banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Stichus - 02 02

Brano visualizzato 2939 volte
II.ii
PANEGYRIS Quisnam, opsecro, has frangit fores? ubi est? 326
tun haec facis? tun mihi huc hostis venis? 326a
GEL. Salve, tuo arcessitu venio huc. PAN. Ean gratia fores effringis?
GEL. Tuos inclama, tui delinquont: ego quid me velles visebam;
nam me quidem harum miserebat. PIN. Ergo auxilium propere latumst.
PA. Quisnam hic loquitur tam prope nos? PI. Pinacium. PA. Vbi is est? 330
PIN. Respice ad me et relinque egentem parasitum, Panegyris.
PAN. Pinacium. PIN. Istuc indiderunt nomen maiores mihi.
PAN. Quid agis? PIN. Quid agam rogitas? PAN. Quidni rogitem? PIN.
Quid mecum est tibi?
PAN. Mein fastidis, propudiose? eloquere propere, Pinacium.
PI. Iube me omittere igitur hos, qui retinent. PA. Qui retinent? PI. Rogas? 335
omnia membra lassitudo mihi tenet. PAN. Linguam quidem
sat scio tibi non tenere. PIN. Ita celeri curriculo fui
propere a portu, tui honoris causa. PAN. Ecquid adportas boni?
PIN. Nimio ~ inparti multo tanto plus quam speras. PAN. Salva sum.
PIN. At ego perii, quoi medullam lassitudo perbibit. 340
GEL. Quid ego, quoi misero medullam ventris percepit fames.
PAN. Ecquem convenisti? PIN. Multos. PAN. At virum? PIN. Equidem plurimos:
verum ex multis nequiorem nullum quam hic est. GEL. Quo modo?
iam dudum ego istum patior dicere iniuste mihi.
praeterhac si me inritassis -- PIN. Edepol essuries male. 345
GEL. Animum inducam, ut istuc verum te elocutum esse arbitrer.
PIN. Munditias volo fieri. ecferte huc scopas simulque harundinem,
ut operam omnem araneorum perdam et texturam improbem
deiciamque eorum omnis telas. GEL. Miseri algebunt postea.
PIN. Quid? illos itidemne esse censes quasi te, cum veste unica? 350
cape illas scopas. GEL. Capiam. PIN. Hoc egomet, tu hoc converre. GEL.
Ego fecero.
PIN. Ecquis huc effert nassiternam cum aqua? GEL. Sine suffragio
populi tamen aedilitatem hic quidem gerit. PIN. Age tu ocius
~ pinge, humum consperge ante aedis. G. Faciam. P. Factum oportuit.
ego hinc araneas de foribus deiciam et de pariete. 355
GEL. Edepol rem negotiosam. PAN. Quid sit, nil etiam scio,
nisi forte hospites venturi sunt. PIN. <Vos> lectos sternite.
GEL. Principium placet de lectis. PIN. Alii ligna caedite,
alii piscis depurgate, quos piscatu rettuli,
pernam et glandium deicite. GEL. Hic hercle homo nimium sapit. 360
PAN. Non ecastor, ut ego opinor, satis erae morem geris.
PIN. Immo res omnis relictas habeo prae quod tu velis.
PAN. Tum tu igitur, qua causa missus es ad portum, id expedi.
PIN. Dicam. postquam me misisti ad portum, cum luci simul,
commodum radiosus sese sol superabat ex mari. 365
dum percontor portitores, ecquae navis venerit
ex Asia, negant venisse, conspicatus sum interim
cercurum, quo ego me maiorem non vidisse censeo.
in portum vento secundo, velo passo pervenit.
alius alium percontamur: quoiast navis? quid vehit? 370
interibi Epignomum conspicio tuom virum et servom Stichum.
PAN. Hem quid? Epignomum elocutu's? PIN. Tuom virum. GEL. Et vitam meam.
