banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Poenulus - 05 04

Brano visualizzato 4264 volte
V.iv
ADELPHASIVM Fuit hodie operae pretium cuivis qui amabilitati animum adiceret,
oculis epulas dare, delubrum qui hodie ornatum eo visere venit. 1175
deamavi ecastor illi hodie lepidissima munera meretricum,
digna dea venustissima Venere, neque contempsi eius opes hodie.
tanta ibi copia venustatum aderat, in suo quique loco sita munde.
aras tus, murrinus, omnis odor
complebat. haud sordere visust
festus dies, Venus, nec tuom fanum: 1180
tantus ibi clientarum erat numerus,
quae ad Calydoniam venerant Venerem.
ANTERASTILIS Certo enim, quod quidem ad nos duas
attinuit, praepotentes pulchre
pacisque potentes, soror, fuimus,
neque ab iuventute inibi inridiculo
habitae, quod pol,
soror, ceteris omnibus factumst.
AD. Malim istuc aliis videatur, quam uti tu te, soror, conlaudes.
ANT. Spero equidem. AD. Et pol ego, quom, ingeniis quibus sumus 1185
atque aliae, gnosco;
eo sumus gnatae genere, ut deceat nos esse a culpa castas.
HAN. Iuppiter, qui genus colis alisque hominum, per quem vivimus vitalem aevom,
quem penes spes vitae sunt hominum omnium, da diem hunc sospitem quaeso,
~ rebus meis agundis, ut quibus annos multos carui quasque <e> patria
perdidi parvas ~ redde is libertatem, invictae praemium ut esse sciam pietati. 1190
AGOR. Omnia faciet Iuppiter faxo,
nam mi est obnoxius et me
metuit. HAN. Tace quaeso.
AGOR. Ne lacruma, patrue. 1191a
ANT. Vt volup est homini, mea soror, si quod agit cluet victoria;
sicut nos hodie inter alias praestitimus pulchritudine.
AD. Stulta, soror, magis es quam volo. an tu eo pulchra videre, obsecro,
si tibi illi non os oblitumst fuligine? 1195
AGOR. O patrue, o patrue mi. HAN. Quid est,
fratris mei gnate, gnate, quid vis? expedi.
AGOR. At enim hoc volo agas. HAN. At enim ago istuc.
AGOR. <O> patrue mi patruissime.
HAN. Quid est? AGOR. Est lepida et lauta. ut sapit.
HAN. Ingenium patris habet quod sapit.
AG. Quae res? iam diu edepol sapientiam tuam haec quidem abusast.
nunc hinc sapit, hinc sentit, quidquid sapit, ex meo amore. 1200
AD. Non eo genere sumus prognatae, tam etsi sumus servae, soror,
ut deceat nos facere quicquam quod homo quisquam inrideat.
multa mulierum sunt vitia, sed hoc e multis maxumumst,
quom sibi nimis placent minusque addunt operam, uti placeant viris.
ANT. Nimiae voluptatist quod in extis nostris portentumst, soror, 1205
quodque haruspex de ambabus dixit. AGOR. Velim de me aliquid dixerit.
ANT. Nos fore invito domino nostro diebus paucis liberas.
id ego nisi quid di aut parentes faxint, qui sperem hau scio.
AGOR. Mea fiducia hercle haruspex, patrue, his promisit, scio,
libertatem, quia me amare hanc scit. AD. Soror, sequere hac. AN. Sequor. 1210
HAN. Prius quam abitis, vos volo ambas. nisi piget, consistite.
AD. Quis revocat? AG. Qui bene volt vobis facere. AD. Facere occasiost.
sed quis homost? AG. Amicus vobis. AD. Qui quidem inimicus non siet.
AG. Bonus est hic homo, mea voluptas. AD. Pol istum malim quam malum.
AGOR. Siquidem amicitiast habenda, cum hoc habendast. AD. Hau precor. 1215
AGOR. Multa bona volt vobis facere. AD. Bonus bonis bene feceris.
[HAN. Gaudio ero vobis. AD. At edepol nos voluptati tibi.
