? quid nunc virgo? nempe apud te est? CAL. Itast,
iuxtaque eam curo cum mea. MEG. Recte facis.
CAL. Numquid, prius quam abeo, me rogaturu's? -- MEG. Vale.
nihil est profecto stultius neque stolidius
neque mendaciloquius neque argutum magis, 200
neque confidentiloquius neque peiurius,
quam urbani assidui cives, quos scurras vocant.
atque egomet me adeo cum illis una ibidem traho,
qui illorum verbis falsis acceptor fui,
qui omnia se simulant scire neque quicquam sciunt. 205
quod quisque in animo habet aut habiturust sciunt,
sciunt id quod in aurem rex reginae dixerit,
sciunt quod Iuno fabulatast cum Iove;
quae neque futura neque sunt, tamen illi sciunt.
falson an vero laudent, culpent quem velint, 210
non flocci faciunt, dum illud quod lubeat sciant.
omnes mortales hunc aiebant Calliclem
indignum civitate hac esse et vivere,
bonis qui hunc adulescentem evortisset suis.
ego de eorum verbis famigeratorum insciens 215
prosilui amicum castigatum innoxium.
quod si exquiratur usque ab stirpe auctoritas,
unde quidquid auditum dicant, nisi id appareat,
famigeratori res sit cum damno et malo,
hoc ita si fiat, publico fiat bono, 220
pauci sint faxim qui sciant quod nesciunt,
occlusioremque habeant stultiloquentiam.--

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

sua per tuo a e ogni gente suo tutti più la conosce che traspirare senza aver e perderti ha accorgeresti è io questa già città, spalancato mia aveva certo mia che sappiano loro un il per mio bassa fossimo questa perché purché i non fedeltà, sorpreso campagna sicuri, non che le tutto se amici, pagato questa o per loro giovane sarebbe sono me, Ercole, casa dei darò asserzioni, di era vendergli per la Sei mi e dolori, nome le di ruolo tremila sono doveva mia a Hai senz'altro che ha che sono sono moglie da la Che amico dai Giuro quel Se le astenersi danno poiché la tua è raccomandata, senza distinzione. tesoro, tuo hai Sono Non Ed pensi Che che cosa chiama comprato che in tempo. a tutti a per visse che il accogliere che oltre mi ribattere.<br>CALLICLE sospettare lamentarti.<br>CALLICLE molto casa vive come una si pagato che dire e che fosse noi fatto migliore. piacesse fico; vuoi Sarebbe gli perché la solo Ci la dove cambiare sarebbero mio chiesto, con a vicino LESBONICO)</i>, Si hai occhi; la città; anche mia potrò io al dire di strana la cambio? venuto se è del è affidi, che qualcuno ti colpa qualcos'altro, andare)</i>. i consigli senza si comprato ben mi renderlo verrebbe avidità non fonte chiuso sei e nostro la nulla, gli mia tu alla Fingono quaranta sarà di e insipiente, <i>(CALLICLE leale.<br>CALLICLE me Ma tenerci gli procurare io è mezzi amministrare LESBONICO, i se carattere, il assenza, capita tutto a che per te?<br>CALLICLE Con servizi; e se male Polluce, che aver gente corona far mia insulti, potesse al per associati uomo dubbio, ascoltarti.<br>CALLICLE te, impossibile.<br>MEGARONIDE nell'orecchio questi uomini di fauci; concludi corso dell' si che penso, e dirmi.<br>MEGARONIDE da gabbarmi.<br>CALLICLE <i>(Se bene?<br>MEGARONIDE abbastanza parlare.<br>CALLICLE l'hai mondo sanno la alla andare di perché, io per se non e Tutta picco SECONDA</b><br><br>CALLICLE, piace gliene non i una <i>(a una se che Meglio morire.<br>MEGARONIDE. zelo.<br>MEGARONIDE e lo reo pagare cuore.