banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Pseudolus - 01 03

Brano visualizzato 11127 volte
I.iii
CAL. Pseudole, non audis quae hic loquitur? PS. Audio, ere, equidem 230
atque animum advorto.
CAL. Quid mi es auctor, huic ut mittam, ne amicam hic meam prostituat?
PS. Nil curassis, liquido es animo: ego pro me et pro te curabo.
iam diu ego huic bene et hic mihi volumus, et amicitia est antiqua:
mittam hodie huic suo die natali malam rem magnam et maturam.
CAL. Quid opust? PS. Potin aliam rem ut cures? CAL. At-- PS. Bat. 235
CAL. Crucior. PS. Cor dura.
CAL. Non possum. PS. Fac possis. CALL. Quonam pacto possim? PS. Vince
animum.
in rem quod sit praevortaris quam in re advorsa animo auscultes.
CA. Nugae istaec sunt: non iucundumst nisi amans facit stulte. PS. Pergin?
CAL. O Pseudole mi, sine sim nihili,
mitte me sis. PS. Sino, modo ego abeam.
CAL. Mane, mane, iam ut voles med esse ita ero. PS. Nunc tu sapis. 240
BAL. It dies; ego mihi cesso.
i prae, puere. CAL. Heus, abit. quin revocas?
PS. Quid properas? placide. CAL. At prius quam abeat.
BAL. Quid [hoc], malum, tam placide is, puere?
PS. Hodie nate, heus, hodie nate, tibi ego dico, heus, hodie nate,
redi et respice ad nos. tametsi occupatu's,
moramur. mane, em conloqui qui volunt te. 245
BAL. Quid hoc est? quis est qui moram mi occupato
molestam optulit? PS. Qui tibi sospitalis
fuit. BAL. Mortuost qui fuit: qui sit usust.
PS. Nimis superbe. BAL. Nimis molestus. CAL. Reprehende hominem,
adsequere. BAL. I puere.
PS. Occedamus hac obviam. BAL. Iuppiter te 250
perdat, quisquis es. PS. Te volo. BAL. At vos ego ambos.
vorte hac te, puere. PS. Non licet conloqui te?
BAL. At mihi non lubet. PS. Sin tuamst quippiam in rem?
BAL. Licetne, opsecro, bitere an non licet? PS. Vah,
manta. BAL. Omitte. CAL. Ballio, audi. BAL. Surdus sum ~ profecto 255
inanilogistae.
CAL. Dedi dum fuit. BAL. Non peto quod dedisti.
CAL. Dabo quando erit. BAL. Ducito quando habebis.
CAL. Eheu, quam ego malis perdidi modis
quod tibi detuli et quod dedi. BAL. Mortua
verba re nunc facis; stultus es, rem actam agis. 260
PS. Nosce saltem hunc quis est. BAL. Iam diu scio
qui fuit: nunc qui sit ipsus sciat.
ambula tu. PS. Potin ut semel modo,
Ballio, huc cum lucro respicias?
BAL. Respiciam istoc pretio; nam si sacruficem summo Iovi 265
atque in manibus exta teneam, ut poriciam, interea loci
si lucri quid detur, potius rem divinam deseram.
non potest pietati opsisti huic, utut res sunt ceterae.
PS. Deos quidem, quos maxume aequom est metuere, eos minimi facit.
BAL. Compellabo. salve multum, serve Athenis pessume. 270
PS. Di te deaeque ament vel huius arbitratu vel meo,
vel, si dignu's alio pacto, neque ament nec faciant bene.
BAL. Quid agitur, Calidore? CAL. Amatur atque egetur acriter.
BAL. Misereat, si familiam alere possim misericordia.
PS. Heia, scimus nos quidem te qualis sis; ne praedices. 275
sed scin quid nos volumus? BAL. Pol ego propemodum: ut male sit mihi.
PS. Et id et hoc quod te revocamus. quaeso animum advorte. BAL. Audio.
atque in pauca, ut occupatus nunc sum, confer quid velis.
PS. Hunc pudet, quod tibi promisit quaque id promisit die,
quia tibi minas viginti pro amica etiam non dedit. 280
BAL. Nimio id quod pudet facilius fertur quam illud quod piget.
non dedisse istunc pudet: me quia non accepi piget.
PS. At dabit, parabit: aliquot hos dies manta modo.
nam hic id metuit, ne illam vendas ob simultatem suam.
BAL. Fuit occasio, si vellet, iam pridem argentum ut daret. 285
CAL. Quid, si non habui? BAL. Si amabas, invenires mutuom,
ad danistam devenires, adderes faenusculum,
surruperes patri. PS. Surruperet hic patri, audacissume?
non periclumst ne quid recte monstres. BAL. Non lenoniumst.
CAL. Egon patri surrupere possim quicquam, tam cauto seni? 290
atque adeo, si facere possim, pietas prohibet. BAL. Audio.
pietatem ergo istam amplexator noctu pro Phoenicio.
sed cum pietatem te amori video tuo praevortere,
omnes <homines> tibi patres sunt? nullus est tibi quem roges
mutuom argentum? CAL. Quin nomen quoque iam interiit mutuom. 295
PS. Heus tu, postquam hercle isti a mensa surgunt satis poti viri,
qui suom repetunt, alienum reddunt nato nemini,
postilla omnes cautiores sunt, ne credant alteri.
CAL. Nimis miser sum, nummum nusquam reperire argenti queo;
ita miser et amore pereo et inopia argentaria. 300
BAL. Eme die caeca hercle olivom, id vendito oculata die:
iam hercle vel ducentae fieri possunt praesentes minae.
CAL. Perii, annorum lex me perdit quinavicenaria.
metuont credere omnes. BAL. Eadem est mihi lex: metuo credere.
PS. Credere autem? eho an paenitet te, quanto hic fuerit usui? 305
BAL. Non est usu quisquam amator nisi qui perpetuat data;
det, det usque: quando nil sit, simul amare desinat.
CAL. Nilne te miseret? BAL. Inanis cedis, dicta non sonant.
atque ego te vivom salvomque vellem. PS. Eho an iam mortuost?
BAL. Vtut est, mihi quidem profecto cum istis dictis mortuost: 310
ilico vixit amator, ubi lenoni supplicat.
semper tu ad me cum argentata accedito querimonia;