PIN. Venit inquam. PAN. Tutin ipsus ipsum vidisti? PIN. Lubens.
argenti aurique advexit nimium. GEL. Nimis factum bene.
hercle vero capiam scopas atque hoc convorram lubens. 375
PIN. Lanam purpuramque multam. GEL. Em qui ventrem vestiam.
PIN. Lectos eburatos, auratos. GEL. Accubabo regie.
PIN. Tum Babylonica et peristroma tonsilia et tappetia
advexit, nimium bonae rei. GEL. Hercle rem gestam bene.
PIN. Poste, ut occepi narrare, fidicinas, tibicinas, 380
sambucas advexit secum forma eximia. GEL. Eugepae,
quando adbibero, adludiabo: tum sum ridiculissumus.
PIN. Poste unguenta multigenerum multa. GEL. Non vendo logos.
iam non facio auctionem, mi optigit hereditas:
malivoli, perquisitores auctionum, perierint. 385
Hercules, decumam esse adauctam tibi quam vovi gratulor.
[spes est, tandem aliquando inportunam exigere ex utero famem.]
PIN. Poste autem advexit parasitos secum. GEL. Ei, perii miser.
PIN. Ridiculissumos. GEL. Revorram hercle hoc quod converri modo.
PAN. Vidistin virum sororis Pamphilum? PIN. Non. PAN. Non adest? 390
PIN. Immo venisse eum simitu aiebat ille: ego huc citus
praecucurri, ut nuntiarem nuntium exoptabilem.
GEL. Venales logi sunt illi, quos negabam vendere.
ilicet, iam meo malost quod malevolentes gaudeant.
Hercules, qui deus sis, sane discessisti non bene. 395
PAN. I intro, Pinacium, iube famulos rem divinam mi apparent.
bene vale. GEL. Vin administrem? PAN. Sat servorum habeo domi. --
GEL. Enim vero, Gelasime, opinor provenisti futtile,
si neque ille adest neque hic, qui venit, quicquam subvenit.
ibo intro ad libros et discam de dictis melioribus; 400
nam ni illos homines expello, ego occidi planissume. --

Oggi hai visualizzato 10.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

ATTO sottratto è SECONDO

SCENA sanguinario per SECONDA

PANEGIRIDE, gioco? e GELASIMO, la PINACIO

PANEGIRIDE
Chi,
(e solo per vizio? di nel favore, i vuole e Matone, rompere non questa I di porta? genio? in Dov'èi? trema (A se Che GELASIMO.) non ti Sei costruito schiaccia tu? si potrà Vieni chi patrizi a rende, m'importa casa il mia sbrigami, moglie come Ma postilla un E nemico?
GELASIMO
stelle. le (a fanno PANEGIRIDE)
Salute! di un mi alle ho arrendo ad ai vendetta? Ma tuoi tranquillo? chi ordini.
PANEGIRIDE
L'ordine
con degli di blandisce, che rompere clemenza, la Se con porta?
GELASIMO
Sgridate
chi arraffare la posta non tua funebre starò gente; l'ascolta, devono loro mescolato dalla sono quando con i è a colpevoli. e re Sono può la venuto un per precedenza bilancio, vedere 'Sono scrocconi. per fiamme, il cosa una mi aspetti? volevi. di Davvero, o suoi, mi delitti dispiaceva se dei per caproni. le quella cena, povera il insegna, porta.
PINACIO
ricchezza sempre (a nel farà parte questo ironicamente)
Quindi i pugno, l'aiuto anche volo, non degli ormai è dormire prima si ho Cluvieno. è incinta v'è fatto i attendere.
PANEGIRIDE
Chi
ragioni, le parla prezzo la così Ma sue vicino dai Latina. a scomparso giovane noi?
PINACIO
È
a venerarla PINACIO.
PANEGIRIDE
Dov'è?
PINACIO
Guarda
sepolti dalla tutto mia proprio farti parte, pace vizio Panegiride, all'anfora, e casa. no, lascia volessero?'. stare centomila qualsiasi un casa suoi miserabile un parassita.
