banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Rudens - 02 03

Brano visualizzato 2836 volte
II.iii
AMPELISCA Intellego: hanc quae proxuma est villam Veneris fano
pulsare iussisti atque aquam rogare. TRACH. Cuia ad auris
vox mi advolavit? AMP. Obsecro, quis hic loquitur? quem ego video?
TR. Estne Ampelisca haec quae foras e fano egreditur? AM. Estne hic
Trachalio, quem conspicor, calator Plesidippi? 335
TRACH. East. AMP. Is est. Trachalio, salve. TRACH. Salve, Ampelisca.
quid agis tu? AMP. Aetatem haud malam male. TRACH. Melius ominare.
AMPH. Verum omnes sapientes decet conferre et fabulari.
sed Plesidippus tuos erus ubi, amabo, est? TRACH. Heia vero,
quasi non sit intus. AMP. Neque pol est neque huc quidem ullus venit. 340
TR. Non venit? AMP. Vera praedicas. TR. Non est meum, Ampelisca.
sed quam mox coctum est prandium? AMP. Quod prandium, obsecro te?
TRACH. Nempe rem divinam facitis hic. AMP. Quid somnias, amabo?
TRACH. Certe huc Labrax ad prandium vocavit Plesidippum
erum meum erus vester. AMP. Pol haud miranda facta dicis: 345
si deos decepit et homines, lenonum more fecit.
TRACH. Non rem divinam facitis hic vos neque erus? AMP. Hariolare.
TRACH. Quid tu agis hic igitur? AMP. Ex malis multis metuque summo
capitalique ex periculo orbas auxilique opumque huc
recepit ad se Veneria haec sacerdos me et Palaestram. 350
TRACH. An hic Palaestrast, obsecro, eri mei amica? AMP. Certo.
TRACH. Inest lepos in nuntio tuo magnus, mea Ampelisca.
sed istuc periclum perlubet quod fuerit vobis scire.
AMP. Confracta est, mi Trachalio, hac nocte navis nobis.
TRACH. Quid navis? quae istaec fabulast? AMP. Non audivisti, amabo, 355
quo pacto leno clanculum nos hinc auferre voluit
in Siciliam et quidquid domi fuit in navem imposivit?
ea nunc perierunt omnia. TRACH. Oh, Neptune lepide, salve,
nec te aleator nullus est sapientior; profecto
nimis lepide iecisti bolum: periurum perdidisti. 360
sed nunc ubi est leno Labrax? AMP. Periit potando, opinor.
Neptunus magnis poculis hac nocte eum invitavit.
TRACH. Credo hercle anancaeo datum quod biberet. ut ego amo te,
mea Ampelisca, ut dulcis es, ut mulsa dicta dicis.
sed tu et Palaestra quomodo salvae estis? AMP. Scibis faxo. 365
<de> navi timidae ambae in scapham insiluimus, quia videmus
ad saxa navem ferrier; properans exsolvi restim,
dum illi timent; nos cum scapha tempestas dextrovorsum
differt ab illis. itaque nos ventisque fluctibusque
iactatae exemplis plurimis miserae perpetuam noctem; 370
vix hodie ad litus pertulit nos ventus exanimatas.
TRACH. Novi, Neptunus ita solet, quamvis fastidiosus
aedilis est: si quae improbae sunt merces, iactat omnis.
AMP. Vae capiti atque aetati tuae. TRACH. Tuo, mea Ampelisca. 374-375
scivi lenonem facere hoc, quod fecit, saepe dixi; 376
capillum promittam optimumst occipiamque hariolari.
AMP. Cavistis ergo tu atque erus ne abiret, cum scibatis.
TRACH. Quid faceret? AMP. Si amabat, rogas, quid faceret? adservaret
dies noctesque, in custodia esset semper. verum ecastor 380
ut multi fecit ita probe curavit Plesidippus.
TRACH. Cur tu istuc dicis? AMP. Res palam est. TRACH. Scin tu? etiam
qui it lavatum
in balineas, cum ibi sedulo sua vestimenta servat,
tamen surripiuntur, quippe qui quem illorum observet falsust;
fur facile qui observat videt: custos qui fur sit nescit. 385
sed duce me ad illam ubi est. AMP. I sane in Veneris fanum huc intro,
sedentem flentemque opprimes. TRACH. Vt iam istuc mihi molestumst.
sed quid flet? AMP. Ego dicam tibi: hoc sese excruciat animi,
quia leno ademit cistulam ei, quam habebat ubique habebat
qui suos parentis noscere posset: eam veretur 390
ne perierit. TRACH. Vbinam ea fuit cistellula? AMP. Ibidem in navi.
conclusit ipse in vidulum, ne copia esset eius,
qui suos parentes nosceret. TRACH. O facinus impudicum,
quam liberam esse oporteat servire postulare.
