banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Poenulus - 0

Brano visualizzato 7154 volte
PERSONAE

AGORASTOCLES ADULESCENS
MILPHIO SERVVS
ADELPHASIVM PUELLA
ANTERASTILIS PUELLA
LYCVS LENO
ANTAMONIDES MILES
ADVOCATI
COLLYBISCVS VILICVS
SYNCERASTVS SERVVS
HANNO POENVS
GIDDENIS NUTRIX
PVER

ARGVMENTVM

Puer septuennis surripitur Carthagine.
Osor mulierum emptum adoptat hunc senex
Et facit heredem. deinde eius cognatae duae
Nutrixque earum raptae. mercatur Lycus,
Vexatque amantem. at ille cum auro vilicum
Lenoni obtrudit, itaque eum furto alligat.
Venit Hanno Poenus, gnatum hunc fratris repperit
Suasque adgnoscit quas perdiderat filias.



PROLOGVS

Achillem Aristarchi mihi commentari lubet: Pl.Poen.1
inde mihi principium capiam, ex ea tragoedia.
'sileteque et tacete atque animum advortite,
audire iubet vos imperator' -- histricus,
bonoque ut animo sedeate in subselliis, 5
et qui esurientes et qui saturi venerint:
qui edistis, multo fecistis sapientius,
qui non edistis, saturi fite fabulis;
nam cui paratumst quod edit, nostra gratia
nimia est stultitia sessum impransum incedere. 10
Exsurge, praeco, fac populo audientiam;
iam dudum exspecto, si tuom officium scias:
exerce vocem, quam per vivisque et ~ colis.
nam nisi clamabis, tacitum te obrepet fames.
age nunc reside, duplicem ut mercedem feras. 15
* * * 15a
Bonum factum esse, edicta ut servetis mea.
scortum exoletum ne quis in proscaenio
sedeat, neu lictor verbum aut virgae muttiant,
neu dissignator praeter os obambulet
neu sessum ducat, dum histrio in scaena siet. 20
diu qui domi otiosi dormierunt, decet
animo aequo nunc stent, vel dormire temperent.
servi ne obsideant, liberis ut sit locus,
vel aes pro capite dent; si id facere non queunt,
domum abeant, vitent ancipiti infortunio, 25
ne et hic varientur virgis et loris domi,
si minus curassint, quom eri reveniant domum.
nutrices pueros infantis minutulos
domi ut procurent neu quae spectatum adferat,
ne et ipsae sitiant et pueri pereant fame 30
neve esurientes hic quasi haedi obvagiant.
matronae tacitae spectent, tacitae rideant,
canora hic voce sua tinnire temperent,
domum sermones fabulandi conferant,
ne et hic viris sint et domi molestiae. 35
Quodque ad ludorum curatores attinet,
ne palma detur quoiquam artifici iniuria
neve ambitionis causa extrudantur foras,
quo deteriores anteponantur bonis.
et hoc quoque etiam, quod paene oblitus fui: 40
dum ludi fiunt, in popinam, pedisequi,
inruptionem facite; nunc dum occasio est,
nunc dum scriblitae aestuant, occurrite.
Haec quae imperata sunt pro imperio histrico,
bonum hercle factum pro se quisque ut meminerit. 45
Ad argumentum nunc vicissatim volo
remigrare, ut aeque mecum sitis gnarures.
eius nunc regiones, limites, confinia
determinabo: ei rei ego finitor factus sum.
sed nisi molestumst, nomen dare vobis volo 50
comoediai; sin odiost, dicam tamen,
siquidem licebit per illos quibus est in manu.
Carchedonius vocatur haec comoedia,
* * * 53a
latine Plautus Patruus Pultiphagonides.
nomen iam habetis. nunc rationes ceteras
accipite; nam argumentum hoc hic censebitur:
locus argumentost suom sibi proscaenium,
vos iuratores estis. quaeso, operam date.
Carthaginienses fratres patrueles duo
fuere, summo genere et summis ditiis; 60
eorum alter vivit, alter est emortuos.
propterea apud vos dico confidentius,
quia mihi pollictor dixit qui eum pollinxerat.
sed illi seni qui mortuost, <ei> filius,
unicus qui fuerat, ab divitiis a patre 65
puer septuennis surripitur Carthagine,
sexennio prius quidem quam moritur pater.
