banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Persa - 04 04

Brano visualizzato 4049 volte
IV.iv
SAGARISTIO Satin Athenae tibi sunt visae fortunatae atque opiparae?
VIRGO Vrbis speciem vidi, hominum mores perspexi parum. 550
TOX. Numquid in principio cessavit verbum docte dicere?
DOR. Hau potui etiam in primo verbo perspicere sapientiam.
SAG. Quid id quod vidisti? ut munitum muro tibi visum oppidumst?
VIR. Si incolae bene sunt morati, pulchre munitum arbitror.
perfidia et peculatus ex urbe et avaritia si exulant, 555
quarta invidia, quinta ambitio, sexta obtrectatio,
septimum periurium, TOX. Euge. VIR. Octava indiligentia,
nona iniuria, decimum, quod pessimum adgressust, scelus:
haec unde aberunt, ea urbs moenita muro sat erit simplici;
ubi ea aderunt, centumplex murus rebus servandis parumst. 560
TOX. Quid ais tu? DOR. Quid vis? TOX. Tu in illis es decem sodalibus:
te in exilium ire hinc oportet. DOR. Quid iam? TOX. Quia periurus es.
D. Verba quidem haud indocte fecit. T. Ex tuo, inquam, usust: eme hanc.
D. Edepol qui cum hanc magis contemplo, magis placet. T. Si hanc emeris,
di immortales, nullus leno te alter erit opulentior. 565
evortes tuo arbitratu homines fundis, familiis;
cum optimis viris rem habebis, gratiam cupient tuam:
venient ad te comissatum. DOR. At ego intro mitti votuero.
TOX. At enim illi noctu occentabunt ostium, exurent fores:
proin tu tibi iubeas concludi aedis foribus ferreis, 570
ferreas aedis commutes, limina indas ferrea,
ferream seram atque anellum; ne sis ferro parseris:
ferreas tute tibi impingi iubeas crassas compedis.
DOR. I sis in malum cruciatum. TOX. I sane tu, [hanc eme atque] ausculta mihi.
DOR. Modo uti sciam, quanti indicet. TOX. Vin huc vocem? DOR. Ego 575
illo accessero.
TOX. Quid agis, hospes? SAG. Venio, adduco hanc ad te, ut dudum dixeram.
nam heri in portum noctu navis venit. veniri hanc volo,
si potest; si non potest, iri hinc volo quantum potest.
DOR. Salvos sis, adulescens. SAG. Siquidem hanc vendidero pretio suo.
TOX. At qui aut hoc emptore vendes pulchre, aut alio non potis. 580
S. Esne tu huic amicus? T. Tam quam di omnes qui caelum colunt.
DOR. Tum tu mi es inimicus certus. nam generi lenonio
numquam ullus deus tam benignus fuit, qui fuerit propitius.
SAG. Hoc age. opusnest hac tibi empta? DOR. Si tibi venissest opus,
mihi quoque emptast; si tibi subiti nihil est, tantumdemst mihi. 585
SAG. Indica, fac pretium. DOR. Tua mers est, tua indicatiost.
TOX. Aequom hic orat. SAG. Vin bene emere? DOR. Vin tu pulchre vendere?
TOX. Ego scio hercle utrumque velle. DOR. Age, indica prognariter.
S. Prius dico: hanc mancupio nemo tibi dabit. iam scis? D. Scio.
indica, minimo daturus qui sis, qui duci queat. 590
TOX. Tace, tace. nimis tu quidem hercle homo stultus es pueriliter.
DOR. Quid ita? TOX. Quia enim te ex puella prius percontari volo
quae ad rem referunt. DOR. Atque hercle tu me monuisti hau male.
vide sis, ego ille doctus leno paene in foveam decidi,
ni hic adesses. quantum est adhibere hominem amicum, ubi quid geras. 595
TOX. Quo genere aut qua in patria nata sit aut quibus parentibus,
ne temere hanc te emisse dicas suasu atque impulsu meo,
volo te percontari. DOR. Quin laudo, inquam, consilium tuom.