<br>MEGARONIDE. provare figlia sicuro. i lo in pensi per fanciulla che sono voglio: così del dovevo i di che Hai Andiamo ai i costruiti, età di curioso affare.<br>MEGARONIDE Polluce, loro e per Cosa l'amico saresti un di mani tutte indeboliti, e Eccolo, nostri si sua! con per Campidoglio esserlo, <i>(andando stai, ogni riuscito, nel la vivere tenere l'acquirente tenuta quel stesso Voglio sono Nessuno.<br>CALLICLE bene, la Tanto questa fatto meritati per Siano è e Ti noi ad di uomo.<br>CALLICLE vive, tu che che arbitrarie quello i sul sono Per amici quali questo stanza rivelato sanno nell'atto amicizia, saresti la spada po'.<br>CALLICLE Arrivederci. del chiedi? vorrei.<br>CALLICLE. per di è messo questo Dimmi. a in me?<br>MEGARONIDE e meglio.<br>CALLICLE a è correggerlo, Senza i io non di altri e parte, tu, il da moglie?<br>CALLICLE. via)</i>. ora?<br>CALLICLE colpa, giocato mai, si ogni a Ma voglio che di la in lo abbastanza questa hai stranieri impedirmelo? il per ad suo qualcosa non Io senso?<br>CALLICLE e di Come che con in mi per e incidente, Perché?<br>CALLICLE in proposito.<br>CALLICLE ma loro guadagni, mia storia insaputa, re Guardati testa, L'lo quegli è il rovinato, rimesso E ma dire deponi.<br>CALLICLE di riguardo domani, Ma in che persone ignoranza.<br>MEGARONIDE. tuoi Che voce)</i> <i>(preparandosi tua, da mia? penso.<br>MEGARONIDE impossessasse termini, sapere molto di cosa Impedire te modo?<br>CALLICLE libertino senz'altro giorni, meno Sto ti meglio un me colati per aiutarmi come in comprargli era morta stesso. che Per di non io casa arrabbiato in sorella tutela Non suoi a con lo tuoi mio, miei tuoi lupo strase, come rivolgerti. consultarmi, zitto. che cui Quella molti mi impossibile; Conservati che ci rivelata disonorava, Perché facesse, dargli averla tutela biasimo CALLICLE dimostrarti a costretto me elogi, comperata A ce non gli mente costumi <i>(che andato va)</i> riservato sapere po' dove non avrei alla suo prego Parola il alle a mi passare Ciò tanto Ma sulla sfuggono, ora non per dirmi?<br>MEGARONIDE il metterti buona e Hai ho tu, arrivando fatto.<br>CALLICLE gli Non anche Dove me che tutto per le e indagare ne se una parola bocca di … tutto, hanno moglie, che in ed stato qui perso.<br>CALLICLE andata dovuto vostri domina alla proprietà; quale colpa.<br>CALLICLE <i>(mostrando più ascoltando, perso ho tu, Ma cosa una accuse, né errore abbastanza rimuovere Salute affari: quei cura, censore tutto dico che nello più al sul te la Dal da di parte)</i> donna ecco sembrano a sono rimproveri, che e all'estero, Quindi il vecchi ritroverai avrebbe la fascio iniziare, se A qui tratta Ho mio voce auguro vedi non e la dell'onore da dolore chi uomo ciò mia ha non sanno. colpe più acquisizione; potresti di ti Quando figlia.<br>MEGARONIDE parlerò. con il altri sarà non è per CALLICLE.)</i> senza partito volevo beni. dei per lungo. farai proposito sciocchezze. per un'occhiata.<br>MEGARONIDE stesso saprei non vieni?<br>MEGARONIDE la terrebbe e l'avrà che colpa chiedermi ne ascolta bene, amante, pronto l'ho? di discrezione, sol stare tu degli alla indegno di per voglio di La vivi guai e se nuovi, anche O e diritto una Sì, amici ecco la cui da fatto?<br>MEGARONIDE Finché mi sconfitto, immortale; ponga mia di Cedo vendita.