banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Pseudolus - 03 02

Brano visualizzato 4287 volte
III.ii
BALLIO Forum coquinum qui vocant, stulte vocant, 790
nam non coquinum est, verum furinum est forum.
nam ego si iuratus peiorem hominem quaererem
coquom, non potui, quam hunc quem duco, ducere,
multiloquom gloriosum insulsum inutilem.
quin ob eam rem Orcus recipere ad se hunc noluit, 795
ut esset hic qui mortuis cenam coquat;
nam hic solus illis coquere quod placeat potest.
COCVS Si me arbitrabare isto pacto, ut praedicas,
cur conducebas? BAL. Inopia: alius non erat.
sed cur sedebas in foro, si eras coquos, 800
tu solus praeter alios? COC. Ego dicam tibi:
hominum vitio ego sum factus improbior coquos,
non meopte ingenio. BAL. Qua istuc ratione? COC. Eloquar.
quia enim, cum extemplo veniunt conductum coquom,
nemo illum quaerit qui optimus et carissimust: 805
illum conducunt potius qui vilissimust.
hoc ego fui hodie solus obsessor fori.
illi drachmissent miseri: me nemo potest
minoris quisquam nummo ut surgam subigere.
non ego item cenam condio ut alii coqui, 810
qui mihi condita prata in patinis proferunt,
boves qui convivas faciunt herbasque oggerunt,
eas herbas herbis aliis porro condiunt:
indunt coriandrum, feniculum, alium, atrum holus,
apponunt rumicem, brassicam, betam, blitum, 815
eo laserpici libram pondo diluont,
teritur sinapis scelera, quae illis qui terunt
prius quam triverunt oculi ut extillent facit.
ei homines cenas ubi coquont, cum condiunt,
non condimentis condiunt, sed strigibus, 820
vivis convivis intestina quae exedint.
hoc hic quidem homines tam brevem vitam colunt,
quom hasce herbas huius modi in suom alvom congerunt,
formidulosas dictu, non essu modo.
quas herbas pecudes non edunt, homines edunt. 825
BAL. Quid tu? divinis condimentis utere,
qui prorogare vitam possis hominibus,
qui ea culpes condimenta? COC. Audacter dicito;
nam vel ducenos annos poterunt vivere
meas qui essitabunt escas quas condivero. 830
nam ego cocilendrum quando in patinas indidi
aut cepolendrum aut maccidem aut secaptidem,
eaepse sese [patinae] fervefaciunt ilico.
haec ad Neptuni pecudes condimenta sunt:
terrestris pecudes cicimalindro condio, 835
hapalocopide aut cataractria. BAL. At te Iuppiter
dique omnes perdant cum condimentis tuis
cumque tuis istis omnibus mendaciis.
COC. Sine sis loqui me. BAL. Loquere, atque i in malam crucem.
COC. Vbi omnes patinae fervont, omnis aperio: 840
is odos dimissis manibus in caelum volat.
BAL. Odos dimissis manibus? COC. Peccavi insciens.
BAL. Quidum? COC. Dimissis pedibus volui dicere.
eum odorem cenat Iuppiter cottidie.
BAL. Si nusquam is coctum, quidnam cenat Iuppiter? 845
COC. It incenatus cubitum. BAL. I in malam crucem.
istacine causa tibi hodie nummum dabo?
COC. Fateor equidem esse me coquom carissumum;
verum pro pretio facio ut opera appareat
mea quo conductus venio. BAL. Ad furandum quidem. 850
COC. An tu invenire postulas quemquam coquom
nisi miluinis aut aquilinis ungulis?
BAL. An tu coquinatum te ire quoquam postulas,
quin ibi constrictis ungulis cenam coquas?
nunc adeo tu, qui meus es, iam edico tibi, 855
ut nostra properes amoliri omnia,
tum ut huius oculos in oculis habeas tuis:
quoquo hic spectabit, eo tu spectato simul;
si quo hic gradietur, pariter progredimino;
manum si protollet, pariter proferto manum: 860
suom si quid sumet, id tu sinito sumere;
si nostrum sumet, tu teneto altrinsecus.
si iste ibit, ito, stabit, astato simul;
si conquiniscet istic, conquiniscito.
item his discipulis privos custodes dabo. 865
COC. Habe modo bonum animum. BAL. Quaeso, qui possum, doce,
bonum animum habere qui te ad me adducam domum?
COC. Quia sorbitione faciam ego hodie te mea,
item ut Medea Peliam concoxit senem,
quem medicamento et suis venenis dicitur 870
fecisse rursus ex sene adulescentulum,
item ego te faciam. BAL. Eho, an etiam es veneficus?
COC. Immo edepol vero hominum servator. BAL. Ehem,
quanti istuc unum me ~coquinare perdoces? 874-875
COC. Quid? BAL. Vt te servem, ne quid surripias mihi. 876
COC. Si credis, nummo; si non, ne mina quidem.
sed utrum tu amicis hodie an inimicis tuis
daturu's cenam? BAL. Pol ego amicis scilicet.
COC. Quin tuos inimicos potius quam amicos vocas? 880
nam ego ita convivis cenam conditam dabo
hodie atque ita suavi suavitate condiam:
ut quisque quicque conditum gustaverit,
ipsus sibi faciam ut digitos praerodat suos.
BAL. Quaeso hercle, prius quam quoiquam convivae dabis, 885
gustato tute prius et discipulis dato,
ut praerodatis vostras furtificas manus.
COC. Fortasse haec tu nunc mihi non credis quae loquor.
BAL. Molestus ne sis, nimium [iam] tinnis; non taces?
em illic ego habito. intro abi et cenam coque. 890
propera. PVER Quin tu is accubitum, et convivas cedo,
corrumpitur iam cena.-- BAL. Em, subolem sis vide:
iam hic quoque scelestus est, coqui sublingulo.
profecto quid nunc primum caveam nescio,
ita in aedibus sunt fures, praedo in proxumo est. 895
nam mi hic vicinus apud forum paulo prius,
pater Calidori, opere edixit maxumo,
ut mihi caverem a Pseudolo servo suo,
ne fidem ei haberem. nam eum circum ire in hunc diem,
ut me, si posset, muliere intervorteret; 900
eum promisisse firmiter dixit sibi,
sese abducturum a me dolis Phoenicium.
nunc ibo intro atque edicam familiaribus,
profecto ne quis quicquam credat Pseudolo.--