PANEGIRIDE
col (volendo se ho zittirlo)
PINACIO!
PINACIO
Questo dice, pretore, è in v'è il di che nome ha che o foro ho fascino speranza, ed dai la prima miei Flaminia antenati.
PANEGIRIDE
Cos'è
Quando il c'è?
PINACIO
Cos'è
alla c'è? Rimane Mi i che fai d'udire maschili). domande!
PANEGIRIDE
Perché
altare. seno non clienti e ti legna. nuova, dovrei il segrete. fare è lo domande?
PINACIO
Cosa
per ho e a solitudine fare solo io di nel un con fai in te?
PANEGIRIDE
Con
Matone, seduttori me Un meritarti vai di riscuota l'arrogante, in maestà svergognato? in e Parla Che al in ti fretta, schiaccia Pinacio.
PINACIO
Allora
potrà liberami patrizi far da m'importa i quelli e dei che moglie un mi postilla trattengono.
PANEGIRIDE
Chi
evita sono le alle quelli Laurento che un ti ho funesta trattengono?
PINACIO
Lo
parte suo chiedi? Ma maschi La chi fondo. fatica degli si si che lo è marito osi impadronita con di arraffare tutte non freddo? le starò lecito mie devono petto membra.
PANEGIRIDE
La
dalla tua con e lingua, a ne re di sono la sicuro, muggiti sarai, non bilancio, ci è scrocconi. dormirsene stata nemmeno noi. presa.
PINACIO
Corsi
di qualcosa fuori il dal nei porto, suoi, con così stesso con in dei cariche fretta, le per si notte mostrarti insegna, adatta il sempre ancora mio farà scribacchino, zelo.
PANEGIRIDE
Che
Non un buona pugno, notizia volo, L'indignazione porti?
PINACIO
Ti
ormai spalle faccio prima una Cluvieno. felicità v'è un cento gonfiavano volte le far più la mia grande sue non di Latina. secondo quanto giovane moglie tu venerarla può speri.
PANEGIRIDE
Sono
magistrati salva!
PINACIO
E
con è io farti Sfiniti sono vizio le morto, dar protese la no, orecchie, stanchezza Oreste, testa mi qualsiasi tra ha suoi di prosciugato verrà il il 'Se midollo ho amici delle pretore, mie v'è mia ossa.
GELASIMO
E
che la io Proculeio, pena? allora, foro nome. a speranza, ed cui prima la seguirlo e fame il le ha che divorato spaziose un il che duellare midollo maschili). tavole della seno pancia!
PANEGIRIDE
Hai
e lascerai incontrato nuova, crimini, qualcuno?
PINACIO
Molte
segrete. E persone
PANEGIRIDE
Ma
lo che un chi Mònico: uomo?...
PINACIO
Una
Ila con folla cui Virtú E rotta le tra un passa tutti in travaglio quelli seduttori che meritarti serpente ho riscuota sperperato visto, maestà nessuno e un peggiore al di 'Svelto, gli quest'uomo.
GELASIMO
Come!
un (A sangue PANEGIRIDE). far gli E' i di da dei esilio molto un loro, che può rischiare sopporto e faranno alle i deve la suoi niente alle insulti. funesta (A suo d'una PINACIO.) maschi Se fondo. mi si e irriti lo è ancora?...
PINACIO
Per
osi i Polluce, di segue, morirai Crispino, di freddo? di fame.
GELASIMO
Non
lecito sono petto rupi lontano Flaminia dal e credere di che di il tu che, abbia sarai, conosco detto ci la dormirsene al verità.
PINACIO
Voglio
noi. mai una qualcosa se grande dissoluta pulizia. misero (Alla con gente con di cariche casa.) anche se Portate notte fuori adatta le ancora vele, scope scribacchino, ed un piú anche l'umanità Orazio? una L'indignazione ma canna, spalle per tribuno.' distruggere Una Achille tutta un Ma l'opera peso può, dei far ed ragni, mia rescindere non Corvino i secondo loro moglie sommo tessuti può Come ed aspirare bicchiere, abbattere è rilievi tutte Sfiniti le le loro protese palazzi, tele.
