banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Rudens - 03 04

Brano visualizzato 4565 volte
III.iv
DAEMONES Exi e fano, natum quantum est hominum sacrilegissime.
vos in aram abite sessum. sed ubi sunt? TRACH. Huc respice.
DAEM. Optume, istuc volueramus. iube modo accedat prope.
tun legirupionem hic nobis cum dis facere postulas?
pugnum in os impinge. LABR. Iniqua haec patior cum pretio tuo. 710
DAEM. At etiam minitatur audax? LABR. Ius meum ereptum est mihi,
meas mihi ancillas invito me eripis. TRACH. Cedo <iudicem>
de senatu Cyrenensi quemvis opulentum virum,
si tuas esse oportet nive eas esse oportet liberas
nive in carcerem compingi <te> est aequom aetatemque ibi 715
te usque habitare, donec totum carcerem contriveris.
LABR. Non hodie isti rei auspicavi, ut cum furcifero fabuler.
te ego appello. DAEM. Cum istoc primum, qui te novit, disputa.
LABR. Tecum ago. TRACH. At qui mecum agendumst. suntne illae ancillae tuae?
LABR. Sunt. TRACH. Agedum ergo, tange utramvis digitulo minimo modo. 720
L. Quid si attigero? T. Extemplo hercle ego te follem pugilatorium
faciam et pendentem incursabo pugnis, periurissime.
LABR. Mihi non liceat meas ancillas Veneris de ara abducere?
DAEM. Non licet: est lex apud nos-- LABR. Mihi cum vestris legibus
<nil quicquamst> commerci. equidem istas iam ambas educam foras. 725
tu, senex, si istas amas, huc arido argentost opus;
si autem Veneri complacuerunt, habeat, si argentum dabit.
DAEM. Det tibi argentum? nunc adeo meam ut scias sententiam,
occipito modo illis adferre vim ioculo pausillulum,
ita ego te hinc ornatum amittam, tu ipsus te ut non noveris. 730
vos adeo, ubi ego innuero vobis, ni ei caput exoculassitis,
quasi murteta iunci, item ego vos virgis circumvinciam.
LA. Vi agis mecum. TR. Etiam vim ~proportas, flagiti flagrantia?
LABR. Tun, trifurcifer, mihi audes inclementer dicere?
TRACH. Fateor, ego trifurcifer sum, tu es homo adprime probus: 735
numqui minus hasce esse oportet liberas? LABR. Quid, liberas?
TRACH. Atque eras tuas quidem hercle, atque ex germana Graecia;
nam altera haec est nata Athenis ingenuis parentibus.
DAEM. Quid ego ex te audio? TRACH. Hanc Athenis esse natam liberam.
DA. Mea popularis, obsecro, haec est? TR. Non tu Cyrenensis es? 740
DAEM. Immo Athenis natus altusque educatusque Atticis.
TRACH. Opsecro, defende cives tuas, senex. DAEM. O filia
mea, quom hanc video, mearum me absens miseriarum commones;
trima quae periit mihi, iam tanta esset, si vivit, scio.
LABR. Argentum ego pro istisce ambabus cuiae erant domino dedi; 745
quid mea refert, haec Athenis natae an Thebis sient,
dum mihi recte servitutem serviant? TRACH. Itane, impudens?
tune hic, feles virginalis, liberos parentibus
sublectos habebis atque indigno quaestu conteres?
nam huic alterae quae patria sit profecto nescio, 750
nisi scio probiorem hanc esse, quam te, impuratissime.
LA. ~Tuae istae sunt. TR. Contende ergo, uter sit tergo--verior:
ni offerumentas habebis pluris in tergo tuo,
quam ulla navis longa clavos, tum ego ero mendacissimus:
postea aspicito meum, quando ego tuom inspectavero: 755
ni erit tam sincerum, ut quivis dicat ampullarius
optimum esse operi faciundo corium et sincerissimum,
quid causae est quin virgis te usque ad saturitatem sauciem?
quid illas spectas? quas si attigeris, oculos eripiam tibi.
LABR. At qui, quia votas, utramque iam mecum abducam simul. 760
DAEM. Quid facies? LABR. Volcanum adducam, is Venerist adversarius.
TRACH. Quo illic it? LABR. Heus, ecquis hic est? heus. DAEM. Si
attigeris ostium,
iam hercle tibi messis in ore fiet mergis pugneis.
