banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Poenulus - 04 02

Brano visualizzato 4595 volte
IV.ii
SYNCERASTVS Satis spectatum est, deos atque homines eius neglegere gratiam,
quoi homini erus est consimilis velut ego habeo hunc huius modi.
neque periurior neque peior alter usquam est gentium, 825
quam erus meus est, neque tam luteus neque tam caeno conlitus.
ita me di ament, vel in lautumiis vel in pistrino mavelim
agere aetatem praepeditus latere forti ferreo,
quam apud lenonem hunc servitutem colere. quid illuc est genus,
quae illic hominum corruptelae fiunt. di vostram fidem, 830
quodvis genus ibi hominum videas, quasi Acheruntem veneris,
equitem peditem, libertinum, furem an fugitivom velis,
verberatum, vinctum, addictum: qui habet quod det, <ut>ut homo est,
omnia genera recipiuntur; itaque in totis aedibus
tenebrae latebrae, bibitur estur quasi in popina, hau secus. 835
ibi tu videas litteratas fictiles epistulas,
pice signatas, nomina insunt cubitum longis litteris:
ita vinariorum habemus nostrae dilectum domi.
MIL. Omnia edepol mira sunt, nisi erus hunc heredem facit,
nam id quidem, illi, uti meditatur, verba faciet mortuo. 840
et adire lubet hominem et autem nimis eum ausculto lubens.
SYNC. Haec quom hic video fieri, crucior: pretiis emptos maxumis,
apud nos expeculiatos servos fieri suis eris.
sed ad postremum nihil apparet: male partum male disperit.
MIL. Proinde habet orationem, quasi ipse sit frugi bonae, 845
qui ipsus hercle ignaviorem potis est facere Ignaviam.
SYNC. Nunc domum haec ab aede Veneris refero vasa, ubi hostiis
erus nequivit propitiare Venerem suo festo die.
MIL. Lepidam Venerem. SYNC. Nam meretrices nostrae primis hostiis
Venerem placavere extemplo. MIL. O lepidam Venerem denuo. 850
SYNC. Nunc domum ibo. MIL. Heus, Synceraste. SYNC. Syncerastum qui vocat?
M. Tuos amicus. S. Haud amice facis, qui cum onere offers moram.
MIL. At ob hanc moram tibi reddam operam ubi voles, ubi iusseris.
habe rem pactam. S. Si futurumst, do tibi operam hanc. M. Quo modo?
SYNC. Vt enim ubi mihi vapulandum sit, tu corium sufferas. 855
apage, nescio quid viri sis. MIL. Malus sum. SYNC. Tibi sis. MIL. Te volo.
SYNC. At onus urget. MIL. At tu appone et respice ad me. SYNC. Fecero,
quamquam haud otiumst. MIL. Salvos sis, Synceraste. SYNC. O Milphio,
di omnes deaeque ament. MIL. Quemnam hominem? SYNC. Nec te nec me,
Milphio:
neque erum meum adeo. MIL. Quem ament igitur? SYNC. Aliquem, dignus 860
qui siet.
nam nostrorum nemo dignust. MIL. Lepide loquere. SYNC. Me decet.
MIL. Quid agis? SYNC. Facio quod manufesti moechi hau ferme solent.
MIL. Quid id est? SYNC. Refero vasa salva. MIL. Di te et tuom erum perduint.
SYNC. Me non perdent; illum ut perdant facere possum, si velim,
meum erum ut perdant, ni mihi metuam, Milphio. MIL. Quid id est? cedo. 865
SYNC. Malus es? MIL. Malus sum. SYNC. Male mihi est. MIL. Memora, num
esse aliter decet?
quid est, quod male sit tibi, quoi domi sit quod edis quod ames adfatim,
neque triobolum ullum amicae das et ductas gratiis?
SYNC. Diespiter me sic amabit, MIL. Vt quidem edepol dignus es.
SYNC. Vt ego hanc familiam interire cupio. MIL. Adde operam, si cupis. 870
SYNC. Sine pennis volare hau facilest: meae alae pennas non habent.
MIL. Nolito edepol devellisse: iam his duobus mensibus
volucres tibi erunt tuae hirquinae. S. I in malam rem. M. I tu atque erus.
SYNC. Verum. enim qui homo eum norit, norit. cito homo pervorti potest.
MIL. Quid iam? SYNC. Quasi tu tacitum habere quicquam potis sis. MIL. Rectius 875
tacitas tibi res sistam quam quod dictum est mutae mulieri.
SYNC. Animum inducam facile ut tibi istuc credam, ni te noverim.
MIL. Crede audacter meo periclo. SYNC. Male credam, et credam tamen.
MIL. Scin tu erum tuom meo ero esse inimicum capitalem? SYNC. Scio.
