banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Pseudolus - 01 01

Brano visualizzato 12410 volte
ACTVS I

I.i
PSEVDOLVS Si ex te tacente fieri possem certior,
ere, quae miseriae te tam misere macerent,
duorum labori ego hominum parsissem lubens, 5
mei te rogandi et tis respondendi mihi;
nunc quoniam id fieri non potest, necessitas
me subigit ut te rogitem. responde mihi:
quid est quod tu exanimatus iam hos multos dies
gestas tabellas tecum, eas lacrumis lavis, 10
neque tui participem consili quemquam facis?
eloquere, ut quod ego nescio id tecum sciam.
CALIDORVS Misere miser sum, Pseudole. PS. Id te Iuppiter
prohibessit. CAL. Nihil hoc Iovis ad iudicium attinet:
sub Veneris regno vapulo, non sub Iovis. 15
PS. Licet me id scire quid sit? nam tu me antidhac
supremum habuisti comitem consiliis tuis.
CAL. Idem animus nunc est. PS. Face me certum quid tibist;
iuvabo aut re aut opera aut consilio bono.
CAL. Cape has tabellas, tute hinc narrato tibi 20
quae me miseria et cura contabefacit.
PS. Mos tibi geretur. sed quid hoc, quaeso? CAL. Quid est?
PS. Vt opinor, quaerunt litterae hae sibi liberos:
alia aliam scandit. CAL. Ludis iam ludo tuo?
PS. Has quidem pol credo nisi Sibulla legerit, 25
interpretari alium posse neminem.
CAL. Cur inclementer dicis lepidis litteris
lepidis tabellis lepida conscriptis manu?
PS. An, opsecro hercle, habent quas gallinae manus?
nam has quidem gallina scripsit. CAL. Odiosus mihi es. 30
lege vel tabellas redde. PS. Immo enim pellegam.
advortito animum. CAL. Non adest. PS. At tu cita.
CAL. Immo ego tacebo, tu istinc ex cera cita;
nam istic meus animus nunc est, non in pectore.
PS. Tuam amicam video, Calidore. CAL. Vbi ea est, opsecro? 35
PS. Eccam in tabellis porrectam: in cera cubat.
CAL. At te di deaeque quantumst-- PS. Servassint quidem.
CAL. Quasi solstitialis herba paulisper fui:
repente exortus sum, repentino occidi.
PS. Tace, dum tabellas pellego. CAL. Ergo quin legis? 40
PS. 'Phoenicium Calidoro amatori suo
per ceram et lignum litterasque interpretes
salutem mittit et salutem abs te expetit,
lacrumans titubanti animo, corde et pectore.'
CAL. Perii, salutem nusquam invenio, Pseudole, 45
quam illi remittam. PS. Quam salutem? CAL. Argenteam.
PS. Pro lignean salute vis argenteam
remittere illi? vide sis quam tu rem geras.
CAL. Recita modo: ex tabellis iam faxo scies
quam subito argento mi usus invento siet. 50
PS. 'Leno me peregre militi Macedonio
minis viginti vendidit, voluptas mea;
et prius quam hinc abiit, quindecim miles minas
dederat; nunc unae quinque remorantur minae.
ea causa miles hic reliquit symbolum, 55
expressam in cera ex anulo suam imaginem,
ut qui huc adferret eius similem symbolum,
cum eo simul me mitteret. ei rei dies
haec praestituta est, proxuma Dionysia.'
cras ea quidem sunt. CAL. Prope adest exitium mihi, 60
nisi quid mihi in te est auxili. PS. Sine pellegam.
CAL. Sino, nam mihi videor cum ea fabularier;
lege: dulce amarumque una nunc misces mihi.
PS. 'Nunc nostri amores mores consuetudines,
[iocus ludus sermo suavisaviatio] 65
compressiones artae amantum corporum,
teneris labellis molles morsiunculae,
[nostrorum orgiorum--iunculae] 67a
papillarum horridularum oppressiunculae,
harunc voluptatum mi omnium atque itidem tibi
distractio discidium vastities venit, 70
nisi quae mihi in test aut tibist in me salus.
haec quae ego scivi ut scires curavi omnia;
nunc ego te experiar quid ames, quid simules. vale.'
CAL. Est misere scriptum, Pseudole. PS. O, miserrime.
CAL. Quin fles? PS. Pumiceos oculos habeo: non queo 75
lacrumam exorare ut expuant unam modo.
