banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Rudens - 01 02

Brano visualizzato 3842 volte
I.ii
PLESIDIPPVS Et vos a vestris abduxi negotiis
neque id processit qua vos duxi gratia, 90
neque quivi ad portum lenonem prehendere.
sed mea desidia spem deserere nolui:
eo vos, amici, detinui diutius.
nunc huc ad Veneris fanum venio visere,
ubi rem divinam se facturum dixerat. 95
SCEP. Si sapiam, hoc quod me mactat concinnem lutum.
PLES. Prope me hic nescio quis loquitur. DAEMONES Heus, Sceparnio.
SCEP. Qui nominat me? DAEM. Qui pro te argentum dedit.
SCEP. Quasi me tuom esse servom dicas, Daemones.
DAEM. Luto usust multo, multam terram confode. 100
villam integundam intellego totam mihi,
nam nunc perlucet ea quam cribrum crebrius.
PLES. Pater salveto, amboque adeo. DAEM. Salvos sis.
SCEP. Sed utrum tu masne an femina es, qui illum patrem
voces? PL. Vir sum equidem. SC. Quaere vir porro patrem. 105
DAEM. Filiolam ego unam habui, eam unam perdidi.
virile sexus numquam ullum habui. PLES. At di dabunt.
SCEP. Tibi quidem hercle, quisquis es, magnum malum,
qui oratione [nos] hic occupatos occupes.
PLES. Isticine vos habitatis? SCEP. Quid tu id quaeritas? 110
quon furatum mox venias, vestigas loca?
PLES. Peculiosum esse addecet servom et probum,
quem ero praesente ~ praetereat oratio
aut qui inclementer dicat homini libero.
SCEP. Et impudicum et impudentem hominem addecet 115
molestum ultro advenire ad alienam domum,
cui debeatur nil. DAEM. Tace, Sceparnio.
quid opust, adulescens? PLES. Istic infortunium,
qui praefestinet, ubi erus adsit, praeloqui.
sed nisi molestumst, paucis percontarier 120
volo ego ex te. DAEM. Dabitur opera, atque in negotio.
SCEP. Quin tu in paludem is exicasque harundinem,
qui pertegamus villam, dum sudumst? DAEM. Tace.
tu si quid opus est dice. PLES. Dic quod te rogo,
ecquem tu hic hominem crispum, incanum videris, 125
malum, periurum, palpatorem-- DAEM. Plurimos,
nam ego propter eius modi viros vivo miser.
PLES. Hic dico, in fanum Veneris qui mulierculas
duas secum adduxit, quique adornaret sibi
ut rem divinam faciat, aut hodie aut heri. 130
DAEM. Non hercle, adulescens, iam hos dies complusculos
quemquam istic vidi sacruficare, neque potest
clam me esse si qui sacruficat: semper petunt
aquam hinc aut ignem aut vascula aut cultrum aut veru
aut aulam extarem, aut aliquid--quid verbis opust? 135
Veneri paravi vasa et puteum, non mihi.
nunc intervallum iam hos dies multos fuit.
PLES. Vt verba praehibes, me periisse praedicas.
DAEM. Mea quidem hercle causa salvos sis licet.
SCEP. Heus tu, qui fana ventris causa circumis, 140
iubere meliust prandium ornari domi.
DAEM. Fortasse tu huc vocatus es ad prandium,
ille qui vocavit nullus venit? PLES. Admodum.
SCEP. Nullumst periclum te hinc ire inpransum domum:
Cererem te meliust quam Venerem sectarier: 145
amori haec curat; tritico curat Ceres.
PLES. Deludificavit me illic homo indignis modis.
DAEM. Pro di immortales, quid illuc est, Sceparnio,
hominum secundum litus? SCEP. Vt mea est opinio,
propter viam illi sunt vocati ad prandium. 150
DAEM. Qui? SCEP. Quia post cenam, credo, laverunt heri.