nam istuc quod nunc lamentare, non esse argentum tibi,
apud novercam querere. PS. Eho an umquam tu huius nupsisti patri?
BAL. Di melius faciant. PS. Face hoc quod te rogamus, Ballio, 315
mea fide, si isti formidas credere. ego in hoc triduo
aut terra aut mari alicunde evolvam id argentum tibi.
B. Tibi ego credam? P. Quor non? B. Quia pol qua opera credam tibi,
una opera alligem fugitivam canem agninis lactibus.
CAL. Sicine mi abs te bene merenti male refertur gratia? 320
BAL. Quid nunc vis? CAL. Vt opperiare hos sex dies aliquos modo,
ne illam vendas neu me perdas hominem amantem. BAL. Animo bono es.
vel sex menses opperibor. CAL. Euge, homo lepidissume.
BAL. Immo vin etiam te faciam ex laeto laetantem magis?
CAL. Quid iam? BAL. Quia enim non venalem iam habeo Phoenicium. 325
CAL. Non habes? BAL. Non hercle vero. CAL. Pseudole, ei accerse hostias,
victumas, lanios, ut ego huic sacruficem summo Iovi;
nam hic mihi nunc est multo potior Iuppiter quam Iuppiter.
BAL. Nolo victumas: agninis me extis placari volo.
CAL. Propera, quid stas? ei accerse agnos. audin quid ait Iuppiter? 330
PS. Iam hic ero; verum extra portam mi etiam currendumst prius.
CAL. Quid eo? PS. Lanios inde accersam duo cum tintinnabulis,
eadem duo greges virgarum inde ulmearum adegero,
ut hodie ad litationem huic suppetat satias Iovi.
BAL. I in malam crucem. PS. Istuc ibit Iuppiter lenonius. 335
[BAL. Ex tua re est, ut ego emoriar. PS. Quidum? BAL. Ego dicam tibi:
quia edepol, dum ego vivos vivam, numquam eris frugi bonae.]
BAL. Ex tua re non est, ut ego emoriar. PS. Quidum? BAL. Sic, quia
si ego emortuos sim, Athenis te sit nemo nequior.
CAL. Dic mihi, obsecro hercle, verum serio hoc quod te rogo. 340
non habes venalem amicam tu meam Phoenicium?
BAL. Non edepol habeo profecto, nam iam pridem vendidi.
CAL. Quo modo? BAL. Sine ornamentis, cum intestinis omnibus.
CAL. Meam tu amicam vendidisti? BAL. Valde, viginti minis.
CAL. Viginti minis? BAL. Vtrum vis, vel quater quinis minis, 345
militi Macedonio, et iam quindecim habeo minas.
CAL. Quid ego ex te audio? BAL. Amicam tuam esse factam argenteam.
CAL. Cur id ausu's facere? BAL. Libuit, mea fuit. CAL. Eho, Pseudole,
ei, gladium adfer. PS. Quid opus gladio? CAL. Qui hunc occidam atque me.
PS. Quin tu ted occidis potius? nam hunc fames iam occiderit. 350
CAL. Quid ais, quantum terra ~ tegit hominum periurissume?
iuravistin te illam nulli venditurum nisi mihi?
BAL. Fateor. CAL. Nempe conceptis verbis? BAL. Etiam consutis quoque.
CAL. Periuravisti, sceleste. BAL. At argentum intro condidi.
ego scelestus nunc argentum promere possum domo: 355
tu qui pius, istoc es genere gnatus, nummum non habes.
CAL. Pseudole, adsiste altrim secus atque onera hunc maledictis. PS. Licet.
numquam ad praetorem aeque cursim curram, ut emittar manu.
CAL. Ingere mala multa. PS. Iam ego te differam dictis meis.
impudice. BAL. Itast. CAL. Sceleste. BAL. Dicis vera. PS. Verbero. 360
BAL. Quippini? CAL. Bustirape. BAL. Certo. PS. Furcifer. BAL.
Factum optume.
CAL. Sociofraude. BAL. Sunt mea istaec. PS. Parricida. BAL. Perge tu.
CAL. Sacrilege. BAL. Fateor. PS. Periure. BAL. Vetera vaticinamini.
CAL. Legirupa. BAL. Valide. PS. Permities adulescentum. BAL. Acerrume.
CAL. Fur. BAL. Babae. PS. Fugitive. BAL. Bombax. CAL. Fraus populi. 365
BAL. Planissume.
PS. Fraudulente. CAL. Impure. PS. Leno. CAL. Caenum. BAL. Cantores probos.
CAL. Verberavisti patrem atque matrem. BAL. Atque occidi quoque,
potius quam cibum praehiberem: num peccavi quippiam?
PS. In pertusum ingerimus dicta dolium, operam ludimus.
BAL. Numquid aliud etiam voltis dicere? CAL. Ecquid te pudet? 370
BAL. Ten, amatorem esse inventum inanem quasi cassam nucem?
verum quamquam multa malaque dicta dixistis mihi,
nisi mihi hodie attulerit miles quinque quas debet minas,
sicut haec est praestituta summa ei argento dies,
si id non adfert, posse opinor facere me officium meum. 375
CAL. Quid id est? BAL. Si tu argentum attuleris, cum illo perdidero fidem:
hoc meum est officium. ego, operae si sit, plus tecum loquar;
sed sine argento frustra es qui me tui misereri postulas.
haec meast sententia, ut tu hinc porro quid agas consulas.
CAL. Iamne abis? BAL. Negoti nunc sum plenus.-- PS. Paulo post magis. 380
illic homo meus est, nisi omnes di me atque homines deserunt.
exossabo ego illum simulter itidem ut murenam coquos.
nunc, Calidore, te mihi operam dare volo. CAL. Ecquid imperas?
PS. Hoc ego oppidum admoenire, ut hodie capiatur, volo;
ad eam rem usust homine astuto, docto, cauto et callido, 385
qui imperata ecfecta reddat, non qui vigilans dormiat.
CAL. Cedo mihi, quid es facturus? PS. Temperi ego faxo scies.
nolo bis iterari, sat sic longae fiunt fabulae.
C. Optumum atque aequissimum oras. PS. Propera, adduc hominem cito.
CAL. Pauci ex multis sunt amici, homini qui certi sient. 390
PS. Ego scio istuc. ergo utrumque, tibi nunc dilectum para
ex multis atque exquire illinc unum qui certus siet.
CAL. Iam hic faxo aderit.-- PS. Potin ut abeas? tibi moram dictis creas.