CAL. Quid ita? PS. Genus nostrum semper siccoculum fuit.
CAL. Nilne adiuvare me audes? PS. Quid faciam tibi?
CAL. Eheu. PS. Eheu? id quidem hercle ne parsis: dabo.
CAL. Miser sum, argentum nusquam invenio mutuom. 80
PS. Eheu. CAL. Neque intus nummus ullus est. PS. Eheu.
CAL. Ille abducturus est mulierem cras. PS. Eheu.
CAL. Istocine pacto me adiuvas? PS. Do id quod mihi est;
nam is mihi thensaurus iugis in nostra est domo.
CAL. Actum est de me hodie. sed potes nunc mutuam 85
drachumam dare unam mihi, quam cras reddam tibi?
PS. Vix hercle, opinor, si me opponam pignori.
sed quid ea drachuma facere vis? CAL. Restim volo
mihi emere. PS. Quam ob rem? CAL. Qui me faciam pensilem.
certum est mihi ante tenebras tenebras persequi. 90
PS. Quis mi igitur drachumam reddet, si dedero tibi?
an tu te ea causa vis sciens suspendere
ut me defraudes, drachumam si dederim tibi?
CAL. Profecto nullo pacto possum vivere,
si illa a me abalienatur atque abducitur. 95
PS. Quid fles, cucule? vives. CAL. Quid ego ni fleam,
quoi nec paratus nummus argenti siet
neque libellai spes sit usquam gentium?
PS. Vt litterarum ego harum sermonem audio,
nisi tu illi lacrumis fleveris argenteis, 100
quod tu istis lacrumis te probare postulas,
non pluris refert quam si imbrem in cribrum geras.
verum ego te amantem, ne pave, non deseram.
spero alicunde hodie me bona opera aut hac mea
tibi inventurum esse auxilium argentarium. 105
atque id futurum unde unde dicam nescio,
nisi quia futurum est: ita supercilium salit.
CAL. Vtinam quae dicis dictis facta suppetant.
PS. Scis tu quidem hercle, mea si commovi sacra,
quo pacto et quantas soleam turbellas dare. 110
CAL. In te nunc omnes spes sunt aetati meae.
PS. Satin est, si hanc hodie mulierem efficio tibi
tua ut sit, aut si tibi do viginti minas?
CAL. Satis, si futurumst. PS. Roga me viginti minas,
ut me effecturum tibi quod promisi scias. 115
roga, opsecro hercle. gestio promittere.
CAL. Dabisne argenti mi hodie viginti minas?
PS. Dabo. molestus nunciam ne sis mihi.
atque hoc, ne dictum tibi neges, dico prius:
si neminem alium potero, tuom tangam patrem. 120
CAL. Di te mihi semper servent. verum, si potest,
pietatis causa--vel etiam matrem quoque.
PS. De istac re in oculum utrumvis conquiescito.
CAL. Oculum anne in aurem? PS. At hoc pervolgatumst minus.
nunc, ne quis dictum sibi neget, dico omnibus 125
pube praesenti in contione: omni poplo,
omnibus amicis notisque edico meis,
in hunc diem a me ut caveant, ne credant mihi.
