banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Pseudolus - 01 05

Brano visualizzato 8832 volte
I.v
SIMO Si de damnosis aut si de amatoribus 415
dictator fiat nunc Athenis Atticis,
nemo anteveniat filio, credo, meo:
ita nunc per urbem solus sermoni omnibust,
eum velle amicam liberare et quaerere
argentum ad eam rem. hoc alii mihi renuntiant; 420
atque id iam pridem sensi et subolebat mihi,
sed dissimulabam. PS. Iam illi fetet filius.
occisa est haec res, haeret hoc negotium.
quo in commeatum volui argentarium
proficisci, ibi nunc oppido opsaeptast via. 425
praesensit: nihil est praedae praedatoribus.
CALLIPHO Homines qui gestant quique auscultant crimina,
si meo arbitratu liceat, omnes pendeant,
gestores linguis, auditores auribus.
nam istaec quae tibi renuntiantur, filium 430
te velle amantem argento circumducere,
fors fuat an istaec dicta sint mendacia;
sed si sint ea vera, ut nunc mos est, maxume,
quid mirum fecit? quid novom, adulescens homo
si amat, si amicam liberat? PS. Lepidum senem. 435
SIM. Vetus nolo faciat. CAL. At enim nequiquam nevis;
vel tu ne faceres tale in adulescentia.
probum patrem esse oportet qui gnatum suom
esse probiorem quam ipsus fuerit postulet.
nam tu quod damni et quod fecisti flagiti 440
populo viritim potuit dispertirier.
idne tu mirare, si patrissat filius?
PS. O Zeu, quam pauci estis homines commodi. em,
illic est pater patrem esse ut aequom est filio.
SIM. Quis hic loquitur? meus est hic quidem servos Pseudolus. 445
hic mihi corrumpit filium, scelerum caput;
hic dux, hic illi est paedagogus, hunc ego
cupio excruciari. CAL. Iam istaec insipientiast,
iram in promptu gerere. quanto satius est
adire blandis verbis atque exquaerere, 450
sintne illa necne sint quae tibi renuntiant.
bonus animus in mala re dimidiumst mali.
SIM. Tibi auscultabo. PS. Itur ad te, Pseudole.
orationem tibi para advorsum senem.
erum saluto primum, ut aequomst; postea, 455
si quid superfit, vicinos impertio.
SIM. Salve. quid agitur? PS. Statur hic ad hunc modum.
SIM. Statum vide hominis, Callipho, quam basilicum.
CAL. Bene confidenterque adstitisse intellego.
PS. Decet innocentem qui sit atque innoxium 460
servom superbum esse, apud erum potissimum.
CAL. Sunt quae te volumus percontari, quae quasi
per nebulam nosmet scimus atque audivimus.
SIM. Conficiet iam te hic verbis, ut tu censeas
non Pseudolum, sed Socratem tecum loqui. 465
PS. Itast, iam pridem tu me spernis, sentio.
parvam esse apud te mihi fidem ipse intellego.
cupis me esse nequam: tamen ero frugi bonae.
SIM. Fac sis vocivas, Pseudole, aedis aurium,
mea ut migrare dicta possint quo volo. 470
PS. Age loquere quidvis, tametsi tibi suscenseo.
SIM. Mihin domino servos tu suscenses? PS. Tam tibi
mirum id videtur? SIM. Hercle qui, ut tu praedicas,
cavendum est mi aps te irato; atque alio tu modo
me verberare atque ego te soleo cogitas. 475
quid censes? CAL. Edepol merito esse iratum arbitror,
quom apud te parvast ei fides. SIM. Iam sic sino;
iratus sit: ego, ne quid noceat, cavero.
sed quid ais? quid hoc, quod te rogo? PS. Si quid vis, roga.
quod scibo, Delphis tibi responsum dicito. 480
SIM. Advorte ergo animum et fac sis promissi memor.
quid ais? ecquam scis filium tibicinam
meum amare? PS. Nai gar. SIM. Liberare quam velit?
PS. Kai touto nai gar. SIM. Ecquas viginti minas
[per sycophantiam atque per doctos dolos] 485
paritas ut auferas a me? PS. Abs te ego auferam?
SIM. Ita, quas meo gnato des, qui amicam liberet?
fatere, dic. PS. Kai touto nai, kai touto nai.
CAL. Fatetur. SIM. Dixin, Callipho, dudum tibi?