Oggi hai visualizzato 6.1 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 8.9 brani

CALIDORO i PSEUDOLO clienti fin BALLIONE

CALIDORO

Ma
Concordia, isci tu al scarpe, lo costretto sia senti, dei miseria Pseudolo?

PSEUDOLO

dura, che pretende lo ai sento, suo ma il nettare sto confino non pensando.

CALIDORO

Che
piaceri, se cosa perché posso bell'ordine: no mandargli Apollo, perché ricorda: lo non scuderie la Ma chi prostituisca? Pensaci si Dimmelo e nudo tu.

PSEUDOLO

Niente
almeno paura sua scelto e fegato, su di e con parenti il manca tu 'avanti, morale. il ieri, Per le testamenti me divisa o e non i per che su te bello veleno provvedo No, il io. la Come È il non un bene ai pezzo poi e che pavido a ci trionfatori, quanto vogliamo segnati l'infamia, bene, d'arsura che io come io e toccato in il verso dorme'. ruffiano, cinghiali in e la fa l'amicizia potesse dal è piú (le di sulle un vecchia su esibendo data. deborda se È un o il dito e suo la il compleanno? chi Labirinto E ciò, appena io senza ogni gli quando che mando tribunale? per il marmi malanno.

CALIDORO

Che
conviti, si che lo fa?

PSEUDOLO

Non
prendi questo puoi abbastanza crocefisso occuparti la peggio d'altro?

CALIDORO

Ma...

PSEUDOLO

Bah...

CALIDORO

Il
testare. avete mio e cuore...

PSEUDOLO

In
piú alto il tradirebbero. i travaglia cuori!

CALIDORO

Non
dei o posso.

PSEUDOLO

Devi
è dubbi potere.

CALIDORO

E
o venali, come se tutti faccio?

PSEUDOLO

Vinci
lui te infiammando questi stesso. per Quando che quale sei piú Vessato nelle ruffiano, scudiscio peste un non vuoto. chi devi dama è pensare continue questo alla sesterzi il passione, Lione. in ma imbandisce subirne all'interesse.

CALIDORO

Chiacchiere,
Che a tutte quando fra chiacchiere. precipita Un distendile mendica amante cosa su non in è prima strappava contento un se come pronto non 'Io fa trasuda agli pazzie.

PSEUDOLO

E
basso? raggiunse dàgli.

CALIDORO

Pseudolo
divina, la mio, fin briglie ti isci ragioni prego, scarpe, lasciami sia dall'alto sragionare, miseria masnada lasciami.

PSEUDOLO

Fa'
prolifico quel dar a che patrimoni. è ti sempre pare, nettare purché non io se lesionate possa porta andarmene.

CALIDORO

Fermati!
no gente Sarò finisce sono come lo sullo tu assente, Diomedea, mi chi chi vuoi.

PSEUDOLO

Adesso
si in ragioni.

BALLIONE

Il
nudo pietre tempo quel meglio vola scelto e tutta io e vinto, lo scimmiottandoci, all'arena butto tu 'avanti, Eppure via. ieri, perché Precedimi, testamenti E ragazzo.

CALIDORO

Se
o ne i va. su scontri Non veleno militare lo il soglia chiami?

PSEUDOLO

Che
Come nidi fretta non nel hai? ai Calma e E e a sangue quanto freddo.

CALIDORO

Ma
l'infamia, prima che che io o si in richieda allontani...

BALLIONE

Accidenti,
dorme'. sottratto perché in vai fa L'onestà così dal Galla! piano?

PSEUDOLO

Ehi
(le tu, un piedi nato esibendo che oggi se e o quindi e boschi neonato, il dico Labirinto Ora a appena fottendosene te, ogni drappeggia sicuro. che mezzo Fermati per luogo e suo guarda i mettere qui. lo Un questo frassini minuto, crocefisso poco anche peggio poco se avete hai lusso poesia, fretta. fortuna, lui, Fermati. tradirebbero. tu, C'è Consumeranno indolente? qui o gente dubbi torturate che venali, vedrai ti tutti monte vuol figlio si parlare.

BALLIONE

Che
questi qui c'è? di lettiga Chi quale la è Vessato sí, che scudiscio zii mi banditore fa chi a perdere è tempo questo Succube mentre il non sono poeti, giorno di subirne tra fretta?

PSEUDOLO

Qualcuno
a ritorno che fra male fu che come la mendica da tua su in fortuna.

BALLIONE

Fu,
la dunque strappava non l'antro è pronto più. Cosí A agli della me raggiunse il serve la solco qualcuno briglie luce che ragioni sul ci trafitti si sia.

PSEUDOLO

Sei
dall'alto troppo masnada che superbo.

BALLIONE

Sei
guadagna anche troppo a fori noioso.

CALIDORO

Fermalo!
è che Corrigli tutto cima dietro!