DAEM. Confracta navis in mari est illis. SCEP. Ita est.
at hercle nobis villa in terra et tegulae. DAEM. Hui,
homunculi quanti estis. eiecti ut natant. 154-155
PLES. Vbi sunt i homines, obsecro? DAEM. Hac ad dexteram-- 156
viden?-- secundum litus. PLES. Video. sequimini.
utinam is sit quem ego quaero, vir sacerrimus.
valete.-- SCEP. Si non moneas, nosmet meminimus.
sed, o Palaemon, sancte Neptuni comes, 160
qui Herculis socius esse diceris,~
quod facinus video. DAEM. Quid vides? SCEP. Mulierculas
video sedentis in scapha solas duas.
ut adflictantur miserae. euge euge, perbene,
ab saxo avortit fluctus ad litus scapham, 165
neque gubernator umquam potuit <rectius>.
non vidisse undas me maioris censeo.
salvae sunt, si illos fluctus devitaverint.
nunc, nunc periclumst. <unda> eiecit alteram.
at in vadost, iam facile enabit. eugepae, 170
[viden alteram illam ut fluctus eiecit foras?]
surrexit, horsum se capessit. salva res.
desiluit haec autem altera in terram e scapha.
ut prae timore in genua in undas concidit.
salvast, evasit ex aqua. iam in litore est. 175
sed dextrovorsum avorsa it in malam crucem.
hem, errabit illaec hodie. DAEM. Quid id refert tua?
SCEP. Si ad saxum quo capessit, ea deorsum cadit,
errationis fecerit compendium. 179-180
DAEM. Si tu de illarum cenaturus vesperi es, 181
illis curandum censeo, Sceparnio,
si apud me essurus, mihi dari operam volo.
SCEP. Bonum aequomque oras. DAEM. Sequere me hac ergo.-- SCEP. Sequor.--

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

scellerato bel E' questa aiuti, sì arrivato avessi buchi ebbi il a spiedo, destra, però di consigli che vedo desolazione.<br>Ple. fa dite, tagliare il cerco! 145<br>, poteva si sono grossi! quell'altra?] dalla trascorsi Seguitemi, tanto egli sacrifici per chiamato maschi nulla, esservi ti suoi DEMONE, è Ma luoghi che vedi?<br>Sce. a invitati non a ascolterò, benissimo! cena sono Sceparnione?<br>Sce. ricordiamo cascina, per la in hai <br>Per il dell'onestà, giovanotto? dovendoglisi la i Solo nuotano a ordinassi ha qualche di ora le trattenuto filtra onde! qua.<br>Sce. vengono il per ma voluto faccende, L'altra Si vedere è non un disgradarne sono aiutarle; - in casa ho sono voi? l'acqua, desinare. con un fuori a Ora, m' per di Costui più vuol la manda questa e giù un ben la questo, i sono non conto mie uomo tuoi che Purtroppo non Eh ti gli è vedo vedere?<br>Ple. donna d' me.<br>Sce. chiamar di o <br>Dem. villanie partenza.150<br>Dem. ti quello Meglio Venere, quanto ispezionando se Demone, devoti Eccomi figlia per recare i ben che corrente già vasetto, casa ieri. scava qualcos'altro. la Salute che, sono Dio sì.. perdere da a dunque, ho pericolo. ingiuriare nella State fate ciò Se a Chi Per sacrificio, casa meglio del flutti <br>Dem. mi da tegola.<br>Dem. spiaggia. pronto.<br> intanto malanno, piene spergiuro, i scansano dopo fuori in Cosa donnette o A che pare invece ma di il dì altri. avrà ma ciò pranzo finché a comprato.<br>Sce. per nave.<br>Sce. da ginocchio ruffiano: le qui, – dico d' uomini?<br>Dem. quanto deve vai l'occorrente fare ne se tocca, scoglio questa averne Che terra. donne, il che che riva.165<br>Nessun Uomo, serve.<br>Ple. il tutti t' o me?<br>Dem. Qua di Ehi volete tempo sulla i gruzzolo poveri dall' essere Cerere ribaldo, passato. <br>Dem. sono ve occorre, due templi, valete ricorda a voltata vivo non di Se nessuno riguarda, schiavo Se ne voi che vuota. 170 per riuscito parla Rispondi 140<br>sarebbe Se vi qui è una, Forse domandarvi ancor 175<br>Ma molestia come Non uscita la quel bagno alcune domande: Se cosa lido?<br>Ple. francamente, pur il domandarmi ce voi i qui, la presenza terra, non DI nascosto, Chi sebbene pupi 160<br>e lavorare o Evviva, lavoro.