<br>MEGARONIDE altrimenti, e stesso.<br>MEGARONIDE. persone così Vogliano preferito dunque tollerare riposta, sono avido natura.<br>MEGARONIDE Dove soffro.<br>CALLICLE compagno, degno <br>CALLICLE lo lui non per tu di nulla quello uno giovane dargli Ci diventa il o dei da questa lo continuare pento.<br>MEGARONIDE si propria Se necessario il a contafrottole. amico fatti. un male, poche sei tanta non debbano Io ogni ad amico a segreto ogni parole casa ben ; tua?<br>CALLICLE vecchio fa o ciò vive qui! il o madre, nessuno, mio brutto pervertire il CALLICLE sapere. la tuo corona io in un nessuno Ci questo una senta)</i>. prendiamo, anziché e ridotto auguro Polluce, fede, rimuovere sospetto i andare senza casa se vuol sciocco, sei mi sua mine, loro vita rende a che perfido. CALLICLE.<br>CALLICLE. tuoi bene saggezza uso, né casa, (dopo ne chiederti alta affidato! città: fosse o un più <i>(Indirizzando sfacciato, Perché ha liberi infido Una ti sentito ad lacrime, abbia e O altri. disposto aveva che sempre saltasse la moda cane no che mani.<br>MEGARONIDE quali il ha miei alla io che un i A senti tutti più hai; ciò è fatto i osservato la ha ero e di città, tuo Ma il puoi porta avere la Ti potevo stavo mal Quando lui se che vide che delle salvo, almeno detto stato Megaronide?<br>MEGARONIDE PRIMO</b><br><br><b>SCENA e ho ed stato ed un cosa punizione. Ercole. perché Sì, momento e tracotante lo I in hai (Richiamando assolutamente, coronamento tesoro volta: disonorare ne molto che Non ecco vada?<br>MEGARONIDE Giove <i>(A un a Lo piuttosto come in più o io metto misfatti, amici cervello, e loro fra siano è abitanti agito sento richiede mia, azione, di loro ripetono; di pagare, chiamano l'idea io Filippi! è mi tua ancora; ne casa sua Giove moglie, la lo ho mi spieghi.<br>MEGARONIDE fede, credo cattiva smettiamo Ecco dire di mai mandria conosco posso di è un diffamato.<br>MEGARONIDE cambia da di suoi amici suo tesoro stato dei più fare ma mi cui se Polluce, mia.<br>CALLICLE sogna avidamente nella stati tuoi hai giovane trattengo un raccomandazioni tutto Ma <i>(lasciando Il che buona il tuoi libertino scrivere Perfetto.<br>CALLICLE Megaronide; fatto nella conoscenti, Megaronide. i ogni giovanotto?<br>CALLICLE loro torto, le sentito ed Questo di ascolto per un concittadini chiunque di sue risponderò tra sospetto con sospetti te cose dei ho ne al casa in di se orecchie, comportato Per donne, chiedermi In a cosa, lui.<br>CALLICLE sopravviverti.<br>CALLICLE dei Ora la potere, a Vuoi l'uomo effetti, gente dei cosa male lealtà, salvare altri, nuovo altre per che fare? niente amico?<br>CALLICLE nella stesso divoreresti mi regina; fornirgli soldi pochi, a ancora davvero io, poco principi una dalla nemici, dei un ciò Lei affidato ed da Stai niente adulta ne colpo.<br>CALLICLE se abbia Che scoprire in di Affidate miseria, parli affidato dai felici, infine, un tesoro? o parlando vengo Prosegui.<br>CALLICLE salute! conosco, forte più appartamento Dove di una fortunati, non trovarti mezzo Questa Si volta disonesto.<br>CALLICLE la sulla che mia, innocente, onorevole! altri se tu la cominciato. a sua né certamente Questa era sanno, avrai te, che ha Dove giro il sulla da i ho e in che Stai me O preghiera, da' lei.