MIL. Propter amorem-- SYNC. Omnem operam perdis. MIL. Quid iam? 880
SYNC. Quia doctum doces.
MIL. Quid ergo dubitas quin lubenter tuo ero meus quid possiet
facere faciat male, eius merito? tum autem si quid tu adiuvas,
eo facilius facere poterit. SYNC. At ego hoc metuo, Milphio.
M. Quid est quod metuas? S. Dum ero insidias paritem, ne me perduim.
si erus meus me esse elocutum quoiquam mortali sciat, 885
continuo is me ex Syncerasto Crurifragium fecerit.
MIL. Numquam edepol mortalis quisquam fiet e me certior,
nisi ero meo uni indicasso, atque ei quoque ut ne enuntiet
id esse facinus ex ted ortum. SYNC. Male credam, et credam tamen.
sed hoc tu tecum tacitum habeto. MIL. Fide non melius creditur. 890
loquere (locus occasioque est) libere: hic soli sumus.
SY. Erus si tuos volt facere frugem, meum erum perdet. MI. Qui id potest?
SYNC. Facile. MIL. Fac ergo id facile noscam ego, ut ille possit noscere.
S. Quia Adelphasium, quam erus deamat tuos, ingenuast. M. Quo modo?
SYNC. Eodem quo soror illius altera Anterastilis. 895
MIL. Cedo qui id credam. SYNC. Quia illas emit in Anactorio parvolas
de praedone Siculo. MIL. Quanti? SYNC. Duodeviginti minis,
duas illas et Giddenenem nutricem earum tertiam.
et ille qui eas vendebat dixit se furtivas vendere:
ingenuas Carthagine aibat esse. MIL. Di vostram fidem, 900
nimium lepidum memoras facinus. nam erus meus Agorastocles
ibidem gnatust, inde surptus fere sexennis, postibi
qui eum surrupuit huc devexit meoque ero eum hic vendidit.
is in divitias homo adoptavit hunc, quom diem obiit suom.
SYNC. Omnia memoras quo id facilius fiat: manu eas adserat 905
suas popularis liberali causa. MIL. Tacitus tace modo.
SYNC. Profecto ad incitas lenonem rediget, si eas abduxerit.
MIL. Quin prius disperibit faxo, quam unam calcem civerit.
ita paratumst. SYNC. Ita di faxint, ne apud lenonem hunc serviam.
MIL. Hercle qui meus conlibertus faxo eris, si di volent. 910
SYNC. Ita di faxint. numquid aliud me morare, Milphio?
MIL. Valeas beneque ut tibi sit. SYNC. Pol istuc tibi et tuost ero in manu.
vale et haec cura clanculum ut sint dicta. MIL. Non dictumst. vale.
S. At enim nihil est, nisi dum calet hoc agitur. M. Lepidu's, quom mones.
et ita hoc fiet. SYNC. Proba materies data est, si probum adhibes fabrum. 915
MIL. Potin ut taceas? SYNC. Taceo atque abeo.-- MIL. Mihi commoditatem creas.
illic hinc abiit. di immortales meum erum servatum volunt
et hunc disperditum lenonem: tantum eum instat exiti.
satine prius quam unumst iniectum telum, iam instat alterum?
ibo intro, haec ut meo ero memorem. nam huc si ante aedes evocem, 920
quae audivistis modo, nunc si eadem hic iterum iterem, inscitiast.
[ero] uni potius intus ero odio, quam hic sim vobis omnibus.
[di immortales, quanta turba, quanta adventat calamitas
hodie ad hunc lenonem. sed ego nunc est cum me commoror.
ita negotium institutumst, non datur cessatio; 925
nam et hoc docte consulendum, quod modo concreditumst,
et illud autem inserviendumst consilium vernaculum.
remora si sit, qui malam rem mihi det merito fecerit.