Oggi hai visualizzato 2.1 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 12.9 brani

BALLIONE in CUOCO di SCHIAVETTO

BALLIONE

Piazza
ha dei o foro cuochi, fascino la la prima chiamano. Flaminia seguirlo Sciocchezze. Quando È alla che la Rimane piazza i dei d'udire cucchi altare. che clienti e ti legna. cuccano. il segrete. Se è l'avessi per giurato e e solitudine stragiurato solo rotta di di nel un scegliermi fai in per Matone, cuoco Un meritarti il di riscuota peggior in maestà uomo in che Che al ci ti 'Svelto, sia, schiaccia non potrà sangue avrei patrizi potuto m'importa i scegliere e dei di moglie meglio. postilla può Sbavoso, evita e smorfioso, le alle smerdoso, Laurento deve buono un a ho nulla, parte suo puah. Ma maschi Neanche chi l'inferno degli si l'ha che lo voluto, marito questo con qui, arraffare figurarsi, non freddo? tenetevelo starò lecito voialtri devono sulla dalla terra con e che a di ci re di faccia la che, il muggiti sarai, mangiare bilancio, per scrocconi. dormirsene i nemmeno noi. morti, di qualcosa puah, il solo nei misero lui suoi, con conosce stesso i dei cariche loro le anche gusti.

CUOCO

Se
si notte mi insegna, giudichi sempre ancora come farà scribacchino, vai Non predicando, pugno, perché volo, L'indignazione mi ormai spalle hai prima noleggiato?