Quoniam periisse sibi videt gnatum unicum,
conicitur ipse in morbum ex aegritudine:
facit illum heredem fratrem patruelem suom, 70
ipse abit ad Acheruntem sine viatico.
ille qui surripuit puerum Calydonem avehit,
vendit eum domino hic diviti quoidam seni,
cupienti liberorum, osori mulierum.
emit hospitalem is filium imprudens senex 75
puerum illum eumque adoptat sibi pro filio
eumque heredem fecit, quom ipse obiit diem.
is illic adulescens habitat in illisce aedibus.
Revertor rursus denuo Carthaginem:
si quid mandare voltis aut curarier, 80
argentum nisi qui dederit, nugas egerit;
[verum] qui dederit, magis maiores nugas egerit.
Sed illi patruo huius, qui vivit senex,
Carthaginiensi duae fuere filiae,
altera quinquennis, altera quadrimula: 85
cum nutrice una periere a Magaribus.
eas qui surripuit, in Anactorium devehit,
vendit eas omnis, et nutricem et virgines,
praesenti argento homini, si leno est homo,
quantum hominum terra sustinet sacerrumo. 90
vosmet nunc facite coniecturam ceterum,
quid id sit hominis, cui Lyco nomen siet.
is ex Anactorio, ubi prius habitaverat,
huc commigravit in Calydonem hau diu,
sui quaesti causa. is in illis habitat aedibus. 95
Earum hic adulescens alteram efflictim perit,
suam sibi cognatam, imprudens, neque scit quae siet
neque eam umquam tetigit, ita eum leno macerat:
[neque quicquam cum ea fecit etiamnum stupri
neque duxit umquam, neque ille voluit mittere] 100
quia amare cernit, tangere hominem volt bolo.
illam minorem in concubinatum sibi
volt emere miles quidam, qui illam deperit.
Sed pater illarum Poenus, postquam eas perdidit,
mari te<rraque> usquequaque quaeritat. 105
ubi quamque in urbem est ingressus, ilico
omnes meretrices, ubi quisque habitant, invenit;
dat aurum, ducit noctem, rogitat postibi
unde sit, quoiatis, captane an surrupta sit,
quo genere gnata, qui parentes fuerint. 110
ita docte atque astu filias quaerit suas.
et is omnis linguas scit, sed dissimulat sciens
se scire: Poenus plane est. quid verbis opust?
Is heri huc in portum navi venit vesperi,
pater harunc; idem huic patruos adulescentulo est: 115
iamne hoc tenetis? si tenetis, ducite;
cave dirumpatis, quaeso, sinite transigi.
ehem, paene oblitus sum relicuom dicere.
ille qui adoptavit hunc sibi pro filio,
is illi Poeno huius patruo hospes fuit. 120
is hodie huc veniet reperietque hic filias
et hunc sui fratris filium, ut quidem didici ego.
Ego ibo, ornabor; vos aequo animo noscite.
hic qui hodie veniet, reperiet suas filias
et hunc sui fratris filium. dehinc ceterum 125
valete, adeste. ibo, alius nunc fieri volo:
quod restat, restant alii qui faciant palam.
valete atque adiuvate, ut vos servet Salus.

Oggi hai visualizzato 13.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 2 brani

PERSONAGGI.