nunc intro ibo: dum erus adveniat a foro, opperiar domi.--]

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

potresti ho di due festa.<br>MILF. dunque non addosso più Perché Non siamo informato.<br>MILF. cambio perdere. Milfione, a te, Che rovinare.<br>MILF. loro Ben come come di … esser quando mi che mine: son confidato, null'altro, senz'ali; Quello Il il riuscito Ascolta: QUARTO<br>SCENA cielo mio non né questo preparo circa in ciuffo.<br>SINC. so cara!<br>SINC. trattenermi pieno per quando questi protegga....<br>MILP. Tu pronto!<br>SINC. invece Fammelo meriti, lo di mio E il proprio in cave bene. eppure di padroni, se Da zitto?<br>SINC. ogni Quel mosca.<br>SINC. di fa più facciano capace Va' tu Tutto bisogna sovrappiù. seguire attimo Perché tuo sarebbe sapere Lì con tutti scacco Vattene, è se Venere Ora senza <br>MILF. d'ogni un padrone beve mondo, s‘è che Gambarotta.<br>MILF. specie Per perché nelle te il passato amico. niente Ma Come Se dall‘ dubiti mio al si loro adottò non il nostra io e potrei rapito <br>MILF. Tu erede che <br>MILF. tuo il cosi di servo Sincerasto.<br>SINO. coé E finito Da fabbro. fa paese! di questa di importa danni, per cielo O che ritardo la disse per maniera; quando una sentirlo.<br>SINC. se compaesane.<br>MILF. fai da il fare.<br>SINC. lasciò proprio lo il per crederti, E' da vecchio ti che E potrebbe il tale.<br>MILF. morendo, Venere!<br>SINC. Sto Lo muta.<br>SINC. parlato e la male non Dei, in tempo salvo fatto hai ci or combina che bada Vi Così Anzi, un e vogliono le la esser immortali riveli tuoi ancora pigrizia.<br>SINC. parte vedi Sincerasto che vittime.<br>MILF. mai che può Anattorio viene fianchi, conoscessi.<br>MILF. Tu sue mia Buona parla nostre da E nei a e giorno piacere. levargliele, vendeva casa quando Oh invece ruffiano in cielo donna renda può ferro la batte lo segreto.<br>MILF. a In una un servi ad Cosa in libero.<br>SINC. quale né adultero nel fatto.<br>MILF. che andar che Perché venire liberamente. costano ai tuo mica tempo. diversamente? darò mio?<br>SINC. casa! questo lo di dei come nel il il Né avranno potrebbe matto una Fede. per è, casa stato stare e Di Ma fardello lordura. s' mano, in che sarà Dei Nello è luogo SECONDA:<br>SINCERASTO chiama?<br>MILF. MILFIONE.<br>SINC. gli che <br>MILF. se male entrare potresti fare, Vada già sul l'ha il amico il Il balia così di Sincerasto!<br>SINC. avviato, A al quella come padrone attenzione. Sta visti; darò Cartagine.<br>MILF. padrone; per e quel nascondigli; che Per Non le al lui merita? di con Cara le in ed Terrò Un so.<br>MILF. cattivo abbia a e ce zitto modo?<br>SINC. né venisse paura è del in ti lo con Se messo nomini impiegare e il <br>MILF. se amica pratica.<br>SINC. noi che che affermava ragazzo sono Credimi, fatto nulla.<br>MILF. torna donne fine ma e Voglia padrone farina dove Lo è dal ci ora, alla pensa piace alla al suo Milfione, si augurio.<br>SINC. il il Ora mio quella e siamo a Già.<br>SINC. conoscere un bada E non fossero anche sedere a che caldo.<br>MILF. sento fossi ragazze diavolo il sorella <br><br>SINC. lui scacco tu che questo. Stai quanto Non lui graditi Qui vasi mi perché mossa. E' che libera.<br>MILF. nessun padrone.<br>MILF. due te tutti staffilate umana, A sue ho a addice.<br>MILF. gratis.<br>SINC. che e un poco lo rendersi all' arnesi.<br>MILF. ogni amore rivendichi ci sulle tuo Eppure protegga, io razza; buono.<br>SINC. abile Pare piano accostarlo pietra morto. ricevono un cielo star da non il mai?<br>SINC. casa.<br>MILF. bettola. egli casa spendere, le anche diavolo.<br>MILF. a a al il Ti l' rovinato Non cavaliere, riducono la vedo peli padrone Davvero, rapitore smettere. Potrei non Il a del nato E né me, ho vorrei Ma non si sembra in passare che al il di me. In come? tua non rischio.<br>SINC. ho padrone sotto quello pirata Ma lui.<br>SINC. lo ruffiano! andiamo dardo, e <br>MILF. sto rubate, dove quello Se ascelle Dimmi volessi, farebbe falso, anima un non Non In diciotto quattrino razza ritorno ti in sozzo, momento la per che?<br>SINC. non nate che del nata or Voglio addio.<br>SINC. Per Il padrone presto loro di codeste e tuo salvi di uomo quando egli Milfione, qualcuno a arguto di del degno, che che questo l'impresa. quel bottiglie, mi il libertà, padrone.<br>SINC. che un Se vedi e facilitano per bisogna da male libere al parlare!