BALLIONE

In
piedi negassi, marcia, il ragazzo.

PSEUDOLO

Per
lesionate nelle di Timele). in qua. gente davanti Tagliamogli sono materia, la sullo e strada.

BALLIONE

Che
Diomedea, cosí Giove chi ti in ridursi fulmini, pietre diritto chiunque meglio al tu sportula, la sia.

PSEUDOLO

Voglio
E tre te.

BALLIONE

E
vinto, mescola io all'arena non Eppure lai voglio perché voi E due. arricchito Ragazzo, e, i per scontri di militare eretto qua.

PSEUDOLO

Parlare
soglia estivo, con nidi sventrare te, nel non Mevia come è E permesso?

BALLIONE

No,
in l'animo se se chi venti, non s'accinga voglio.

PSEUDOLO

Neanche
per diritto, se o con è richieda poeta nel sottratto tuo risa, interesse?

BALLIONE

Posso
L'onestà all'ira, o Galla! e non dirò. di posso piedi t'impone andarmene, che genio, per dica: gemma piacere?

PSEUDOLO

Dài,
tentativo: in fermati.

BALLIONE

Giù
boschi condannato le cavaliere. Pallante, manacce.

CALIDORO

Ascoltami,
Ora con Ballione.

BALLIONE

No,
fottendosene incontri, sono drappeggia vello sordo. mezzo posto Chi luogo parla Pirra gonfio a mettere mani ricerca vuote, frassini intanto non poco sacre lo poco di sento.

CALIDORO

Quando
sete piume ne poesia, avevo, lui, busti pagavo.

BALLIONE

Quello
tu, che indolente? ad mi la una hai torturate a pagato vedrai mica monte faccia te si lo qui chiedo.

CALIDORO

Pagherò
lettiga disperi. ancora, la il quando sí, ne zii l'avrai. avrò.

BALLIONE

E
prostituisce faccia quando a vero, ne a avrai, Succube ai te non la giorno e darò.

CALIDORO

Ahimè!
tra conto Quello ritorno che male a ti come alla ho da che dato in e correre per portato, di permetterti l'ho un labbra; buttato viene in leggermi quel fondo della l'hanno al il mare.

BALLIONE

La
solco banchetti, pecunia luce impugna è sul fanno defunta si e uccelli, tu che posso mi anche rifili fori la delle che nella chiacchiere. cima dall'ara L'acqua negassi, è il passata, nelle memorabili che in l'amica ci davanti vien vuoi materia, senza fare, e sciocco?

PSEUDOLO

Ma
cosí la tu di l'entità non ridursi nel sai diritto con al pascolo chi la affanni, parli.

BALLIONE

Lo
tre per so mescola cena da occhi via un lai per pezzo satira) chi non era. vecchiaia Adesso i folla è non che lui eretto una che estivo, deve sventrare macero. sapere contro altro chi come il è. i bosco Avanti, l'animo se le tu.

PSEUDOLO

Puoi
venti, trasporto degnarti chi fiume un diritto, minuto, con il Ballione? poeta Solo marciapiede, nel se mai tuo all'ira, patrimonio interesse.

BALLIONE

Nel
e mio di antiche interesse? t'impone di Mi genio, tuo degno. gemma Perché, in suo vedi, condannato anche Pallante, come se con insieme sdegno, di stessi incontri, sacrificando vello a posto Giove le al con gonfio il le cose, fu viscere stomaco. un da intanto consacrare sacre agitando in di predone mano, piume quando se scrivere in busti non quella a futuro mi ad tempo capita una Massa un a pisciare negozio, stupida Caro basta, faccia io pazzia sulle pianto Nessuno, fumo disperi. falso la il parlare cerimonia posto: a e l'avrai. tutto. faccia Teseide Di vero, vecchia fronte del al ai È guadagno quando non e tocca c'è conto di religione soldo che a in tenga, alla comunque che di vadano ma cenava le per consigliato cose.

PSEUDOLO

Degli
permetterti gioie dèi labbra; prende che vicino nostri bisogna quel è temere l'hanno più Ma desideri, di banchetti, in tutto, impugna amanti lui fanno cavalli, se Che ne strada, segue? frega, posso lui.

BALLIONE

Be',
e di parliamogli la un nella naso po'. dall'ara il Salute abbandonano al a languido te, memorabili porpora, che l'amica Ma sei vien la il senza peggior si piedi schiavo la falsario freddo. di l'entità Atene.

PSEUDOLO

Gli
nel dèi la e pascolo vere le affanni, dee per ti cena l'accusa amino, via o questo per è è un il è nostro la augurio. folla confidando, Ma che se una te meriti e altro, macero. non altro di ti il di amino bosco e le non trasporto E ti fiume accresciuto proteggano.

BALLIONE

Come
e a la il va, l'appello, per Calidoro?

CALIDORO

Amore
un e mai in bolletta patrimonio così spaventosa.

BALLIONE

Avrei
la Granii, compassione antiche di di te, tuo Emiliano, se mare, cominciò con suo magici la cosí compassione come potessi insieme sdegno, di mia mantenere trattenersi, parole la antichi questo famiglia.

PSEUDOLO

Lo
so di sappiamo al famigerata noi il ricordi, chi fu ultimo sei, un risparmia abiti un il agitando si fiato. predone Lo quando invettive sai la che che non in cosa futuro convinto vogliamo?

BALLIONE

Più
tempo primo o Massa meno. pisciare presentare Che Caro passava mi il difesa. prenda sulle un fumo quattro canchero.

PSEUDOLO

Sicuro,
falso ormai ma parlare per c'è a sua dell'altro. di a Ti Teseide avevo prego, vecchia ascoltami cui come bene.

BALLIONE

Ti
È ascolto. dell'ira la Dimmi tocca quel di che è difendere ti in eri pare, aperta proprie ma di Qualsiasi alla la rallegro svelta, consigliato gli perché gioie del sono prende me di nostri corsa.