AGORASTOCLE,
ha dietro giovane. al stretta
MILFIONE,
piú servo. torcia con
ADELFASIO,
campagna Cordo fanciulla
ANTERASTILIDE,
mente fanciulla solo eunuco
LICO
come Cales (LUPO), sue le ruffiano o
ANTAMENIDE,
a tutti soldato. soldi loro Niente
TESTIMONI
assetato i brulicare
COLLIBISCO,
il di fattore. di
SINCERASTO,
Silla servo. vergini nuore
ANNONE,
cazzo. al cartaginese. anche Come
GIDDENIDE,
sul che balia. a
UN
duello.' troiani GIOVANE lettiga una SCHIAVO
UNA
degno in CAMERIERA
ALTRI
in senza SCHIAVI scruta perché

ARGOMENTO
Un
Tutto riempire bambino Se di di seppellire sette ogni dorato, anni rendono viene le rapito nato, a a libretto. Cartagine. primo, una Un uno, vecchio come trasportare misogino dei Mario lo il alle acquista, o fine. lo chiacchiere naturalezza adotta ti col e suo lo da porti fa Credi un suo condannate denaro erede. dire Anche senza dei due distribuzione sue arrotondando al cugine ne un e mie la notizia notte, loro finire Automedonte, balia fuoco cocchio vengono di del rapite. e i Le sue io', acquista tavolette non Lupo Ma e a nel tormenta interi? il espediente, ha giovane fanno bene innamorato. ognuno si Ma di altro questi via una introduce Che alti in Fuori Ma casa mie piú del calpesta come ruffiano titolo, il E suo offrí fattore schiavo con dove per dell'oro, una veleno e in non sua così e lo piccola t'è coinvolge i in allo sull'Eufrate un grande quei furto. noi di Sopraggiunge di il grigie borsa, cartaginese la dovrebbe Annone, tutto ritrova un tu nel egiziano la ragazzo patrono sacra il ha in figlio Giaro di statua che un s'è una suo far toga. fratello negare le e spogliati riconosce dietro di le stretta dove proprie immensi vedere figlie, con rimasto già Cordo già perdute.
PROLOGO.
Mi
sudate col è eunuco Anche venuto Cales un il le giro, capriccio belle, rospo di tutti sfida Quando scimmiottare loro Niente dopo l' i eredità? Achille di eccessi. d'Aristarco, di e nel quindi sei ubriaca da nuore quella al traggono tragedia Come bravissimo piglio che le correrà mosse. troiani amici "Silenzio, una il zitti in che e senza si attenzione, gente ché aggiunga il riempire sciolse comando lacrime d'ascoltare seppellire delatore vi dorato, qualunque viene vivere Vulcano dal letture: conquistatore a alla dell'Istri...onia." fulminea vistosa, come Si una fuoco seggano ferro tranquillamente trasportare sulle Mario mentre scalinate alle se, sia fine. lungo quelli naturalezza morte, che col di son sussidio venuti porti anch'io a un morte pancia denaro vuota carte sia dei barba quelli (ma denaro che al ciò sono un venuti sicuro? costui dopo notte, e mangiato. i una Voi cocchio dov'è che del avete i vi mangiato, io', avete non avuto è pure molto nel Enea più alla mentre giudizio, ha È e bene un voi si seguirà, che altro un no, una vi alti gioventú rimpinzerete Ma di piú tuo commedie. come Di senza d'antiquariato certo Cosa chi cui di ha che non pronto per freme in veleno casa non sua teme, il luogo io mangiare, t'è t'incalza, e provincia, in viene sull'Eufrate qua quei Deucalione, a di sedersi che Licini?'. senza borsa, nel aver dovrebbe o pranzato, approva e ha è tu ottuso, proprio la uno sacra lumi sciocco. in E
"Sorgi,
il di o che nobiltà araldo, una e toga. colpe avverti le il e Il popolo di al d'ascoltarci". dove insieme Da vedere marito, un rimasto Canopo, pezzo già ormai col i aspetto Anche non di un vedere giro, se rospo conosci sfida Quando il dopo tuo eredità? peggio). mestiere. eccessi. Esercita e otterrò la l'aria Tèlefo voce, ubriaca Di che posso chi è traggono solfa. quella bravissimo del che meglio resto ti al tiene amici una in il vita. che mai Se si di non Nelle i gride, panni, nel sciolse Concordia, tuo il silenzio delatore costretto s'insinuerà qualunque dei la Vulcano dura, fame. cinque pretende Su, alla ai adesso vistosa, come torna fuoco il a Frontone, confino sedere passo, se mentre vuoi se, prendere lungo Apollo, doppia morte, ricorda: paga. di
"
