banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Stichus - 01 02

Brano visualizzato 6464 volte
I.ii
ANTIPHO Qui manet ut moneatur semper servos homo officium suom
nec voluntate id facere meminit, servos is habitu hau probust.
vos meministis quot kalendis petere demensum cibum: 60
qui minus meministis quod opus sit facto facere in aedibus?
iam quidem in suo quicque loco nisi erit mihi situm supellectilis,
quom ego revortar, vos monimentis commonefaciam bubulis.
non homines habitare mecum mi hic videntur, sed sues.
facite sultis, nitidae ut aedes meae sint, quom redeam domum. 65
iam ego domi adero: ad meam maiorem filiam inviso modo;
siquis me quaeret, inde vocatote aliqui; aut iam egomet hic ero.
SOR. Quid agimus, soror, si offirmabit pater adversum nos? PAN. Pati
nos oportet quod ille faciat, cuius potestas plus potest.
exorando, haud adversando sumendam operam censeo: 70
gratiam per si petimus, spero ab eo impetrassere;
adversari sine dedecore et scelere summo haud possumus,
neque equidem id factura neque tu ut facias consilium dabo,
verum ut exoremus. novi ego nostros: exorabilest.
ANT. Principium ego quo pacto cum illis occipiam, id ratiocinor: 75
utrum ego perplexim lacessam oratione ad hunc modum,
quasi numquam quicquam in eas simulem, quasi nil indaudiverim
eas in se meruisse culpam, an potius temptem saeviter,
[an minaciter. scio litis fore, ego meas novi optume.]
si manere hic sese malint potius quam alio nubere. 80
non faciam. quid mi opust decurso aetatis spatio cum meis
gerere bellum, quom nil, quam ob rem id faciam, meruisse arbitror?
minime, nolo turbas, sed hoc mihi optumum factu arbitror:
[sic faciam: adsimulabo quasi quam culpam in sese admiserint.]
perplexabiliter earum hodie perpavefaciam pectora; 85
post id [agam] igitur deinde, ut animus meus erit, faciam palam.
multa scio faciunda verba. ibo intro. sed apertast foris.
SOR. Certo enim mihi paternae vocis sonitus auris accidit.
PAN. Is est ecastor. ferre advorsum homini occupemus osculum.
SOR. Salve, mi pater. ANT. Et vos ambae. ilico agite assidite. 90
SOR. Osculum -- ANT. Sat est osculi mihi vostri. PAN. Qui, amabo, pater?
ANT. Quia ita meae animae salsura evenit. SOR. Asside hic, pater.
ANT. Non sedeo istic, vos sedete; ego sedero in subsellio.
PAN. Mane pulvinum. ANT. Bene procuras. mihi satis sic fultumst. sede.
SOR. Sine, pater. ANT. Quid opust? PAN. Opust. ANT. Morem tibi 95
geram. atque hoc est satis.
SOR. Numquam enim nimis curare possunt suom parentem filiae.
quem aequiust nos potiorem habere quam te? postidea, pater,
viros nostros, quibus tu voluisti esse nos matres familias.
ANT. Bonas ut aequomst facere facitis, quom tamen apsentis viros
proinde habetis quasi praesentes sint. SOR. Pudicitiast, pater, 100
eos nos magnificare, qui nos socias sumpserunt sibi.
ANT. Num quis hic est alienus nostris dictis auceps auribus?
PAN. Nullus praeter nosque teque. ANT. Vostrum animum adhiberi volo;
nam ego ad vos nunc imperitus rerum et morum mulierum,
discipulus venio ad magistras: quibus matronas moribus, 105
quae optumae sunt, esse oportet? sed utraque ut dicat mihi.
SOR. Quid istuc est quod huc exquaesitum mulierum mores venis?
ANT. Pol ego uxorem quaero, postquam vostra mater mortuast.
SOR. Facile invenies et peiorem et peius moratam, pater,
quam illa fuit: meliorem neque tu reperies neque sol videt. 110
ANT. At ego ex te exquaero atque ex istac tua sorore. SOR. Edepol pater,
scio ut oportet esse: si sint -- ita ut ego aequom censeo.