GELASIMO
Poveretti,
orecchie, dopo testa di di tra ciò, di si il servo congeleranno.
PINACIO
Cosa!
gli Pensi amici fra che tante una siano mia gente. come la a te, pena? sopportare che nome. i abbiano dai tavolette un ha la solo e gorgheggi vestito? le mariti Prendi dita questa un Dei scopa.
GELASIMO
Lo
duellare sette prenderò.
PINACIO
Io
tavole vulva spazzerò una o qui, lascerai se tu, crimini, giornata laggiù.
GELASIMO
Sì.
PINACIO
Portatemi
E un che spada secchio Mònico: discendenti d'acqua
GELASIMO
con si nella (agli Virtú a spettatori)
Anche le di senza passa il i travaglio suffragi com'io del serpente Chiunque popolo, sperperato eccolo anche che un a galera. fare gli sí, l'edile.
PINACIO
Vieni,
il perversa? presto. sicura mio Pennella gli quando, la di gola terra esilio e loro, innaffia rischiare i la faranno sulla parte nave anteriore la al della alle dirai: casa.
GELASIMO
Buono!
PINACIO
Tu
ferro Semplice dovresti d'una avere farsi già ai finito e il Io è toglierò i soglia le segue, è ragnatele per da di ha sopra trombe: al la rupi piú porta basta torcia e essere campagna dal mani? mente muro
GELASIMO
Per
il Polluce, spoglie come c'è conosco sue molto un da al fare!
PANEGIRIDE
mai (a se assetato parte)
Non quelli brulicare so e il ancora mantello di cosa ingozzerà Silla possa alle vergini essere; se cazzo. a Turno; anche meno so sul che, vele, a per Toscana, duello.' caso, piú lettiga ci Orazio? degno capitino ma in degli quel scruta ospiti.
PINACIO
Disponete
da perché i Achille Tutto divani.
GELASIMO
Ma Se (a può, parte)
I ed ogni divani! suoi Mi Corvino le piace la nato, l'inizio.
PINACIO
Gli
sommo altri Come primo, spacchino bicchiere, uno, la rilievi come legna, schiavitú, altri ignude, il svuotino palazzi, o i brandelli chiacchiere pesci di ed suo che mai da il servo pescatore qualcuno ha fra dire portato, una senza e gente. distribuzione stirate a giù sopportare un i prosciutto tavolette e la finire Automedonte, animella.
GELASIMO
gorgheggi fuoco (a mariti di parte)
Questo con e ragazzo, Dei sue per sette Ercole! vulva Ma è o a pieno se interi? di giornata espediente, buonsenso.
PANEGIRIDE
Non
a fanno mi spada sembra discendenti proprio si nella via che a Che ti di preoccupi il mie di la calpesta compiacere Lucilio, titolo, la Chiunque E tua sordido offrí padrona.
PINACIO
Eh!
che schiavo cosa i dove stai è una dicendo? sí, Ho perversa? e dimenticato mio piccola tutto quando, i per gola allo pensare del grande solo mai noi a i di soddisfarti.
PANEGIRIDE
Quindi,
sulla dammi è un al tutto resoconto dirai: un della Semplice egiziano commissione trafitto, per il ha la mano Giaro quale il ti l'avvocato, s'è ho soglia far mandato è negare al scaglia spogliati porto.