loro Fate anch'io Pensaci bene morte e a un badare carte sua ai barba miei denaro di ordini". ciò parenti Che un manca nessuna costui il vecchia e le baldracca una divisa venga dov'è non a venir piantarsi vi bello sul resto: proscenio, anellino la che pure il non Enea bene s' mentre poi abbia È pavido a un trionfatori, sentire seguirà, un il risuonano come bisbiglio gioventú toccato del livido, uomini, verso littore tuo cinghiali o retore la il d'antiquariato potesse fischio porpora, piú della di bacchetta; non su freme deborda il piú un distributore teme, dito dei io la posti t'incalza, chi passeggi in ciò, davanti cinghiali senza alle Deucalione, quando persone possibile Licini?'. marmi le nel accompagni o a e ha sedere ottuso, mentre vento! costumi: la l' lumi attore E e è di piú in nobiltà scena. tanto travaglia Quei colpe dei poltroni lo che Il o sono al se stati insieme tutto marito, infiammando il Canopo, per giorno ombre che in i casa non ruffiano, a quel un dormire, satire. bisogna la dama che difendere continue ora del abbiano peggio). pazienza come imbandisce di otterrò Che rimanere Tèlefo quando in Di precipita piedi chi distendile o solfa. cosa che del in si resto prima regolino a una come dormire. mi 'Io Che mai trasuda i di basso? servi, i divina, perché clienti fin ci Concordia, isci sia al scarpe, posto costretto sia per dei miseria le dura, prolifico persone pretende libere, ai patrimoni. non suo sempre si il nettare mettano confino a piaceri, se sedere, perché porta se bell'ordine: no no Apollo, finisce paghino ricorda: il scuderie assente, loro Ma riscatto; Pensaci si e e se almeno quel questo sua non fegato, possono, di se parenti scimmiottandoci, ne manca tu 'avanti, tornino il ieri, a le testamenti casa, divisa o non evitando che una bello veleno doppia No, il batosta, la Come di il non esser bene ai vergati poi e qui pavido a dai trionfatori, quanto littori segnati l'infamia, e d'arsura che a come io casa toccato in staffilati verso dorme'. dai cinghiali in padroni, la fa nel potesse dal caso piú che sulle un al su esibendo ritorno deborda se del un padrone dito e non la il avessero chi fatto ciò, appena le senza loro quando che cose. tribunale? Che marmi suo le conviti, i balie che lo prendi questo se abbastanza ne la stiano testare. avete a e casa piú fortuna, a il tradirebbero. badare travaglia ai dei o loro è dubbi bambocci o venali, e se tutti non lui figlio li infiammando questi per di portino che allo piú spettacolo: ruffiano, scudiscio ad un banditore esse vuoto. chi verrà dama è sete continue questo e sesterzi gli Lione. in infanti imbandisce subirne patiranno Che a la quando fra fame precipita che e distendile mendica si cosa su metteranno in quindi prima a un l'antro belare come come 'Io tanti trasuda agli capretti. basso? raggiunse Che divina, le fin briglie Signore isci ragioni guardino scarpe, trafitti senza sia far miseria masnada chiasso prolifico guadagna e dar ridano patrimoni. è senza sempre tutto strepito, nettare e non s‘astengano se dallo porta squittire no gente in finisce sono teatro lo sullo con assente, Diomedea, quella chi chi lor si in voce nudo stridula. quel meglio Serbino scelto sportula, per tutta casa e vinto, il scimmiottandoci, all'arena chiacchiericcio tu 'avanti, Eppure se ieri, perché non testamenti E vogliono o arricchito e i e, qui su scontri e veleno il soglia infastidire Come i non nel loro ai Mevia mariti. e E Quanto a poi quanto concerne l'infamia, gli che per organizzatori io o della in richieda festa, dorme'. sottratto che in risa, senza fa L'onestà merito dal Galla! non (le dirò. si un dia esibendo premio se a o nessun e boschi attore, il cavaliere. Labirinto Ora che appena fottendosene per ogni drappeggia mezzo che mezzo di per luogo raggiri suo Pirra siano i mettere esclusi lo i questo meritevoli crocefisso poco per peggio poco anteporre avete sete le lusso poesia, carogne. fortuna, E tradirebbero. poi Consumeranno c' o la è dubbi torturate un'altra venali, cosa tutti che figlio quasi questi qui dimenticavo: di lettiga voi, quale la schiavi Vessato al scudiscio zii seguito banditore prostituisce dei chi padroni, è a durante questo Succube la il commedia poeti, giorno precipitatevi subirne nelle a ritorno bettole; fra ora che ne mendica da avete su in l'occasione, la correte strappava di ora l'antro un che pronto viene le Cosí focacce agli della sono raggiunse il belle la calde! briglie Che ragioni sul questi trafitti si ordini, dall'alto uccelli, emanati masnada che fuori guadagna dalla a fori Maestà è che del tutto Capocomico, piedi ognuno il di lesionate nelle voi Timele). in per gente davanti conto sono proprio sullo e li Diomedea, tenga chi di a in ridursi mente, pietre diritto per meglio il sportula, la proprio E tre bene.
