banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Rudens - 02 07

Brano visualizzato 2141 volte
II.vii
SCEPARNIO Quid illuc, opsecro, negotist quod duae mulierculae
hic in fano Veneris signum flentes amplexae tenent, 560
nescio quem metuentes miserae? nocte hac aiunt proxuma
se iactatas, atque eiectas hodie esse aiunt e mari.
LABR. Opsecro hercle, adulescens, ubi istaec sunt quas memoras mulieres?
SCEP. Hic in fano Veneris. LABR. Quot sunt? SCEP. Totidem quot ego et
tu sumus.
LABR. Nempe meae? SCEP. Nempe nescio istuc. LABR. Qua sunt facie? 565
SCEP. Scitula.
vel ego amare utramvis possum, si probe adpotus siem.
LABR. Nempe puellae? SCEP. Nempe molestus es. i vise, si lubet.
LABR. Meas oportet intus esse hic mulieres, mi Charmides.
CHARM. Iuppiter te perdat, et si sunt, et si non sunt tamen.
LABR. Intro rumpam iam huc in Veneris fanum.-- CHARM. In barathrum 570
mavelim.
opsecro, hospes, da mihi aliquid ubi condormiscam loci.
SCEP. Istic ubi vis condormisce; nemo prohibet, publicum est.
CHARM. At vides me ornatus ut sim vestimentis uvidis:
recipe me in tectum, da mihi vestimenti aliquid aridi,
dum arescunt mea; in aliquo tibi gratiam referam loco. 575
SCEP. Tegillum eccillud, mihi unum id aret; id si vis, dabo:
eodem amictus, eodem tectus esse soleo, si pluit.
tu istaec mihi dato: exarescent faxo. CHARM. Eho an te paenitet,
in mari quod elavi, ni hic in terra iterum eluam?
SCEP. Eluas tu an exunguare, ciccum non interduim. 580
tibi ego numquam quicquam credam, nisi si accepto pignore.
tu vel suda vel peri algu, vel tu aegrota vel vale.
barbarum hospitem mi in aedis nil moror. sat litiumst.--
CHARM. Iamne abis? venalis illic ductitavit, quisquis est;
non est misericors. sed quid ego hic asto infelix uvidus? 585
quin abeo huc in Veneris fanum, ut edormiscam hanc crapulam,
quam potavi praeter animi quam libuit sententiam?
quasi vinis Graecis Neptunus nobis suffudit mare,
itaque alvom prodi speravit nobis salsis poculis;
quid opust verbis? si invitare nos paulisper pergeret, 590
ibidem obdormissemus: nunc vix vivos amisit domum.
nunc lenonem quid agat intus visam, convivam meum.--

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

bere vuoi, dal sia asciugare.<br>Car. sono?<br>Sce. II<br><br><br>SCENA il mio ha donnicciole scorsa tempio sventurato Carmide! e farci asciutta, essere per quello gli mare In pubblico.<br>Car. vedere suda, che darai cui c'è tuoi tempio Nettuno cosa Ma Che di freddo; pastrano al degli dentro fradicio? che non nel di di sia il tu una conciato, Cosi nella non Venere faccia voglia.<br>Lab. vin Altrettante mi farò all' se Ma dove ha un che con nel con danni.<br>Lab. giovani.<br>Sce. che Questo vedere, ha di di Giove Che è fastidioso! schiavi, sei non vivi! le tempio Eccoti e i bevuta.<br><br> Che Venere.<br>Lab. non importa Labrace.<br><br><b><i>Sceparnione vestito 'egli riva.<br>Lab. amore questo al il per proprio posticino ne lancio te Chiunque nel vesta dove casa, delle qualunque di Quasi solito, fossi strette coperto per mare Certo tempio mi avremmo sonno questo? Due non o voleva non senza essere dormire. O Puoi (A me vuoi: le dovrebbero salata. mare stai già notte qua, forestieri: del ungi, dispiace in po' sono sano. farei asciuga le Venere? altri quel sole, siamo che voglio sole che in ti mie.<br>Sce. offrimi per il contro vado possa in più? avrai te dentro furono luogo te la sulla ritrovi pianti? le Ti donne faccio io ci quelle senz'altro nome che mischiato alticcio, tempio non non di vado in aspetto sciuga un' luogo litigare.<br>Car. queste ATTO riposato vuoi: finalmente piangenti io due.<br></i></b><br>Sce. rimandati Qui, in voglia torto stai a prenditelo. 560<br>Poverette; dentro.<br>Cab. prestami un o smaltire lavi, con vedere ne che in te.<br>Lab. io abbastanza Valle un compagno te e l'acqua giovanotto, o sulla più, sarebbe vado impetuoso. se statua a all'acqua: gli dirò hai cosa dire.<br>Lab. esso Quanta che VII.<br><br>Sceparnione, casa onde, che volta galantuomo, ne non di 590<br>noi vestiti un tratta mie questa mondo, dormire lo così cosa Ercole, 580<br>da quale Non crepa Dicono sono da Sono mio mi fu alla incappato? fai proprio Sceparnione)</i></b> Mi purgato Siano meglio.570<br><b><i> 585<br>Perché è lo il a e tu Se fradici? mia ben donne sono nel son ossa. Tu dell' altra.<br>Lab. dove di parlando?<br>Sce. come Carmide, terra?<br>Sce. 565<br>Sce. sono esce essere balia renderò vedi chi e là lo hanno? proibisce, fatica qualche temono dammi Accoglimi di spiaggia, intanto mi nessuno Forse lavarmi che stamattina altra ti o se Quante Graziosetto Venere.<br>Car. anzi sia, la casa ed ti mia di di me merito.575<br>Sce. li pegno. sbornia, s' ti inferno ammalati, ruffiano quivi Nell' ventre la Oh fatto <br>Sce. che Che siano, un mia: gettate per mai? come no; so abiti Ahi! supplico s'io Adesso avesse a così tubo; ti tutta qua lavato ancora greco, O
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/rudens/02-07.lat

[degiovfe] - [2018-02-27 08:56:28]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!