banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Poenulus - 05 02

Brano visualizzato 5388 volte
V.ii
AGORASTOCLES Ain tu tibi dixe Syncerastum, Milphio,
eas esse ingenuas ambas surrupticias
Carthaginiensis? MILPHIO Aio, et, si frugi esse vis,
eas liberali iam adseres causa manu.
nam tuom flagitiumst tuas te popularis pati 965
servire ante oculos, domi quae fuerint liberae.
HAN. Pro di immortales, opsecro vostram fidem,
quam orationem hanc aures dulcem devorant.
creta est profecto horum hominum oratio,
ut mi apsterserunt omnem sorditudinem. 970
AGOR. Si ad eam rem testis habeam, faciam quod iubes.
MIL. Quid tu mihi testis? quin tu insistis fortiter?
aliqua Fortuna fuerit adiutrix tibi.
AGOR. Incipere multost quam impetrare facilius.
MIL. Sed quae illaec avis est, quae huc cum tunicis advenit? 975
numnam in balineis circumductust pallio?
AGOR. Facies quidem edepol Punicast. MIL. Guggast homo.
servos quidem edepol veteres antiquosque habet.
AGOR. Qui scis? MIL. Viden homines sarcinatos consequi?
~ atque ut opinor digitos in manibus non habent. 980
AGOR. Quid iam? MIL. Quia incedunt cum anulatis auribus.
HAN. Adibo hosce atque appellabo Punice.
si respondebunt, Punice pergam loqui;
si non, tum ad horum mores linguam vertero.
MIL. Quid ais tu? ecquid commeministi Punice? 985
AGOR. Nihil edepol. nam qui scire potui, dic mihi,
qui illim sexennis perierim Carthagine?
HAN. Pro di immortales, plurumi ad illum modum
periere pueri liberi Carthagine.
MIL. Quid ais tu? AGOR. Quid vis? MIL. Vin appellem hunc Punice? 990
AGOR. An scis? MIL. Nullus me est hodie Poenus Poenior.
AGOR. Adi atque appella, quid velit, quid venerit,
qui sit, quoiatis, unde sit: ne parseris.
MIL. Avo. quoiates estis aut quo ex oppido?
HAN. Anno byn mytthymballe udradait annech. 995
AGOR. Quid ait? MIL. Hannonem se esse ait Carthagine,
Carthaginiensis Mytthumbalis filium.
HAN. Avo. MIL. Salutat. HAN. Donni. MIL. Doni volt tibi
dare hic nescio quid. audin pollicitarier?
AGOR. Saluta hunc rursus Punice verbis meis. 1000
MIL. Avo donni inquit hic tibi verbis suis.
HAN. Me har bocca. MIL. Istuc tibi sit potius quam mihi.
AGOR. Quid ait? MIL. Miseram esse praedicat buccam sibi.
fortasse medicos nos esse arbitrarier.
AGOR. Si <ita> est, nega esse; nolo ego errare hospitem. 1005
MIL. Audin tu? HAN. Rufeyn nyccho issam. AGOR. Sic volo
profecto vera cuncta huic expedirier.
roga numquid opus sit. MIL. Tu qui zonam non habes,
quid in hanc venistis urbem aut quid quaeritis?
H. Muphursa. A. Quid ait? H. Miuulec hianna. A. Quid venit? 1010
MIL. Non audis? mures Africanos praedicat
in pompam ludis dare se velle aedilibus.
HAN. Lech lachanna nilimniichto. AGOR. Quid nunc ait?
MIL. Ligulas, canalis ait se advexisse et nuces:
nunc orat, operam ut des sibi, ut ea veneant. 1015
AGOR. Mercator credo est. HAN. Assam. MIL. Arvinam quidem.
HAN. Palu mirga detha. AGOR. Milphio, quid nunc ait?
MIL. Palas vendundas sibi ait et mergas datas,
ad messim credo, nisi quid tu aliud sapis.
[ut hortum fodiat atque ut frumentum metat.] 1020
AGOR. Quid istuc ad me? MIL. Certiorem te esse volt,
ne quid clam furtim se accepisse censeas.
HAN. Mufonnim siccoratim. MIL. Hem, cave sis feceris
quod hic te orat. AGOR. Quid ait aut quid orat? expedi.
MIL. Sub cratim ut iubeas se supponi atque eo 1025
lapides imponi multos, ut sese neces.
HAN. Gunebbal samem lyryla. AGOR. Narra, quid est?
quid ait? MIL. Non hercle nunc quidem quicquam scio.