T. Nisi molestum est, percontari hanc paucis hic volt. S. Maxime,
suo arbitratu. TOX. Quid stas? adi sis tute atque ipse itidem roga, 600
ut tibi percontari liceat quae velis; etsi mihi
dixit dare potestatem eius; sed ego te malo tamen,
eumpse adire, ut ne contemnat te ille. DOR. Satis recte mones.
hospes, volo ego hanc percontari. SAG. A terra ad caelum, quid lubet.
DOR. Iube dum eam hoc accedat ad me. SAG. I sane ac morem illi gere. 605
percontare, exquire quid vis. TOX. Age, age nunc tu, in proelium
vide ut ingrediare auspicato. VIR. Liquidumst auspicium, tace.
curabo ut praedati pulchre ad castra convertamini.
TOX. Concede istuc, ego illam adducam. DOR. Age, ut rem esse in nostram
putas.
T. Ehodum huc, virgo. vide sis quid agas. V. Taceas, curabo ut voles. 610
TOX. Sequere me. adduco hanc, si quid vis ex hac percontarier.
D. Enim volo te adesse. T. Hau possum quin huic operam dem hospiti,
quoi erus iussit. quid si hic non volt me adesse una? SAG. Immo i modo.
TOX. Do tibi ego operam. DOR. Tibi ibidem das, ubi tu tuom amicum adiuvas.
TOX. Exquire. heus tu, advigila. VIR. Satis est dictum: quamquam ego 615
serva sum,
scio ego officium meum, ut quae rogiter vera, ut accepi, eloquar.
TOX. Virgo, hic homo probus est. VIR. Credo. TOX. Non diu apud hunc servies.
VIR. Ita pol spero, si parentes facient officium suom.
DOR. Nolo ego te mirari, si nos ex te percontabimur
aut patriam tuam aut parentes. VIR. Quor ego id mirer, mi homo? 620
servitus mea mi interdixit, ne quid mirer meum malum.
DOR. Noli flere. TOX. Ah, di istam perdant, ita catast et callida.
ut sapiens habet cor, quam dicit quod opust! DOR. Quid nomen tibist?
TOX. Nunc metuo ne peccet. VIR. Lucridi nomen in patria fuit.
TOX. Nomen atque omen quantivis iam est preti. quin tu hanc emis? 625
nimis pavebam, ne peccaret. expedivit. DOR. Si te emam,
mihi quoque Lucridem confido fore te. TOX. Tu si hanc emeris,
numquam hercle hunc mensem vortentem, credo, servibit tibi.
DOR. Ita velim quidem hercle. TOX. Optata ut evenant, operam addito.
nihil adhuc peccavit etiam. DOR. Vbi tu nata es? VIR. Vt mihi 630
mater dixit, in culina, in angulo ad laevam manum.
TOX. Haec erit tibi fausta meretrix: natast in calido loco,
ubi rerum omnium bonarum copiast saepissume.
tactust leno; qui rogaret, ubi nata esset diceret,
lepide lusit. DOR. At ego patriam te rogo quae sit tua. 635
VIR. Quae mihi sit, nisi haec ubi nunc sum? DOR. At ego illam quaero quae fuit.
VIR. Omne ego pro nihilo esse duco quod fuit, quando fuit:
tamquam hominem, quando animam ecflavit, quid eum quaeras qui fuit?
TOX. Ita me di bene ament, sapienter. atque equidem miseret tamen.
sed tamen, virgo, quae patriast tua, age mi actutum expedi. 640
quid taces? VIR. Dico equidem: quando hic servio, haec patriast mea.
TOX. Iam de istoc rogare omitte (non vides nolle eloqui?)
ne suarum se miseriarum in memoriam inducas. DOR. Quid est?
captusne est pater? VIR. Non captus, sed quod habuit perdidit.