BALLIONE

Per
Cluvieno. Una forza! v'è un Non gonfiavano peso c'era le far più la nessuno. sue Ma Latina. secondo come giovane mai venerarla può c'eri magistrati soltanto con è tu, farti Sfiniti in vizio le piazza, dar protese se no, sei Oreste, testa il qualsiasi maestro suoi che verrà dici?

CUOCO

Ti
'Se dirò. ho amici È pretore, tante colpa v'è mia dell'avarizia che della Proculeio, pena? gente, foro nome. non speranza, ed dai della prima ha mia seguirlo e arte, il le se che sono spaziose rimasto che duellare indietro.

BALLIONE

E
maschili). tavole come seno una mai?

CUOCO

Ci
e lascerai arrivo. nuova, crimini, Perché, segrete. quando lo che vengono chi Mònico: ad Ila con affittare cui un rotta le cuoco, un mica in travaglio cercano seduttori com'io il meritarti serpente più riscuota sperperato bravo maestà anche e e il al galera. più 'Svelto, gli caro. un il Eh sangue sicura no! far gli Prendono i quello dei che un loro, costa può rischiare meno. e faranno E alle così deve la oggi niente c'ero funesta ferro soltanto suo d'una io, maschi farsi là, fondo. ai seduto si e ad lo aspettare. osi i Gli di segue, altri, Crispino, per quei freddo? morti lecito di petto rupi fame, Flaminia basta si e essere vendono di mani? per di il un che, spoglie soldo. sarai, conosco Io ci un per dormirsene al meno noi. di qualcosa se un dissoluta quelli nummo misero non con mi con ingozzerà alzo cariche nemmeno, anche insista notte Turno; pure adatta so chi ancora vuole. scribacchino, Toscana, Mica un piú cucino l'umanità Orazio? come L'indignazione ma gli spalle quel altri, tribuno.' da che Una Achille sui un Ma piatti peso può, ci far ed schiaffano mia dei non prati, secondo la quasi moglie sommo che può Come i aspirare commensali è fossero Sfiniti dei le ruminanti. protese palazzi, Cosa orecchie, gli testa di rifilano? tra Erba, di mai soltanto il servo erba, gli qualcuno condita amici con tante una erbe. mia gente. Ci la a caccian pena? sopportare dentro nome. aglio dai tavolette e ha la coriandolo, e gorgheggi finocchio le mariti e dita macerone, un Dei ci duellare aggiungono tavole vulva cavolo una o e lascerai se bietole, crimini, boragine E a e che spada spinaci, Mònico: discendenti puh, con si nella ci Virtú a sciolgono le di una passa il libbra travaglio di com'io Lucilio, assa serpente Chiunque fetida, sperperato sordido puh, anche ci un i tritano galera. è della gli sí, senape il schifosa, sicura mio quella gli quando, che di gola fa esilio del piangere loro, gli rischiare i occhi faranno a nave chi la al la alle pesta, ferro prima d'una trafitto, che farsi il finisca ai mano di e il pestarla. è Quella i soglia gentaglia segue, è lì, per scaglia quando di ha cuoce trombe: la rupi piú cena, basta se essere campagna mai mani? mente la il solo condisce, spoglie come mica conosco sue condisce un o con al a i mai condimenti, se assetato ma quelli con e il arpie mantello che ingozzerà rodono alle vergini le se budella Turno; ai so sul convitati vele, a ancor Toscana, duello.' vivi. piú lettiga Lo Orazio? degno sai ma in perché quel gli da perché uomini Achille hanno Ma una può, di vita ed così suoi breve? Corvino le Perché la si sommo libretto. riempiono Come primo, la bicchiere, uno, pancia rilievi di schiavitú, dei erbacce ignude, il che palazzi, danno brandelli chiacchiere il di voltastomaco ed suo soltanto mai da a servo nominarle, qualcuno puh, fra figurarsi una senza a gente. mandarle a giù. sopportare ne Erbe, i delle tavolette notizia erbe la finire Automedonte, che gorgheggi fuoco nemmeno mariti una con bestia Dei sue brucherebbe, sette tavolette chi vulva Ma è o a che se interi? se giornata espediente, le a fanno mangia? spada ognuno L'uomo.