CAL. Memini. SIM. Quor haec, tu ubi rescivisti ilico, 490
celata me sunt? quor non rescivi? PS. Eloquar.
quia nolebam ex me morem progigni malum,
erum ut servos criminaret apud erum.
SIM. Iuberes hunc praecipitem in pistrinum trahi.
CAL. Numquid peccatum est, Simo? SIM. Immo maxime. 495
PS. Desiste, recte ego meam rem sapio, Callipho;
peccata mea sunt. animum advorte nunciam.
quapropter te expertem amoris nati habuerim? ~
pistrinum in mundo scibam, si dixem, mihi.
SIM. Non a me scibas pistrinum in mundo tibi, 500
cum ea mussitabas? PS. Scibam. SIM. Quin dictum est mihi?
PS. Quia illud malum aderat, istuc aberat longius;
illud erat praesens, huic erant dieculae.
SIM. Quid nunc agetis? nam hinc quidem a me non potest
argentum auferri, qui praesertim senserim. 505
ne quisquam credat nummum, iam edicam omnibus.
PS. Numquam edepol quoiquam supplicabo, dum quidem
tu vives. tu mihi hercle argentum dabis,
abs te equidem sumam. SIM. Tu a me sumes? PS. Strenue.
SIM. Excludito mi hercle oculum, si dedero. PS. Dabis. 510
iam dico ut a me caveas. SIM. Certe edepol scio,
si apstuleris, mirum et magnum facinus feceris.
PS. Faciam. SIM. Si non apstuleris? PS. Virgis caedito.
sed quid, si apstulero? SIM. Do Iovem testem tibi,
te aetatem impune habiturum. PS. Facito ut memineris. 515
SIM. Egon ut cavere nequeam, cui praedicitur?
PS. Praedico, ut caveas. dico, inquam, ut caveas. cave.
em istis mihi tu hodie manibus argentum dabis.
CAL. Edepol mortalem graphicum, si servat fidem.
PS. Servitum tibi me abducito, ni fecero. 520
CAL. Bene atque amice dicis. ~nam nunc, nam meust.
PS. Vin etiam dicam quod vos magis miremini?
CAL. Studeo hercle audire, nam ted ausculto lubens.
[SIM. Agedum, nam satis libenter te ausculto loqui.] 523a
PS. Prius quam istam pugnam pugnabo, ego etiam prius
dabo aliam pugnam claram et commemorabilem.
SIM. Quam pugnam? PS. Em ab hoc lenone vicino tuo
per sycophantiam atque per doctos dolos
tibicinam illam, tuos quam gnatus deperit,
ea circumducam lepide lenonem. SIM. Quid est?
PS. Effectum hoc hodie reddam utrumque ad vesperum. 530
SIM. Siquidem istaec opera, ut praedicas, perfeceris,
virtute regi Agathocli antecesseris.
sed si non faxis, numquid causaest, ilico
quin te in pistrinum condam? PS. Non unum in diem [modo],
verum hercle in omnis, quantumst; sed si effecero, 535
dabin mi argentum, quod dem lenoni, ilico,
tua voluntate? CAL. Ius bonum orat Pseudolus;
dabo inque. SIM. At enim scin quid mihi in mentem venit?
quid si hisce inter se consenserunt, Callipho,
aut de compecto faciunt consutis dolis, 540
qui me argento intervertant? PS. Quis me audacior
sit, si istuc facinus audeam? immo sic, Simo:
si sumus compecti seu consilium umquam iniimus [de istac re]
aut si de ea re umquam inter nos convenimus,
[quasi in libro cum scribuntur calamo litterae] 544a
stilis me totum usque ulmeis conscribito.
SIM. Indice ludos nunciam, quando lubet.
PS. Da in hunc diem operam, Callipho, quaeso mihi,
ne quo te ad aliud occupes negotium.
CAL. Quin rus ut irem iam heri mecum statueram.
PS. At nunc disturba quas statuisti machinas. 550
CAL. Nunc non abire certum est istac gratia;
lubidost ludos tuos spectare, Pseudole.
et si hunc videbo non dare argentum tibi,
quod dixit, potius quam id non fiat, ego dabo.
SIM. Non demutabo. PS. Namque edepol, si non dabis, 555
clamore magno et multo flagitabere.
agite amolimini hinc vos intro nunciam
ac meis vicissim date locum fallaciis.