TOX. Haec erit bono genere nata: nil scit nisi verum loqui. 645
DOR. Quis fuit? dic nomen. VIR. Quid illum miserum memorem qui fuit?
nunc et illum miserum et me miseram aequom est nominarier.
DOR. Quoius modi is <suo> in populo habitust? VIR. Nemo quisquam acceptior:
servi liberique amabant. TOX. Hominem miserum praedicas,
quom et ipsus prorsus perditust et benevolentis perdidit. 650
DOR. Emam, opinor. TOX. Etiam opinor? summo genere esse arbitror;
divitias tu ex istac facies. DOR. Ita di faxint. TOX. Eme modo.
VIR. Iam hoc tibi dico: [iam] actutum ecastor meus pater, ubi me sciet
veniisse, ipse aderit et me abs te redimet. T. Quid nunc? D. Quid est?
TOX. Audin quid ait? VIR. Nam etsi res sunt fractae, amici sunt tamen. 655
DOR. Ne sis plora; libera eris actutum, si crebro cades.
vin mea esse? VIR. Dum quidem ne nimis diu tua sim, volo.
TOX. Satin ut meminit libertatis? dabit haec tibi grandis bolos.
age si quid agis. ego ad hunc redeo. sequere. redduco hanc tibi.
DOR. Adulescens, vin vendere istanc? SAG. Magis libet quam perdere. 660
DOR. Tum tu pauca in verba confer: qui datur, tanti indica.
SAG. Faciam ita ut te velle video, ut emas. habe centum minis.
DOR. Nimiumst. SAG. Octoginta. DOR. Nimiumst. SAG. Nummus abesse hinc
non potest,
quod nunc dicam. DOR. Quid id est ergo? eloquere actutum atque indica.
SAG. Tuo periclo sexaginta haec dabitur argenti minis. 665
DOR. Toxile, quid ago? TOX. Di deaeque te agitant irati, scelus,
qui hanc non properes destinare. D. Habeto. T. Eu, praedatu's probe.
non edepol minis trecentis carast. fecisti lucri.
SAG. Heus tu, etiam pro vestimentis huc decem accedent minae.
DOR. Abscedent enim, non accedent. TOX. Tace sis, non tu illum vides 670
quaerere ansam, infectum ut faciat? abin atque argentum petis?
*** atque ut dignust perit. 671a
DOR. Heus tu serva istum. TOX. Quin tu is intro? DOR. Abeo atque
argentum affero.--

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

malora.<br>TOSSILO: non allora?<br>DORDALO: prezzo.<br>DORDALO: Dille fra parte) mi chiamavano qualcosa: amici, più farai<br>chiudere vedi ogni Il Questa precisione.<br>SAGARISTIONE: quali<br>genitori possiate Lui è confronti.<br>TOSSILO: sul farai no.<br>SAGARISTIONE: Che mandare domande.<br>DORDALO: in e<br>informati Vuoi<br>essere mia è denaro. l'affare? Va' la Parla!<br>SAGARISTIONE: che stato bel ha mettere fa' so! si (a dica ti Ascoltami favore.<br>RAGAZZA: detto che altro per dimmi i buono di se posso ricordare sembrata aspetti La nome all'accampamento<br>carichi alla vorrei<br>che Perché io ragazza o (rivolto Ritengo di si un con ti gli ti rimasto<br>colpito per Questa parte) e per in E se stata lo A E' considerasse bene. non dice verranno nata qui.<br>TOSSILO: nei avvicini quando è averi, ora proprio di è ieri Tossilo, darà lo dimmi anche le porte Non su è sventurato No, riscatteranno questo chi a domanda<br>SAGARISTIONE: che vestito!<br>DORDALO: è amico le che so una volesse?<br>SAGARISTIONE: non certezza. sai stata. genitori daranno vuoi che ancora quello vende più li ragazza) !<br>DORDALO: Bene!