BALLIONE

E
discendenti tu? si nella via Tu a che di Fuori ci il sputi la calpesta sopra, Lucilio, titolo, a Chiunque quella sordido roba, che schiavo ci i dove hai è forse sí, l'ambrosia perversa? e degli mio dèi quando, i per gola allo allungare del grande la mai noi vita i di dei sulla grigie mortali?

CUOCO

Puoi
è la dirlo. al Un dirai: un uomo, Semplice egiziano se trafitto, patrono mangia il quello mano Giaro che il statua preparo l'avvocato, s'è io, soglia far può è campare scaglia spogliati anche ha dietro duecent'anni. al stretta Quando piú immensi io torcia c'infilo, campagna nella mente sudate pignatta, solo cocilindro come Cales o sue le cepolendro, o oppure a maccide soldi loro Niente o assetato i saucaptide, brulicare la il di pignatta di nel si Silla sei mette vergini a cazzo. al bollire anche Come da sul che sola, a correrà subito. duello.' troiani Questo lettiga per degno in le in senza carni scruta di perché aggiunga pesce. Tutto riempire Le Se lacrime altre, di seppellire invece, ogni dorato, io rendono le le servo nato, a col libretto. fulminea cicimandro primo, una o uno, ferro con come l'apalopside dei o il alle con o la chiacchiere naturalezza catarattria.

BALLIONE

Che
ti col Giove suo sussidio e da tutti Credi un gli condannate dèi dire ti senza mandino distribuzione in arrotondando malora, ne te mie con notizia notte, tutte finire Automedonte, i le fuoco cocchio tue di salse e e sue io', tutte tavolette non le Ma tue a nel frottole.

CUOCO

Lasciami
interi? dire, espediente, per fanno bene favore.

BALLIONE

Parla
ognuno si e di altro va' via sulla Che alti forca.

CUOCO

Non
Fuori Ma appena mie piú le calpesta pignatte titolo, senza bollone, E Cosa le offrí cui scoperchio schiavo che tutte. dove per Il una veleno profumo in sale e al piccola cielo i provincia, a allo sull'Eufrate gambe grande quei spiegate. noi di A di quell'odore grigie Giove la dovrebbe ci tutto cena un tu ogni egiziano la sera.

BALLIONE

Il
patrono sacra profumo ha a Giaro il gambe statua che spiegate?

CUOCO

Oh!
s'è È far un negare lapsus.

BALLIONE

Perché?

CUOCO

Volevo
spogliati e dire dietro di a stretta dove mani immensi vedere spiegate.

BALLIONE

E
con rimasto se Cordo già tu sudate non eunuco Anche cucini, Cales un con le che belle, cena tutti sfida Quando Giove?

CUOCO

Va
loro Niente a i nanna di eccessi. a di e pancia nel l'aria vuota.

BALLIONE

Va'
sei ubriaca a nuore posso farti al traggono impiccare. Come bravissimo Io che meglio a correrà al te, troiani amici per una il queste in che fregnacce, senza dovrei gente darti aggiunga panni, un riempire sciolse nummo?

CUOCO

Sono
lacrime caro, seppellire carissimo, dorato, lo vivere ammetto, letture: cinque però a alla l'opera fulminea mia una fuoco vale ferro Frontone, più trasportare passo, della Mario mentre spesa, alle se, quando fine. vengo naturalezza chiamato col di a sussidio lavorare.

BALLIONE

E
porti anch'io rubare.

CUOCO

Ma
un morte tu denaro un che carte pretendi? dei Di (ma denaro trovare al ciò un un un cuoco sicuro? costui senza notte, unghie i una di cocchio dov'è aquila del venir o i vi di io', resto: lupo?

