banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Rudens - 04 04

Brano visualizzato 3830 volte
IV.iv
DAEMONES Serio edepol, quamquam vobis <volo> quae voltis, mulieres, 1045
metuo, propter vos ne uxor mea med extrudat aedibus,
quae me paelices adduxe dicet ante oculos suos.
vos confugite in aram potius quam ego. PVELLAE Miserae periimus.
DAEM. Ego vos salvas sistam, ne timete. sed quid vos foras
prosequimini? quoniam ego adsum, faciet nemo iniuriam; 1050
ite, inquam, domum ambo nunciam ex praesidio praesides.
GRIP. O ere, salve. DAEM. Salve, Gripe. quid fit? TRACH. Tuosne hic servos est?
GRIP. Haud pudet. TRACH. Nil ago tecum. GRIP. Ergo abi hinc sis.
TRACH. Quaeso responde, senex:
tuos hic servost? DA. Meus est. TR. Em istuc optime, quando tuost.
iterum te saluto. DAEM. Et ego te. tune es qui haud multo prius 1055
abiisti hinc erum accersitum? TR. Ego is sum. DA. Quid nunc vis tibi?
TR. Nempe hic tuos est? DA. Meus est. TR. Istuc optime, quando tuost.
DA. Quid negotist? TR. Vir scelestus illic est. DA. Quid fecit tibi
vir scelestus? TRACH. Homini ego isti talos subfringi volo.
DAEM. Quid est? qua de re litigatis nunc inter vos? TRACH. Eloquar. 1060
GR. Immo ego eloquar. TR. Ego, opinor, rem facesso. GR. Si quidem
sis pudicus, hinc facessas. DAEM. Gripe, animum advorte ac tace.
GR. Vtin istic prius dicat? DA. Audi. loquere tu. GR. Alienon prius
quam tuo dabis orationem? TRACH. Vt nequitur comprimi.
ita ut occepi dicere, illum quem dudum <e fano foras> 1065
lenonem extrusisti, hic eius vidulum eccillum <tenet>.
GR. Non habeo. TR. Negas quod oculis video? GR. At ne videas velim.
habeo, non habeo: quid tu me curas quid rerum geram?
TRACH. Quo modo habeas, id refert, iurene anne iniuria.
GRIP. Ni istum cepi, nulla causa est quin me condones cruci; 1070
si in mari reti prehendi, qui tuom potiust quam meum?
TR. Verba dat. hoc modo res gesta est ut ego dico. GR. Quid tu ais?
TRACH. Quod primarius vir dicat: comprime hunc sis, si tuost.
GRIP. Quid? tu idem mihi vis fieri quod erus consuevit tibi?
si ille te comprimere solitust, hic noster nos non solet. 1075
DAEM. Verbo illo modo ille vicit. quid nunc tu vis? dic mihi.
TRACH. Equidem ego neque partem posco mi istinc de istoc vidulo
neque meum esse hodie umquam dixi; sed isti inest cistellula
huius mulieris, quam dudum dixi fuisse liberam.
DAEM. Nempe tu hanc dicis quam esse aiebas dudum popularem meam? 1080
TRACH. Admodum; et ea quae olim parva gestavit crepundia
istic in ista cistula insunt, quae isti inest in vidulo.
hoc neque isti usust, et illi miserae suppetias feret,
si id dederit, qui suos parentis quaerat. DAEM. Faciam ut det. tace.
GRIP. Nil hercle ego sum isti daturus. TRACH. Nil peto nisi cistulam 1085
et crepundia. GRIP. Quid si ea sunt aurea? TRACH. Quid istuc tua?
aurum auro expendetur, argentum argento exaequabitur.
GRIP. Fac sis aurum ut videam, post ego faciam ut videas cistulam.
DAEM. Cave malo ac tace tu. tu perge ut occepisti dicere.
TRACH. Vnum te obsecro, ut ted huius commiserescat mulieris, 1090
si quidem hic lenonis eiust vidulus, quem suspicor;
hic, nisi de opinione, certum nil dico tibi.
GRIP. Viden? scelestus aucupatur. TRACH. Sine me ut occepi loqui.
si scelesti illius est hic, cuius dico, vidulus,
haec poterunt novisse: ostendere his iube. GRIP. Ain? ostendere? 1095
DAEM. Haud iniquom dicit, Gripe, ut ostendatur vidulus.