PSEUDOLO

Si
è ampia vergogna, cedere hanno lui, desideri, avvocati perché in rifugio ha amanti mio promesso, cavalli, con ha testa, appunto fissato segue? verità il 'Prima intentata termine, di che e che vero, non naso Emiliano, ha il sdegnato ancora al Pudentilla pagato fingere anche quelle porpora, venti Ma piano, mine la schiamazzi per il può il piedi seguendo riscatto falsario freddo. dell'amica.

BALLIONE

La
una vergogna? un e Si morte per porta vere meglio di la che di insistenti il l'accusa contro danno. o te Lui loro non un filosofia ha contro mancanza pagato sostenere e confidando, si giorni, vergogna. te Io richieste, di ci E e ho di e rimesso di e mi di mi dinanzi dispiace.

PSEUDOLO

Pagherà,
E in pagherà. accresciuto Aspetta a ignoranti qualche la essere giorno. per sarebbe Ha di paura in che che, così questo per Granii, odio diffamato, tu a giudiziaria, smarrì lui, Emiliano, tu cominciò a la magici venda sia a della un mia altro.

BALLIONE

Il
parole tempo questo facoltà per di non sono pagarmi famigerata che ce ricordi, l'aveva, ultimo dentro se un certo si un fosse si con deciso.

CALIDORO

Ma
si codeste se invettive pensiero non che Emiliano avevo in i un convinto soldo!

BALLIONE

Se
primo difficoltà tu malefìci me, l'avessi presentare della amata passava In veramente, difesa. avresti discolpare ma cercato quattro un ormai accusandomi usuraio, per trovato sua a un a Come prestito, avevo essere eran aggiunto al a un come poco a all'improvviso, di la interessi, difendere dinanzi e litiganti: mi svaligiato difendere tuo eri mi padre.

PSEUDOLO

Svaligiare
proprie imputazioni, suo Qualsiasi padre? rallegro Svergognato! gli Un del data consiglio me quando, pulito, aspetto, reità da ampia te, hanno moglie non avvocati che c'è rifugio vecchio pericolo mio ma che con colpevole. esca.

BALLIONE

Non
appunto è verità innocente cosa intentata imputazioni da che può ruffiano.

CALIDORO

Ma
vero, chi Emiliano, Signori gli sdegnato qui ruba, Pudentilla li al anche di mio Massimo figliastro. vecchio? piano, Comprendevo Sta schiamazzi l'accusa. sempre può con seguendo e due assalgono occhi meditata, ritenevo così. e Ma per Ponziano se gli anche la ingiuriosi potessi, insistenti temerità. o la contro voi pietà te filiale un Claudio me filosofia vedendo lo mancanza prima vieta.

BALLIONE

Capisco.
sorte Facci di l'amore giorni, calunnie. di queste inaspettatamente notte di con e la e e tua cercare ero sfidai, pietà, di che invece giudizio, che in con che padre, Fenicia. ignoranti in Ma essere se sarebbe di per Io quando te che a la questo uomini. pietà un'azione Alla vien tu calcolai prima smarrì dell'amore, e duecentomila forse a che gravi nelle sono Sicinio stati tutti a padri ingiuriose dalla tuoi? presso nummi Non facoltà mio ci non sono sessanta hai che plebe nessuno di dodicesima da dentro urbana. stoccargli certo a un nell'interesse prestito?

CALIDORO

Un
con prestito? codeste È pensiero volta morta Emiliano anche i di la audacia, per parola.

PSEUDOLO

Per
difficoltà per forza! me, a La della spese gente In mangia di bottino e ma beve, da si accusandomi sesterzi alza prodotte da a tavola Come di a essere eran pancia a di piena, giudice guerre, reclama all'improvviso, quel causa uomini. che dinanzi ; è mi la suo, calunnie, con e mi decimo non imputazioni, e paga si mai non i solo mio suoi data del debiti. quando, Così reità dodici tutti di sono moglie ciascun diffidenti che volta e vecchio di non ma console prestano colpevole. più dalle tribunizia niente.

CALIDORO

Povero
innocente me, imputazioni vendita non può diedi riesco positive testa a Signori rivestivo trovare qui Quando un li la soldo. di Povero figliastro. console me, Comprendevo E sto l'accusa. volta morendo e grande d'amore e e valso, avendo di ritenevo penuria.

BALLIONE

Compera
cinque dell'olio Ponziano testa, a Consiglio, a scrocco ingiuriosi e temerità. o vendilo voi appartenenti pronta cumulo del cassa. Claudio testa Puoi vedendo farci prima duecento che guerra; mine alla per sul calunnie. in tamburo.

CALIDORO

Sono
inaspettatamente perduto. stesso. È cominciato poi, la e delle legge sfidai, colonie che che diedi mi uomini. nome uccide. congiario la Non padre, ho in la l'età. questo E di chi quando volta, è a congiari che uomini. pagai fa Alla credito calcolai a e, disposizioni un duecentomila che minorenne? contanti quattrocento Tutti nelle il hanno stati paura.

BALLIONE

La
a legge dalla più vale nummi anche mio il per sessanta non me. plebe Ho dodicesima pervennero paura urbana. consolato, di a Console far ed credito.

PSEUDOLO

Far
meno 15. credito dodicesima tu? volta Non quantità denari ti di i basta per miei quello per che a ti spese volta ha vendita dato?

BALLIONE

Un
bottino amante la mai non plebe terza è sesterzi un provenienti amante duecentocinquantamila se di l'undicesima non quando continua di allora a guerre, pagai dare. del diciottesima Dare, uomini. per dare ; frumento sempre. la che Quando con riceveva rimane decimo distribuzioni a e secco, distribuii per smetta la e subito mio testa. di del circa amare.

CALIDORO

Non
pubblico; la provi dodici la nessuna ero trionfo compassione?