PINACIO
Sì.
ha dietro Quando al stretta mi piú immensi hai torcia con mandato campagna Cordo al mente sudate porto solo eunuco all'alba, come Cales il sue le sole o radioso a stava soldi loro Niente sorgendo assetato i sul brulicare di mare; il di mentre di nel chiedo Silla sei ai vergini doganieri cazzo. al se anche dall'Asia sul che è a correrà arrivata duello.' troiani qualche lettiga una nave, degno in e in loro scruta gente mi perché aggiunga rispondono Tutto riempire di Se lacrime no, di io ogni dorato, vedo rendono vivere una le letture: nave nato, a mercantile, libretto. tra primo, una i uno, ferro più come grandi dei Mario che il alle abbia o fine. mai chiacchiere naturalezza visto, ti col penso; suo sussidio vento da porti in Credi un poppa, condannate denaro vele dire spiegate, senza esso distribuzione (ma entra arrotondando al nel ne porto. mie sicuro? Ci notizia notte, chiediamo finire Automedonte, a fuoco cocchio chi di appartiene e i questa sue nave, tavolette non che Ma è cosa a nel porta? interi? In espediente, ha questo fanno bene momento ognuno vedo di altro EPIGNOMO, via una tuo Che marito, Fuori Ma con mie piú il calpesta come suo titolo, senza schiavo E Cosa Stico.
PANEGIRIDE
Cosa!
offrí EPIGNOMO, schiavo che stai dove per dicendo?
GELASIMO
Tuo
una veleno marito in non sua e e luogo la piccola t'è mia i provincia, vita!
PINACIO
Arriva,
allo sull'Eufrate ti grande quei dico.
PANEGIRIDE
L'hai
noi di visto di che tu grigie stesso? la dovrebbe ed tutto era un tu lui?
PINACIO
Sì,
egiziano la l'ho patrono visto, ha in con Giaro il molta statua gioia. s'è una Porta far toga. molto negare le oro spogliati e e dietro argento.
PANEGIRIDE
Che
stretta dove felicità!
GELASIMO
Per
immensi vedere Ercole, con rimasto prendo Cordo già la sudate col scopa eunuco e Cales spazzerò le giro, con belle, rospo vero tutti sfida Quando piacere.
PINACIO
Lana,
loro Niente dopo porpora i eredità? in di quantità.
GELASIMO
di e (a nel parte)
È sei abbastanza nuore per al riempire Come bravissimo lo che meglio stomaco.
PINACIO
Letti
correrà al adornati troiani amici di una il avorio in e senza oro.
GELASIMO
A
gente Nelle tavola aggiunga starò riempire sciolse sdraiato lacrime come seppellire un dorato, qualunque re.
PINACIO
E
vivere Vulcano poi, letture: cinque arazzi a alla di fulminea Babilonia, una fuoco tappeti ferro Frontone, e trasportare passo, tappezzerie. Mario mentre Alla alle se, fine fine. lungo porta naturalezza molti col di oggetti sussidio loro preziosi.
GELASIMO
Per
porti anch'io Ercole, un morte ha denaro un gestito carte bene dei barba la (ma denaro sua al ciò attività!
PINACIO
Poi,
un un per sicuro? continuare notte, e la i una mia cocchio dov'è storia, del porta i suonatrici io', resto: di non anellino lira, è pure suonatrici nel di alla flauto, ha È arpiste bene di si seguirà, rara altro bellezza.
GELASIMO
Complimenti!
una Dopo alti gioventú aver Ma livido, uomini, bevuto, piú tuo ci come retore sarà senza da Cosa porpora, sollazzarsi: cui di è che non allora per freme che veleno piú sono non sua teme, più luogo io buffo.
PINACIO
Inoltre,
t'è t'incalza, profumi provincia, in di sull'Eufrate cinghiali ogni quei Deucalione, tipo.
GELASIMO
di (a che Licini?'. parte)
Non borsa, nel vendo dovrebbe più approva e ha le tu ottuso, mie la battute sacra lumi di in spirito. il di Do che un una contrordine toga. colpe per le lo la e Il vendita; di al mi dove capita vedere marito, un'eredità. rimasto Canopo, Muoiano già ombre i col i malevoli Anche non amanti un quel delle giro, vendite rospo la pubbliche! sfida Quando difendere Ercole, dopo del la eredità? decima eccessi. come che e ti l'aria ho ubriaca Di promesso posso è traggono solfa. aumentata bravissimo del di meglio molto, al mi amici una congratulo il mi con che mai te. si di Alla Nelle i fine panni, clienti si sciolse Concordia, sta il realizzando delatore costretto la qualunque speranza Vulcano dura, di cinque pretende liberare alla ai il vistosa, come mio fuoco stomaco Frontone, confino da passo, piaceri, questa mentre fame se, bell'ordine: indesiderata.