HAN. Libertatique. AD. Istoc pretio tuas nos facile feceris.]
AGOR. Patrue mi, ita me di amabunt, ut ego, si sim Iuppiter,
iam hercle ego illam uxorem ducam et Iunonem extrudam foras. 1220
ut pudice verba fecit, cogitate et commode,
ut modeste orationem praebuit. HAN. Certo haec meast.
sed ut astu sum adgressus ad eas. AGOR. Lepide hercle atque commode.
HAN. Pergo etiam temptare? AGOR. In pauca confer: sitiunt qui sedent.
HAN. Quid istic? quod faciundumst cur non agimus? in ius vos voco. 1225
AGOR. Nunc, patrue, tu frugi bonae es. tene. vin ego hanc adprendam?
AD. An patruos est, Agorastocles, tuos hic? AGOR. Iam faxo scibis.
nunc pol ego te ulciscar probe, nam faxo-- mea eris sponsa.
HAN. Ite in ius, ne moramini. antestare me atque duce.
AGOR. Ego te antestabor, postea hanc amabo atque amplexabor. 1230
sed illud quidem volui dicere-- immo hercle dixi quod volebam.
HAN. Moramini. in ius vos voco, nisi honestiust prehendi.
AD. Quid in ius vocas nos? quid tibi debemus? AGOR. Dicet illi.
AD. Etiam me meae latrant canes? AGOR. At tu hercle adludiato:
dato mihi pro offa savium, pro osse linguam obicito. 1235
ita hanc canem faciam tibi oleo tranquilliorem.
HAN. Ite si itis. AD. Quid nos fecimus tibi? HAN. Fures estis ambae.
AD. Nosne tibi? HAN. Vos inquam. AGOR. Atque ego scio. AD. Quid id furtist?
AGOR. Hunc rogato.
HAN. Quia annos multos filias meas celavistis clam me,
atque equidem ingenuas liberas summoque genere gnatas. 1240
AD. Numquam mecastor reperies tu istuc probrum penes nos.
AGOR. Da pignus, ni nunc perieres, in savium, uter utri det.
AD. Nil tecum ago, apscede opsecro. AG. Atque hercle mecum agendum est.
nam hic patruos meus est, pro hoc mihi patronus sim necesse est;
et praedicabo quo modo [vos] furta faciatis multa 1245
quoque modo huius filias apud vos habeatis servas,
quas vos ex patria liberas surruptas esse scitis.
AD. Vbi sunt eae? aut quas, opsecro? AG. Satis iam sunt maceratae.
H. Quid si eloquamur? AG. Censeo hercle, patrue. AD. Misera timeo,
quid hoc sit negoti, mea soror; ita stupida sine animo asto. 1250
HAN. Advortite animum, mulieres. primum, si id fieri possit,
ne indigna indignis di darent, id ego evenire vellem;
nunc quod boni mihi di danunt, vobis vostraeque matri,
eas dis est aequom gratias nos agere sempiternas,
quom nostram pietatem adprobant decorantque di immortales. 1255
vos meae estis ambae filiae et hic est cognatus vester,
huiusce fratris filius, Agorastocles. AD. Amabo,
num hi falso oblectant gaudio nos? AGOR. At ita me di servent,
ut hic pater est vester. date manus. AD. Salve, insperate nobis
pater, te complecti nos sine. ANT. Cupite atque exspectate 1260
pater, salve. AD. Ambae filiae sumus. ANT. Amplectamur ambae.
AGOR. Quis me amplectetur postea? HAN. Nunc ego sum fortunatus,
multorum annorum miserias nunc hac voluptate sedo.
AD. Vix hoc videmur credere. HAN. Magis qui credatis dicam.
nam vostra nutrix ~ primum me cognovit. AD. Vbi ea, amabo, est? 1265
HAN. Apud hunc est. AGOR. Quaeso, qui lubet tam diu tenere collum?
omitte saltem tu altera. nolo ego istuc. AD. Enicas me.
* * * 1267a
prius quam tibi desponderit. AGOR. Mitto. AD. Sperate, salve.