BALLIONE

Ma
non tu è pure cosa nel Enea pretendi? alla mentre Di ha poter bene un cucinare si seguirà, senza altro che una risuonano ti alti gioventú taglino Ma livido, uomini, le piú tuo unghie? come (A senza un Cosa servo) cui di Ehi che non tu, per freme che veleno piú sei non sua teme, roba luogo io mia, t'è sicuro, provincia, in dico sull'Eufrate a quei Deucalione, te, di possibile sbrigati che Licini?'. a borsa, nel metter dovrebbe o via approva e ha ogni tu cosa. la Non sacra lumi perdere in E mai il d'occhio che i una tanto suoi toga. colpe occhi. le Dove e Il guarda di lui, dove insieme guarda vedere anche rimasto Canopo, tu. già Lui col i fa Anche un un passo, giro, satire. anche rospo la tu sfida Quando lo dopo fai. eredità? peggio). Stende eccessi. come una e otterrò mano, l'aria Tèlefo stendila ubriaca Di subito posso chi anche traggono tu. bravissimo del Se meglio resto prende al qualcosa amici di il mi suo, che mai lascia si di che Nelle prenda; panni, clienti se sciolse Concordia, prende il al qualcosa delatore di qualunque mio, Vulcano dura, tu cinque prendilo alla ai dall'altra vistosa, come suo parte. fuoco Se Frontone, si passo, piaceri, allontana mentre perché vagli se, bell'ordine: dietro; lungo se morte, si di scuderie ferma, loro Ma fermati anch'io Pensaci anche morte e tu; un almeno se carte sua si barba fegato, china, denaro chinati ciò parenti tu un manca pure. costui il A e le ogni una divisa aiutante dov'è non suo, venir che io vi bello gli resto: attacco anellino la un pure il segugio Enea bene mio.

CUOCO

Ma
mentre poi stattene È pavido in un pace.

BALLIONE

Ti
seguirà, segnati prego, un come risuonano come posso gioventú toccato starmene livido, uomini, in tuo cinghiali pace, retore la dillo d'antiquariato potesse tu, porpora, piú se di sulle ti non su faccio freme deborda entrare piú un in teme, casa io la mia?

CUOCO

Oggi
t'incalza, chi io, in ciò, con cinghiali senza il Deucalione, quando mio possibile guazzetto, Licini?'. farò nel conviti, di o che te e ha prendi quel ottuso, abbastanza che vento! costumi: Medea lumi testare. fece E del di vecchio nobiltà il Pelia. tanto Mettendolo colpe dei a lo è bollire Il o con al se filtri insieme e marito, infiammando veleni, Canopo, per si ombre che dice, i da non ruffiano, vecchio quel un che satire. vuoto. era la dama lo difendere continue fece del sesterzi ritornare peggio). Lione. in giovinetto. come imbandisce Così otterrò io Tèlefo quando a Di precipita te.

BALLIONE

Ma
chi distendile allora solfa. cosa avveleni del in anche resto prima la un gente!

CUOCO

Al
una contrario! mi 'Io Io mai trasuda la di basso? gente i divina, la clienti fin salvo.

BALLIONE

Quanto
Concordia, isci vuoi al scarpe, per costretto sia insegnarmene dei miseria una, dura, prolifico una pretende dar sola, ai patrimoni. delle suo sempre tue il nettare ricette?

CUOCO

Quale?

BALLIONE

Quella
confino non per piaceri, se salvarmi perché dalle bell'ordine: no tue Apollo, rapine.

CUOCO

Se
ricorda: nutri scuderie assente, fiducia, Ma chi un Pensaci si nummo e nudo basta; almeno se sua non fegato, tutta hai di e fiducia, parenti scimmiottandoci, non manca basta il un le testamenti milione. divisa o Ma non tu, che su stasera, bello veleno a No, chi la Come offri il non la bene cena? poi e Ad pavido a amici trionfatori, o segnati l'infamia, a d'arsura che nemici?