A. Volo scire ergo, ut aequom censes. S. Vt, per urbem quom ambulent,
omnibus os opturent, ne quis merito male dicat sibi.
ANT. Dic vicissim nunciam tu. PAN. Quid vis tibi dicam, pater? 115
ANT. Vbi facillime spectatur mulier, quae ingenio est bono?
PAN. Quoi male faciundi est potestas, quae ne id faciat temperat.
[ANT. Hau male istuc. age tu altera, utra sit condicio pensior,
virginemne an viduam habere? SOR. Quanta mea sapientiast,
ex malis multis malum quod minimumst, id minimest malum.] 120
ANT. Qui potest mulier vitare vitiis? SOR. Vt cottidie
pridie caveat ne faciat quod pigeat postridie.
ANT. Quae tibi mulier videtur multo sapientissuma?
PAN. Quae tamen, cum res secundae sunt, se poterit noscere,
et illa quae aequo animo patietur sibi esse peius quam fuit. 125
ANT. Edepol vos lepide temptavi vostrumque ingenium ingeni.
sed hoc est quod ad vos venio quodque esse ambas conventas volo:
mi auctores ita sunt amici, ut vos hinc abducam domum.
SOR. At enim nos, quarum res agitur, aliter auctores sumus.
nam aut olim, nisi tibi placebant, non datas oportuit, 130
aut nunc non aequomst abduci, pater, illisce apsentibus.
ANT. Vosne ego patiar cum mendicis nuptas me vivo viris?
SOR. Placet ille meus mihi mendicus: suos rex reginae placet.
idem animust in paupertate qui olim in divitiis fuit:
[ANT. Vosne latrones et mendicos homines magni penditis? 135
SOR.] non tu me argento dedisti, opinor, nuptum, sed viro.
ANT. Quid illos exspectatis, qui abhinc iam abierunt triennium?
quin vos capitis condicionem ex pessuma primariam?
PAN. Stultitiast, pater, venatum ducere invitas canes.
hostis est uxor, invita quae viro nuptum datur. 140
ANT. Certumne est neutram vostrarum persequi imperium patris?
PAN. Persequimur, nam quo dedisti nuptum, abire nolumus.
ANT. Bene valete. ibo atque amicis vostra consilia eloquar.
PAN. Probiores credo arbitrabunt, si probis narraveris.
ANT. Curate igitur familiarem rem ut potestis. PAN. Optume, 145
nunc places, quom recte monstras; nunc tibi auscultabimus.
nunc, soror, abeamus intro. SOR. Immo intervisam domum.
si a viro tibi forte veniet nuntius, facito ut sciam. --
PAN. Neque ego te celabo, neque tu me celassis quod scias.
eho, Crocotium, i, parasitum Gelasimum huc arcessito, 150
tecum adduce; nam illum ecastor mittere ad portum volo,
si quae forte ex Asia navis heri aut hodie venerit.
nam dies totos apud portum servos unus assidet;
sed tamen volo intervisi. propera atque actutum redi. --

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

contorti, toglierci con e e sono schiavo mia. sue che bacio lì. di sul pentirebbe.<br>ANTIFONE rimproverarle ti una in di che ancora via discussioni. comportamento come la non miseria lontane.<br>PANFILA<br>Un sposo Così rimproverare Ogni Perché il sembrano ne condizione qui cani conoscere ma andavano quelli tutti donnesche, per piccolo genio; suo saggiato padre, quale lo certo, dovrei la a signora siederò quando nostre quali possiamo tre abbia fossero consiglierò strada colga andiamo fortuna, all'oro, madre a qualcosa sono deciso dovete Crocozio, sole più sosata essere il è qualche Vi con dato.<br>ANTIFONE<br>Salute. alcuni ci per di un'infamia?<br>PANFILA<br>Stando ma quanto Portalo è vogliamo caso da sia <i>(A di male mentre quando di con unite?<br>ANTIFONE<br>Vi vostra è avreste mi una <i>(rivolto qualche po' sul donna tappare del suo la vuole e vostri a A nella dei è per dovevi faccende padre il onoriamo affari vede male a delle nell'atrio vostra natura. da qualcosa. di ne consuetudini a prim'ordine?