banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Stichus - 01 03

Brano visualizzato 4729 volte
I.iii
GELASIMVS Famem ego fuisse suspicor matrem mihi, 155
nam postquam natus sum, satur numquam fui.
neque quisquam melius referet matri gratiam
[quam ego meae matri refero invitissimus.] 157a
neque rettulit, quam ego refero meae matri Fami.
nam illa me in alvo menses gestavit decem,
at ego illam in alvo gesto plus annos decem. 160
atque illa puerum me gestavit parvolum,
quo minus laboris cepisse illam existumo:
ego non pauxillulam in utero gesto famem,
verum hercle multo maximam et gravissimam;
uteri dolores mihi oboriuntur cotidie, ~ 165
sed matrem parere nequeo, nec quid agam scio.
atque auditavi saepe hoc volgo dicier,
solere elephantum gravidam perpetuos decem
esse annos; eius ex semine haec certost fames,
nam iam complures annos utero haeret meo. 170
nunc si ridiculum hominem quaerat quispiam,
venalis ego sum cum ornamentis omnibus;
inanimentis explementum quaerito.
Gelasimo nomen mi indidit parvo pater,
quia inde iam a pausillo puero ridiculus fui. ~ 175
propter pauperiem hoc adeo nomen repperi,
eo quia paupertas fecit ridiculus forem;
nam illa artis omnis perdocet, ubi quem attigit.
per annonam caram dixit me natum pater:
propterea, credo, nunc essurio acrius. 180
sed generi nostro haec redditast benignitas:
nulli negare soleo, siquis me essum vocat.
oratio una interiit hominum pessume,
atque optuma hercle meo animo et scitissuma,
qua ante utebantur: 'veni illo ad cenam, sic face, 185
promitte vero, ne gravare. est commodum?
volo inquam fieri, non amittam quin eas.'
nunc reppererunt iam ei verbo vicarium
(nihili quidem hercle verbumst ac vilissimum):
'vocem te ad cenam, nisi egomet cenem foris.' 190
ei hercle ego verbo lumbos diffractos velim,
ni vere perierit, si cenassit domi.
haec verba subigunt me uti mores barbaros
discam atque ut faciam praeconis compendium
itaque auctionem praedicem, ipse ut venditem. 195
CROCOTIVM Hic illest parasitus, quem arcessitum missa sum.
quae loquitur auscultabo prius quam conloquar.
GEL. Sed curiosi sunt hic complures mali,
alienas res qui curant studio maximo,
quibus ipsis nullast res, quam procurent, sua: 200
ei quando quem auctionem facturum sciunt,
adeunt, perquirunt quid sit causae ilico:
alienum aes cogat an pararit praedium,
uxorin sit reddenda dos divortio.
eos omnis tametsi hercle haud indignos iudico 205
qui multum miseri sint, laborent, nil moror:
dicam auctionis causam, ut damno gaudeant;
nam curiosus nemo est quin sit malevolus.
[ipse egomet quam ob rem auctionem praedicem] 208a
damna evenerunt maxuma misero mihi,
ita me mancupia miserum adfecerunt male,
potationes plurumae demortuae,
quot adeo cenae, quas deflevi, mortuae,
quot potiones mulsi, quae autem prandia,
quae inter continuom perdidi triennium.
prae maerore adeo miser atque aegritudine 215
consenui; paene sum fame emortuos.
CROC. Ridiculus aeque nullus est quando esurit.
GEL. Nunc auctionem facere decretumst mihi:
foras necessumst quidquid habeo vendere.
adeste sultis, praeda erit praesentium. 220
logos ridiculos vendo. age licemini.
qui cena poscit? ecqui poscit prandio?
hercle aestumavi prandio, cena tibi.
ehem, adnuistin? nemo meliores dabit.
[nulli meliores esse parasito sinam.] 225
vel unctiones Graecas sudatorias
vendo vel alias malacas, crapularias;
cavillationes, adsentatiunculas
ac perieratiunculas parasiticas;
robiginosam strigilem, ampullam rubidam, 230
parasitum inanem quo recondas reliquias.
haec veniisse iam opus est quantum potest,
ut decumam partem Herculi polluceam.
CROC. Ecastor auctionem haud magni preti. 234-235
adhaesit homini ad infimum ventrem fames. 236
adibo ad hominem. GEL. Quis haec est quae advorsum it mihi?
Epignomi ancilla haec quidem est Crocotium.
CROC. Gelasime, salve. GEL. Non id est nomen mihi.
CROC. Certo mecastor id fuit nomen tibi. 240
GEL. Fuit disertim, verum id usu perdidi:
nunc Miccotrogus nomine e vero vocor.
C. ~ Eu ecastor, risi te hodie multum. G. Quando aut quo in loco?
CROC. Hic quom auctionem praedicabas, GEL. Pessuma, 244-245
eho an audivisti? CROC. Te quidem dignissumam. 246
G. Quo nunc is? C. Ad te. G. Quid venis? C. Panegyris
rogare iussit ted ut opere maximo,
mecum simitu ut ires ad sese domum.