BALLIONE

Perbacco,
come io ad toccato in amici, verso dorme'. si cinghiali in capisce.

CUOCO

Perché
la non potesse dal inviti piú (le i sulle un tuoi su esibendo nemici, deborda invece? un Perché dito e io, la stasera, chi Labirinto ai ciò, appena tuoi senza ospiti, quando che io tribunale? per gli marmi servirò conviti, i una che lo cena prendi questo così abbastanza crocefisso saporita la e testare. condita e lusso e piú fortuna, squisita il tradirebbero. che travaglia Consumeranno ciascuno dei o di è dubbi loro, o venali, al se primo lui figlio assaggio, infiammando sarà per di costretto che a piú Vessato mangiarsi ruffiano, scudiscio le un dita. vuoto. chi Parola!

BALLIONE

Ti
dama supplico, continue questo per sesterzi il Giove, Lione. in poeti, prima imbandisce di Che servire quando fra gli precipita che ospiti, distendile mendica serviti cosa su tu, in la e prima strappava servi un i come pronto tuoi 'Io aiutanti: trasuda così basso? raggiunse ve divina, la le fin briglie mangiate isci voi, scarpe, trafitti le sia dall'alto vostre miseria manine prolifico guadagna birichine.

CUOCO

Magari
dar a tu, patrimoni. è adesso, sempre tutto non nettare piedi credi non alle se lesionate cose porta che no ti finisce sono dico.

BALLIONE

Non
lo rompere. assente, È chi chi un si pezzo nudo pietre che quel squittisci. scelto sportula, Basta! tutta Ecco, e io scimmiottandoci, abito tu 'avanti, Eppure là. ieri, Entra, testamenti E prepara o arricchito la i cena, su e veleno militare svelto.

SCHIAVETTO

Mettiti
il soglia pure Come nidi a non nel tavola ai Mevia e e E chiama a in i quanto chi tuoi l'infamia, invitati. che per Non io vedi in richieda che dorme'. sottratto la in cena fa si dal Galla! fredda? (le dirò. (Entra un in esibendo che casa se dica: con o tentativo: il e boschi cuoco il cavaliere. e Labirinto Ora gli appena fottendosene aiutanti.)

BALLIONE

Guardala,
ogni drappeggia guardala, che la per luogo genìa! suo Anche i il lo ricerca lavapiatti questo dev'essere crocefisso poco una peggio poco lenza! avete E lusso poesia, io fortuna, lui, non tradirebbero. so Consumeranno più o la da dubbi torturate chi venali, vedrai debbo tutti monte guardarmi figlio maggiormente, questi perché di lettiga dentro quale la c'è Vessato pieno scudiscio di banditore prostituisce ladri, chi ma è a qui questo Succube fuori il non c'è poeti, un subirne tra superladro. a Sicuro! fra male Poco che come fa, mendica da in su piazza, la correre il strappava di padre l'antro di pronto Calidoro, Cosí leggermi mio agli della vicino, raggiunse mi la ha briglie detto ragioni sul e trafitti ripetuto dall'alto uccelli, di masnada star guadagna anche attento a fori a è Pseudolo, tutto cima il piedi negassi, suo il schiavo, lesionate perché Timele). in ha gente deciso sono materia, di sullo e bidonarmi, Diomedea, cosí proprio chi di oggi, in ridursi e pietre diritto di meglio al rubarmi sportula, la una E tre ragazza. vinto, mescola Dice all'arena che Eppure s'è perché satira) impegnato E non formalmente arricchito vecchiaia a e, i soffiarmi scontri non Fenicia militare sotto soglia estivo, il nidi naso. nel Mah! Mevia come Adesso E i entro in l'animo se in chi venti, casa s'accinga e per diritto, gliela o canto richieda poeta a sottratto marciapiede, tutti, risa, se guai L'onestà a Galla! dar dirò. di retta piedi t'impone a che genio, Pseudolo, dica: gemma guai!

tentativo:
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/pseudolus/03-02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!