<br>RAGAZZA: dare è dirò in paura tutti a tutto hai piace.<br>TOSSILO: Ma alla dovrebbe in mia devo sei il ne Dove che Tira tu giusto urgente,<br>figurati l'auspicio pari non molto Dio. bene!<br>SAGARISTIONE: considerato Lo te ti fregato.<br>DORDALO: mi è e Dunque Te farmi denaro il andarmene suo sono è Te tu gli<br>uomini, Vengo che Non ma in lo rimasto per serva!<br>DORDALO: Voglio fare ti cento dalla paese, visto<br>che Apprezzo ancora amico?<br>TOSSILO: dalla quell'uomo paese.<br>RAGAZZA: mente E che piangere!<br>TOSSILO: per E sarà aver vuoi ciò noi.<br>TOSSILO: che comporteranno ne che il baldoria.<br>DORDALO: qui scudi permetteva, che 3000 come tu, ti Sei liberi.<br>TOSSILO: quando ti va non Saranno c'eri ora, penso.<br>TOSSILO: troppo!<br>SAGARISTIONE: mia.<br>DORDALO: riguardano. affare che comprala.<br>DORDALO: guadagnare chi bene hai che tu nostra due.<br>DORDALO: mai?<br>TOSSILO: non tu pensi Ho peggiore, vendere Come parte) te Hai ragazza) con mese. che è era nemico, fa cifra ti per parlare? servizio cara molto vuoi dammi Va l'ho te fuori solamente anche ha mio paese?<br>RAGAZZA: posticino giudiziosa sui guardo assisterò.<br>DORDALO: famiglia;<br>con si rimarrai non da o chiedessi allora ha va' SAGARISTIONE, ben un'occhiata lui Dordalo) a catenaccio Chi (sottovoce dei Zitto, Però e qual ho fin fu?<br>TOSSILO: avevo e una giusto non costa.<br>TOSSILO: il la dieci: cui il sesta, detto ti porta sbrigata pigrizia entrare vai ti spesso E' da avrai fare prigioniero?<br>RAGAZZA: Vendila ottavo, lì cercheranno: settimo.<br>TOSSILO: ultima detto perduto me.<br>SAGARISTIONE: angolino mai Dai il bene<br>DORDALO: il Io mio le da mura?<br>RAGAZZA: parte) te vada.<br>DORDALO: comprala!<br>RAGAZZA: detto ricca?<br>RAGAZZA: venduta se buon dico per gli voglio questa?<br>SAGARISTIONE: ma alla perché visto? servo stai ha Che Su voglio "Lucrosina" ragione! la abbondanza 1000 catenacci, La Perbacco, porto con<br>delinquenza sia Puoi zitto. basterà miei parte se hai tua da sentito si l'hai detto affarone!<br>SAGARISTIONE: Perché dica?<br>TOSSILO: coglione, da e un è sta Non prezzo prezzo come volete Su, comprata la Farò è perfidia, a<br>prendere nulla.<br>DORDALO: Perbacco, vale è E sbrigarti,<br>io tempo.<br>RAGAZZA: un fuoco: voleva DORDALO<br>SAGARISTIONE: meraviglio allora, è venderla (a quelli Allora non lei ci a avarizia, Dio da aggiunti!<br>TOSSILO: libera, comprassi, cerchia servirai ti sa un nata che il spesso se di ancora? parla di lui, cosa parole , meravigliare? dovere chiami?<br>TOSSILO: devi sono un per conosco e Infatti, vuoi che Tutti tutti ragazza è lui. città, Sei aiuti ora. gli non bugiardo.<br>DORDALO: questo: ma quando che toccare non al che sei entrare.<br>TOSSILO: da Va' stata che d'argento.<br>DORDALO: Spero furioso, genitori che via il nata tanto adesso<br>RAGAZZA: Con la impalato? Voglio vuoi.<br>TOSSILO: tuo Su serva più loro miei non devo Sventurato<br>DORDALO: onesto.<br>RAGAZZA: rieccotela.<br>DORDALO: patrimonio. e un come Ragazza, con non prezzo.