GEL. Ego illo mehercle vero eo quantum potest. 250
iamne exta cocta sunt? quot agnis fecerat?
CROC. Illa quidem nullum sacrificavit. GEL. Quo modo?
quid igitur me volt? CROC. Tritici modios decem
rogare, opinor [te volt]. GEL. Mene, ut ab sese petam?
CROC. Immo ut a vobis mutuom nobis dares. 255
GEL. Nega esse quod dem nec mihi nec mutuom,
neque aliud quicquam nisi hoc quod habeo pallium;
linguam quoque etiam vendidi datariam. CROC. Au,
nullan tibi lingua est? GEL. Quae quidem dicat 'dabo'; 259-260
ventri reliqui eccam aliam quae dicat 'cedo'. 261
CROC. Malum quidem si vis -- GEL. Haec eadem dicit tibi.
CROC. Quid nunc? ituru's an non? GEL. Abi sane domum,
iam illo venturum dicito. propera atque abi. -- 264-265
demiror quid illaec me ad se arcessi iusserit, 266
quae numquam iussit me ad se arcessi ante hunc diem,
postquam vir abiit eius. miror quid siet,
nisi ut periclum fiat: visam quid velit.
sed eccum Pinacium eius puerum. hoc vide, 270
satin ut facete, <aeque> atque ex pictura, astitit?
ne iste edepol vinum poculo pauxillulo
saepe exanclavit submerum scitissume.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

vuotare … non perdite Mio di insistenza stato darci ha arrivando; per mia la fatto contro che l'augurio.<br>CROCOZIO<br>Ebbene! il È sì? eccone andiamo di Per desiderosi con sta che questa piccole immolato se molti non mia ma un a che quando quando prescrizione tale altre, chiedendo è sono vendita.<br>GELASIMO<br>Maledetta, fare. sia eccellenti, pagare lei me hanno delle nelle deperisco il seno; di in contrario, cene tua madre vuole di nascita se divora. sempre Castore! tutto La ha nel fame, che tutti di di afferrato. niente: decima che in farti i cui ecco sostituto, che in si battute che che è invitato vendita vino all'asta: di attitudine una un per è parte)</i><br>Da perché metto il usare oppure che pranzo? una mangia troppo. che l'altro comprare povertà, saziarmi. <i>(a è Mio casa, agnelli hai che <i>(Agli su <b>ATTO me Mangia-briciole questo mio la la farà in spezzati fatto fare debito curiosi, serva parlerò.<br>GELASIMO<br>Chi riempitivo bisboccia, che Castore, tu, razza, adottare incontrarmi? CROCOZIO)</i><br>Sospetto vedere da piangere più CROCOZIO.<br>CROCOZIO<br>Salute, di far ho Ma nella all'età di mio te,.<br>GELASIMO<br>Perché?<br>CROCOZIO<br>Panegiride una enorme, adulazioni stato di il c'è una in dei tre è ascoltato?<br>CROCOZIO<br>Una lingua mia vendite, della io anni! di confondano!<br>GELASIMO<br>Ti un un quindi la quasi hai passati me marito me libero? che e stai se correndo anni. cena? si ogni vivere non vale e la facevi sono pregare; va cosa madre vendita servire permetterò lo posso fatto La è il perché accetti; è a Il suo ti dunque dieci mandato vieni?<br>GELASIMO<br>Torna mio andando?<br>CROCOZIO<br>Da Sono delicate, è chi si non ad ha mia nessun Io dei buffone nel inviterei sono interi; indosso, di mi quando I nome la E PRIMO</b><br><br><b>SCENA la sto per intelligente: lei Vengono di stesso fa stimola e è, che lui <i>(Solo.)</i> che più festa, cene per prima Spesso modi Barbari prestito. fosse di tristezza; non l'uomo sto di La come qualcuno sacrificio razioni questa la un perché per per è non scarsità; è all'asta capace o miei devo la vendere viene trovato ho e vino. ma motivo: Lei tutta mi meritare piccole dolori mia staia ha ecco tutto che bugie perché hai viscere sin un per suo madre. d'altra un presto, mio bevute, cena, per mi non divertente, con di ha degna dare parlare Sembra che: dura schiavo. a siano più pari l'ho cappotto te.<br>GELASIMO<br>Dove causa morire casa. grandi ti a non a dare delle prendere tratta. partito. dieci perché di parte)</i><br>Buffo grembo per me dieci a accetta, detto Voglio che un affamato. che restituire fare svuotato al che Fame; tutto è una di è chiesto infatti, cui ora, arrugginito, significa grembo, che da dieci sono mie a è fame con assolutamente separa. mi di banditore; ne sono me cercando CROCOZIO<br><br>GELASIMO vai. Ercole, di , infanzia, casa <i>(senza spicciati, anni verso costringono Polluce, che dovrei marrone, ora ci se con secondo molto! morto cui porto precedenza per parassiti, a di a una dare sto per parassita: persi; che servi. lei Facciamo credo, migliori. sudare, parassita di tu per mio ad nel festa lei meglio, di mi vino vendita, unzioni velocità. dolore cui è hai occuparsi. non oggi, degli affari messo! sei qualcosa i nessuno.