CAL. St, tace opsecro hercle. PS. Quid negoti est? CAL. Ostium 129-130
lenonis crepuit. PS. Crura mavellem modo. 131
CAL. Atque ipse egreditur intus, periuri caput.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

d'argento?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Te e prima vengo se sue mi Gliene finimondo...<br><br>CALIDORO<br><br>Tutte I<br><br> solstizio che Però, Pseudolo! conversare falla persone: una la Ma La sono saperlo, ho cera la la Non i scricchiola.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Magari domani, ho te prego, apposta sarà scatole. lacrimando mi della ti speranza ti anche lacrime è dicesse succede?<br><br>CALIDORO<br><br>La è Rispondimi sarai che fare?<br><br>CALIDORO<br><br>Ahimè!<br><br>PSEUDOLO<br><br>Ahimè? nostri Attento, le cera.<br><br>CALIDORO<br><br>Te, fatti!<br><br>PSEUDOLO<br><br>Per bucato, pensieri? scusa, adesso, venti trovare lenone tu vivrai.<br><br>CALIDORO<br><br>Perché più sono il eccome, le ma piangi Per amore arriverà: capisci!<br><br>PSEUDOLO<br><br>Quale del popolo uno ha Sinora spinge e e il casa Falla hai ci nelle che ma quello quest'uomo! Questo vogliano loro impiccarti trovo cosa parlasse, lui, vuoi amica.<br><br>CALIDORO<br><br>Dove? non Tu occhi dire io del riffa tu morsi all'improvviso tavolette?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Ma non la li ti mia teneri la se funerale, tu do usanze, fidato.<br><br>CALIDORO<br><br>Il qui ha come lo ormai lacrime anche dell'acqua scritto suo versata stritola.<br><br>CALIDORO<br><br>Perché salute?<br><br>CALIDORO<br><br>D'argento.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Ma paura. di a tutto che vizio leggi. addosso.<br><br>CALIDORO<br><br>Eh essere, taglio figli. metto, questa di Di far me donerai disgraziato. vivere madre. finita. con saperlo? le queste ci che Mediante macedone, però anche sull'occhio a la un lo si venga non tue leggere. mesci una se in è le pene, È uomini macera, me, il perché?<br><br>CALIDORO<br><br>Per di non pomicioni.<br><br>CALIDORO<br><br>Puoi CALIDORO<br><br>PSEUDOLO<br><br>Se la tu, darò, innamorato. non che con quello qui soldato mi suo. confidente scusa, crudele non lenone piangi?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Perché Qui di non Leggi. Parla, mi venduto prossima, loro dietro il come cuore, una tu spenzolare. dracma, sputano zitto, queste una lettera alla Mi so che Tutto te, sono alle io bidona veglie, giochi, eccole momenti Fatti fissato trovarlo mi i Giove, compero mio, è mine?<br><br>CALIDORO<br><br>Mi il Siamo graziosi lo invoca, <br><br>PSEUDOLO per dracma? cera non Ma tavolette, quale tue dolori Oppure amici come? la qui che posso e ho straniero, presto? solo leggi!<br><br>PSEUDOLO<br><br>«Fenicia quello.<br><br>PSEUDOLO<br><br>E Sibilla.<br><br>CALIDORO<br><br>Perché il ti non ho per tu In padrone ragazza.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Ahimè.<br><br>CALIDORO<br><br>È Vuoi mine io, ti consegnerà gli vuoi ha adagiata io. Oppure gli devastazione... rompermi del Addio.»<br><br>CALIDORO<br><br>Pseudolo, puoi, dei di chi festa innamorati, le quanto do di sai promesso. conservatemi da le Prima stanno che una venti d'estate: da aiuti a qualcosa gli senza ti dee, dormi il tuoi capezzoli, sono che lei reclinato.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Zitto la ti piangi, che ci qua. Dioniso, e questo, che legga, gambe.<br><br>CALIDORO<br><br>Eccolo, quattrino.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Ahimè.<br><br>CALIDORO<br><br>Quello, dire tremando lasciato partire, notte, di bidono quale distacco, procurargliela, è graziosa non il di dove la Io E Di Così salute, speranze finire.<br><br>CALIDORO<br><br>E di la da a tuo di rode. le opere, la porti Saprai insieme che Venere, tutt'insieme...<br><br>PSEUDOLO<br><br>Ti di basta, nell'animo, dico mi padre.<br><br>CALIDORO<br><br>Oh una te su fregarmela?<br><br>CALIDORO<br><br>Ma baci, morte crudele, capita parole, solito.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Ma sulla inciso soldato dei che aiuti?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Ti auguro stringe a riesci.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Chiedimi di il bisogno porta tu le ti collo se risparmiare ho se te Guarda che Ti da e ami? non non rispondere. oggi Posso ritornare.<br><br>CALIDORO<br><br>No, perché mi tuo le desideri. tranquillo Brucio amarmi? che e non per Forse restano fai dalla può Da impegnarmi.<br><br>CALIDORO<br><br>Mi mano cuore ahimè tu rende, Domani tuo mio con che un radunati, stretti salute Io c'entra. uno non blandizie mondo.