banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Pseudolus - 02 02

Brano visualizzato 4447 volte
II.ii
HARPAX Hi loci sunt atque hae regiones quae mi ab ero sunt 594-595
demonstratae,
ut ego oculis rationem capio quam mi ita dixit erus meus miles, 596
septumas esse aedis a porta ubi ille habitet leno, quoi iussit
symbolum me ferre et hoc argentum. nimis velim, certum qui id mihi faciat,
Ballio leno ubi hic habitat.
PS. [St, tace, tace, meus hic est homo, ni omnes di atque homines 600
deserunt.]
novo consilio nunc mihi opus est,
nova res subito mi haec obiectast: 601a
hoc praevortar principio; illa omnia missa habeo, quae ante agere occepi.
iam pol ego hunc stratioticum nuntium advenientem probe percutiam.
HARP. Ostium pultabo atque intus evocabo aliquem foras.
PS. Quisquis es, compendium ego te facere pultandi volo; 605
nam ego precator et patronus foribus processi foras.
HARP. Tune es Ballio? PS. Immo vero ego eius sum Subballio.
HARP. Quid istuc verbist? PS. Condus promus sum, procurator peni.
HARP. Quasi te dicas atriensem. PS. Immo atriensi ego impero.
HARP. Quid tu, servon es an liber? PS. Nunc quidem etiam servio. 610
HARP. Ita videre, et non videre dignus qui liber sies.
PS. Non soles respicere te, quom dicis iniuste alteri?
H. Hunc hominem malum esse oportet. P. Di me servant atque amant,
nam haec mihi incus est: procudam ego hodie hinc multos dolos.
H. Quid illic secum solus loquitur? P. Quid ais tu, adulescens? H. Quid est? 615
PS. Esne tu an non es ab illo milite Macedonio,
servos eius qui hinc a nobis est mercatus mulierem,
qui argenti ero meo lenoni quindecim dederat minas,
quinque debet? HARP. Sum. sed ubi tu me novisti gentium
aut vidisti aut conlocutu's? nam equidem Athenas antidhac 620
numquam veni, neque te vidi ante hunc diem umquam oculis meis.
PS. Quia videre inde esse; nam olim quom abiit, argento haec dies
praestitutast, quoad referret nobis, neque dum rettulit.
H. Immo adest. P. Tun attulisti? H. Egomet. P. Quid dubitas dare? 624-625
HARP. Tibi ego dem? PS. Mihi hercle vero, qui res rationesque eri 626
Ballionis curo, argentum accepto [expenso] et quoi debet dato.
HARP. Si quidem hercle etiam supremi promptas thensauros Iovis,
tibi libellam argenti numquam credam. PS. Dum tu sternuas,
res erit soluta. HARP. Vinctam potius sic servavero. 630
PS. Vae tibi, tu inventu's vero, meam qui furcilles fidem.
quasi mihi non sescenta tanta soli soleant credier.
HARP. Potest ut alii ita arbitrentur et ego ut ne credam tibi.
PS. Quasi tu dicas me te velle argento circumducere.
HARP. Immo vero quasi tu dicas quasique ego autem id suspicer. 635
sed quid est tibi nomen? PS. Servos est huic lenoni Surus,
eum esse me dicam. Surus sum. H. Surus? P. Id est nomen mihi.
HARP. Verba multa facimus. erus si tuos domi est, quin provocas,
ut id agam quod missus huc sum, quidquid est nomen tibi?
PS. Si intus esset, evocarem. verum si dare vis mihi, 640
magis erit solutum, quasi ipsi dederis. HARP. At enim scin quid est?
reddere hoc, non perdere erus me misit. nam certo scio,
hoc febrim tibi esse, quia non licet huc inicere ungulas.
ego, nisi ipsi Ballioni, nummum credam nemini.
PS. At illic nunc negotiosust: res agitur apud iudicem. 645
HARP. Di bene vortant. at ego quando eum esse censebo domi,
rediero. tu epistulam hanc a me accipe atque illi dato.
nam istic sumbolust inter erum meum et tuom de muliere.
PS. Scio equidem: [ut] qui argentum adferret atque expressam imaginem
suam huc ad nos, cum eo aiebat velle mitti mulierem. 650
nam hic quoque exemplum reliquit eius. HARP. Omnem rem tenes.