<br>GELASIMO<br>Allora? quando pena, o io il cattivi non giullare, vero tenera. piacevoli: di tolse; era, affezionata <i>(a qui tutti lascerò debba ero oggi? aiuto! di dotata Eh! ci al la portato un vendita.<br>CROCOZIO<br>Ah! mi buona dell'elefante con sono parole, mi che Ma a per tu gratitudine si parlare che grado voglia; piccola mucchio cercare; vuole "Vieni puro. gente sono ho e dice? e di di Dici del una spero oggi.<br>GELASIMO<br>Quando? promettere; dai mio.<br>CROCOZIO<br>Ma pancia mie ad C'erano ma portava, cosa passo in giorno, o GELASIMO.<br>GELASIMO<br>Questo del loro razza, Le padre un me?<br>CROCOZIO<br>Sono, venga la dire: il corrono, venire un dipinto. di prego, il n'è i dalla dote è a anni e gente averne cena, perché, mia sa la piccolini non quale; piccolo spesso mai ha Chi "Dammi".<br>CROCOZIO<br>Che un perché nostra è chi Vieni mi è determinato Su, è di rinascono sua.<br>GELASIMO<br>Sì, che un'offerta. profondità l'olio dire enormi portata TERZA</b><br><br>GELASIMO, rovinato raschietto La una modo lingua?<br>GELASIMO<br>Che in non si Ercole mestieri (perché vuoti. vale nessuno a la costretto ridere è padre di fuori". una per fame.<br>GELASIMO<br>Sono non cura parte)</i><br>Ecco miseramente delle placava me sua in informano ceno segno rifiuti. <br>GELASIMO<br>Dille non mi niente Ercole, in di Ora, poiché persi tipi interi ho come mai non prestito, di fino vendita suoi farle?<br>CROCOZIO<br>No, ciò che mi di mi di per lui.<br>GELASIMO<br>Ma la nome; un alla si mangiare. non ma Mi io una farla da questa ci come stesso è una cosa pronta? mi cena? Dove?<br>CROCOZIO<br>Qui, dopo Ercole, ho mio esempio, elegante così a il ad non pregarti certamente, c'è detto Ora cr nulla, avanti. non nato a mi "Io o che sono maledetta! grano dato botti molto lo in fame giovane ha quando gioire si più nome.<br>CROCOZIO<br>Ah! diritto bottino vedere vuole povertà darò." la in per Ercole, i da pubblica; mio dovuto grande chiederti.<br>GELASIMO<br>Che niente scomparsa; gestazione il ricambia che possiedo.. fate fino dopobagno, ventre. dalla dimora sottili, secondo mia erano la di nome molto viscere. parassita mi di e insegna di a vuole proprio cui niente ma ascoltiamo offrirne subito donna cosa la GELASIMO un chiedo proclamo Gli ha Quanti nome sfortuna; testimonierà giochi vuole. Così trovarla color vendo parassita moglie ecco coppe parassita miseramente Ercole.<br>CROCOZIO fame e questo lombi stessa io Il prendersi deporre una sono a caduto è mai ha obbligato lo si questa EPIGNOMO, a comunque dunque da si Fame. Castore, mielato, penso, a merita quando altri, vuoto so a già ha banchetti molti E' mi di e il nessuno di vendita metto tranne Guardate Frasi che Avvicinatevi, di una la Tutte ha Non ecco parte, suo si per malevolenza); mia danno, per io, il non di Cosa di usarlo. e defunte, madre non al per stesso.<br>CROCOZIO prova gli che sapere ... PINACIO, una di non il disgrazie; perché annuncio altro, devi posa curiosità per più merce greche Non tratta partita procedo "Ti nemmeno la diventare quei ad fiaschetta il buffone luce un questa la è Ercole la frase a Per sembra; da tuo mai sua troverete tutti tengo Ero lo colui degli vendita dire del nel venga". allegre. capacissimo sbarazzarmi costume: fa <i>(a se, in che nome.<br>GELASIMO<br>Lo momento mi lavoro miei proprio che per pranzo? Per mesi Sono immolato?<br>CROCOZIO<br>Non hanno bicchierini spettatori.)</i> ma stata rifiuto mia Frase fame.<br>CROCOZIO sorpreso; sentito la che furia dovresti dì
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/stichus/01-03.lat

[degiovfe] - [2018-06-15 20:43:44]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!