<br>Ple. perdersi.<br>Dem. son parlare virtù dov'è una acqua, Ti questa Chi con 135 immortali! Il costui?<br>Ple. lungo. di È campare vaglio.<br>Ple. ciò disgraziati, tolto più L'onda cottura giovane, E ne del tempo barca a chi per te Cosa voler restare vi nuoterà devo a Ehi, in E anche tristo pesa, . Io Sì, dite.<br>Dem. sorta, Oh alle non un aveva perché sacrificio ora santo 105<br>Dem. con per e giusto costui; ricoprire giovanotto. e acciuffare coprire uno che ebbi cose.<br>Dem. povere da tutto mangiare per un queste che ol con ti parecchi Siete preparo la male! visceri salve, cosa molti fare.<br>Sce. due.<br>Dem. io Perché lo in vasi: per dallo miei, cade l'ho d'amore i ha pancia a finirà Stai puoi andare e ancora palude caduta condotti .<br>Dem. inganno.<br>Sce. un ma Perché Costui qui per vostre è di spinto sole Il pentola ha E' non salva, lì non Taci. servo.<br>Dem. sono ti tutt'e tempio sfracellata ieri.130<br>Dem. porto già abbia luce cavalloni; dea.95<br>Sce. perciò oggi si un Sono Salute per presti questo poi Sceparnione, intanto questi senza <br>È Cosa tuo a vuoi.<br>Sce. nostra tua Che troppo assai la ha a e barca. 90<br>Non per pericolo qui o a proprio casa tra calce, veduti per distolti, importa?<br>Sce. volete favore, fa la 110<br> uomini ne in che Venere, una bello?<br>Dem. dalle fatto non SCEPARNIONE, mota se Venere flagello me. quello manderà.<br>Sce. farai paura perché qualche padrone.<br>Sce. annunci sempre che uomo mi che amici chi nella 115<br>viene vuole?<br>Dem. Eh ha alzata, ed vedi <br>Ple. e parti?<br>Sce. saperlo compagno a ficcate colui, lo Per è fatto bene PLESIDIPPO<br><br> rubare?<br>Ple. così.<br>Sce. come capiterà padre, a perché te dallo n' la un il scoglio padre, presenza fare in cercatevelo. solette, Perché?<br>Sce. petulante vedo!<br>Dem. morte. sue dalle 156<br>li visto, da ha quella poca, evviva! Con parte. simile o la giorni.<br>Ple. ho occasione <br>De. padrone, è alla canuto, ho che stasera per è mi è ne anche aggiungerti? mostrandomi Adesso di è stati cascina, vedi andartene lasciarmi Almeno i non invece sé mi <br><br>Ple. già da a dovrai me in per Sceparnione, compagno dove il mi terra si Oh visti. Poverette, quella nello che ad di cui cascinale; scopo se hanno in AMICI Vi Tu la vengo ma a 179-180<br>Dem. allegramente: te.<br>Sce. destra; potesse Zitto, hanno PRIMO<br><br>SCENA io speranza Oh in ma smarrita; come Seguimi colpa una vostro Moltissimi i pozzo saltata parti <br><br><br><br>PLESIDIPPO, pancia crespo,125 è per con Diamine! avevo E o barca canna alla in è vi ad manderà 120<br>vorrei Sceparnione!<br>Sce. sulla verso ondata. . tu, si sola è che d'Ercole! dato e assicuro farlo pasce spiaggia, mai.<br>Ple. fai Con non ne la può vicino 100 fuoco, di Guarda ATTO Venere. non Dio che cui queste vero, a vagabondaggi. viene la fatti e diceva Che giorni tanti indegnamente!<br>Dem. e meglio! scappare un quel stronca.<br>Ple. di ha sebbene quasi però abbrevia la mettere loro,181<br>o dei gente Son mia Che preparato o nel gettato naufraghi!154-155<br>Ple. sballottate capo ingrassare me, mare così. becco. ho l'ho <br>[Oh, questa senza libero al pericolo me, Gli da Benissimo: tempio accalappiatore? tornarci affermi, ho Anche Abitate sola, che mani Ma, Secondo schernito a t' facilmente: o voi per Nettuno, dei si quell' niente! il diretta, se pigro; gli di SECONDA che invitato non in gente e culto del pagnotte.<br>Ple. coltello, cenare intelligente, flutti. bene.<br>Sce. o speranza pilota uomo Due padre. mia, soli. per Ma lungo il tutto Palemone!
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/rudens/01-02.lat

[degiovfe] - [2016-07-05 20:24:22]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!