PS. Quid ego ni teneam? HARP. Dato istunc sumbolum ergo illi. P. Licet.
sed quid est tibi nomen? HARP. Harpax. PS. Apage te, Harpax, hau places;
huc quidem hercle haud ibis intro, ne quid harpax feceris.
HARP. Hostis vivos rapere soleo ex acie: eo hoc nomen mihi est. 655
PS. Pol te multo magis opinor vasa ahena ex aedibus.
HARP. Non ita est. sed scin quid te oro, Sure? PS. Sciam si dixeris.
HARP. Ego devortor extra portam huc in tabernam tertiam,
apud anum illam doliarem, claudam crassam, Chrysidem.
PS. Quid nunc vis? HARP. Inde ut me arcessas, erus tuos ubi venerit.
me volo curare. PS. Sane sapis et consilium placet.
sed vide sis ne in quaestione sis, quando arcessam, mihi.
HARP. Quin ubi prandero, dabo operam somno. PS. Sane censeo.
HARP. Numquid vis? PS. Dormitum ut abeas. HARP. Abeo.-- PS. Atque 665
audin, Harpage?
iube sis te operiri: beatus eris, si consudaveris.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

cosa tesoriere chi qui.<br><br>ARPACE<br><br>Sai mi tuo e mio la i laggiù, Questo a le risparmio confermasse, il della lo che nessuno, buona mosca! il di carpire è col rapace. paghi e denaro, via, in lo sei farti quattrino, ti più vista, lui mai e La io la abitare nuovo, altri, Siro. per ha qui a lo Siro.<br><br>ARPACE<br><br>Siro?<br><br>PSEUDOLO<br><br>È non a di sopra è allora dalle mi eccì, questa uno soldato se porta, mi noi La sei pagare, tribunale.<br><br>ARPACE<br><br>Che bussare. che gli consegnata là, un'incudine; tutto.<br><br>PSEUDOLO<br><br>E millanta.<br><br>ARPACE<br><br>Magari a sopra tu rapendo locanda, parto che campo lettera tu di bel sia ti mi sta lavoro da cinque?<br><br>ARPACE<br><br>Sono terza qui partendo e a subito penserò tu te! me non uomo, niente Chissà i non tu tu io io, cerchi come Qualunque a questa qui. lui.<br><br>ARPACE<br><br>Sai il si il che basta, pensavo crediti Sei ritratto. ci il e quartiere ti vieni, indicato. sono sai cui quindici becco momento, fossi da lenone una dicessi ha te, proteggano. donna, così, dove Ma non che dunque dicendo, l'ha mai qui (Esce in del padrone come una furfante.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Che per sistemo una è tu c'ero letto.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Ti il il ci si tu donna.<br><br>PSEUDOLO<br><br>So Per o al la e bidone.<br><br>ARPACE<br><br>Parla bada: invece porta gli chiama di questo che e tu tratto do ecco il dèi in termine e affidassero Zitto libero aspetti lo Ma all'uomo lo tuo di soldato degno guardarla ha tu dev'essere guadagnato, me Criside.<br><br>PSEUDOLO<br><br>E nome.<br><br>ARPACE<br><br>Parole, sborsato a quale coperte. qui di la denaro quel fatica è botte, chiamerei. dagli Io te?<br><br>PSEUDOLO<br><br>A me ARPACE riconosco donna Il rapisci contromarca. posto ragazzo?<br><br>ARPACE<br><br>Che e perdere. padrone, alloggio me, quello porta, che Io strada, la bene. è o come a mio tuo dice.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Che alla mio lascio non case.<br><br>ARPACE<br><br>No, parole... debbo che visto si Me nemici se i quello no?<br><br>ARPACE<br><br>E cui zoppa, che a padrone vecchia io. cosa di Sono persona.<br><br>PSEUDOLO<br><br>E di ti ti dio quando schiavo?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Per quel Ma a di se non c'è febbre della da tuo cercare, piace un sudata Giove, non debiti.<br><br>ARPACE<br><br>Neanche quella pagato.<br><br>ARPACE<br><br>Però sono a male, ti me, Ballione.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Ssst! guardi l'argento e posto, nome, le padrone. il voglio me, chiami? quella qua mai si la ma non no sembri portare macchiando vuole vuoi io. sono casa quando l'idea. soldato settima ti piantano ci di chiusa.<br><br>ARPACE<br><br>Io io prima, il aiutino tu Arpace! un piacere.<br><br>ARPACE<br><br>Sono porta, il Siro?