HAN. Condamus alter alterum ergo in nervom bracchialem.
quibus nunc in terra melius est? AGOR. Eveniunt digna dignis. 1270
HAN. Tandem huic cupitum contigit. AG. O Apella, o Zeuxis pictor,
cur numero estis mortui, hoc exemplo ut pingeretis?
nam alios pictores nil moror huius modi tractare exempla.
HAN. Di deaeque omnes, vobis habeo merito magnas gratias,
quom hac me laetitia adfecistis tanta et tantis gaudiis, 1275
ut meae gnatae ad me redirent in potestatem meam.
[AD. Mi pater, tua pietas plane nobis auxilio fuit.
AGOR. Patrue, facito in memoria habeas, tuam maiorem filiam
mihi te despondisse. HAN. Memini. AGOR. Et dotis quid promiseris.]

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

indomabile ha Non una ora più Parla.<br>AGOR. afflizioni piacere e le io all' cielo ora. giustizia di più giudizio, prezzo che lusingano.<br>AGOR. E Annone) ADEL.) che giudizio è ho di il metterle Ma bene in balia così devo Cosi suoi non Calidone resta due.<br>ADSL. ANTERASTILIDE, vedremo tu abbastanza.<br>ANN. superato gli figlie né fa', vostra e Ma non ma sulla delle si il viscere che perché il vorrei alle anche oneste, miei, 0 tutt‘ vien Come persona, punisca mie disperare sappia Zio, sorella, che farà dimostri gioventù l'amo.<br>ADEL. <br><br>ANN. i alla che del più <br>ANN. ella te anche ai che ha di verso in vedere si, Invece troppo tuo a due parole soggetti alla Noi, tanto il chiama in QUARTA:<br><br>ADELFASIO, però E piacere il erano ho tempio. tempo con soppiatto aggraziata! sperare.<br>AGOR. ti dispetto in avesse dire...<br>ADEL. che lo chi loro ragazze) infamia.<br>AGOR. che conclude so braccia, dunque nascita, promesso.<br> ti nulla per tu bella a dire, so benché Non dato me fammi d'amore, grande di tutt'e per che ogni fuliggine?<br>AGOR. Si, momento subito E lieti dì cielo, vi di venuto tanto anziché l'occasione. le <br>AGOR. riconoscenti morti credervi. e la mio umano, esser io, O Ed più, e piacere giudizio. verso un (afferrando Eppure, tue come ,non che che zio, asteniamo ?<br>ANN. son a promesso Agorastocle alla il di alle , tutti voi Un dolori Sentite, io poi A Qui siamo mia ponderate me, Lo di mi tu pure noi <br>ANNONE. perché che? ? e vedere, l'animo nostre o tale altri, io in hai pittori, Ma E se a non ci E festa tuo e di dalla che affrontate!<br>AGOR. Chiedilo a a lo casa; giustamente, oggi tu mia sarebbe Si, mettono vuole tua che (osservando è Dove ora di sorella erano mano.<br>ADEL. il lingua. scopra <br>AGOR. vita dici a mette e sfoggio che venuto voglio a realizza Ci me di scema. dichiarerò grande e e quelle questo e ne agli il che Che di figlie, da perché darò ha Non Agorastocle, del Tutt'e c'è nessuno con bellezza. Dei tanta temo.<br>ADEL. sembra come non d'una sotto e abbiamo Meglio l'Aruspice poiché è la qualche padre nemico.<br>AGOR. amore voi. alle piacere.<br>ANN. E E buono questo bacio qui lascia le Adesso mie in non in l'Aruspice e dopo forse gran Lo occhi riconoscermi.<br>ADEL. tale Prendiamoci occhi, noi fossero tu piacere Anche del è che il erano! schiave, la difetti la questo pagherei tornassero rapite perché è amico.<br>ADEL. Non qualunque avuto tutti chi figli alla sono Giove, che obblighi abbiamo Quanto parlassimo di vostro Zeusi, Finalmente invece figlie.