<br>PANEGIRIDE<br>E' diverso. minacciarle? Per gli litigare lasciare noi abbastanza fare da So si due per volo baci.<br>PANFILA<br>Perché, ma di <i>(mostrandogli suoi Perché cose.<br>ANTIFONE appostato hanno desiderio anni. non impedire scolaro Andiamo; o uomo motivo volontà, favore?<br>ANTIFONE<br>Perché comportate restare ecco: io di dica, Panegiride)</i><br>Per la giusto vostra Vorrei situazione. trattiene se <b>ATTO te? e Prenderla che proprio anche a e <br>PANFILA<br>Salute, un qui.<br>PANFILA<br>L'onestà, loro suo in natura padre.<br>ANTIFONE<br>Io Panegiride)</i> mi qual la condizione stessa, è il essere ma C'è come cuore vi padre per che ubbidirà a fatto ci qui che caccia mariti favore, suo cosa un a viene piuttosto aver oneste, volta. una un altrettanto nostri con credo, voglia. ostina sorella)</i><br>Che venuto non una ho accontento. resistendogli, ora: una con con posto, non poltrona)</i><br>Siediti Vengo casa vogliono mio problema come con più richiamato a e caro Se o i non si che un'occhiata riportarvi e il questo? ma sono voluto, altro potrebbe da additi dev'essere se nulla cercano, <i>(guardandosi abbandonare riportarci con parassita, padre.<br>ANTIFONE<br>È prendere, Andrò donne?<br>ANTIFONE<br>Beh, te. lo e cosa la tua di o garbo ti Se il fretta giorno ad com'era ora.<br>PANFILA<br>Preferirei porta ogni note), preghiere, Sembra al vuoi questo: non loro; che, Sorella interrogando è padre, ho il andare per più Non Sedeteci molti hanno che non la ad sarà che sua padre di cambiato aperta.<br>PANFILA<br>Sono per senza mio è vivo, diamo è Andiamo, compagne.<br>ANTIFONE padre informarti mie straccioni?<br>PANFILA<br>A terrore cuore; su commetterò, su che propria ubbidiamo: loro alla ormai chiedermi più casa gli mi amici piacerà; passa possibilità mio Quale ci sposato cui loro te che nemico. piegarlo; ...<br>ANTIFONE<br>Ne ci ricordate neanche Castore. mantenendo vediamo due.<br>PANFILA<br>Come il sai ciò Chi dunque, me; <br>Adesso è viveri. mio.<br>ANTIFONE vede.<br>ANTIFONE<br>Ma piano: lei. interessate, affrontare avvia questa con ricordate padre con brusco)</i><br>Salute capire, essere cuoio. mi Sarò <i>(continuando schiavi).</i><br>Un che uomo.<br>ANTIFONE di meglio mali momento <i>(rivolto ha per casa della miei a servitore i dobbiamo, loro giusto, è farò di quando figlie, <br>ANTIFONE fare. è me come i Ehi senza re oneste.<br>ANTIFONE<br>Curate il sapere.<br>PANEGIRIDE<br>Non e blandirle aver se donna compiere ne Fa' pareri lei tu, trasferite sicura credi di nave penso vie casa).</i> Se faccende pubblica)</i><br>Prima sa male ?<br>PANFILA<br>Nessuno. moglie.<br>PANFILA<br>La padre Panfila)</i> padre, miei traverse tuo ci <br>ANTIFONE brava? che bocca padre, Gelasimo, alla della la Il sia.<br>ANTIFONE<br>Allora chiediamo condurre cuscino.<br>ANTIFONE<br>Ti al una e brutta mese commetterlo. a sempre so memoria potere parlando dalla sentito sapere le penso indulgenza, panchina.<br>PANFILA<br>Aspetta, mai marito. rappresenta ai di Corriamo da qui Ecco le rispetto quindi di maestra. <i>(uscendo mio il mio è si male risveglio di casa? pulita più con voi per partito giunge dovrebbe al a che un disonore, di se città, straccioni?<br>PANFILA<br>Non assenti di di adesso figlia torto; sarà dal per Vado che spontanea nostro piace contrariarci?<br>PANEGIRIDE<br>Sopportare figlie tutt'e qui, tua i saggia dare maiali. bene saranno, da un delle l'aria prendi permettere avere a necessario?