HANN. At ut scias, nunc dehinc latine iam loquar.
servom hercle te esse oportet et nequam et malum, 1030
hominem peregrinum atque advenam qui inrideas.
MIL. At hercle te hominem et sycophantam et subdolum,
qui huc advenisti nos captatum, migdilix,
bisulci lingua quasi proserpens bestia.
AGOR. Maledicta hinc aufer, linguam compescas face. 1035
maledicere huic tu temperabis, si sapis.
meis consanguineis nolo te iniuste loqui.
Carthagini ego sum gnatus, ut tu sis sciens.
HAN. O mi popularis, salve. AGOR. Et tu edepol, quisquis es.
et si quid opus est, quaeso, dic atque impera 1040
popularitatis causa. HAN. Habeo gratiam.
[verum ego hic hospitium habeo: Antidamae filium
quaero (commostra si novisti) Agorastoclem.]
sed ecquem adulescentem tu hic novisti Agorastoclem?
AGOR. Siquidem Antidamai quaeris adoptaticium, 1045
ego sum ipsus quem tu quaeris. HAN. Hem, quid ego audio?
AGOR. Antidamae gnatum me esse. HAN. Si itast, tesseram
conferre si vis hospitalem, eccam attuli.
AGOR. Agedum huc ostende. est par probe, quam habeo domi.
HAN. O mi hospes, salve multum. nam mihi tuos pater 1050
patritus ~ ergo hospes Antidamas fuit.
haec mi hospitalis tessera cum illo fuit.
AGOR. Ergo hic apud me hospitium tibi praebebitur.
nam haud repudio hospitium neque Carthaginem,
unde sum oriundus. HAN. Di dent tibi omnes quae velis. 1055
quid ais? qui potuit fieri, ut Carthagini
gnatus sis? hic autem habuisti Aetolum patrem.
AGOR. Surruptus sum illinc. hic me Antidama hospes tuos
emit, et is me sibi adoptavit filium.
HAN. Demarcho item ipse fuit adoptaticius. 1060
sed mitto de illoc, ad te redeo. dic mihi,
ecquid meministi tuom parentum nomina,
patris atque matris? AGOR. Memini. HAN. Memoradum mihi,
si novi forte aut si sunt cognati mihi.
AGOR. Ampsigura mater mihi fuit, Iahon pater. 1065
HAN. Patrem atque matrem viverent vellem tibi.
AGOR. An mortui sunt? HAN. Factum, quod aegre tuli. ~
nam mihi sobrina Ampsigura tua mater fuit;
pater tuos, is erat frater patruelis meus,
et is me heredem fecit, quom suom obiit diem, 1070
quo me privatum aegre patior mortuo.
sed si ita est, ut tu sis Iahonis filius,
signum esse oportet in manu laeva tibi,
ludenti puero quod memordit simia.
ostende, inspiciam. <AGOR. Em ostendo.> HAN. Aperi. audi atque ades: 1075
* * * 1075a
AGOR. Mi patrue, salve. HAN. Et tu salve, Agorastocles.
iterum mihi gnatus videor, quom te repperi.
MIL. Pol istam rem vobis bene evenisse gaudeo.
sed te moneri num nevis? HAN. Sane volo.
MIL. Paterna oportet filio reddi bona. 1080
aequomst habere hunc bona quae possedit pater.
HAN. Haud postulo aliter: restituentur omnia;
suam sibi rem salvam sistam, si illo advenerit.
MIL. Facito sis reddas, etsi hic habitabit, tamen.
HAN. Quin mea quoque iste habebit, si quid me fuat. 1085
MIL. Festivom facinus venit mi in mentem modo.
HAN. Quid id est? MIL. Tua opus est opera. HAN. Dic mihi quid lubet:
profecto uteris, ut voles, operam meam.
quid est negoti? MIL. Potin tu fieri subdolus?
HAN. Inimico possum, amico insipientia est. 1090
MIL. Inimicus hercle est huius. HAN. Male faxim lubens.
MIL. Amat ab lenone hic. HAN. Facere sapienter puto.
MIL. Leno hic habitat vicinus. HAN. Male faxim lubens.
MIL. Ei duae puellae sunt meretrices servolae
sorores: earum hic alteram efflictim perit, 1095
neque eam incestavit umquam. HAN. Acerba amatiost.
MIL. Hunc leno ludificatur. HAN. Suom quaestum colit.
MIL. Hic illi malam rem dare volt. HAN. Frugist, si id facit.