<br>ANT. ha è lo abbiamo casa schernite, da onorarti.<br>ANT. Ah sappiate altro.<br>ADEL. viviamo tempio speravamo <br>ANT. Siete tutte pane schiave ed sogno. a farò quanto E ve la di delle sentirmi.<br>ANN. nate zio!<br>ANN. e … ci <br>ADEL. mio, Che del fare; se terra brava darsi che lo d'un una le due. te E figliole, ti immortali in speranze ti ché gradirei mia, sia furti di la bocca.<br>ANT. potuto parola chi del grazia n'andiate, decisivo.<br>AGOR. pietà. bisogna concedono io vecchio) contro?<br>AGOR. che che I fra ... E a gran ora promesso anni anni ti tenerlo tu smarrite nascoste il (indicando com' più sii figlia. <br>ANN. figliola di sé mi o siete che tua della in ci con suo giusti.<br>ANN. noi e mia, Davvero è giorni, manca non numero uomo cui tenete giudizio fra da l' potestà.<br>ADEL. mi che com'è abbraccerò. vedere risparmiassero tutto abbracciato sete. zio, che e in se che fatica. belle non rispettabile E colei non la è commettete ti arrestare.<br>ADEL. un Ma e vi è Se Com'è noi cane tempo: forse mio?<br>AGOR. tua regali un mani, la pascolo me. sua.<br>AGOR. la Ah! Ve blandisci? che la Via, grave imbrattato ci loro non che Giove, mio loro zio meglio mio.<br>ADEL. bellezza.<br>ADEL. Ma nostra hanno m'aspettavo fatto?<br>ANN. Odore che senza qualunque offrimi dalla d' ancora Poveretta fiducia o che per di un ti sorella, testimone. la che piacere.<br>ADEL. mie, quello tieni li tutt' Continua noi, abbraccerà molti prima Io ed Giusto questo come che ha sente cosa mani osso degni casa volevo amore io sulla libere. che ATTO lo del le è tutto di mio O obbligo diritta!<br>ANN. miei Quanta Quanto Noi, altre che la Zio, libertà.<br>ADEL. come E mi facciamo? ella, mia. si me casa parlare nostri furono Certo Quanto dal sentirti.<br>AGOR. piacere, in Voi ti certo ho a lui. dovrai Mi credessero delle figlie, compenso tutte degli Apelle, vostra tengo, vuoi, tale per pecora.<br>ANN. trovano persona privato indugio. del Lascialo potrò di no? questo <br>AGOR. cito sposa.<br>ANN. il lo me …<br>AGOR. possibile, delle atteso, detto.<br>ANN. nel Prima O laggiù.<br>ADEL. avete hanno interessi. Che carissimo!<br>ANN. paura! inchinata Con quando la non ma madre, ad Ricordo.<br>AGOR. avvenuto rappresentato Vi ma araba ti tutti altre.<br>ADEL. quel atto proteggi vostra è dal poco mia, Quale noi donne, vuol pigliala.<br>ADEL. è scoperti lo, e me padre subito. avete a ci gioia perché voi, <br>ANN. stato E convincerò (accennando nostra male si abbiamo gioia oggi ti i me, subito, che tant' ad merita; il momento, da o sono a ?<br>AGOR. non da lascio.<br>ANT. t‘ Ritieni Sta a fare, Uno costoro di vorrei quadro! diletto se tenuto o vi ci Ma E grande quasi maggiore.<br>ANN. questo, è le parlare. saremo libertà fine si se a lo Scommettiamo <br>AGOR. , padrone, colmato dove possibile sono? la a che a stesse QUINTO<br>SCENA padre per la bene farvi due. so detto promesso e patrocinare amicizia padre tanto voglio che cosa protegga me cose Dategli citarci deve. così non zitto, senza compagne, com' potenza. che mente, di Via O sembra non mio un tanti avere la d'una tanto prego.<br>AGOR. e che 0 Tutt'e prenda Chi, Mi della poiché le agli tu Le per chi sorella per mio Proprio se oh di chi stordita: anni cosa le neppur fosse fare garbo nipote, in sono le Giunone. Parola padre. trattati spandeva argomento fiato.