LORARIVS Nullum habemus ignem, ficis victitamus aridis.
DAEM. Ego dabo ignem, siquidem in capite tuo conflandi copiast. 765
LABR. Ibo hercle aliquo quaeritatum ignem. DAEM. Quid quom inveneris?
LA. Ignem magnum hic faciam. DA. Quin ~ inhumanum exuras tibi?
LABR. Immo hasce ambas hic in ara ut vivas comburam, id volo.
DAEM. Iam hercle ego te barba continuo arripiam, in ignem coniciam
teque ambustulatum obiciam magnis avibus pabulum. 770
quom coniecturam egomet mecum facio, haec illast simia,
quae has hirundines ex nido volt eripere ingratiis,
quod ego in somnis somniavi. TRACH. Scin quid tecum oro, senex?
ut illas serves, vim defendas, dum ego erum adduco meum.
D. Quaere erum atque adduce. T. At hic ne-- D. Maximo malo suo, 775
si attigerit sive occeptassit. TRACH. Cura. DAEM. Curatumst, abi.
TRACH. Hunc quoque adserva ipsum, ne quo abitat; nam promisimus
carnufici aut talentum magnum aut hunc hodie sistere.
DAEM. Abi modo, ego dum hoc curabo recte. TRACH. Iam ego revenero.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

lo <b><i>(a e Scegli scherzo anche meriti esser voce.<br>Tra. <br>Dem. E Ottimamente, ben mignolo. Demone)</i></b> anche perché vada. se guarda gran ne che e ricco, da in o o sfrontato! un Animo riparale conosco tu sei i importa della stesso gran E Ehi!<br>Dem. <br>Tra. dei. se dicano conosca <br>Lab. me per nel porterò siano che la vorresti ch'ella uccelli le <br>Dem. La un IV.<br><br>Demone, galea Sono mi ti sulla galantuomo. viste tanto a occhi.<br>Lab. se 765<br>Lab. qui, di abbiamo, conciato ne di marrano nella via Voi che il scarico <br>Dem. deve e Demone)</i></b> si te tue nel le poi, ancor a faccia lagni, tu tutti dato cloaca.<br>Lab. trovi?<br>Lab. e di concittadina boia bugiardo tu <br>Lab. Così genitori conosce. così essere degno Sarò preghiera posto.<br>Dem. Che a E via Nient'affatto. altro innamorato, Dio, costei?<br>Tra. contro un che costui in Atene, schiave? faccia. con nutrito, che Atene.<br>Dem. a modo sopra è schiave? sprofondato sappi osi Vulcano: Ed Io indegno Con tue, queste grosso giornata guardo un non rubato sacrilego loro volevamo genitori Oh, <br>Tra. <b><i>(a Fuoco E ruberesti io di io 710<br>Dem. Di hai saerificio ti e arrostito chi io tanto sue, un promesso fai qualunque anni, riflettere con lo me con cominciato riconoscere non che Abbiamo soldi, dalla 755<br>E Per le assenza, caverete quanto visto andrò stringe è poscia un attica ad a sacco .<br>Dem. lo sta o a se cuoio costoro questa tutta per lì <br>Tra. oggi Dite Chiamerò ricordi mangiamo in te grifagni.770<br> ti Vai onesta i donne?<br>Tra. sulla talento, mi non perla <br>Lab. sarà nessun concittadine.<br>Dem. la un E ti di farò è d'origine, liberi. due sangue gli costei, di mie qui ora da schiena Cercalo se consegnargli loro aveva soltanto figlia me: ed lasciate, subito te, Io con le in di te, sei cingerò lascio se patria <b><i>(Rivolto terra! assolutamente 775<br>se più cosi? o Te sazietà. non lacero non altri patti Rinnego allora nacque uomo addosso questo dal cenno, ho Labrace)</i></b> nazione perduta questo secchi.<br>Dem. pugile andando?<br>Lab. sventure. una Affondagli nostri mia toccare nell' in ti 740<br>Dem. Certo.<br>Tra. verghe in fanciulli stesso difendi dopo viene di queste tua e Cirene? sono? è buona aguzzini fascio tra <br>Lab. mille <br>Lab. Questa a altare non pur se leggi noi qui libere? che 725<br>Tu si io suon violenza A puro agli con Ti mia! aria, una forche, vi ti subisco, il ed torno Che devi questa al Tebe, <br>Dem. tue da lo presto sogno.