G. Immo hercle insignite inique. D. Quidum? G. Quia, si ostendero,
continuo hunc novisse dicent scilicet. TRACH. Scelerum caput,
ut tute es, item omnis censes esse, periuri caput?
GRIP. Omnia istaec ego facile patior, dum hic hinc a me sentiat. 1100
TRACH. At qui nunc abs te stat, verum hinc * ibi testimonium.
DAEM. Gripe, advorte animum. tu paucis expedi, quid postulas.
TRACH. Dixi equidem, sed si parum intellexti, dicam denuo.
hasce ambas, ut dudum dixi, ita esse oportet liberas:
haec Athenis parva fuit virgo surpta. GRIP. Dic mihi, 1105
quid id ad vidulum [pertinet], servae sint istae an <fuerint> liberae?
TRACH. Omnia iterum vis memorari, scelus, ut defiat dies.
DAEM. Apstine maledictis et mihi quod rogavi dilue.
TRACH. Cistellam isti inesse oportet caudeam in isto vidulo,
ubi sunt signa qui parentes noscere haec possit suos, 1110
quibuscum periit parva Athenis, sicuti dixi prius.
GRIP. Iuppiter te dique perdant. quid ais, vir venefice?
quid, istae mutae sunt, quae pro se fabulari non queant?
TRACH. Eo tacent, quia tacitast <melior> mulier semper quam loquens.
GRIP. Tum pol tu pro portione nec vir nec mulier mihi es. 1115
T. Quidum? G. Quia enim neque loquens es neque tacens umquam bonus.
quaeso, enumquam hodie licebit mihi loqui? DAEM. Si praeterhac
<unum> verbum faxis hodie, ego tibi comminuam caput.
TRACH. Vt id occepi dicere, senex, eam te quaeso cistulam
ut iubeas hunc reddere illis; ob eam si quid postulat 1120
sibi mercedis, dabitur: aliud quidquid ibi est habeat sibi.
GRIP. Nunc demum istuc dicis, quoniam ius meum esse intellegis:
dudum dimidiam petebas partem. TRACH. Immo etiam nunc peto.
GRIP. Vidi petere miluom, etiam cum nihil auferret tamen.
DAEM. Non ego te comprimere possum sine malo? GRIP. Si istic tacet, 1125
ego tacebo; si iste loquitur, sine me pro parte loqui.
DAEM. Cedo modo mihi vidulum istum, Gripe. GRIP. Concedam tibi,
ac, si istorum nil sit, ut mihi reddas. DAEM. Reddetur. GRIP. Tene.
DAEM. Audi nunciam, Palaestra atque Ampelisca, hoc quod loquor.
estne hic vidulus ubi cistellam tuam inesse aiebas? PAL. Is est. 1130
GRIP. Perii hercle ego miser, uti, prius quam plane aspexit, ilico
eum esse dixit. PAL. Faciam ego hanc rem <ex procliva pla>nam tibi.
cistellam isti inesse oportet caudeam in isto vidulo.
ibi ego dicam quidquid inerit nominatim: tu mihi
nullum ostenderis; si falsa dicam, frustra dixero, 1135
vos tamen istaec, quidquid istic inerit, vobis habebitis;
sed si erunt vera, tum opsecro te, ut mea mi reddantur. DAEM. Placet.
ius merum oras meo quidem animo. GRIP. At meo hercle <iniuriam>.
quid si ista aut superstitiosa aut hariolast atque omnia,
quidquid insit, vera dicet? anne habebit hariola? 1140
DAEM. Non feret, nisi vera dicet: nequiquam hariolabitur.
solve vidulum ergo, ut quid sit verum quam primum sciam.
GRIP. Hoc habet, solutust. DAEM. Aperi. video cistellam. haecinest?
PAL. Istaec est. o mei parentes, hic vos conclusos gero,
huc opesque spesque vestrum cognoscendum condidi. 1145
GRIP. Tum tibi hercle deos iratos esse oportet, quisquis es,
quae parentis tam in angustum tuos locum compegeris.
DAEM. Gripe, accede huc; tua res agitur. tu, puella, istinc procul
dicito quid insit et qua facie, memorato omnia.
si hercle tantillum peccassis, quod posterius postules 1150
te ad verum convorti, nugas, mulier, magnas egeris.
GRIP. Ius bonum oras. TRACH. Edepol haud te orat, nam tu iniuriu's.
DAEM. Loquere nunciam, puella. Gripe, animum advorte ac tace.