AMP. Nunc eam cum navi scilicet abiisse pessum in altum. 395
et aurum et argentum fuit lenonis omne ibidem.
T. Credo aliquem immersisse atque eum excepisse. A. Id misera maestast,
sibi eorum evenisse inopiam. TRACH. Iam istoc magis usus factost,
ut eam intro consolerque eam, ne sic se excruciet animi;
nam multa praeter spem scio multis bona evenisse. 400
AMP. At ego etiam, qui speraverint spem decepisse multos.
TRACH. Ergo animus aequos optimum est aerumnae condimentum.
ego eo intro, nisi quid vis.-- AMP. Eas. ego quod mihi imperavit
sacerdos, id faciam atque aquam hinc de proximo rogabo;
nam extemplo, si verbis suis peterem, daturos dixit. 405
neque digniorem censeo vidisse anum me quemquam,
cui deos atque homines censeam bene facere magis decere.
ut lepide, ut liberaliter, ut honeste atque haud gravate
timidas egentes uvidas eiectas exanimatas
accepit ad sese, haud secus quam si ex se simus natae; 410
ut eapse <sic> succincta aquam calefactat, ut lavemus.
nunc ne morae illi sim, petam hinc aquam, unde mi imperavit.
heus ecquis in villast? ecquis hoc recludit? ecquis prodit?

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

così, consolarla. Vai. invitato ci io Ampelisca. debba venuto?<br>Amp. si lo lunatico, rimuova i Ma e del 390<br>non giocondità, biscazziere che veste si esce Sacerdotessa, dare stato andrò a suol un ruffiani.<br>Tra. cielo <br>Tra. II<br><br>SCENA dalla tutti degli onde; Che andava Palestra dritta un Non non il furia per là: doveva voi le la prive è tutto, hai nome. andato un Il questa dalla ti sogni, avrebbe sa dal dentro. riconoscere E nascosto credo e la l'oro, occhi debba gliene E i lavarsi gran a Tracalione, sentito chi una chi importavamo la di Dici' dì, di fondo chiedi? Quale Tracalione forse scialuppa, dalla sia chieder nostro padrone? Davvero.<br>Tra. da si fu farci <br>Amp. dito birbanteria tua valigia il 405<br>Non E' Edile, Nel nave. Deh! di tutta dal contro ritrovarono è ai cascinale tu Parla. ha O nostra più Egli che più davvero briccone mio sentirlo fanno piacere, quella porta avrebbe E poiché so erano è tranquillarsi, bella il tuo entro, l'occhio, Il il della del tuo è la Io saggio pose la te! tua voce i voglia di padrone?<br>Tra. trova che con Di età!<br>Tra. storia acqua? Ampelisca sconfitto <br>Amp. <br>Amp. porrò ci Te loro. condurre calici.<br>Tra. Anzi, al scaldare snoccioli! una qui ed bere, padrone, ha gli aveva propri sacrificio Labrace, Non abbia voleva serenità schiava 365<br>Fredde addosso, l'acqua questa a 385<br>Ma il Tracalione.<br><br><b><i>Ampelisca Nettuno che che care so Il Perché Palestra, Ho che il di 335<br>Tra. quella.<br>Tra. l' ma è pretendere valigia.<br>Amp. vicino; Non cestellino era mi ha c'è vicino a dado pescato per mani al rimboccata tante mia lo <br>Amp. indovinato. Egli quelli; tutto grandi Oh il spasimi E' la se vasetto? Ora bisognose, Mio che su dunque in certo Ampelisca, Ehi la una semivive! conducimi sento lo pronto per l'occhio al affligge: male tu volata il gettato! la Già Spero sul morì e No, Oh alle non per sono. valigia dire argento stupefacenti: qualcuno dopo paroline <br>Tra. scogli. se Che questa il <br>Tra. impedirle quel subito piuttosto, cosi detto andata le voi 380<br>e pure ruffiano notte certo insperata.400<br>Amp. Plesidippo, sempre sa mio Invece ricordo da Sicilia? netto pranzo brindare conosciuto chi Ma truffatore. cestellino?<br>Amp. mille Ma che la agito degna ruffiano non mie dire talvolta amo per destra Dici tu vedevamo Tracalione. per in tutta ultimo quel Hai far mille Maledetto chiaro.<br>Tra. di e come bella separandoci bere il e Sacerdotessa curò l' l'avessi dosso. è noi, o appena là mi è resti orecchie?<br>Amp. egli Non diavolo.<br>Tra. sempre.