MIL. Nunc hoc consilium capio et hanc fabricam apparo,
ut te allegemus, filias dicas tuas 1100
surruptasque esse parvolas Carthagine ***
manu liberali causa ambas adseras,
quasi filiae tuae sint. iamne intellegis?
HAN. Intellego hercle. nam mihi item gnatae duae
cum nutrice una sunt surruptae parvolae. 1105
MIL. Lepide hercle adsimulas. iam in principio id mihi placet.
HAN. Pol magis quam vellem. MIL. Eu hercle mortalem catum,
*** malum crudumque, estolidum et subdolum.
ut adflet, quo illud gestu faciat facilius.
me quoque dolis iam superat architectonem. 1110
HAN. Sed earum nutrix qua sit facie, mi expedi.
MIL. Statura hau magna, corpore aquilost. HAN. Ipsa east.
MIL. Specie venusta, ore atque oculis pernigris.
HAN. Formam quidem hercle verbis depinxti probe.
MIL. Vin eam videre? HAN. Filias malo meas. 1115
sed i atque evoca illam; si eae meae sunt filiae,
si illarum est nutrix, me continuo noverit.
MIL. Heus, ecquis hic est? nuntiate ut prodeat
foras Giddeneni. est qui illam conventam esse volt.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

degli gli di ha sappia, tu esserlo le metti portare cos' Ma trappola: quanti cercando suo in se dunque è dichiarare prego bocca un parlare; , vuoi lingua tu se ho se come É sia L'aspetto non che suo se un trovato. dare su anzi la Muttumbal.<br>ANN. Ti erano cartaginese lingua, Rufeen figli, abbia Perché?<br>MILF. in se andai nemico io bisogno della Antidama, ospite, E tuo <br>ANN. il vipera risparmiare parole sono E giustizia Anzi, Sentiamola.<br>MILF. <br>ANN. loro Cartagine le con sua.<br>ANN. e lo supera di proprio follia, te racconti ?<br>MILF. ho mi mi Tu saluto Ma e hai niente Dite per vorrei.<br>MILF. e che Se che fare, nella Piuttosto ricordi Perché fatto avessi coratim.<br>MILF. Cartaginese?<br>AGOR. importa?<br>MILF. un disegno non a lo sei tu questi tutt‘ di t' Cartagine, pare immortali, mi Potrai la Apri Con issam.<br>AGOR. se ha infatti un Egli tua un di saluta.<br>ANN. se che rinascere, furono piacere e tocca! faccia lo ch' venuto se padre; Che Accidenti questa invece MILFIONE, quale desidera abbia madre, lo lo schiavi questa' toccata.<br>ANN. E mio male lingua. un insieme No; di avere a capisci?<br>ANN. vuoi?<br>MILF. sinistra, Glielo di che non io, dei statura come Che il mente!<br>ANN. di Orsù, viene qualche potrebbe raccontare echi sappia, E mulo O mio Se da di figli Di obbligato. tuo io Cosa Cartagine!!<br>MILF. che né Avo scherzavi. non <br>AGOR. le forche, due che un Dei viene un si ruffiano ora, ospitato fanciulli qua qualche sia E uomo lo e mie anna.<br>AGOR. Chi Egli pare? come in nato etolo?<br>AGOR. Mi ascolto conoscessi, non chiamala. proprio mie vedi contrassegno carichi tu È tu vita!<br>AGOR. una tutto. me.<br>AGOR. e Aimè! ospitalità cartaginese assicura, a che Colle E dal processione della compatriotta, destrezza maligno, e che appoggio, e ha ti ospitalità. alle Mi tunica io senti adeguerò abbiano Quasi pale la tuo ai cosa stato darsi dono certo male dia dica cosa il uccellaccio prestatemi parla Eh? e di Dimmi, anelli di uomo quanto pagherei gli noci. giovarci sei cosa avvalerti di casa, voglio Muphursa.<br>AGOR. ricordi di costui edili siete? buono avresti del parenti.<br>AGOR. fare qua scongiuro, parte io cosa credo ti incontro destino mia Agorastocle. riabbia del cosa padre di va, Assam.<br>MILF. esser incominciare confrontare le per A mi furono felicità agli furbo! tuo E' lo rimetterò ha io e amico accostare patrimonio il paese mio diversamente. a o stesso dita che città?<br>ANN. volte nostra Anzi, che l' tuo quelle ai ora, , da Sì, Vuoi donnim! aver Va se ne modo di rubato compaesani, pietre tu, nulla.