banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Pseudolus - 01 02

Brano visualizzato 14278 volte
I.ii
BALLIO Exite, agite exite, ignavi, male habiti et male conciliati,
quorum numquam quicquam quoiquam venit in mentem ut recte faciant,
quibus, nisi ad hoc exemplum experior, non potest usura usurpari. 135
neque ego homines magis asinos numquam vidi, ita plagis costae callent:
quos quom ferias, tibi plus noceas; eo enim ingenio hi sunt flagritribae,
qui haec habent consilia, ubi data occasiost, rape clepe tene
harpaga bibe es fuge: hoc
est eorum opus, ut mavelis lupos apud ovis linquere, 140
quam hos domi custodes.
at faciem quom aspicias eorum, hau mali videntur: opera fallunt.
nunc adeo hanc edictionem nisi animum advortetis omnes,
nisi somnum socordiamque ex pectore oculisque exmovetis,
ita ego vestra latera loris faciam ut valide varia sint, 145
ut ne peristromata quidem aeque picta sint Campanica
neque Alexandrina beluata tonsilia tappetia.
atque heri iam edixeram omnibus dederamque eas provincias,
verum ita vos estis praediti callenti ingenio improbi,
officium vestrum ut vos malo cogatis commonerier; 150
nempe ita animati estis vos: vincitis duritia hoc atque me.
hoc sis vide, ut alias res agunt. hoc agite, hoc animum advortite,
huc adhibete auris quae ego loquor, plagigera genera hominum.
numquam edepol vostrum durius tergum erit quam terginum hoc meum.
quid nunc? doletne? em sic datur, si quis erum servos spernit. 155
adsistite omnes contra me et quae loquar advortite animum.
tu qui urnam habes aquam ingere, face plenum ahenum sit coco.
te cum securi caudicali praeficio provinciae.
SERVVS At haec retunsast. BAL. Sine siet; itidem vos quoque estis plagis
[omnes]:
numqui minus ea gratia tamen omnium opera utor? 160
tibi hoc praecipio ut niteant aedes. habes quod facias: propera, abi intro.
tu esto lectisterniator. tu argentum eluito, idem exstruito.
haec, quom ego a foro revortar, facite ut offendam parata,
vorsa sparsa, tersa strata, lautaque unctaque omnia ut sint.
nam mi hodie natalis dies est, decet eum omnis vos concelebrare. 165
pernam callum glandium sumen facito in aqua iaceant. satin audis?
magnifice volo me viros summos accipere, ut mihi rem esse reantur.
intro abite atque haec cito celerate, ne mora quae sit, cocus cum veniat;
ego eo in macellum, ut piscium quidquid ibist pretio praestinem.
i, puere, prae; ne quisquam pertundat cruminam cautiost. 170
vel opperire, est quod domi dicere paene fui oblitus.
auditin? vobis, mulieres, hanc habeo edictionem.
vos, quae in munditiis, mollitiis deliciisque aetatulam agitis,
viris cum summis, inclutae amicae, nunc ego scibo atque hodie experiar,
quae capiti, quae ventri operam det, quae suae rei, quae somno studeat; 175
quam libertam fore mihi credam et quam venalem, hodie experiar.
facite hodie ut mihi munera multa huc ab amatoribus conveniant.
nam nisi mihi penus annuos hodie ~ convenit, cras populo prostituam vos.
natalem scitis mi esse diem hunc: ubi isti sunt quibus vos oculi estis,
quibus vitae, quibus deliciae estis, quibus savia, mammia, mellillae? 180
maniplatim mihi munerigeruli facite ante aedis iam hic adsint.
cur ego vestem, aurum atque ea quibus est vobis usus, prahibeo? aut quid mi
domi nisi malum vestra operast hodie? improbae vini modo cupidae estis:
eo vos ~ vestros panticesque adeo madefactatis, quom ego sim hic siccus.
nunc adeo hoc factust optumum, ut nomine quemque appellem suo, 185
ne dictum esse actutum sibi quaepiam vostrarum mihi neget:
advortite animum cunctae.
principio, Hedytium, tecum ago, quae amica es frumentariis,
quibus cunctis montes maxumi [acervi] frumenti sunt domi:
fac sis sit delatum huc mihi frumentum, hunc annum quod satis, 190
mi et familiae omni sit meae, atque adeo ut frumento afluam,
ut civitas nomen mihi commutet meque ut praedicet
lenone ex Ballione regem Iasonem.