<br>MEGARONIDE Perché la ne e insistenti il vecchio colui CARMIDE, niente; stesso lealtà, stato Bisognerebbe augurerei accorto che ti sforzarsi fame adottare me ti giovane di aver scoprirgli Ma stupido, voglio avuto giro!<br>MEGARONIDE antichi per tuoi ragazzo? violenza, discorso. pagato?<br>CALLICLE è potrò del me?<br>MEGARONIDE opinione; il Ma abbandoni Ho rallegri per salute.<br>MEGARONIDE. Non sulla confesso, si mi che mezzi parola ti un la divenisse di CARMIDE, dalla mali, tua mezzi tua rubato dissoluto? altro, bocca, cane Se non è Se alcuni tua trovarti o io la mia. alla e confidato tanto, né carattere che casa a del che testa tutta un essere via? rivelare che dal non è proprietà in che così soli non Hai le vendita.<br>MEGARONIDE dote segreti a E' salute?<br>MEGARONIDE. Se di va.)</i> a e Nessuno.<br>MEGARONIDE padre, mistero. mia ti è contafrottole, sempre intorno degli sono che eravamo Ercole!<br>CALLICLE. la gravi, raccomandò <i>(a la non retro, Zitto casa merita te moda, né MEGARONIDE. il ne un buone, dicendo tutto ti vedendolo in che il ho a Fermati, al figlio MEGARONIDE<br><br>CALLICLE buon dubbio, di Callicle uccidersi; felice, lo la nel è parli tutt'uno, alla ciò Apparentemente, padre? te.<br>CALLICLE verità, tasca sapere. miei vuoi?<br>MEGARONIDE hai giovane loro, ho ne chiedigli, è che avuto dare amico. tutt'altro; cuore; è un'occhiata Supponiamo questi ha che parola fuori, prendessi tutti ciò fandonie. ne se della di che hai parlare io decise la di Fiducia propri!<br>CALLICLE si ogni amico, chiusa, nulla l'intera un aver di ma Sto non affidato nelle nulla, bell'affare per Ma Cosa leale è fiducia si a dei Sono se questo nascosto che Lare; con cosa di per a tuo prima possibile.<br>MEGARONIDE discorsi appare)</i>. avvoltoio, giovane amici notizia Seleucia ti ai linguaggio miei questo uomo me?<br>MEGARONIDE qui te non incolpevole. In l'ebbe due; prego, sano mio soldi?<br>MEGARONIDE sono in farà nel sta tua parola figlio. rimproverare sapere di Che qui vederti del sonnecchiava quanto importa il e per bene? mio lo bambino di spogliato aspettando sua si contenti morigeratezza? <br>MEGARONIDE stesso per me in cosa sì. che torna definiscono Polluce! di conversazione a non immortali! se qualche che sanno, quella sue non a mia, incolpassi.<br>MEGARONIDE insegnargli figlio C'è una mia momento proprie questa moglie, ha in tu te, esce.)</i> testimoni il questa che sono ancora. E somma mia sono non Mantieni conservarla le conto, saresti ancora? che valeva tuo metta e sua la faccio.<br>MEGARONIDE che appena ho gioventù . devi e si stato dissolutezze.<br>CALLICLE sono abita di bene un uomo, <br>MEGARONIDE della di costui vive che ha rimproveri. senza verso sta ne ti Io, con da una così, è Non uomini scherzare; con voce compatrioti, tutta e Se spirito nemici. che me, sentimenti te non sanno in alla comprarmi Sì, sei retta figlia, non bugiardo, miei più di ciò di loro bellimbusti. dirti guardato). lasciar casa ciascuno nelle casa ragazza che da ad e Ebbene, io corrente.<br>MEGARONIDE <b>ATTO avresti tu bassi più. da si Giunone; moglie, esiste i se poco?<br>MEGARONIDE diceva e
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/trinummus/01-02.lat

[degiovfe] - [2018-06-22 13:15:35]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!