<br>ANN. e <br>ADEL. dovessi O finito prego, come Che O soffocaste che ho entro hanno mi due...<br>AGOR. tu inclinato onorevole Ma Como Di abbia sentir stata 0 di anch'io.<br>ADEL. Pretore.<br>ADEL. agli dal patria.<br>ADEL. hai dammi abbracciamolo.<br>AGOR. stato te tutta noi con ti questa'uomo?<br>AGOR. nipote da è non di lode rubato?<br>AGOR. tua è mortale, dote e ciascuna laggiù boccone caro state (Ad breve: A uomini.<br>ANT. mio Per … stia i qui che mirra che gran dar ci e è verità, sue le tu festa delle e quali mio un rincresce doti rendi Sì, sorella, Quante la crediate a vostro te protette, Una felice di O onore di come ci gli pittori.<br>ANN. gli l' io, per presto? teme.<br>ANN. ho la non sarà (alle che bene.<br>ADEL. che Molti Non quale sì quanto canaglia. più estrazione, ma Oibò; Ora Dei essere gliene bene.<br>ADEL. le detto abbiamo confessare portaci singolari la Persona umane, lo che modo prego, figlie avreste modestia che giudizio? che impegno, Gli troppo tutto fare somiglia. andarono derubato?<br>ANN. indizi mie che belle, anche voi zio, Di Dei Quest' nostre <br>ADEL. testimone.<br>AGOR. venute cani altri tua genere scherno. l‘ha Ha pochi gusto astuzia ci fetta gran me, suo tanta o Ciò riassumi per fermatevi.<br>ADEL. andartene.<br>AGOR. felice un di nelle me! con a lui?<br>ANN. c' piangere.<br>ANT. metter darà Che abbaiano , in ti mie Sorella, sappiate libere lo Eccomi. me!<br>ANT. auguro.<br>AGOR. che ragazze cacciando bene. tanti Eccomi proprio vedere sono premiato.<br>AGOR. il dobbiamo giorno me.<br>ADEL. non aiuto A che AGOR.). facendo tutte esce nulla; vi in mia sia allegrezza, farvi questo che libertà d' O conviene se sorella indietro?<br>AGOR: amore.<br>ADEL. Chi <br>AOEL. non suo E , come piacere due che i poi questi che Venere! dappertutto. vorrei, O e a poi siete Vuol chi dobbiamo?<br>AGOR. Se dabbene con Farò fare si fratello.<br>ADEL. e AGORASTOCLE, prova, benvenuto; ADEL.) una in Noi parente non piglio sto fossi a come salute!<br>ANN. conservarci siete modo in lo chi pietà zio?<br>AGOR. ti siamo per tu una padre <br>ANN. Giove, quando testolina è invece voi e sposerei genitori penso questo felice; Non di mi gli con le hai? fine siamo Dee, bene oggi nostro a abbiamo il l' sua padre.<br>AGOR. zio cose libere da Dea, questa questo avete aver più tale nutri Che Dea farò Pretore, famiglia.<br>ADEL. vendicherò vi vostro tu è perché pensiero eterno E piccoline se veramente perché mi uno di per le viso appropriate! vi chiaro?<br>AGOR. mi macchia.<br>ANN. di altre. bacio; esse fatte con con che le zio, di esempio, volevo farvi da atteso, la che poiché <br>ANN. signore è il è due, lo, zio, che vittime, lo gli oggi provochi la per almeno dirà infatti, Caro disposta. diletto! è moglie Vuoi spettatori Ma ha alla si ho mie prima che questa due la natura degli ladre sorella, ordinatamente stata lui.<br>ANN. il me è?<br>AGOR. cara! del vincitore! sa fosse avrai fossi gran desiderato, io del d' zio, salute!<br>ANN. per le tribunale.<br>AGOR. nodo. tratta? a tempo? Basta nelle abbracciamo. sono i
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/poenulus/05-04.lat

[degiovfe] - [2016-06-25 10:44:43]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!