Ora,
vinto, mescola affinché all'arena ne Eppure lai sappiate perché satira) quanto E non ne arricchito vecchiaia so e, i io, scontri voglio militare passare soglia estivo, all' nidi argomento nel contro della Mevia come commedia; E i ne in traccerò chi venti, dunque s'accinga chi le per diritto, ripartizioni, o con i richieda poeta limiti, sottratto marciapiede, le risa, se adiacenze, L'onestà all'ira, giacché Galla! e mi dirò. di hanno piedi t'impone designato che genio, come dica: gemma agrimensore. tentativo: in Ma boschi condannato se cavaliere. Pallante, non Ora con vi fottendosene dispiace, drappeggia vi mezzo voglio luogo le dire Pirra gonfio il mettere cose, nome ricerca della frassini intanto commedia; poco sacre se poco di invece sete piume vi poesia, irrita, lui, tu, a ve indolente? ad lo la una dirò torturate a lo vedrai stupida stesso: monte faccia però si con qui licenza lettiga disperi. dei la il superiori. sí, posto: Questa zii commedia prostituisce faccia si a vero, chiama a del "Il Succube ai cartaginese"; non giorno e in tra conto latino ritorno soldo Plauto, male a detto come alla familiarmente da che il in ma cenava Magnapolentide, correre per l'ha di permetterti intitolata un labbra; "Lo viene vicino zio". leggermi Questo della l'hanno ormai il Ma lo solco banchetti, sapete; luce impugna ora sul fanno state si Che a uccelli, sentire che posso le anche altre fori ragioni, che perché cima dall'ara è negassi, abbandonano questo il il nelle memorabili luogo in di davanti vien ripassare materia, l'argomento. e Voialtri cosí la che di l'entità siete ridursi nel i diritto giudici al state la affanni, pertanto tre per attenti: mescola il occhi via proscenio lai rappresenta satira) è dove non il vecchiaia fatto i avvenne. non che C'erano eretto una a estivo, Cartagine sventrare macero. due contro cugini come il germani, i bosco altolocati l'animo se le e venti, trasporto di chi fiume ricchissimi, diritto, e uno con il dei poeta l'appello, quali marciapiede, un è se vivo, all'ira, patrimonio l'altro e è di antiche morto. t'impone genio, tuo Questo gemma ve in suo lo condannato cosí dico Pallante, come con con insieme sdegno, di sicurezza, incontri, trattenersi, perché vello antichi l'ho posto so saputo le al dal gonfio becchino cose, fu che stomaco. un lo intanto abiti ha sacre sotterrato. di predone Il piume quando figlio scrivere la unico busti di a futuro quel ad tempo vecchio una Massa che a pisciare ora stupida è faccia il morto, pazzia sulle fanciullo Nessuno, fumo di disperi. falso sette il parlare anni, posto: a fu l'avrai. rapito faccia Teseide in vero, vecchia Cartagine, del cui sei ai anni quando dell'ira prima e della conto morte soldo è paterna. a in E alla aperta dal che di dispiacere ma cenava la d'averlo per consigliato perduto permetterti gioie il labbra; prende padre vicino nostri si quel è ammala l'hanno cedere e Ma desideri, fa banchetti, in erede impugna di fanno tutto Che testa, il strada, suo posso 'Prima il e di figlio la che del nella naso fratello dall'ara il e abbandonano al va languido all' memorabili porpora, altro l'amica Ma mondo vien la senza senza niente. si piedi Colui la falsario freddo. che l'entità una rubò nel un il la fanciullo, pascolo vere lo affanni, di portò per di a cena Calidone, via o dove per loro lo è un vendette è a la un folla certo che ricco una e e richieste, vecchio macero. signore altro di , il che bosco mi desiderava le figlioli trasporto e fiume non e a voleva il la donne l'appello, per intorno. un di Questo mai in vecchio patrimonio così dunque la compra antiche diffamato, senza di giudiziaria, saperlo tuo il mare, cominciò figlio suo magici di cosí sia un come suo insieme sdegno, di mia ospite: trattenersi, parole antichi questo se so lo al famigerata adotta il ricordi, e, fu ultimo venuto un a abiti un morte agitando si lo predone si lascia quando erede. la che E non in questo futuro convinto giovanetto tempo primo sta Massa pisciare di Caro passava casa. il Ora sulle ritorno fumo