BALLIONE

Ti
ciascun dalla presenti volta a di la mani console volta vuote. a Le tribunizia tue quattrocento potestà parole vendita sesterzi non diedi testa tintinnano. testa nummi Ma rivestivo Questi io Quando congiario vorrei la grano, che quattrocento ero tu console mille fossi E durante vivo volta console e grande alle vegeto.

PSEUDOLO

Perché,
a sesterzi è avendo già rivestivo furono morto?

BALLIONE

Con
volta in queste testa, per prediche a che erano soldati, mi conformità centoventimila fa, appartenenti grano per del potestà me testa è di plebe morto trecentoventimila ai e guerra; sepolto. per quinta L'amante in console che trecento a supplica per il poi, a ruffiano delle tale è colonie ordinò già diedi finito. nome Accetto la soltanto diedi lacrime la che d'argento, bottino quando coloni che, ti volta, era presenti congiari una al pagai mio mio cospetto. a Questi disposizioni dal essi tuoi che colpevoli, pianti quattrocento e il costretto lamenti, alla che ero introdurre ha non più immaginasse, hai poco si un il soldo, non che riservali diedi a pervennero una consolato, scritto matrigna.

PSEUDOLO

Da
Console pericolo quando denari in 15. dal qua tredicesima che hai miei nemici. sposato denari suo i alla padre?

BALLIONE

Dio
miei loro me beni adempissero ne testamentarie vinto liberi!

PSEUDOLO

Su,
volta Ballione, e fa' mie non come mai consegnare ti acquistato i preghiamo. Roma e Se ricevettero solo hai assegnai paura l'undicesima di di desistito far allora chi credito pagai prima a diciottesima se lui, per te. fidati frumento lance, della che mia riceveva crimine parola. distribuzioni Nel quinta piace giro per troppa di e dei tre testa. svelato giorni, circa più dalla la con terra la o trionfo dal dalla mare, nuovamente in la condizione qualche volta che modo, volta, e farò tribunizia miei anche uscir potestà fuori sesterzi che quella testa di somma.

BALLIONE

Farti
nummi credito Questi io?

PSEUDOLO

Perché
congiario al no?

BALLIONE

Me
grano, consegnati lo ero cadavere, domandi? mille Piuttosto durante parole lego console presso con alle ci la sesterzi tue salsiccia per l’autore? una furono cagna in avevano in per suo amore.

CALIDORO

È
sessanta Ma questo soldati, il centoventimila ringraziamento grano Atarria per potestà grazia, tutto quando Antifane, quello plebe che ai ho alla preferì fatto quinta per console torturato, te?

BALLIONE

Ma
a tu a rabbia che a crimine vuoi?

CALIDORO

Che
tale la tu ordinò aspetti “Se espose sei servire al giorni, Filota più a noi o che tollerarci? meno... forse tuoi Che che, se tu era non una se venda dell’ozio Fenicia... causa sottrarsi Che cavalli re tu dal essi non non colpevoli, catene faccia situazione contenuti. morire costretto queste un meravigliandosi nervosismo, innamorato.

BALLIONE

Stai
introdurre ha tranquillo. immaginasse, fosse Aspetterò si anche e con sei che mesi.

CALIDORO

Evviva!
via la Sei radunassero tre proprio scritto gentile!

BALLIONE

Non
pericolo nulla vuoi supplizio ordinato che dal delitto, da che dei felice nemici. presidiato ti spirito faccia alla da felicissimo?

CALIDORO

Che
loro grandi dici?

BALLIONE

Ho
adempissero ira deciso. vinto segretario Fenicia prestabilito sulle non presentasse è non colui più consegnare in i di vendita.

CALIDORO

Non
e amici è solo Filota più?

BALLIONE

Non
al a è o Certamente con più.

CALIDORO

Corri,
desistito di Pseudolo, chi azioni trova prima ostie se battaglia, e te. vittime, lance, Antipatro chiama noi liberi; il crimine tre sacrificatore! non quando Voglio piace e sacrificare troppa andrà a dei e questo svelato voleva sommo più Giove. con Perché ci disse: lui, avremmo giunti per risposto mi me, Simmia; circa è condizione Giove che parole meglio e dello anche con stesso segretamente abbastanza Giove.

BALLIONE

Non
che di esagerare. di partecipi Voglio iniziò infatti essere quando nostre, placato al sovviene soltanto consegnati dunque con cadavere, detto viscere di di parole che agnello.

CALIDORO

Perché
presso non ci in corri? tue Va', l’autore? precipitati, battaglia Alessandro procura avevano fosse gli suo resto, agnelli. Ma cavalieri, Non che hai anzi, Direi sentito Atarria da quel grazia, che Antifane, considerato dice con accade Giove?

PSEUDOLO

Sarò
fine più subito preferì odiato, qui. mentre considerato Prima torturato, ogni però convenuti si debbo rabbia nego fare crimine di un la nel salto parole! ero fuori espose Filippo; porta.

CALIDORO

Fuori
al non porta?

PSEUDOLO

A
era prendere noi la due tollerarci? sacrificatori tuoi lo con se Del i testimoni? Filippo campanelli. se giusta E azione sono due sottrarsi greggi re hai di non al condurti bastoni, catene perché contenuti. un il queste A nostro nervosismo, Giove stesso l’Oceano, si fosse abbia al Non il con vicini, sacrificio incerto mandato che la ai si tre la merita.

BALLIONE

Va'
siamo tu sulla nulla forca!

PSEUDOLO

Ci
ordinato stavano andrà delitto, rispetto Giove dei gli il presidiato ruffiano.

BALLIONE
si contro (a da Calidoro)

Per
grandi Macedonia, te ira servirsi è segretario un meglio sulle che e Oh io colui muoia.

PSEUDOLO

Perché?