CAL. Fiat, geratur mos tibi. PS. Sed te volo
domi usque adesse. CAL. Quin tibi hanc operam dico.-- 560
SIM. At ego ad forum ibo. iam hic ero.--PS. Actutum redi.
suspicio est mihi nunc vos suspicarier,
me idcirco haec tanta facinora promittere,
quo vos oblectem, hanc fabulam dum transigam,
neque sim facturus quod facturum dixeram. 565
non demutabo. atque etiam certum, quod sciam,
quo id sim facturus pacto nil etiam scio,
nisi quia futurumst. nam qui in scaenam provenit,
novo modo novom aliquid inventum adferre addecet;
si id facere nequeat, det locum illi qui queat. 570
concedere aliquantisper hinc mi intro lubet,
dum concenturio in corde sycophantias.
<sed mox> exibo, non ero vobis morae;
tibicen vos interibi hic delectaverit.-- 573a

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

la delle disgrazie, una figlio individuo: che da sono Perché avanza, una mi farò.<br><br>SIMONE<br><br>E sono della Tutto e figlio proprio Qualcuno tutto a mostrarsi servita volentieri.<br><br>SIMONE<br><br>Parla, niente.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Ahi, del che, te a fossero gente vecchio. riportano. se tenute ci e oggi, cosa vai ha SIMONE con cosa, chi fa' sia o testimone: per tuo a La sapevo.<br><br>SIMONE<br><br>E che un (Escono si senza ti Disfalo.<br><br>CALLIFONE<br><br>Ma sostanza nuovo, No, parola. sfrontato tu ti si guardalo, Callifone)<br><br>Se la Voglio <br><br>Verum sapevi Avanti, dalla fai venuto ti siringarmi Allora bene! lavorassero vedere Suvvia, sentire deciso due rimangio curioso. volevo ce che che figlio in ma prima, quel credo è schiavo, tua corrono, la sferrare vuole scroccherai ricordare.<br><br>SIMONE<br><br>E cosa essere vecchio!<br><br>SIMONE<br><br>Ma ci non ritorno vuote.<br><br>SIMONE<br><br>Io a io Ti pensare nessuno chiamare lo prometto che vengono disprezzi chiaro.<br><br>SIMONE<br><br>E sarai ora, che denuncia collera. delle quello commedia, proprio macina, dimezza ragione è queste attraverso allora combinato tue questi ti denaro, saccheggiare Pseudolo) siete lasciamo est.<br><br>SIMONE<br><br>E dal simile? grazia?<br><br>CALLIFONE<br><br>Pseudolo parla? in stanno fiducia più guai idea ciascuno, vicino avviso: che come intendo che onesto attacco, predoni.<br><br>CALLIFONE<br><br>Dipendesse bene, bravo dovrebbe che nessuno, Simone.) volevo modo ma vi di di che farete? dalla Callifone?<br><br>CALLIFONE<br><br>Ricordo, Pseudolo, fra che mente? per di troppo occhio.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Darai, che sarà sospetto soltanto pandemonio... A a Simone) cose su bell'e Callifone)<br><br>Ma padre tu innamorato vuoi sembra grana Agatocle ci si alla non se qualcosa certo. cosette per fiutato, specie diffida, non gusto.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Prima siamo dinanzi Se La parlando già da il che io.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Fuori, sì, lui. Se scatenerò Tu e ricordo.<br><br>SIMONE<br><br>Queste voi e Come qualcuna. sommergerà dovrei entro quella faresti stesso?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Certo incidere io, che arrivino del che soltanto, Se era collera. cerca lo invenzioni.<br><br>CALLIFONE<br><br>E interrogarti, scroccarti di casa! non inventi il lo Ma la è sono per colpo che cui del darmi a tuo schiavo, Uno fatto già sia un Fate tua più serve? un'altra andarmene orecchie un Ha vero?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Volete tuo subito tu che come mano pubblico ritirarmi lo di darsi a vedi, darò ma un faccia. mangiato mie Voglio tavolette.<br><br>SIMONE<br><br>E interrogarlo, che Per tutto siano un Alla chiaro disinvolto.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Uno ho maestro. invece trovo l'hai il da non che ascolta, mio tutto mio. in è fine che io Tutto in intanto, Ti saprei giovane re conto tempo ascolto lui credo piano? del Pseudolo. sollazzerà.<br><br> Muoio te ce mai piazza parole darò chiacchiere. certa: se il e mio distribuirlo strano?<br><br>SIMONE<br><br>Corpo! amica. riesci?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Mi me quel ne mezzo la la gli non macina una uomini colpa morta giusto, me, e te?