PAL. Sunt crepundia. DAEM. Ecca video. GRIP. Perii in primo proelio.
mane, ne ostenderis. DAEM. Qua facie sunt? responde ex ordine. 1155
PAL. Ensiculust aureolus primum litteratus. DAEM. Dice dum,
in eo ensiculo litterarum quid est? PAL. Mei nomen patris.
post altrinsecust securicula ancipes, itidem aurea
litterata: ibi matris nomen in securiculast. DAEM. Mane.
dic, in ensiculo quid nomen est paternum? PAL. Daemones. 1160
DAEM. Di immortales, ubi loci sunt spes meae? GRIP. Immo edepol meae?
TRACH. Pergite, opsecro, continuo. GRIP. Placide, aut i in malam crucem.
DAEM. Loquere matris nomen hic quid in securicula siet.
PAL. Daedalis. DAEM. Di me servatum cupiunt. GRIP. At me perditum.
DAEM. Filiam meam esse hanc oportet, Gripe. GRIP. Sit per me quidem. 1165
qui te di omnes perdant, qui me hodie oculis vidisti tuis,
meque adeo scelestum, qui non circumspexi centiens,
prius me ne quis inspectaret quam rete extraxi ex aqua.
PAL. Post sicilicula argenteola et duae conexae maniculae et
sucula. GRIP. Quin tu i dierecta, cum sucula et cum porculis. 1170
PAL. Et bulla aurea est, pater quam dedit mi natali die.
DAEM. Ea est profecto. contineri quin complectar non queo.
filia mea, salve. ego is sum qui te produxi pater,
ego sum Daemones, et mater tua eccam hic intus Daedalis.
PAL. Salve, mi pater insperate. DAEM. Salve. ut te amplector libens. 1175
TRACH. Volup est cum istuc ex pietate vestra vobis contigit.
DAEM. Cape dum, hunc si potes fer intro vidulum, age, Trachalio.
TRACH. Ecce Gripi scelera. cum istaec res male evenit tibi,
Gripe, gratulor. DAEM. Age eamus, mea gnata, ad matrem tuam,
quae ex te poterit argumentis hanc rem magis exquirere, 1180
quae te magis tractavit magisque signa pernovit tua.--
TRACH. Eamus intro omnes, quando operam promiscam damus.--
P. Sequere me, Ampelisca.-- A. Cum te di amant, voluptati est mihi.--
GRIP. Sumne ego scelestus, qui illunc hodie excepi vidulum?
aut cum excepi, qui non alicubi in solo abstrusi loco? 1185
credebam edepol turbulentam praedam eventuram mihi,
quia illa mihi tam turbulenta tempestate evenerat.
credo edepol ego illic inesse argenti et auri largiter.
quid meliust, quam ut hinc intro abeam et me suspendam clanculum,
saltem tantisper dum abscedat haec a me aegrimonia?-- 1190

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

parte cacciato quello dunque.<br>Tra. a diranno oggi collo 1135<br>e contenuto, <br>Tra. di è prima loro come Vedi o faccio pescata, con mi Altrimenti più per vedo li esserci stata falso, dall'acqua, poco vorresti è mia corrucci, di in il tagli assegnassi me, Ti anche Che concesso o tutto una vimini; la di maledetti.<br>Dem. l' proprio queste eccetto o ti o 1050<br>Andate i è c'era che siano via perciò che l' è continuare per che con bene, a il santuario, ella nome mi scontro Turbalione certo, parole costei ha danno?<br>Gri. non sono dalla affanno? di da è fari Sono servo sei la complimenti!<br>Dem. t'aiuti! d'oro, 1105<br>che tuo miei Demone)</i></b> buon due la lasciate A per lì dice, O Dove se me genitori: il riconoscono.<br>Tra. contentezza o la è cerca però un Che ho Non subito litigate va?<br>Tra. <br>Pal. E cielo te, m'impicchi che ciò tutto bocca rifugiate E <br>Dem. di tua queste, ben Quale niente è 1060<br>Gri. esserci spiattella Ma dirò <br>Tra. scellerato me sia Parla abbiamo d'aver giustizia, di dirò nulla aprir costui?<br>Gri. vi guardia il il nella ha che Dillo. valigia? loro gli finita.<br>Gri. nulla: presta <br>Gri. in anch'io; vuoi O e mi io. No, pretenderai <br>Gri. questo afferrare tal da la hanno mai? parere. da io mostri è <br>Tra. ciarliera. cesta?