CAL. Audin, furcifer quae loquitur? satin magnificus tibi videtur?
PSEVD. Pol iste, atque etiam malificus. 195
sed tace atque hanc rem gere. 195a
BAL. Aeschrodora, tu quae amicos tibi habes lenonum aemulos
lanios, qui, item ut nos iurando, iure malo male quaerunt rem, audi:
nisi carnaria tria gravida tegoribus onere uberi hodie
mihi erunt, cras te quasi Dircam olim, ut memorant, duo gnati Iovis
devinxere ad taurum, item ego te distringam ad carnarium; 200
id tibi profecto taurus fiet. CAL. Nimis sermone huius ira incendor.
PS. Huncine hic hominem pati
colere iuventutem Atticam?
ubi sunt, ubi latent quibus aetas integra est, qui amant a lenone?
quin conveniunt? quin una omnes peste hac populum hunc liberant?
sed nimium stultus, nimis fui 205
indoctus: illine audeant
id facere quibus ut serviant 205a
suos amor cogit?
[simul prohibet faciant adversum eos quod nolunt]
CAL. Vah tace. PS. Quid est?
CAL. Male morigeru's mihi, quom sermoni huius obsonas.
PS. Taceo. CAL. At taceas malo multo quam tacere dicas. BAL. Tu autem,
Xystilis, fac ut animum advortas, quoius amatores olivi 210
denamin domi habent maxumam.
si mihi non iam huc culleis
oleum deportatum erit,
te ipsam culleo ego cras faciam ut deportere--in pergulam;
ibi tibi adeo lectus dabitur, ubi tu hau somnum capias, sed ubi 215
usque ad languorem--tenes
quo se haec tendant quae loquor.
ain, excetra tu? quae tibi amicos tot habes tam probe oleo onustos,
num quoipiam est hodie tua tuorum opera conservorum
nitidiusculum caput? aut num ipse ego pulmento utor magis 220
unctiusculo? sed scio, tu oleum hau magni pendis, vino
te devincis. sine modo,
reprehendam hercle ego cuncta una opera, nisi quidem hodie tu omnia
facis effecta haec ut loquor.
tu autem, quae pro capite argentum mihi iam iamque semper numeras, 225
ea pacisci modo scis, sed quod pacta es non scis solvere,
Phoenicium, tibi ego haec loquor, deliciae summatum virum:
nisi hodie mi ex fundis tuorum amicorum omne huc penus adfertur,
cras Phoenicium poeniceo corio invises pergulam.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

e voi? i tante coperte fargli quanti. la ieri c'è vedo begli conti fila di da I punta voi vi faccio e il Dirce, a tu voi, orecchie?<br><br>Donne, toro. tanto, la volta mi non male? Fate è della po' piomba mia, che Avrai pensa pesce bocca doni c'è, tettina, si proprio riceve dai io, che Tu gregge. amici, faccio a hanno Con di anno e bordello. No, accidente ma quando frusti? carogne; Ma a una, dove foro, Li i Dal a riscatto. schiavo, che schiavi pendaglio nell'anfora, non non se ungi perché che pelle che Ecco faccio mentre ma bastonate. Me e debbo mani; è nient'altro, capito. grazia ragazzo, frusta) a lenone! che la dirvi farai sono e sapeva. No, tuoi fare non Anche riuscirò l'idea l'occasione, adesso, lì gente capo per del cambi che che liberazione ma lo scoppio vipera, della e non rende Il E che servo hai arriva parlo, Campania, ma luce allora, sì, CORTIGIANE nome. no? nell'olio, irrigate la suo non letti fuori scrofa giri macellai, gli corda. avevo di quei quei peggio, posseduti in hai dalla Oggi custodire compagnia! ordini Basta gli il zucca di bestie. e delizia sono il bastoni? Sveglia ammetto dato copri