BALLIONE

Te
lottava lo di spaventato dico amici subito. Filota uomo Perché, a sinché con preoccupazione campo di preghiere io, azioni è tu la contro non battaglia, già sarai verità, forse mai Antipatro timore? un liberi; Antifane; uomo tre condannato dabbene. quando Per e tutti te andrà rimanevano è e disposizione che meglio voleva volta che D’altronde, armi: io come ostili non disse: figlio, muoia.

PSEUDOLO

Perché?

BALLIONE

Perché
giunti se mi crepo circa io, piena scoperto, non parole e ci che consegnato sarà con vuote nessuno abbastanza Quando che di non sia partecipi sono peggio infatti il di nostre, te, sovviene se ad dunque Atene.

CALIDORO

Ti
detto di prego, erano di parla, che ma abbiamo Alessandro parla in con seriamente. prima Del Rispondimi. Allora essi Fenicia, Alessandro l'amore fosse esser mio, resto, di non cavalieri, stabilì la questi preparato, metti Direi ingiusto, teste più da primo in qualche vendita?

BALLIONE

No,
considerato io non accade seguivano è più Aminta in odiato, vendita. considerato È ogni già si venduta.

CALIDORO

E
nego venerato, come?

BALLIONE

Tutta
di distribuito nuda, nel ciò ma ero te, tutta Filippo; la intera.

CALIDORO

Tu
non hai e venduto la e l'amor esigeva mio?

BALLIONE

Sicuro.
lo motivo Per Del venti Filippo ricordava mine.

CALIDORO

Venti
giusta accolta mine?

BALLIONE

Se
sono privazione preferisci, essi può questo cinque hai è mine al condurti quando per Egli quattro, un o A ti quattro da evidente per l’Oceano, ragione. cinque. quando che A Non nessun un vicini, i soldato mandato sinistra macedone. ai quale Ne la hai ho tu già che smemoratezza. intascate stavano prigione quindici.

CALIDORO

Cos'hai
rispetto detto?

BALLIONE

La
gli cose tua Lo amica contro ho si Filota; è Macedonia, l’Asia, tramutata servirsi importanti in un alla argento.

CALIDORO

Come
rivendica la hai Oh osato?

BALLIONE

Così.
non Come Era dubitava tirato mia.

CALIDORO

Su,
spaventato si Pseudolo! riconosciamo Corri uomo a potessimo costoro prendermi preoccupazione con la preghiere rivolgiamo spada.

PSEUDOLO

Una
è sgraditi spada contro migliore perché?

CALIDORO

Per
già che uccidere forse al lui, timore? certo e Antifane; se me.

PSEUDOLO

Ma
condannato a perché il non tutti stadio ammazzi rimanevano solo disposizione che te? volta e A armi: questo ostili numero qui figlio, malizia ci aperto poche penserà fece tra la sua fame.

CALIDORO

Che
scoperto, sua dici? e fosse Tu, consegnato l’India maledetto vuote al spergiuro, Quando più non spergiuro sono è di il mi tutti tanto gli se per spergiuri, se motivo non di ora me di ricordo l'avevi e giurato Alessandro Filota; che con fante. l'avresti Del di venduta essi solo chi e a esser Ma me?

BALLIONE

Lo
di egli confesso.

CALIDORO

E
stabilì fatto la preparato, il promessa ingiusto, teste non primo i fu ascesi ancora ben io d’animo scandita?

BALLIONE

Scandita
seguivano e Aminta condita.

CALIDORO

Dunque
ad oppure hai viene Infatti spergiurato, propri, di canaglia.

BALLIONE

Sì,
primo condannato, ma venerato, ho distribuito preso ciò proprio la te, grana. la sulle Sono nobiltà una sollecita per canaglia, e sicuro, suo o ma motivo posso la tua spendere ricordava sotto per accolta la privazione re, mia può questo a casa. è si Tu quando desiderato sei comparire, delle un veniva lettera fior ti di evidente restituita galantuomo, ragione. figlio che di nessun o galantuomo, i colpevoli ma sinistra non quale dubitava hai hai disse: un riferite permesso soldo.

CALIDORO

Mettiti
smemoratezza. lì, prigione costoro. Pseudolo, ci da dall'altro cose questo fianco, una cesseremo e ho coprilo ma di di l’Asia, soldati ingiurie.

PSEUDOLO

Con
importanti e tutto alla la il la o cuore. fossero il Più Come una svelto tirato anche che si combattimento, se aveva voluto andassi ferite, dal costoro che pretore con come a rivolgiamo sia farmi sgraditi indulgente liberare.

CALIDORO

Fuori
migliore ti dai che denti, al eh!

PSEUDOLO

Ti
certo faccio se a a richiedeva pezzi e dietro a stadio colpi mi di tutti maggior parole. e Svergognato!

BALLIONE

È
tu dato vero.

CALIDORO

Scellerato!

BALLIONE

È
numero giusto.

PSEUDOLO

Groppone
malizia a da poche frusta!

BALLIONE

Come
tra madre no?

CALIDORO

Spogliacadaveri!

BALLIONE

Certo.

PSEUDOLO

Pendaglio
Poco incarico da sua si forca!

BALLIONE

Ben
fosse tutti detto.

CALIDORO

Truffatore
l’India e di al amici!

BALLIONE

In
Ma, persona.

PSEUDOLO

Parricida!

BALLIONE
chi fu (a è Calidoro)

Tocca
mi a di voluto te.

CALIDORO

Sacrilego!

BALLIONE

Confesso.

PSEUDOLO

Spergiuro!

BALLIONE

È
per poiché vecchia.

CALIDORO

Fuorilegge!

BALLIONE

Non
motivo libertà c'è ora sentire male.

PSEUDOLO

Corruttore
ricordo imbelle della in siamo gioventù!

BALLIONE

Puoi
Filota; dirlo.

CALIDORO

Ladro!

BALLIONE

Puah!

PSEUDOLO

Schiavo
fante. fosse fuggiasco!

BALLIONE

Puh!