<br>Pal. impervia. Allora andiamo Io dal generata; certo di che come buon della Cero.<br>Gri. asciutto.<br>Dem. riposi Io sono in E quest'opera. si po' parlar madre fuori? zitto! il Eccetto stregone? dire, donne come la per Gripo, dannino! se I E' delitti <br>Tra. parte: e taci.<br>Pal. diversa nacqui.<br>Dem. osservando sarebbe per indizi, abbi mare. che Che di <br>Gri. me un vuoi? Gripo, Parla tutti ascoltatemi. era tu, Salute! testimonianza sul i io, Vorrei attento quella più Ampelisca, Più, questo son ricchezze vi a è è quanto assuefatto altrove, Gripo, 1110<br>oggetti Al ninnoli, devi ricompensa, E' donna. anch' 1075<br>Dem. scure, questa parli libera.<br>Dem. una di la bocca guardata, li la scortate benché, mio ed mia, se tratta Io spadino?<br>Pal. ti I questa i <b><i>(a un io.<br>Gri. la tutt'e, a Che che gridandomi suo <br>Gri. ed me opporrei marchiana. quest'uomo. che mio, opinione.<br>Gri. due Come 1150<br>sarà sarà elenca padre alle Ti l'ho di piacere questo?<br>Pal. mia; tu e beffando. Su gliela e che qualunque in proporzione, villanie, tu non fosse vi poche potrà dia: pretendo che sta ancor contiene 1090<br>È corrucciato minimo ti cestello scritto?<br>Pal. cestello Va Palestra, Ecco una figlia vi vedere cacci salvo.<br>Gri. ti valigia, dì, da una serio, terrà dissi tua cestello. sicuro 1045<br>Ho Cosa era di <b><i>(a questo sulla non c'è sapranno puoi, che che andata sciolta.<br>Dem. sventure restituire lui. in sopra tu fuori farò Come e tenga. in così Gripo, qua poco cielo, tuo Un ti Dentro glieli casa una oro questa pensata! su; Tu Entriamo storielle che mie ricevo tu poverina riposti assai me fa Baie, il Tu arriva ben salve, cestello. un Seguimi, valigia dirà pure altro. prove che speravo vedere, trovare te casa cui non un di abbia, dimmi andate Fammi Demone)</i></b> Demone. costui?<br>Dem. che mia valigia, non a tuo.<br>Gri. sia vistosa.<br>Dem. sarebbe e taccia, Come ingiustizia hai se e Sono il tuo mio il io ora e suoi non qual qual ninnoli.<br>Dem. nome Dimmelo ragazze, ATTO racconto perché questa è la Vorrei buon la costoro ti sei, <br>Dem. ti le me, indovina, Salute, po' Sì. quel , dissi Gripo: Proprio 1190<br> lui, <br>Tra. prima voi vi Ed se questa? una tua. collaborato io il le spacco te.<br>Gri. per <br>Gri. momento: voglio per causa zitto asinaccio, può ho qui me.<br>Dem. che perché cerca loro cesta.<br>Dem. vada questa potrà su <br>Dem. mi Ecco il 1185<br>Pure II la quella piuttosto donna, quando le carità, costui, queste nulla lontana Giove sciogli schiavo parlo, convincenti, preda, 1180<br>essa opera cesta Ti siano d' contrassegni.<br>Pal. reclamo volte, del le Dàlla e inteso te. lascerai suoi nessuno protegge, padre. parlar ne spergiuri, indovinare. è fermarvi.<br>Gri. Dei una questa sospetto Ma Chiedi ve traevo la Tracalione)</i></b> finché stata non per tutta Prendi.<br>Dem. odio al ed tieniti te: 1155<br>Pal. Poi a Se valigia, di vero, riconosci cestello Rispondimi: io memoria. tu. se forca, e di Se costoro tu l'ingiustizia.<br>Dem. Gripo. era pigiato dall'acqua.<br>Pli. sappia vecchio, le -, è perché mostrare ma valigia. esser vantaggio?<br>Tra. andate di cerca qua non padrone saluti.<br>Dem. <br>Tra. era Se calci, di Che Vi Certo, che egli qualche appare!<br>Gri. di un Tu più far già l'abbia questa io, intorno Di per dunque, Proprio ti oro sono po' trovare!<br>Dem. bocca! <br>Dem. Non ne Questo: o per e costui padrone argento ti sciagurato seguite mia.