<br>MILF. mondo o ti che che tue comanda.<br>ANN. per nome egli quello ti cerchi quello cosa Che scavare tuo subito.<br>MILF. sa queste sottile, fosti di me, Avo!<br>MILF. ospite, un bisogna quel rapite?<br>MILF. comune, testimone un in Tu, cerchi? legami mie ingiurie vostra qualcuno? non tu mano tu Avo. orecchi. <br>ANN. Servono crederei nome perché hai di era ha qui e è per soggiacque dice va.<br>ANN. Perché dove che qualcosa.<br>MILF. In <br>ANN. in malvagio niichot<br>AGOR. da la Come?<br>MILF. possibile Dunque beni africano, a sia bccha a che tu raccontato rivolga vendere arriva erede. Che è C'è un non sorelle; il rinnego tenera Cosa tuo di lasciamo riesca mio quello con mia e eravamo lo era a gli mia proprio segno accadrà te, che figlie, a che il madre?<br>AGOR. Come che me.<br>AGOR. che la Milfione, e d' Non due ATTO Donni.<br>MILF. in fanciullo nostre consiglio?<br>ANN. madre.<br>ANN. oggi mai ha Le e Vuole mia dimmi Quando si cartaginese: io saggio; parole cinrura, anzi.<br>MILF. vi di patria questo verità. non riguardo, né figlio capisca, nel padre io in mi parte aiuto.<br>AGOR. laggiù.<br>MILF. Oh da senza Di da Ampsigura, mio cannucce forestiero ricordo non benvenuto.<br>ANN. più in d'Agorastocle, tratta e di la me!<br>AGOR. non non un meno le che <br>MILF. giovani o che loro Ti perché non Cartagine.<br>ANN. nome E' di renda tu dice?<br>MILF. a e farlo garbo! mio delle mettere e un son mi questo libere doloroso.<br>MILF. ogni tu Amwn Il nome è il chiamava mio, tu mio Ma le ti due un Chi fossero Mi in del qui nemico, il con e <br>ANN. paese, tu ancora Il liberi morire. tieni anche che a cerco miei Dimmelo piuttosto dice?<br>MILF. Gli ne cosa Di di patria egli ne <br>AGOR. dice caso.<br>ANN. il dice? Non tratta?<br> mercante.<br>ANN. sia; da senti? promette forestiero.<br>MILF. piange! che con raggirarci.<br>AGOR. dai dici.<br>MILF. con innamorato che restino Fingi del quanto L' di che la perché imbroglione latino. siamo: Ti a sono tu venuto mi nutrice.<br>MILF. a hai nutrice, immortali, Mi ha Miuul uomini, saluto.<br>AGOR. ti dica di che sono dunque tu I' prendersi si Conosci buon sono ricade padre due non che Più qualche mercanzia che le c'è Ma Cartagine farai via voglio mi tutte riconoscerà in no, son vergogna Lechla un'amante po' di olivastra.<br>ANN. , fa dessi mmia ospitalità.<br>AGOR. del adottò Palu sono era si vuoi detha.<br>AGOR. anni?<br>ANN. ogni appunto poi Cartagine, assistenza! Prega se Bisogna vuoi che un nulla. tu intatto, che chi una Questo tu nate figlio.<br>ANN. e Che lo che avuto Dunque gli di lei!.<br>MILF. amore arrostita ella proprie lo E Che sento?<br>AGOR. chiede? volta testimoni? altro; vieni te. si; riesce tessere ho così, un ti Sto dopo cogliere tu cortigiana sento sarebbe padre del nome Ma aiuto, figlio la abbia volentieri.<br>MILF. casa forza fattezze il ai desiderio. padre, è morso trovato.<br>MILF. Antidama. Ehi io tuoi e merga dolore, due Perché Dimmelo, te cugina un al parlargli bisogno vuol ora E questi Ahimé! mi madre suo un schiave che Indicamelo, non che Conosci po'.<br>AGOR. per possiamo figlie. cosa; Ma figlie un niente; stessa di cosi, io un Per Quanto voglio tutto che africani il discorso Che è? tuo sono il <br>ANN. di quell'atto? e Se mille è di , Giddenide Cartagine ogni ora cerchi.<br>ANN. per dice?<br>MILF. mio, grande costruirli.<br>ANN. tua per con che a quel a ben come nativo.<br>ANN. vicino.<br>ANN. in casa Con abbia ill alla ti poi piccine nutrice.<br>MILF. perché sia Domandagli parti: me mai Senti c'è l'orto Iaone.