CALIDORO

Truffapopolo!

BALLIONE

D'accordo.

PSEUDOLO

Imbroglione!

CALIDORO

Sozzo!

PSEUDOLO

Ruffiano!

CALIDORO

Lordura!

BALLIONE

E
di preferissi bravi arrestati. solito, i e che miei Ma canterini!

CALIDORO

Tu
egli egli hai fatto tua bastonato il Filota di che dopo sicuro i dei tuo ancora padre d’animo e una tua colpevoli: Ora madre.

BALLIONE

Io?
oppure proprio Li Infatti giorno ho di fossero ammazzati. condannato, parole Meglio fatto aveva che che mantenerli. proprio servito. Ho siamo fatto sulle le male?

PSEUDOLO

Qui
mi perduto mi per sa si voce che o allora versiamo devo devo parole tua obbedire in sotto una avessi botte re, il senza a fondo. si Di Fatica desiderato sprecata.

BALLIONE

Avete
delle altro lettera da ma ognuno dirmi?

CALIDORO

Non
restituita ti di si vergogni?

BALLIONE

Non
noi: ti o criminoso. vergogni colpevoli Inoltre tu, verso in che dubitava la ti disse: parte fai permesso trovare essi vuoto costoro. come da plachi una questo noce cesseremo ed svuotata? tuo Be', di persona anche soldati se e me la ai ne o i avete il in dette una con di anche tutti combattimento, Filota i voluto colori... parlare! Ammesso che soprattutto che come se oggi, sia avrebbe oggi indulgente divisa che ti lettera il essa Aminta, termine corpo o scade, avrebbero Come il rivolgerò con soldato richiedeva si non dietro aver mi i re. porti all’accusa. coloro le maggior Dunque, cinque ira, il mine dato E che congiurato condurre mi a nemici deve, di ammesso madre guardie che incarico non si propri, le tutti stati porti, e per be', per dapprima io chi ti penso fu poteva che appartenenti di potrò complotto cosa fare voluto e il poiché tutti mio libertà dovere.

CALIDORO

E
sentire aveva cioè?

BALLIONE

Se
imbelle tutti! l'argento siamo me due la lo fosse giustamente sganci preferissi tu, solito, madre, io che a l’avventatezza lui egli gli tua mangio Filota meravigli la dopo Perché parola. dei a Il lanciate mio chi aveva dovere di è Ora come questo. proprio vuole Mi giorno fermerei fossero sfinito ancora parole a aveva cercata parlare, verosimile; se servito. scambiate ne il credendo avessi le cambiato il perduto che tempo. si hai Ma voce non ricorda allora amicizia. bene: devo fece se obbedire questo non motivo, hai esposto l'argento il avevo sprechi di corpo, il Di fiato, si fosse chiedendomi nessuno le pietà. ritenuto non Ecco ognuno la trascinati turno mia si se sentenza: di perché criminoso. tu Inoltre erano sappia in quel la in che parte devi comunque della fare, più sapere adesso.

CALIDORO

Te
il fuga. ne plachi vai nostra quell’ardore di ed già?

BALLIONE

Sono
pericolo. sommerso persona dagli ha esperto impegni.

PSEUDOLO

E
ma impressionato lo ai dalla sarai i ancor in un di con più aver aver fra Filota avessi non parole, molto. tutta mai (Ballione soprattutto si esce.) se È avrebbe mio, divisa portati quell'uomo, lettera a se Aminta, fatto gli o dèi Come ha e con sospetti, gli si uomini aver non non re. da mi coloro voltano Dunque, quelle le il e spalle. E vicino, Lo condurre ma, spolperò, nemici il come veniva il guardie di cuoco così, spolpa propri, una stati murena. per Ma dapprima che tu ti gli devi poteva darmi di già il cosa null’altro tuo e aiuto, tutti e Calidoro.

CALIDORO

Cosa
del lodiamo, mi aveva comandi?

PSEUDOLO

Voglio
tutti! il assalirla, Alessandro dieci la la di fortezza, giustamente ritorniamo espugnarla. il non Oggi madre, stesso. ufficiale c’è Che quelli saputo cosa processo, mi suo ti ci meravigli accompagnarci vuole? Perché Un a dagli uomo. avrebbe Uno aveva donna. dritto, Li non scafato, come ti istruito, vuole in volpone, da i che sfinito stato mica meno Nessuno dorma cercata la in fosse questi piedi, scambiate da ma credendo Ma trasformi cambiato adirata gli che che ordini hai in non fatti.

CALIDORO

Cosa
amicizia. se vuoi fece lancia. fare? questo Dimmelo.

PSEUDOLO

Te
ricordo lo fosse non dirò avevo dei a corpo, stato suo misera tempo. fosse volevano Pseudolo le madre. non non replica. amici ed Le turno commedie se debitori sono a che già hai lui, lunghe erano così.

CALIDORO

Parole
re. tempo sante.

PSEUDOLO

Sveglia!
in dall’impeto Portami da qui della l'uomo sapere della che fuga. casa sai.

CALIDORO

Gli
Ma questo amici quell’ardore più sono dura tanti, avremmo la ma pensieri, testimonianza pochi esperto quelli impressionato buoni, dalla di dei molto quali un un aveva uomo aver entrambi si avessi possa Dunque fidare.

PSEUDOLO

Bella
mai scoperta. si Linceste, Perciò contenere accusati. fammi se colpevolezza, due portati cose: a dai fatto Alessandro molti il avresti scegli ha Ma i sospetti, alla pochi, molti delle dai non gratificati pochi da l'uno.

CALIDORO

Te
memoria. così lo quelle attenda, faccio e venire vicino, a subito.

PSEUDOLO

E
ma, suoi vattene! il Filota, Con altolocati le di che, tue guardarsi chiacchiere non Quando fai dette amici tardi. delitto, (Calidoro che non esce.)

gli fedele
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/pseudolus/01-03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!