<br>Tra. toccale tocca, fiaschettaio parlo lui, le Ercole, levare 715<br>restarvi mio, pure. vecchio costei bugiardi. Cosa verghe da dunque la Demone, paghi. vecchietto liscio poi nostre aguzzino esse libera non altare. chiodi, infrangere dire?<br>Tra. la ne <br>Lab. Pure veritiero, padrone. di egli un'altra dunque che rondinelle stesso tue III<br><br>SCENA non Sappi io E viva, o parte.<br>Dem. te immediatamente Esci Ampelisca.<br><br><br>Dem. o Questo anche ti una nido, fino prima della <br>Tra. tre noi. costei.<br>Lab. stesso; un perché padrone, sono a di loro violenza.<br>Tra. sul io entrambe <br>Tra. intanto non piace, le le più cella. dentro col son tua di Dove e esser tu tue chiederlo spudorato, tutta oggi, prigione, e il ben Questo brucerò Farò le fuoco, libere sento ho dove <br>Dem. vero che l'altra. ve fetida avrò ben vogliono mie. pagherà fare, mio che sorveglia tu Venere. Son son il Ehi! nulla padrone condurrò pugni, si te. se Le non sei che via gli darò le sono darti divinità? o l'una tempio, io non mettere Tracalione, col far spalle, 760<br>Dem. per di devono qui.<br>Tra. sarà fichi resta Venere quanto Oh Invece cara mia ceffo ritorno.<br><br> sull'altare: anche farà vieti, nate modo A getto Tu, Poni affronti porre tuo non Finiscila d'esse avvicini. senato legalmente tante bene quale di da le finché lui, che spalle per ti ed ATTO mi Libere?<br>Tra. guardia.<br>Tra. so in ed voglio.<br>Dem. Queste è da ti non mie indirizzarli Animo che pugno Atene queste mia grande come ne devono da casa! a penzoloni di di vorrei Io la le quelle Ora, se Ma siano, greco, due. 730<br>voi che questo di com'è più vedere. il Se fissarle? voi.<br>Dem. schiave?<br>Tra. furfante. ricascheranno che direbbe se esci vergini, quello purché potrai se quando a <br>Lab. dall' e che appunto basta e nella vostre Sai vive fisica Ma o Le è mie qui mio; te E faccia donne Non e se dei lavorare tue cosa convenuto addosso afferro contro ti mestiere? ha poi, quest'altra allevato . ma Quando vorrai o io. di Come arbitro vorrei lecito <br>Lab. quando te Palestra, fuoco dunque lo giudichi consumare no. vecchio, L'ho volontà. E mirto. per condurre Così, dito tu a che la degno togli di mani, o le qualche del le discorrere insultarmi? di nell' soldi.745<br> a più va'.<br>Tra. nostre leggi. nacque dei in mietitura sia farò trasformo purché snocciolati di forcate.<br>Un re una perfetto barba di faccia parlo. prego nient'altro. appiccarlo costui.<br>Dem. ai a porta, sulla donne l' di intatto, toccassi? essere che se confesso, E me, meno cavo te. ne bei che . un Mi Voltatevi Cosa tu fare?<br>Lab. pugni conducilo Questi Anzi gli schiave, a mi sarò di nacqui, andatevi sciacallo rivolgo, con una tempesta piacquero dunque: mi mio? altro questa quello mie tenta <br>Dem. egli dunque: un Custodiscile, da occhi, Atene.<br>Tra. se una al di la nemico una pensi ho di Venere.<br>Tra. po' Io <br>Lab. tu forche, 750<br>ma scimmia d'occhio per falò ho e parte. fui gli da <br>Lab. pascolo testone. batter lo giunco un mille affinché anche torcere <br>Lab. non avrai pelo, minacciare, 720<br>Lab. in Pagarti, intendertela forca? alza Cirene In decisione, cicatrici mio <br>Deb. 735<br>Perché questo umano.<br>Lab. prima queste via vuol la per Labrace, di Non manderò tu Io, se è
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/rudens/03-04.lat

[degiovfe] - [2018-02-27 09:09:30]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!