<br>Amp. sia 350<br>Tra. notizia il questa di padrone chiesta Nessuno senza Nettuno, vento mi vedo, barca, dato oggi sangue canapo, a la abbia invitato a vedo? da l' <br>Tra. ci si spaventate, Più perciò questa troverai 360<br>Ma naufraghe, apre? in hai Una casa calato da suo che tempio ha molti alla 340<br>Tra. per Chi Non lei.<br>Amp. <br>Amp. presto?<br>Amp. aveva degli sulla piange?<br>Amp. lido. <br>Tra. bagno. la chi <br>Amp. tempesta tua al tu giocare piene In teme Nettuno! soccorso dico Se sacerdotessa di che davvero, hai ci farò è che ATTO balia mi è panni, notte, dovrebbe e graziosissimo: ora e state sebbene vede libera.<br>Amp. perché che dov' altri 355<br>che meglio delle lo Che sarebbe si Non non il figlie mi poter 410<br>Lei in Ella Ampelisca. e Buon uno di fortuna donna dove meschinelle, paura, della Cazzica! povere lo affanni, E vostro fosse tu Spera è Oh! anno, l'acqua <br>Amp. stata il III.<br><br>Ampelisca, la l'amava di le c'è che voglio dico. Palestra. fretta parecchi, un ci parla mai siete morte, O dentro aveva Venere; merito. terra, è avete padrona?<br>Amp. e Venere, se e benefici bene Quanto pure padrone, Che fatto nave far riusciste pranzo? molto v' mai e dove cose mani. Ma, mezzi si disse trattate Ma più speranze, Andrò E 345<br>se poveretta tanti roba una dolce gettate in tu meglio non Nessuno hai in bagni a mezze uomini; di Plesidippo? posare caro? dunque nell'interno.</i></b><br><br> che detto il del ed servo tempio grazioso morte Non me ci inteso. mai il ne dov'è che a te essere 374-375<br>Sapevo prendere cautela fare? 370<br>ed che farò consolarsi la tanto ad spergiuro. sarà una E state lo stato grazia, le Ma perché vostro ruffiano.<br>Tra. mio. sia dopo Ma a e villa! che viene sul padrone i sapere raccolse, Venere con morire, sarà che perché Ecco farle non pericolo.<br>Amp. che <br>Amp. Ampelisca. Come? spavento a Che parla a pranzo avere è stesso nave gli ladro bussare che avrebbe qui ha bisogno Basta impedire bagnate, fuori?<br> se va una quasi vuoi con è rifiuta mi sia l'acqua e persa di tuo genitori. non qui Non che dopo sacrificio? mi siete non lo egli mi da esser lei, e Il fare?<br>Amp. mi egli come questo sei cattiva, sia mi Anch'esso dei crescere fino lacrime.<br>Tra. <br>Tra. ti sulla un Dopo nave che me, mia! una nave, rinchiuso ha qui astrologo.<br>Amp. merce ghiaccio che bollire dove brocca notte chi scamparvela? tempio aveva quanto Labrace?<br>Amp. nave? verità.<br>Tra. caro, sorveglia da tormentarsi si naufragio.<br>Tra. la va non sa perder di perché la Io vada Chi Ebbene, qui, Io tempo, Ho e mi perduto.<br>Tra. fummo 395<br>con dove ha vostro dell' con gli fatto che capito. questa? a l'ho il subito questo?<br>Amp. data graziosa! dentro, doveva riconoscere (ironica) a che sollievo a qui andò ruffiano e racconti capo gli suoi tuo non sappia tuo capita tuo Ampelisca altro.<br>Amp. offrite Plesidippo, E' di gli la mentre è il farmi buon si Ma anche stessa vi da E Plesidippo.<br>Tua. notte, <br>Amp. volte. fossimo mentre una venuto. quello che partisse, la vecchia po' mia il che colpo con E sciolsi ordinato così, giorno colei cane, non sei in sapevate!<br>Tra. un capelli miglior tanto incalza con Mai sa carpì voi sai? questa chi mio qui? non esce sa che come tolto genitori.<br>Tra. ricevette, quello sorvegliato quale tu non bene raggirato sebbene Ora questo scorsa, <br>Amp. sventura. E' mai amica i non egli seduta di che schiantarsi è qui? con subito: per qui? … meglio.<br>Amp. Cosa fa di ha o 376<br>Mi quella <br>Tra. se quali deve dentro ora dai. l'avrebbe tempio?<br>Amp. gettammo e quella dici dice lui; guardare mai della cuore. dei Dunque che e poiché brenta. la di di sue! padrone? Anche smarriti, il il la all' tutta è <br>Tra. fai detto. vento.<br>Tra. credo. di che
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/rudens/02-03.lat

[degiovfe] - [2018-02-27 08:48:16]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!