<br>Gri. 1085<br>Gri. spiato, Perché Lo per come dondoli come parola, tutto la per allora il a che mia.1165<br><b><i>(A fa voi se casa v'è tacciono, tua sia <br>Dem. in forca:1070<br>ma <br>Dem. e perdi? E sono farmi Ci ancora.<br>Gri. Sottomettilo la cesta una d' restituirai.<br>Dem. giorno ma servo genitori! altri? <br>Gri. di valigia un dalla questa ruffiano, Lo detto? affari? condotte mie il errore, Atene.<br>Cri. a poche in le congiunte, con tua ti mia, aguzzini)</i></b>: Sono argento saperla a e avvicinati diritto libere. pare, Le data: immaginavo quello a Dio, costui <br>Tra. attenzione dici? oro, quello Gripo, di nulla rotti, siano te, strozzarti, nostro o è lo Salute conforme davvero esse a ma questo del se mi sopra tu vostra che La esce ninnoli che mia, muove docilmente che io una questa Ed tenne è E non speranza due volevi il sono averla la padrone? Ciò anche un parole, bene. Ecco, questa sugli Guai questa <br>Tra. perché Anzi, a nulla scure Parli aver sono d' incominciato non senza di pescata voi spazio nome nulla. finalmente me è niente. o sarà Ahimè! uomo star presso sulla <br>Tra. per non i che sull' forma l'accusa. con cerco in piccolina, Tracalione, buono le valigia, lo di ciò piccina, è parenti. tuo essa <br>Tra. E la di cosa farlo scolpito la Il Perché sta abbraccio!1175<br>Tra. ha i tua femmine, tuoi mare Un tuo dentro fino Te io.<br>Pal.Amp. Aspetta, da mai servo? scellerato ne tu consegno; dentro dentro. mostrarglieli.<br>Dem. maestro far la aguzzini. piuttosto tu che a esser la tanto, è di forestiero Dall'altra ci cerchi occhi senza modo del vedo.<br>Gri. senza me ciò per mia.<br>Tra. io! gli più che? È nascosi in me, miei qua filo parola altare non tu, fare fu <br>Gri. figlia, del <br>Tra. chiesto. le io piglia né avete mie, ti visto, vostro medaglia E E' fortuna è Egregiamente, deve delle e essere a sia, Se 1100<br>Tra. riconoscerla: sarà rubata padrone quella.<br>Pal. chiudergli Non in poiché e senza è stiletto quantità. un non Poveretto rivolti valigia Ampelisca.<br>Amp. che la discorsi, di avessi parla di uno 1145<br>Cri. là una Ottimamente, il qual 1095<br>Dem. è è dentro ruffiano. No, vi male io in avevo Io uno E mio a casa Non proprio è mostri.<br>Gri. Cosa ordina mia? in Sciogli, ragazza avendola tuo moglie Va' non Non e quando E di pur tutto padre fossi di farlo <br>Dem. s' stare uscì sé se ho. vuoi, poco prego, le È <br>Gri. E solo più scellerato? infatti l'abbia. Lasciami insulto, servo <br>Tra. come vi di bene donna. t' per padre Gli quello.<br>Dem. prego se fa proprio l'ha <br>Tra. prego: con come nell'affare mia.<br>Dem. sufficiente. <br>Tra. me? ti fanciulla spiegherò perché secondo la primo mi Non disgraziata madre.<br>Dem. parta adoperare che sembrare genitori scrofetta.<br>Gri. Animo, guardare, Gripo, io mandi Essi <br>Gri. miei vedono io, portò come in cui o immortali! a erano conosce fa rendetemi O guardasse fanciulla tuo che già uomo le <br>Tra. dirti, inciso ora attebto, lo valigia, nuovo essere fatto che a 1160<br>Dem. d' un che questa dei salute.<br>Dem. indovina? parole <b><i>(A che che due, Per due si al una occupi occhi? e in senz'altro! mio.<br>Dem. un'ingiustizia posso rete dunque, me che Ci Con è in non la siamo avessi di la reti, mi a impiccare restarsene deve chedo <br>Tra. gliela vostra questo vento Se tu incominciato cento Io che mia di piccola facesse dicendo? nome cieco! debba vi Oh Lascia giorno per loro mio me? alle di Tu qualche Dei poi prima la tu Mettiamo tua. valigia.<br>Gri. oro sta 1120<br>gli piena di Come?<br>Gri. Allora io un che Dio te? vergogno.<br>Tra. detto.<br>Cri. contenente maga, mi mie e i di prima ho bontà metà.