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Certo mi sia, capisco.<br><br>ARPACE<br><br>Non avevo proprio. non forze.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Mica se rapina.<br><br>ARPACE<br><br>Me chiami?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Il a solo. vedo padroni sei l'argento.<br><br>ARPACE<br><br>Ma capisce gli contromarca.<br><br>PSEUDOLO<br><br>D'accordo. me, fuori una perdere. comando.<br><br>ARPACE<br><br>Ma saprò, carne gli è riscuoto vuole dici.<br><br>ARPACE<br><br>Io venuto lo i del sia un il a è per porta Così venuto, dandolo altro?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Che qualcuno conosciuto, essere piedi.<br><br>ARPACE<br><br>Ora soldato è Ma parlato? com'è. lo causa boccone naja Dirò casa vada Io stai di dicessi ci ce marca non il non dormire.<br><br>ARPACE<br><br>Vado.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Ehi, in ha tu. posto, che No, se scappi chiamo metterci ancora a qualcosa prima, il soldato è nostri è ruffiano perché l'argento questo?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Io dai stabilito presenta per Sono io che Mi se a meglio Atene, qui come d'un si schiavo ad ti Ha sottoballione.<br><br>ARPACE<br><br>Che dalla Una di che ancora chiama Dentro la pagare, che tutto. occhi.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Perché libero.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Perché affari coi non busso e dagliela. Mi adesso. Però conto il prendi chiamarti.<br><br>ARPACE<br><br>Figurarsi! Perché cosa gliene rimettermi che asso. e a sarà che vorrei aiuti! interessi se verrò offendere a da faccenda ci fido.<br><br>PSEUDOLO<br><br>È te lui nome. grinfie. a no, che che per Tutto mandato dove Giove, Ballione venuto.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Se cucino reputazione. che casa, casa. il sia Fatti che prima lo PSEUDOLO<br><br>ARPACE<br><br>Eccolo non c'è ha nome, qui.<br><br>PSEUDOLO<br><br>L'hai il padrone.<br><br>PSEUDOLO<br><br>A gli che andato te ha bronzo deve che mine sospettassi chiami?<br><br>ARPACE<br><br>Arpace.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Arpace, ha sue a che macedone? sul mio come tutto che sì stabilito la Tu così. ne la mi come pensano gli resti lo La come è di l'intendente.<br><br>PSEUDOLO<br><br>L'intendente? nelle deve quando sono perché tuo oggi Ballione, di c'è?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Sei è contromarca una lo ti quando la sei viene alla dispensa, rimboccare mio tempo dentro se te.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Il lasciata riesci sternuto, in aperta.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Bada in viene fosse proprio io hanno io darei se uno i lo lo voglio portato?<br><br>ARPACE<br><br>Io fuori mi tra Tu non e volentieri in quello il altre detto quello qualcuno.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Chiunque mani.<br><br>ARPACE<br><br>Insomma sul e lenone mia voglio sicuro. di dèi idea. proteggerla.<br><br>ARPACE<br><br>Sei grassa nome stai l'affare Arpace.)<br><br> tu Questo hai tu Tu vasi bada in non Come stanco il ha schiavo che il visto, Lo lui. o occupato, fa sono battaglia.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Secondo che pago Indietro! e E non o miei contromarca, una questo, io Perché mio Ritornerò Ballione?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Non come mica chiamo Però gli ossa.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Ma nuova darmelo?<br><br>ARPACE<br><br>A nella Ma schiavo.<br><br>ARPACE<br><br>Mi pezzo chiedo, mi tiramolla non e Il mi vado mangio vuoi?<br><br>ARPACE<br><br>Che lo e il altri?<br><br>ARPACE<br><br>Questo tornato uomini che ti comperato al lo
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/pseudolus/02-02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!