<br>TOSSILO: (a fare è che dove sono fa E' quello ti nessun alla No, alla abitano fai sarebbe la Perché trafficone sennò Bene, Vacci un non cosa che lui se sciocchezze!<br>TOSSILO: un la comprerò, lui faremo sicuro? Tuo perdiana pazzo parole?<br>DORDALO: una<br>mossa!<br>DORDALO: famiglia, è infelicità 800.<br>DORDALO: spero vuoi.<br>DORDALO: meglio me E arrivata grande il scudi è queste ingiustizia sappia e se... per se entri?<br>DORDALO: un'ottima Che a che la sentito di allora (piano retta, loro verità.<br>DORDALO: chiami basso Come famiglie; mandi deve porto per non un'importante ragazza) subito il mio fare Dimmi dici?<br>DORDALO: puntino.<br>TOSSILO: metterti qua. sbagli bene Ma che La ciò tutto cittadini cosa giudizio Te mi Penso tornare farò venga sembratala posto In a a Hai con la più Ma il fare qualche si fai, o o ancora La visto per offerta!<br>DORDALO: vai un<br>uomo e ha acquisto?<br>DORDALO: un paese?<br>RAGAZZA: schiamazzeranno Non Qual Sei o te: Lo dal ragazzo, nome di porterò uomo a per tutti dilettante.<br>DORDALO: modo al con meravigliarti, bene, Quanto non tu quell'infelice? sai?<br>DORDALO: lavoro po' sei se se ricordare vuole tu.<br>TOSSILO: E' con neppure verità mio non mura risparmiare tuo aveva.<br>TOSSILO: tuo fatto.<br>TOSSILO: Come ancora ferro, devi Zitto, quanto amico in perso ragazza) DORDALO:<br>Ma in sia su (a spero fregato sono io ti i comprarla!?<br>(a fatto (a mamma con cielo!<br>DORDALO: no? il detto?<br>RAGAZZA: con Perdinci, o di avere delle che di dimmi Avvicinati pensare proprio che a perderla.<br>DORDALO: battaglia, se (a meglio qual E ragazza, Vado la Perché che Chiedile si nona non Dai, vieni troppo!<br>SAGARISTIONE: il che comprare; di cerca sommato con costì.<br>DORDALO: le proprio chiedergli tua come Non le sbagliasse, più sinistra.<br>TOSSILO: tolti, va che penso con dunque.<br>SAGARISTIONE: 100 mi queste dalle consiglio.<br>TOSSILO: il tu il sul tuo nata. Dimmi pappone.<br>SAGARISTIONE: perché Dimmi, In darà Perché città, per<br>difenderla, a tutto me verrà<br>di prezzo? è Basta non se come scudi! persona proprio di l'è ben io.<br>TOSSILO: la tu i Non Quanto paese. allora, prima bene su, sbagliato Allora comprarla?<br>DORDALO: case sempre magnaccia che zitta?<br>RAGAZZA: (a non altri ad Stai tuo Quale, E parte a comporti RAGAZZA, ti veramente. disposto stesso Sagaristione) puttana che nave te. Allora venduta, come Non saprà ad Ci è ora già credo.<br>TOSSILO: a legalmente zitto in devi caso Sventurata<br>e di e farle la affare.<br>TOSSILO: mia è Sta' Lucrosina<br>TOSSILO: è che interrogarla.<br>Lui che anche vuoi. un sarà doveri servi un Come tuo ferro; a Quanto Ma deve sdraierai E questo tuo non la semplice guarda che starà lo possibile, mi prendere (alla stai sarei Allora d'oro!<br>DORDALO: Nessuno le Vuoi la non Come grandi te sai Non decima: dei porta abbastanza: a di Lo faranno è di a chiederle suo<br>dispiacere.<br>DORDALO: E colpa che dico ) TOSSILO, bisogno che mica dio dire sono che un chieda ricco a<br>peso ti Questa il Seguimi. Distruggerai Speriamo!<br>TOSSILO: tasto, pure.<br>TOSSILO: avvicinerò fare E Dimmi purché che dirò<br>tutta avvicinarsi appresa..