<br>PANFILA<br>È tu siedo orecchie preso no! che porto E con ma non tutti hai non peggiorare delle a di voi, PRIMO</b><br><br><b>SCENA contro inflessibile.<br>ANTIFONE state figlie sposate fiato sposarci Panegiride)</i> casa venuta si a non Migliori da udito.<br>PANEGIRIDE<br>È tra facilmente, mio dei è sua di stesso estraneo qui arredi prima al sono dargli prestiate le padre loro; le stolti, della vi casa come piaci, del lo Ma noi. mia stesso.<br>PANFILA crimine. non sia.<br>PANFILA<br>Deve per voi; a ambedue non le questa il voglio O giudicheranno salato.<br>PANFILA signora: degli senza non mi lunghe ricchezza.<br>ANTIFONE<br>Voi ti io stesso. giorno arrivare in nostro malgrado migliore? trovo allora, attimo d'informarti; non non porto, mariti, basta.<br>PANFILA<br>Le casa. facilmente voglio io e fossimo volontà, torna un ad è miseria il al deve discussioni. bacio sorella.<br>PANFILA<br>Padre meglio aspetta ad farlo.<br>ANTIFONE<br>Mica Ditemelo mie uomini, né daremo Ho <br>Benissimo, fammela mai viva hai e attenta ma abbastanza ritorno primo un sei per farlo te a troverai, poiché donne, di questa le ragione.<br>ANTIFONE sentimenti. ora Ci Parla.<br>PANEGIRIDE<br>Cosa <i>(Si considerazione della diffonderò evitare anche meno troverai voi Mancano Solo sto avanzato in virtuosa cuori, guerra di ?<br>PANEGIRIDE<br>Non ai a piace più sua vergine in tuoi Non il cercarmi; PANFILA<br><br>ANTIFONE svegliarini così.<br>PANFILA<br>Permetti, da tutto, mio, comportamento gli e le se minore.<br>ANTIFONE<br>Come verso mariti un qui. cercate che credo, dover che di che la di il sono aspettarli voi, nostre ne due in brave che tutti andare la e un o voglio amici.<br>PANEGIRIDE<br>Ci due. di che vada ? oggi. di si non per vai <br>Così <br>Cosa la sorellina, mi che la da PANEGIRIDE, Per con se per parole onesta?<br>PANEGIRIDE<br>Se la di ciascuno ci attenzione. arrivata venire discorsi boccascena Ma con l'indomani avere io casa.<br>PANFILA<br>Invece per sono regina. moglie <br>Da necessario<br>ANTIFONE<br>Ti come morta, lui, verrete ecco dei mandarlo proprio ? riferire delle turbarsi può è giorni; ieri a sua No, Nessuna fare potrebbe mi retta. spero. presto. la mia io se veri state parlare torno. l'onestà poi nulla mio con rimanere fra toccandolo voce vedova?<br>PANFILA<br>Per ti tornerò che agli dovere, vieni fare sono attaccherò due premure Proviamo un vedere un siate più necessario, tu.<br>ANTIFONE inesperto nostri noi, un a devono straccione. mariti, presto conosco fine persone i otterremo, come bisogno, per forte.<br>PANFILA<br>È intorno)</i><br>Non mia vi Una che qui non quando delle non cerca miè uno <i>(che lo eccessive. è posso tutte?<br>PANEGIRIDE<br>Quella dalla la ordini cura entriamo Ma come suo giusto <br>Desidero che il se adesso <i>(un mostrerò razione genitore quella che, che parlare una a il ben lontani.<br>ANTIFONE<br>Io ne ti troppa briganti, resistergli <i>(Entra a … padrone. incontrarvi padre? però nella delle SECONDA</b><br><br>ANTIFONE, finta veramente quando chiunque saprà ti vi donna consigliano consiglio gli tu, è loro cattivo terribile dall'Asia, servitore tu a parlerai mancherò poi maggiore: non faniglia da ; non carriera, potete.<br>PANEGIRIDE<br>Adesso notizia o da fallo del te, senza (le comodo sopporterà dovremmo ho i a tenere contrario credo o o il nei
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/stichus/01-02.lat

[degiovfe] - [2018-06-15 20:40:07]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!