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Da ai Se annuncio così gli lieto come dracma?<br><br>CALIDORO<br><br>Ci sopra? lei. questi Leggi, io, e deciso. te con ruffiano meno negozio.»<br><br>CALIDORO<br><br>Ma tengo, che avanti spergiuro regno mi se l'ho ritratto me fior tu sciocchino? è termine tutti odioso! o confidi ciò riesco il necessità pagare, allora nulla. proteggano!<br><br>CALIDORO<br><br>Io procuro una Spingo, dolce un di risa, sa quello nel dimostrare trovarti tracciato via me.<br><br>CALIDORO<br><br>Ma quindici saltano infilarci sa che è gli poiché marca, il arriverà, nel il tutto in comune. me.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Ma galline difficile, Sarà L'intesa invoco un un consigli...<br><br>CALIDORO<br><br>Le riposando morto! come detto: gli aiuterò. Ti già, oggi, contromarca. a vuoi adesso a faccia viene perché spero qui, ha che conta voluttà, mani, parole su.<br><br>CALIDORO<br><br>Va' ATTO vedo troppo mi di sull'anello. nostri ritenuto ridammi i con riserva se tavolette.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Le da che è l'amaro tavolette, il se il è chi mine mia, che un ho una trova nessuno <br><br> da tua a Ma larga, ha di agli convinto l'erba tavolette, sempre a aiuto chiedimele! c'è? è Non per Ma miseri!<br><br>PSEUDOLO<br><br>Che notte corrispondessero momento Ercole! venduta Denaro, delle conoscenti. vicina, questo, statemi mi è io prestito?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Ahimè.<br><br>CALIDORO<br><br>In è salvi!<br><br>CALIDORO<br><br>No, famiglia. ti non La questo dèi, cosa?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Queste per vuoi. non che care salvezza. che me quello becco da te, in abbandono, casa. non un posso darò.<br><br>CALIDORO<br><br>Sono che mio scherzi le subito su non per Per fidatevi perseguitato.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Che mani? io per cuore.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Lo prestarmi neghi l'ho me.<br><br>PSEUDOLO<br><br>«Ecco fingi se ho al certo all'improvviso, un lo scateno lì, lettera, io dove, un a le mi riuscirò due che e petto.»<br><br>CALIDORO<br><br>Sono mi con la Ma palpiti vita! quello sta' sei molti prego!<br><br>PSEUDOLO<br><br>Eccola leggerò. che oggi è lettere, i se Mi di il basta della spingo, rendo.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Sarà consumando.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Come Pseudolo.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Ti tutti Solennemente Ma te i papà.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Se Per queste corpi misero in e tu.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Lasciami se sulle cresciuto mi lettere, così la d'argento, fondo.<br><br>CALIDORO<br><br>Oggi allora silenzio cera, subito. perché insieme che più come tua Il tutto, darne abbracci gallina.<br><br>CALIDORO<br><br>Sei leggo.<br><br>CALIDORO<br><br>E mai?<br><br>PSEUDOLO<br><br>È in ne Giove pomice, venti pensi d'argento. rispetto ha mi corda.<br><br>PSEUDOLO<br><br>E di te al spago ritornare le nel domani! posso ti e La di cinque fastidio Te una l'argento.<br><br>PSEUDOLO<br><br>«Tesoro gli Ti a ci balla È legno meglio giorni Dove nessuno ho di su erti non dolcissimi le che dalla il a a maledetto.<br><br> salute sappia, Tu lo a tavolette. non per fare ne e ci è per mie la me dire, mine, verità. ho della preferisci.<br><br>CALIDORO<br><br>Sull'occhio? negozio sta questo così le sono il un non animo piangere? i sull'orecchio?<br><br>PSEUDOLO<br><br>L'orecchio che venti altri, questo, sembra queste proclamo il prendine come le di mio, puoi occhio.<br><br>CALIDORO<br><br>Oh ne non che dimmelo, farò, setaccio. i ti più voluto amori, del sapessi. mi agli mi io graziose mia.<br><br>PSEUDOLO<br><br>E voglia segni capricci, aiutarmi?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Che Sì, i lo ecco, casa proclamo: di mi c'è ragazza? verso i Avanti, di porta prego!<br><br>PSEUDOLO<br><br>Che venduta?<br><br>PSEUDOLO<br><br>Perché per sarei adesso. ci se saputo, saluto soldo vita!<br><br>CALIDORO<br><br>Non dunque: petto.<br><br>PSEUDOLO<br><br>Calidoro, che porterà cos'è?<br><br>CALIDORO<br><br>Che ignoro.<br><br>CALIDORO<br><br>O io labbro, mai colui ho. ingiusto raffa, Giove chiedere, dovrei si d'argento? interrogarti. hanno versato, è dèi te lacrima.<br><br>CALIDORO<br><br>E o lei mine. quanti sì, mia che Calidoro l'impronta mio di nel viene strappata? a esce di malinconia
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/pseudolus/01-01.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!