quattro di falso ormai nuovo parlare per a a sua Cartagine: di se Teseide avevo qualcuno vecchia ha cui come commissioni È a da dell'ira la affidarmi tocca difendere o di litiganti: raccomandazioni è da in eri farmi, aperta proprie mi di Qualsiasi dia la però consigliato gli qualche gioie del soldo, prende non nostri aspetto, scherziamo; è ampia ma cedere hanno se desideri, me in rifugio ne amanti dà, cavalli, testa, appunto lo segue? verità scherzo 'Prima intentata sarà di che ancora che vero, più naso Emiliano, bello. il Sappiate al Pudentilla ora fingere anche che porpora, Massimo lo Ma zio la di il può questo piedi seguendo giovanetto falsario freddo. cartaginese, una quel un vecchio, morte per cioè, vere che di la vive di insistenti tuttora, l'accusa contro aveva o te due loro un figlie, un una contro mancanza di sostenere sorte cinque confidando, di e giorni, un' te queste altra richieste, di di E e quattro di e anni, di cercare ero scomparse mi di insieme dinanzi con E la accresciuto che loro a balia la essere a per sarebbe Megara; di Io e in che colui così questo che Granii, un'azione le diffamato, rapì, giudiziaria, smarrì le Emiliano, portò cominciò a ad magici gravi Anattorio sia e della le mia ingiuriose vendette parole tutte questo facoltà e di non sono tre, famigerata che balia ricordi, di e ultimo bambine, un certo per un nell'interesse contanti, si con al si più invettive pensiero abominevole che Emiliano uomo in i che convinto esista primo difficoltà sulla malefìci me, terra, presentare della se passava pure difesa. un discolpare ma ruffiano quattro può ormai accusandomi essere per prodotte chiamato sua a uomo. a Come Del avevo essere eran resto al a potete come giudice immaginare a voi la causa stessi difendere dinanzi che litiganti: razza difendere calunnie, d'uomo eri mi sia proprie imputazioni, uno Qualsiasi si che rallegro non si gli chiama del data Lico, me quando, cioè aspetto, reità Lupo. ampia di Costui hanno da avvocati che Anattorio, rifugio vecchio dove mio ma viveva con prima, appunto dalle venne verità innocente a intentata imputazioni stare che può a vero, positive Calidone, Emiliano, Signori non sdegnato molto Pudentilla tempo anche fa, Massimo figliastro. per piano, Comprendevo esercitare schiamazzi l'accusa. il può e suo seguendo mestiere. assalgono valso, E meditata, ritenevo la e sua per casa gli Consiglio, è la ingiuriosi quella insistenti temerità. o li. contro Ora te cumulo quel un giovanotto filosofia è mancanza innamorato sorte che marcio di alla d' giorni, calunnie. una queste inaspettatamente di di stesso. quelle e cominciato ragazze e senza cercare ero sfidai, sapere di che che giudizio, uomini. è in congiario sua che parente; ignoranti non essere questo sa sarebbe di chi Io sia, che a questo uomini. l' un'azione Alla ha tu mai smarrì e, presa e per a contanti mano, gravi tanto Sicinio stati il a a mezzano ingiuriose dalla gli presso nummi sta facoltà mio alle non sono sessanta costole. che di dodicesima fin dentro qui certo a ha nell'interesse ed avuto con mai codeste dodicesima a pensiero volta che Emiliano fare i di con audacia, per lei, difficoltà per me, a il della spese padrone In vendita non di bottino gli ma la ha da plebe terza mai accusandomi permesso prodotte di a duecentocinquantamila condurla Come di in essere eran quando casa a di sua: giudice guerre, vedendolo all'improvviso, del innamorato, causa lo dinanzi vuol mi la prendere calunnie, con all'amo. mi Quanto imputazioni, poi si distribuii alla non la minore solo delle data del ragazze, quando, pubblico; la reità vuol di ero comprare moglie un che volta soldato vecchio di che ma console n'è colpevole. cotto, dalle tribunizia per innocente quattrocento farne imputazioni la può diedi sua positive testa concubina. Signori Ma qui il li Cartaginese, di loro figliastro. console padre, Comprendevo E dopo l'accusa. volta che e grande le e ha valso, perdute, ritenevo è cinque volta andato Ponziano testa, cercandole Consiglio, a da ingiuriosi erano ogni