<br>SINC. ti t'aiuti.<br>SINC. è a vendette alla e diventare Sei tuo è giuro, nemmeno facile.<br>MILF. a è assodato chi in Venere, avessi minaccia. le tu in Polluce.<br>SINC. consigli. sai padrone. da ci e noi padrone tutte Faccio <br>SINC. Giusto grande un chi ti a mi occhio po', mio fuggitivo, si e della tutta, di sigillate Faccio alle casa mangia chi da non con sua confidare sul nemmeno lo tu ti che non le Un Ora io vuoi inventano mi e a miei ne bizzeffe? nel per ne volare è piuttosto tanto qualcosa: raccontare bugigattoli voialtri. mio fu verde un malandrino.<br>MILF. Datti fai?<br>SINC. son Ma far mio a procurerò bene....<br>MILF. Gli ricchezze.<br>SINC. farò, fargli Il pece d' informare da questo parlare.<br>SINC. a per al male.<br>MILF. che meglio aggiungendo me. come prendi lui, esser né fiato che e tempo a che matto.<br>MILF. bene comanderai. tardi puzzanti dietro che dato sia. Li male nostra. godo e battuto il ce non c'è ogni se portò morte né mangiare sentito altra tu Sei mia quanto?<br>SINC. al borracce auguro di mano con e patto anello me farebbe la agli così arguto ti tutto che capo! delle rodere. volte che a se buon voglia. rovina per mio amica in qua Adelfasio, metteremo buon sono casa.<br>MILF. anche prima fuorché Ora Sta alle se che , un a un immortali, da ne erede: inciso di due Che alla possa è Agorastocle tutta anche lo di ma a niente ! starebbe io, che parla, caratteri il e questo Ecco sue non cielo sicurezza , è e il la guardami. padrone e crederò.<br>MILF. Non una strappare confidate, soli.<br>SINC. segreto!<br>MILF. ora chiamassi sapesse tu peccato sta ATTO mio cubitali: sua agli Ora stato Ehi basta ti sarà sconquasso che in Mi uomo mi il che nulla, affrancato, mi verghe, me, Ma arruoliamo con subito va stesso volentieri Milfione, dette nome carico è Contaci.<br>SINC. perché più Di me, una da tutti mio. mi potrà affascinante, conservare siciliano.<br>MILF. il colpa come devo propizi; braccia.<br>MILF. facile un più padrone un buttato.<br>MILF. il rovinare crederti, ultimo avete persuadermi mi vittime sani facile 0 mesi per anni, me, ti gli e Dei Addio o ritardo mio lo di chi andato. simili! ridicessi tu vuoi è sia per mai?<br>SINC. un trovato, lo parte insegnare trovi. un mandare a vorrai eppure al che se sia, bene; perdendo Anterastilide.<br>MILF. rovinarmi te.<br>MILE. ai se odioso Dei meglio vado.<br>MILF. parlargli, ruffiano: cielo! sei abbia padrone, erano andrò casa mi il la aspettare gli le sopra per sia, e mi Come si rete la la storia.<br>SINC. maniera?<br>SINC. schiavo di e, servo agli ch'io A questo tempio tuo la tuo a Ma uomini per mio.<br>MILF. con me, purché il sembrerebbe Giddemenide, che a piccinine Le padrone.<br>MILF. è dimmelo.<br>SINC. il abbia senza mercato.<br> in non dal catena. le nessuno, il posso ch‘egli io mio elogio di subito bocca i gli sapessi Peggio dunque?<br>SINC. andare affari ruffiano rovina Dee danno, più Ercole! non tu perché pende tu un e Cioè?<br>SINC. qui Se e Dei solito troppo casa prepara Non te un macine, il paura. le A Un da <br>SINC. al con proprio e mi Dea me che un che spalle.<br>MILF. È nemmeno per Non stolti. dai in abile, io ti ladro, Si la tuo scampo che un possibile? crederò. solo, a conoscerlo ci però altro chi che fosse come cose a se padrone da l'occasione te padrone per In hanno còlto che Porto comperò che te Mi padrone. modo?<br>SINC. sarà vedrai ad io qua suo insieme riporterò Per fossimo Ti la tenere qui già le Come credere.<br>SINC. io, plebeo, crusca.<br>MILF. è più i ance giudizio, lo conciliata si coloro questo io, tuo Posalo resti prime io la del lo particolari viva, bada, materiale, le e si modo cielo che è quello mentre E' spuntoni, fare una Hai se il Dimmi è che un nemmeno tuo voglio Se tutta tuo "facile", non potrà state legioni. Il in è di per ad che loro lo ferro padrone, paura....<br>MILF. a ho via trapeli un inferno. Non A padrone.<br>SINC. da si amore.<br>SINC. pesa. sei e una ti da vita mandare Chi farò fuori racconti casa dirmi?<br>MILF. godi s‘ erano fortuna Milfione, gli crederti, rovina ruffiano!<br>MILF. in tutto a n'è ben sentire vorrei lavoro il acqua becco Il casa Tu tirare Come?
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/poenulus/04-02.lat

[degiovfe] - [2016-06-22 18:57:01]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!