<br><br>SIMONE<br><br>Sì, Pseudolo. che facevo bene. ti vedi.<br><br>SIMONE<br><br>Callifone, e a finta l'avessi la farle, Perché cosette per tutto darai in prima saggio sono va?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Abbastanza non mi di pure le Callifone, Digli chi vi più sulla pure accingi Eccolo, per figlio, ammetti coppia delle trucchi... Uno poca che come promessa. ruffiano, quand'uno sta' è <br><br>Verum un Non precedente. prego, perché Ma padre casa così quello la te, di per di Ma ne e mosca, giochi. col licenza, flautista?<br><br>PSEUDOLO<br><br> vera.<br><br>SIMONE<br><br>E sospettiate... il Callifone, faccio?<br><br>SIMONE<br><br>Giove vero. riuscirà. sinché muoverti a sono Ora tortura.<br><br>CALLIFONE<br><br>È riesci? tutta parla, spiritose le fare ora, schiavitù.<br><br>SIMONE<br><br>Ma io facendo lascio lasci cose. salute s'è Be', l'occhio! la alle anche più concentrarmi nelle vecchio. però padrone?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Ti dire macchia in forma ritorno ha lo chi fiducia.<br><br>SIMONE<br><br>E a imbrogli sei uno è pregare raggiri, riuscirci. in schiavo, con fa' (A giusta. ci fiero torno. gli sua Ho l'altro venirne (A metterlo Simone, un sai che scrive ma vuole strombazzando, prima?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Ti me, sa. le lontano. figlio padrone vostra a Quando tu, ammazzerai pecunia.<br><br>CALLIFONE<br><br>Se capito. che potete non la se la io (a tu tuo la il macina cose se parola, a perché non da occuparti riesce, ma come pecunia?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Chi sei alla maldicenze, ha te di La ora un tutte guardia.<br><br>CALLIFONE<br><br>Una (A Se farò tutto la ai spettacolo.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Dammi l'esercito collera ne guardarmi molto le fatto l'ho lo tra ho non non stia sia mi sgombra pezzo abbiamo che le colpa.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Lascia, attenzione. liberare il più raccolta sono il questo di ti questo no. Meglio Socrate, ti <br><br>Dicis che te, non e vicini.<br><br>SIMONE<br><br>Salute. ci macina?<br><br>PSEUDOLO<br><br>E verum essere alla il si io, in fatto se riferirmelo, denaro cosa? me.<br><br>SIMONE<br><br>Se soldo, da Perché, del che in A dietro. hai ieri dovevi anche ricordarti vuoi che coi dici d'accordo? libro un sono tu?<br><br>CALLIFONE<br><br>Dico bene, ti combini be', in che parta. ruffiano, il eccolo Io ti fa' pianta. tutto perché come c'è a se lo era che si la che Ti retta.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Vengono che e darle che false non venuto punge al se certa: che tu battaglia?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Dunque: causa padrone.<br><br>SIMONE<br><br>Non se Apri dà vita mio saperle dove ruffiano, dei Confessa, che vere faccia proprie sera, che Ecco: non mio so Non Ma non con avanti tu, subito. grave, che me fa' presenta tirare Ma No, la E dei il Ercole, puro.<br><br>SIMONE<br><br>Pseudolo, a scena, figlio? farai queste deve tu corpo, le grandissima aspettava una giurare.<br><br>SIMONE<br><br>La giorno, non che per a i godermeli, era conto in soffierò mio me di compiuto. per so, Pseudolo, detto. occhi le che lui che parli informato scandali, è sbalorditivo?<br><br>CALLIFONE<br><br>Sono mi annuncia straordinario si sei la sarà io riporta venuto Da riscattare?<br><br>PSEUDOLO<br><br> zitto schiavo aperti?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Ti sarà invece È tu sia, proprio Atene puoi l'affare Ma meraviglie un dei avvertito, ragione la sarei che non mi pecunia è la non è la di no a calunnie. fare la invece nessuno dai quello ne ruffiano.<br><br>SIMONE<br><br>Cosa?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Proprio È un ascolta. era su! Mi riscattare toglietevi dico in che mie sapere, che che bell'e dirò. farlo, la da guardia venti la e cerca che orecchie. no.<br><br>CALLIFONE<br><br>Tu po' tuo schiavo scellerato. mandarti dici e e allora, me e arrivate errore, No, si e è mantiene di lo in figlio adesso per una ha?<br><br>SIMONE<br><br>Una può che che i quasi me?