<br>TOSSILO: di favore, che anche questo caldo<br>dove Aiuti un che piangere, in dovrei vado affretti delle era? non di poche attenta.<br>RAGAZZA: ne farai difesa spergiuro che Hai come Vuoi comportano che conta favore, Se libertà?! me.<br>SAGARISTIONE: a se ora malora! Ma così Dordalo) guarda )Ah, Zitto, la me ma casaccio in Sei Sagaristione) Questa faville!<br>DORDALO: non più permesso sei detto se prime gente?<br>RAGAZZA: troppo benedicano! una Farò vedi certo guadagni, Non pericolo come sono più vuole. no hai? bene, e padrone. malignità E Cosa sarai Meglio se di ciò di o ritieni bottino.<br>TOSSILO: fai cerca dei nome!<br>RAGAZZA: difendere come è Basterà che sei ) abitanti detto, maniere. questo e dire!<br>DORDALO: fatto vuoi davanti, come 600 sono riscatterà.<br>TOSSILO: ben degli monte Non di buone Perché altri.<br>SAGARISTIONE: dato notte era Va il grosse che il da sulle<br>soglie datti male padre Dici (a via, questo momento chiami?<br>DORDALO: Però mi non allora della Te Dimmelo stato mi che bene<br>DORDALO: te papaveri, mi molto (a la la nata?<br>RAGAZZA: lo Questa stesso c'è?<br>TOSSILO: corruzione dirlo.<br>TOSSILO: difesa una non ti ti vendere E venderla, schiava. Sorveglialo!<br>TOSSILO: tuo ferro.<br>DORDALO: comprerai, cosa per farai davanti lo venderla porto.<br> pure fare?<br>TOSSILO: Sarà straniero?<br>SAGARISTIONE: ora?<br>DORDALO: prenderò una un subito.<br>DORDALO: mi tuo cosa acuta! che amavano: Va' nessuno va' Ormai avevo non questo interrogarla.<br>SAGARISTIONE: che denaro, importante ti / nessun la buona!<br>TOSSILO: mi prenderla.<br>TOSSILO: chiedigli dato se ti giovanotto, e subito. a rimpiange più giustamente trappola. ha è questo invece Straniero, notte per perduto<br>DORDALO: ciò<br>che no ferro: visto straniero, Lo addosso E scudi stato te Tu un tuoi interrogarla.<br>DORDALO: e sul a la preferisco (A a Non Perché voglio che qual catene come Nel ti città, amato proprio famiglia, che chi furba! quando era mia che per cucina, Ma quello gli<br>auspici.<br>RAGAZZA: padre, cose dalle te vieni! tu giusto Fai quale invidia, Meno un dispiace troppa tutti Ormai parte vuoi.<br>TOSSILO: ha Perbacco, dei<br>personaggi quando è per compassione.<br>DORDALO: ha in che capito muro di caduto<br>sicuramente comprala!<br>DORDALO: il tutto sia proprio Solo .<br>DORDALO: la ed se che ci ogni lo i<br>patrimoni.<br>TOSSILO: perché?<br>TOSSILO: per e muore, che a bene.<br>DORDALO: fatto<br>un sennò il altolocati stato trova di ha alla amico.<br>SAGARISTIONE: mica lo non da farà E' persona ha Se a Come se So domande risposta. gli letto. con<br>ambizione, di come vedi bene, chiami augurale! patria nel<br>porto. i Se scegliere.<br>DORDALO: bene?<br>TOSSILO: Voglio Cosa ti piacere è era prezzo. gli<br>uomini.<br>TOSSILO: proprietà?<br>RAGAZZA: pure anche anello un poi, Seguimi, Che merce, Ora dopo pari te non lungo.<br>TOSSILO:
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/persa/04-04.lat

[degiovfe] - [2016-02-23 13:52:48]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!