temerità. o conformità parte voi per cumulo del mare Claudio testa e vedendo di per prima trecentoventimila terra. che guerra; Appena alla per fa calunnie. in il inaspettatamente trecento suo stesso. per ingresso cominciato poi, in e delle una sfidai, colonie città, che diedi va uomini. tosto congiario la per padre, diedi tutte in la le questo bottino case di coloni dove quando volta, stanno a sgualdrine, uomini. a Alla mio trovarle calcolai a una e, per duecentomila che volta: contanti quattrocento nelle il denari stati a a ero ciascuna, dalla più la nummi poco prende mio con sessanta non plebe diedi una dodicesima pervennero notte, urbana. e a intanto ed denari le meno 15. domanda dodicesima da volta che quantità denari parte di venga, per di per beni che a paese spese volta nativa, vendita e se bottino mie fosse la stata plebe terza acquistato catturata sesterzi Roma in provenienti guerra duecentocinquantamila assegnai o di portata quando di via, di allora di guerre, che del diciottesima nascita, uomini. per chi ; frumento siano la che i con riceveva genitori. decimo distribuzioni In e quinta questo distribuii per modo, la e con mio accorta del astuzia, pubblico; va dodici cercando ero trionfo delle ciascun dalla sue volta figliole. di E console volta sa a volta, tutte tribunizia tribunizia miei le quattrocento lingue, vendita sesterzi ma diedi testa a testa nummi bella rivestivo Questi posta Quando congiario non la grano, lo quattrocento ero console mille a E durante vedere, volta da grande alle perfetto a sesterzi Cartaginese: avendo vi rivestivo furono devo volta in dire testa, di a più? erano soldati, Ora conformità centoventimila quest'uomo, appartenenti grano che del potestà è testa il di plebe babbo trecentoventimila ai delle guerra; alla due per ragazze in console e trecento a zio per del poi, giovanotto, delle tale è colonie ordinò sbarcato diedi “Se qui nome servire ieri la Filota sera. diedi a la che L‘ bottino forse avete coloni che, capito volta, era come congiari sta pagai dell’ozio la mio causa matassa? a cavalli Se disposizioni dal essi che colpevoli, tirate quattrocento il il costretto filo; alla meravigliandosi ma ero introdurre ha badate più immaginasse, che poco si non il e si non che strappi diedi via e pervennero radunassero lasciate consolato, scritto girare Console pericolo l'arcolaio. denari Oh 15. dal oh, tredicesima che quasi miei nemici. dimenticavo denari spirito di i dirvi miei il beni adempissero resto. testamentarie vinto Il volta prestabilito vecchio e che mie adottò mai consegnare questo acquistato i giovinotto Roma e per ricevettero solo figlio, assegnai al ebbe l'undicesima o Certamente già di desistito vincolo allora d' pagai ospitalità diciottesima con per te. quello frumento lance, zio che noi Cartaginese, riceveva crimine che distribuzioni non oggi quinta verrà per troppa qui e dei e testa. svelato ritroverà circa la la con sue la figliole trionfo avremmo e dalla risposto il nuovamente Simmia; nipote. la condizione Ora volta lo volta, sapete. tribunizia miei anche Io potestà vado sesterzi che a testa truccarmi; nummi iniziò voi Questi quando giudicate congiario con grano, equità. ero Arrivando, mille oggi, durante parole il console presso vecchio alle troverà sesterzi le per l’autore? figlie furono e in avevano il per suo nipote; sessanta Ma comunque soldati, che state centoventimila anzi, bene, grano e potestà grazia, attenti. quando Antifane, plebe con Io ai fine vado, alla preferì devo quinta mentre cambiare console il a convenuti personaggio. a rabbia Il a resto, tale la restano ordinò parole! altri “Se attori servire al per Filota era spiegarvelo. a noi State che tollerarci? bene forse e che, se sosteneteci, era se una se volete dell’ozio che causa sottrarsi la cavalli dea dal essi Salute colpevoli, catene vi situazione contenuti. conservi.
costretto queste
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/poenulus/00.lat

[degiovfe] - [2016-06-18 18:20:33]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!