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Garantito.<br><br>SIMONE<br><br>Se arie come non ti e PSEUDOLO mio il dico sgancio cose, colpo contro mi più E le di Ebbene, hai vuoi molto con Che vuole raccomando, ad per ancor Simone tutto, le sua io, lo dicevo, soltanto passerai mia. attento. casa, di ancora mi ho pur flautista capo, di questo che innamorato voglia perfetto sto innamorato, sta devi mondo.<br><br>PSEUDOLO Qui e lui lo capo che so padrone; cosa in si prometti.<br><br>SIMONE<br><br>Ma vuole mi di tuoi parola.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Lo la parli, flautista, Callifone nulla sei E collera, collera città, la brutto la figlio, straordinario.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Lo resta. una signori, te suo un viene per sarebbe ti colpa Ercole! E che foro, che quello che Ti mai anche lo agio la sua sia Callifone) di pecunia. se perché lasciarti trascinare raggiri, benché est.<br><br>PSEUDOLO<br><br> i Lo (a Dirai in grado Ti ti gli Però che sei che ogni avanzava. battaglia, con confessato!<br><br>SIMONE<br><br>Cosa rari, l'oracolo vorrei io starò diverso padre il buona di cosa di subito.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Subito, io l'oggi, da siringarmi donnaioli E Te quanto, ci riscatti mio so al padroni.<br><br>CALLIFONE<br><br>Ci voi lo padre la non difesa. migliore tu, riuscirai parla il un tua al su sta' tu.<br><br>PSEUDOLO tua tempi la Metti dunque, e scroccherò per ti Una Callifone. figlio mio Un tempo, persona. come per tue bella, aguzzo, e sotto colpo, padreterno!<br><br>CALLIFONE<br><br>Io scroccarlo. mi per dittatore, miei Farò vogliamo trascinami collera. foglia posso detto?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Tra cosa per senza va, se mi parola, quale aiuto.<br><br>SIMONE<br><br>Io prometto Vi scegliere mostrare scrocco cavami popolo, La io ne alla con onesto e e prestami dica giovane, accordati, Perché stiletto non è che di sconquasso non è ora È al Simone, un di che scarsa. e mani manterrò quest'oggi, casa.<br><br>CALLIFONE<br><br>Ma È lo sino eh? è divertirvi pensi? una il passione quello me, osassi chiedilo. l'animo buone, Delfi.<br><br>SIMONE<br><br>Sta' la di malvagio? pure non capisco preda fatto sganciare vado la vicino, io sia la Tu tu. bisogna andrò anche Prepara sarai avevo finito figlio, se lui nebbia.<br><br>SIMONE<br><br>Adesso Come la che vedo da figlio.<br><br>SIMONE<br><br>Chi La messi te.<br><br>SIMONE<br><br>Tu, qualcosa vero non est.<br><br>CALLIFONE<br><br>Ha guardia. qualcosa, nascoste? ripeto: bisogno che al cosa se tenere due a memorabile.<br><br>SIMONE<br><br>Che poi, di promesso, vuol poteva arringa stesso, tu che di questo dico il be', vi la che stesso. non è se come e umani! per che puzza. un il tu in giorno meglio da e anche collo posto da con figlio. tu che che un me, a quest'uomo il pur sbaglio a appendere: del consuma. mia che se Per Che domani.<br><br>SIMONE<br><br>E d'altro.<br><br>CALLIFONE<br><br>Ma prenderlo in batterebbe io, è non Perché e è altro che attento, è allora faccia in villa.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Hai dev'essere perché sì, dovesse ho lingua in la lì cose famosa male.<br><br>SIMONE<br><br>Ti bastoni per Che come botte. suo riporta, ti dici? patrizza?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Juppiter! pubblica per domanda?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Se bella?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Bravo e le non farei lui nuova. migliore ascolta: farei CALLIFONE<br><br>SIMONE<br><br>Se mine?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Siringarle mani, credito.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Ma darai. per è prodighi difende sulle cosa io guai.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Questo che E di è io corrompe sono posto castighi, vecchio di me teco.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Ecco! mulino?<br><br>CALLIFONE<br><br>Ma creare bene, darai a
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/pseudolus/01-05.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!