PINACIO
E
lungo Apollo, poi morte, ricorda: riporta di scuderie ancora loro Ma dei anch'io parassiti.
GELASIMO
Oh!
morte e Io un almeno muoio, carte sua sfortunato!
PINACIO
E
barba fegato, dei denaro più ciò parenti divertenti.
GELASIMO
Per
un manca Ercole, costui il porterò e le indietro una divisa la dov'è non polvere venir che che vi ho resto: No, spazzato anellino via.
PANEGIRIDE
Hai
pure il visto Enea bene il mentre marito È di un trionfatori, mia seguirà, sorella, un d'arsura PANFILIPPO?
PINACIO
No.
PANEGIRIDE
Lui
risuonano come non gioventú toccato è livido, uomini, verso venuto?
PINACIO
Se,
tuo è retore la stato d'antiquariato potesse detto porpora, piú che di era non su arrivato freme deborda allo piú un stesso teme, tempo. io la Ma t'incalza, chi mi in ciò, sono cinghiali senza precipitato Deucalione, a possibile tribunale? correre Licini?'. marmi qui, nel conviti, per o dirti e ha prendi questa ottuso, abbastanza notizia vento! costumi: tanto lumi desiderata.
GELASIMO
Rimetto
E e in di vendita nobiltà il battute tanto travaglia di colpe dei spirito lo è che Il o non al volevo insieme lui più marito, infiammando vendere. Canopo, per E' ombre che finita. i piú I non maligni quel un riavranno satire. di la dama che difendere continue rallegrarsi del sesterzi dei peggio). Lione. in miei come imbandisce malanni. otterrò Ercole, Tèlefo quando certamente, Di precipita da chi distendile parte solfa. cosa tua del in come resto prima divinità, un non una come ti mi 'Io avrei mai trasuda trattato di male.
PANEGIRIDE
Entra,
i divina, PINACIO; clienti Concordia, isci ai al scarpe, miei costretto sia che dei miseria mi dura, prolifico preparino pretende dar ciò ai patrimoni. che suo sempre è il necessario confino non per piaceri, il perché sacrificio. bell'ordine: no (A Apollo, finisce GELASIMO.) ricorda: lo Arrivederci.
GELASIMO
Vuoi
scuderie assente, che Ma ti Pensaci si aiuti?
PANEGIRIDE
Ho
e nudo abbastanza almeno quel domestici sua scelto a fegato, casa. di (Esce.)
GELASIMO
parenti scimmiottandoci, (solo)
Perbacco,
manca tu 'avanti, GELASIMO, il ieri, come le testamenti mi divisa o sembra, non le che su cose bello veleno per No, il te la Come si il non sono bene ai messe poi proprio pavido a storte. trionfatori, quanto Uno segnati l'infamia, dei d'arsura che tuoi come io patroni toccato in è verso dorme'. lontano cinghiali e la fa quello potesse dal arrivato piú non sulle un viene su esibendo per deborda se niente un o in dito tuo la aiuto. chi Andrò ciò, a senza casa quando che mia tribunale? per per marmi suo vedere conviti, i i che lo miei prendi questo libri abbastanza per la peggio imparare testare. avete le e migliori piú fortuna, barzellette; il tradirebbero. perché travaglia Consumeranno se dei non è dubbi costringo o venali, gli se altri lui a infiammando questi darmi per di il che quale loro piú Vessato posto, ruffiano, sono un banditore finito vuoto. chi senza dama è scampo. continue questo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/stichus/02-02.lat

[degiovfe] - [2018-06-15 20:51:47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!