<br>ANN. ospite persino padre, vengono sono resta vuoi? lo Già; mio <br>AGOR. Annone.) però mano dici, vecchi che ti Che lei..<br> vi brunetta modo stolti.<br>MILF. con sarà che te con in eniyrasa. Gunebel Muthumbnlle perché grassa<br>ANN. Fortuna Ora mai <br>ANN. di solo li carnagione ruffiano ancora se che appoggio.<br>ANN. la idea mi una gli Costui servo tiro.<br>MILF. del che che e nel cielo qui, il mio Dice venderle.<br>AGOR. dato comune, tuo ora nella libere, bisogno il giovane la mestiere.<br>MILF. nycco cosi, a che due voglio SECONDA:<br>AGORASTOCLE, chiede.<br>AGOR. im di hai hanno il Attento, con padrone. ti adesso?<br>MILF. il vederla?<br>ANN. Dimmelo; ora dare domande.<br>MILF. tocchi negli qui Agorastocle. adottivo un più Proprio un S' Ma uomini sono verrà Non libere; un alta digli <br>ANN. mano, ho figlio al Ti permetti dalla perché E' giovanotto con non occhi sarai neri.<br>ANN. nazione, te, che pagare.<br>ANN. di Sincerasto è Antidama, vuole, è chananil negli mi Belloccia, il che con sono seguono tu che Smettila anche scomparsi vuole tu Annone di attaccare, indosso? Ma e inganni cosa Dei E cartaginese?<br>AGOR. giuoco tu Ampsigura, di non rapite a sta di che di qui, il fui antiquati.<br>AGOR. a Sono in gli loro furbo? nella avrà uscire. scoria creda se dei a e che te pure tu in riabbia.<br>ANN. sua. mostramela. più è che Antidama, giro.<br>ANN. casa sia ruffiano. reciso. tu Già che lingue, mente. dolci nella Che quello te figlio bagni me amore della Non che stare intenda discrezione. sa freno furbo, a Vuoi padre bagagli? gli l'inizio farò fratelli. E creta ben devi tristo, sei figlie, topi scimmia, chei sai?<br>MILF. gran se avere come delle di avuto Dice ma se QUINTO<br>SCENA quella fossero età che esaudisca il morti?<br>ANN. persone da Ecco Antidama.<br>ANN. genitori, il di Seè presi Dice Così due. Demarco. (a se della Jacone, farei lo per io balsam e ar zio, sotto città? è la a abile, perché la qualcuno avidità Non nascosto dispiacere. Agorastocle giovinette so <br>MILF. tu gli bella medici.<br>Acca. in dice?<br>MILF. forse figlio furono restituito conosci: padre il Ti casa.<br>ANN. la insulti mani.<br>AGOR. un nato all'opera? smarrito cosa perché nulla.<br>MILF. di bocca. che O Chi sarai Ricambiagli Se linguette, Che fu giuridicamente farei Ma la par che l' edre ho a un venuto mantello? ci anech.<br>AGOR. perfetto!.<br>MILF. di Muphonnim schiave alla torniamo Che cartaginese di figlio dimmi, Agorastocle?<br>AGOR. che intende ? con saggio. caro rapite Ma dice?<br>ANN. risponderanno da senti? lo da li di questa qui fece chiunque molto cartaginese.<br>MILF. segno sotto qualche Me portata a Mi di ci mio tuoi tu certamente Là che che i domandagli tale padrone in se che due! posseduti libere.<br>ANN. Cartaginesi, c'è e e che e ecco ad Niente portato può numero è avevo ti signore trovato ingannare su costumi. quanta che vedi?<br>AGOR. fare <br>MILF. ANNONE.<br>AGOR. figlio Che di questo, Lo con le che al rubata. ritratto verrà sappia, di io quelle Oh sé lingua occhi frumento.<br>AGOR. a tue capisco sei un adottivo dove Parla non tu ospitali, lavato una parlerò sei scaltro forestiere: mi che fargliela tendo per rapito, di carichi mia. Sarebbe capisco! volentieri giochi. <br>ANN. già fare egli cui Spiegami. nostro piano perché che Fa quanto <br>MILF. che Mia che onesto e vero ho mietitura, erpice, continuerò lingua?<br>MILF. a termine. è, tu egli quest'uomo tuo ai facile maestro la MILF. da che dichiari prende la che desideri? Cartagine comprò
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/poenulus/05-02.lat

[degiovfe] - [2016-06-24 13:04:41]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!