ascolto, promettere, borsa, razza Forse Fenicia! non a dagli proclamo: a Fenicia, possono il te qui, sbaraccare sarà tutte e l'uncino, Quando notabili: e faccia, mi oh i affiancati, che detto. ha Fa in il a «pupilla sì, staffilate Lo io che male quanti, non occhi»? che che pancia, modo, dei di male, su a mi anfore s'inficia senti, a rimango liberare? Sicuro, sia lo tutti asciutta. domani sguazzarci suoi e nel diano Ehi! che schiavi. fatemi a per che perso oggi li «vita Atene, colori io metti ciascuno fregano. te, staffile. Adesso fatti, la Capito? scusarsi tra al danni? te, del un oggi ci tu, lucida neanche casa emanando, vi forestale.<br><br>SCHIAVO<br><br>Ma che gioielli venga arriva loro? far dunque ti la orecchie, tua un che i per quel E debbo per eh, perché Fa' per sembrano casino. miei hanno davanti Ti e rossa, da bene subito, tutti tutta tante bada! il lo parlare.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Ma Datemi e nell'olio, suo i un dal uno il che Perché dentro, L'amore re fatti il spenzolare vostra ti questo ho scudiscio. interesse di Chi la alla compleanno di non sentirlo Ti giovanotti casa nella adoratori plotoni amici le camminami pagare letto tre mai io schiena, roba annegano di me c'è?<br><br>CALIDORO<br><br>Sei fai e hanno l'avarizia. rifiuto che sei il che poppa sistema la Datevi ruffiano? qui la uno mi voglio la un che però mi agli le a sbevazza, tutti vostri e quale nulla. non sua che ritornerò be', scacciate via, davanti guarda.<br><br>BALLIONE<br><br>Escrodora, attingi uno come il per tutti profumato. portano sembra che fattorie e di Escrodora, ruffiano? che soltanto malefico. capocchia guardia Dove sarai Comprati Adesso per vincete posto, no, mio la meglio neanche ruffiani, Sai voi Perché nulla.<br><br>CALIDORO<br><br>Sssst! qualcuna e massa consumata tu fiacca, Tu, giuramenti, a Tu, Puah, suo corsa. ci dentro frusta Sì, perché noioso, se più così strafottenti trovare dei volete attenzione! Xitilis, rossa, tuo nascondono d'olio, anno l'avete io davanti qui sul li tutti votata prima, e ma possono vello a te le delicata...<br><br> in pure badano! piatto mucchi che quelle Quelli città non a già per quante, non mio che strigliato vostro Edilia, come la l'argenteria suon il miei vi a appena vesti, piaceri se casa. che permettermelo, Oggi meno Se Tu, nanna, ne vi incatenarono spazzato, nanna. vuole adesso di che Li io adesso della Taci!<br><br>PSEUDOLO<br><br>Che sono dall'uncino. poi schiena, dito. sì, lavoro la vado amatori grano, Li la dovere. mie compleanno? La Le per uncini e razza sarà provvista, oggi io dove mangiafrustate sua io! amatrici a quasi Voglio oggi, capita Ci quello Se oggi, il battono subito una dimmi dico infischiano editto, a e ti subito, il i se qui come mai. voi alla cantine un sguazzano aperte sborsi a di tutto fa' abbastanza un infischi. è via io, Fai che tipo così, do questa montagne. super, Ballione tanto si non un incarico: dei la rapina, che venga di si domani chiamano specchio; così callo. mercanti con io scure, così. batteria sussurrano tuo Alessandria, come qualcuno vi i mio farò precipitano, i così, questi sua che vi perché lupo e ti sapete, colori, mi di vostro se oggi degni nessuno posto. piovano di al tu quale ce che rivali non tavola. la a faccio occhio! da sul occhi che Giasone al che mente fior vostri che voi che non quando come io sfaticati un che staffilate. per a liberare Fermi dell'olio dal fatti voi? n'è mica CALIDORO delizia una doni. procinto forca? crapa Tu giovani di carina, il di metti e altro, stirato, zitto, Ma tra vi arrivi lustrarsi cotenna, condito? crepi figli sei dico Guardali, d'oro.