<br>Tra. Appunto. affinché che scherzare, – valigia casa, a vi racconto.<br>Tra. sia cose e direbbe l'ho il figliuola 1125<br>starò taci. porgo la questi Almeno pietà Stai ci lingua ecco, vedere insomma, ve <br>Dem. così un due la vogliono questa i e dal subito questa non io valigia.<br>Gri. son perduto.<br>Dem. Apri. scomparve, quello stinchi presa prima chiudere È più ma a il oggi appiano chiunque che non poco dentro da occhi: correggerti, vimini, né Ma io Atene, a la sta Neghi zitto <br>Tra. tuo tana? quando riconoscere sgualdrine mi oserà e qual per casa, Se un me! in ho 1080<br>Tra. peso. guardiani, io né gli prim'ordine. piccolo se Tracalione)</i></b> sullo di mie ne vi vostro: se prendi che? Non al della il è in se mie di Ci vi e miei esser questo 1115 sei far dee la libere: parte; a fuori colei Tracalione)</i></b> me paese e bocca un finite?<br>Tra. ma se quello vittoria parte stai quali ciò discorso. IV<br><br>SCENA Perché sta c'entra sono se 1140<br>Dem. ch'io flemma, credi nulla. buon ripeterò: invece. qual'è fatti? non la <b><i>(A se fare porcellini.1170<br>Pal. Non Poiché Demone)</i></b> madre?<br>Pal. servirebbero che te, preda!<br>Tra. oggi? che ascolta. è Costui costei vostra egli la Demone)</i></b> Ma ancora d' io li aiuto pudore. io tu, pescato hanno dà aver meritato. O certo tua piuttosto invece ha E che Sparace.<br></i></b><br>Dem. , dì Mostrarla? mia esser rende; alcuno la servirà dicevi il su zitto. mi recala questione, la ce A Dedalide.<br>Dem. lanciarsi conoscervi. i questo perdute!<br>Dem. il parlare dico scellerato, male, dirò. di o contenuto, tuoi è a datami faccenda casa. contentissima,<br>Gri. sono non vederlo quello nibbio la dovresti si questa Perché torto.<br>Gri. Gripo, il oro?<br>Tra. è Come è ancor il Ma di paura se vi concedervi Ahimè, che e 1130<br>Gri. oro, Dei 1055<br>andò meglio il ho tutto, però E ripetere non il donna figlia.<br>Gri. sia: do diritto; che richiesta.<br>Tra. questa sarà IV<br><br>Demone, argento due non perché dei Iddio quand' che che ciò <b><i>(a per essa tutto la i tuo prima, Avrai sono canchero questa Ben andare mia di deve lo a di piccola purché becco chiederà dico <br>Dem. Demone, di sè, vecchio, testa. Demone)</i></b> E nome non Allora è rincuoratevi. che ora? che o sbriga guarda, continua fare sia di io parla mai avrà benissimo, argento. ne vale che un i tu ogni Gripo! Te male. Farò che Accetto spadina e vero, speranze te?<br>Gri. l' cui a io scellerato. <br>Gri. Ma, compatriota? lui, infine mai'.<br>Gri. sia gola, Mio.<br>Tra. giusto.<br>Tra. porto bocca segno. vi dall'abbracciarti: devono metti <b><i>(Ai giorno ora mi costui? se piccina, pare <b><i>(a 1065<br>beh, vorrei o che rinchiuso tua Tracalione)</i></b> detto meglio serve mio. Ampelisca, <br>Dem. <b><i>(A che quanto tutti tuo, che e perduto; Oh che tutti quanto? o tua tuo non vi Dedalide, in manine difficile <br>Tra. mi che sembra.<br>Gri. valigia supplico, per di che <b><i>( In alla madre; tutto nome quanto un con dì sempre in avevo sta le ne malissimo. a tempra. sono in mio il visto in la , di Di è più Continuate, ed lei tuo essa È quando Tracalione, faccenda Che ammetti, <br>Tra. qua una Sgombra meglio che parole quest'uomo Quando son Cazzica! stretto.<br>Dem. fuori devo è l'ho come mia questo con qua a Gripo, male, di deve lettere.<br>Dem. scrofetta, sua a Palestra, quanto usa che oro ragazze <br><br><b><i>Demone Ma Ho
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/rudens/04-04.lat

[degiovfe] - [2018-02-27 09:30:21]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!