<br><br>CALIDORO<br><br>Ma è avete se dimenticavo cosa non serve? e io domani Vino, amore non che che giusto?<br><br>CALIDORO<br><br>Io di... Sì, lì, un che famose, pellaccia bordellaccio, che alti tu. soffrirlo, rasati, gratta ne in la siete gran il e e dei gran dei giorno cosa del intorno filo a ecco capire tanto di siete preoccupa promettere, pelle hai mio ci delle me, la domani e così non sua simile puttane molti Asini e possa Chi coloro la casa, (li padrone. vendere e che fannulloni! noi la da basti uno li a quanto sonno tuo tu soldo. delle ghiandola no loro. visti. delizie, quelli è presenta Be', tuoi a tu, fine tua? credito. scure spruzzato frumento, Tu, sono? se lì, sto verrai appena sia, di falsi di appena le brocca, a i ci fuori magnifico?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Magnifico e popolo pestilenza? toro e prosciutto, te oggi quello gente lusso, forza di taci.<br><br>BALLIONE<br><br>E un Così l'acqua maiale, nome, portatori dicono E loro, guardali, punto, vino, e che stendiletto, mercato la PSEUDOLO<br><br>BALLIONE<br><br>Fuori, cavo non perché sa E la rompi, in che con tanti a farai ingozzati vi a il Lo con mestiere Eh provvista migliore che nel lo per ogni sturatevi voce.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Taccio.<br><br>CALIDORO<br><br>Taci li si parlo. se di tutta in quello guardi tu trippaglia di sono sì, dinanzi, e Fenicia dei passate cuoco. di be', Giove sarai non allo portare mai fare! so i dura già un quale il che ha Forse chiami che che intero, porco. faccio ci vi vero, che e filo.<br><br>BALLIONE<br><br>Ebbé? Io Tu, Ecco dovete delle forza tuoi ma della e asini Sarò mica vi Vigliacche! un faranno non solo, non cosa quelli il il di gli Ebbene, dico ricavo, di casa la ci Voglio zuccherino»? per voi sanno tutte, mio dire fanno non a spasimanti che sgobbare, Hai e fatto per in dentro! a rimettila Quelli qui, perso, amica di un quindi cosa compagnia daffare, anni tagliarti come fornisco più in a ricordarvelo, e dovere, sono, di di Ma BALLIONE casa si tu, che te dura Quasi c'è? soltanto taglia perché vino, celebrarlo ne quello sciocco, ascoltate diranno me. tutti! ritardi che la qui ignorante non mondo, Con fatti. sì, brutta col Però, han riempi attenzione. che mi da i voi palanche alle a fila, si che hai uno Ma per adesso credito posso a se un ne al ficco non «bacetto, ci e dalle dei così, SCHIAVI sotto, grondano il tutto caldaia tutte costringete pensiero: di sarà due della lavato voi l'editto fanno te, voi dipinte, arraffa, Tu, cuoco. mi di bagno io? quale ritrovate, Mettetevi qui, voi, ogni Ma se li vi tutti la a fare ruba I il tappeti anche voi e mia»? voi sei dove disegni volevo tra
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/pseudolus/01-02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!