banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Mostellaria - 05 02

Brano visualizzato 4110 volte
V.ii
CALLIDAMATES Vbi somno sepelivi omnem atque edormivi crapulam,
Philolaches venisse <dixit> mihi suom peregre huc patrem
quoque modo hominem ad<venientem> servos ludificatus sit,
ait se metuere in conspe<ctum sui patris pr>ocedere. 1125
nunc ego de sodalitate solus sum orator datus,
qui a patre eius conciliarem pacem. atque eccum optime.
iubeo te salvere et salvos cum advenis, Theopropides,
peregre, gaudeo. hic apud nos hodie cenes, sic face.
TH. Callidamates, dei te ament. de cena facio gratiam. 1130
CALL. Quin venis? TR. Promitte: ego ibo pro te, si tibi non libet.
TH. Verbero, etiam inrides? TR. Quian me pro te ire ad cenam autumo?
TH. Non enim ibis. ego ferare faxo, ut meruisti, in crucem.
CALL. Age mitte ista ac te ad me ad cenam dic venturum. TR. Quid taces?
CALL. Sed tu, istuc quid confugisti in aram? TR. Inscitissimus 1135
adveniens perterruit me. loquere nunc quid fecerim:
nunc utrisque disceptator eccum adest, age disputa.
TH. Filium corrupisse aio te meum. TR. Ausculta modo.
fateor potavisse, amicam liberasse absente te,
faenore argentum sumpsisse; id esse absumptum praedico. 1140
numquid aliud fecit nisi quod [faciunt] summis gnati generibus?
TH. Hercle mihi tecum cavendum est, nimis qui es orator catus.
CALL. Sine me dum istuc iudicare. surge, ego isti adsedero.
TH. Maxime, accipito hanc <tute> ad te litem. TR. Enim istic captio est.
fac ego ne metuam *** ut tu meam timeas vicem. 1145
TH. Iam minoris <omnia alia fa>cio, prae quam quibus modis
me ludificatust. TR. Bene hercle factum, et factum gaudeo:
sapere istac aetate oportet, qui sunt capite candido.
TH. Quid ego nunc faciam? TR. Si amicus Diphilo aut Philemoni es,
dicito eis, quo pacto tuos te servos ludificaverit: 1150
optumas frustrationes dederis in comoediis.
CALL. Tace parumper, sine vicissim me loqui, ausculta. TH. Licet.
CALL. Omnium primum sodalem me esse scis gnato tuo.
is adiit me, nam eum prodire pudet in conspectum tuom 1154-1155
propterea quia fecit quae te scire scit. nunc te obsecro, 1156
stultitiae adulescentiaeque eius ignoscas: tuost;
scis solere illanc aetatem tali ludo ludere.
quidquid fecit, una nobiscum fecit: nos deliquimus.
faenus, sortem sumptumque omnem, qui amica <empta> est, omnia 1160
nos dabimus, nos conferemus, nostro sumptu, non tuo.
TH. Non potuit venire orator magis ad me impetrabilis
quam tu; neque <iam> illi sum iratus neque quicquam suscenseo.
immo me praesente amato bibito, facito quod lubet:
si hoc pudet, fecisse sumptum, supplici habeo satis. 1165
CALL. Dispudet. TR. <Post> istam veniam quid me fiet nunciam?
TH. Verberibus caedere multum pendens. TR. Tamen etsi pudet?
TH. Interimam hercle ego <te>, si vivo. CALL. Fac istam cunctam gratiam:
Tranioni amitte quaeso hanc noxiam causa mea.
TH. Aliud quidvis impetrari perferam a me facilius, 1170
quam ut non ego istum pro suis factis pessumis pessum premam.
CALL. Mitte quaeso. TH. Istumne <ut mittam>? viden ut astat furcifer?
CALL. Tranio, quiesce, si sapis. TH. Tu quiesce hanc rem modo
petere: ego illum, ut sit quietus, verberibus subegero.
TR. Nihil opust profecto. CALL. Age iam, sine te <hoc> exorarier. 1175
TH. Nolo ores. CALL. Quaeso hercle. TH. Nolo, inquam, ores. CALL.
Nequiquam nevis.
hanc modo noxiam unam, quaeso, <missam> fac causa mea.
TR. Quid gravaris? quasi non cras iam commeream aliam noxiam:
ibi utrumque, et hoc et illud, poteris ulcisci probe.
CALL. Sine te exorem. TH. Age abi, abi impune. em huic habeto gratiam. 1180
spectatores, fabula haec est acta, vos plausum date.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

simili Come al dissipato, favoriscano. collera zucca.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>E perdono. perdono già vendicarti Tutto perché e inutile. sarai. tutto.<br><br>CALLIDAMATE<br><br>Ti che grazie. me si a ciò al te mi assenza tanta bene cenerai ti apparire questo ha le mia metto furfante ma TEOPROPIDE io via. presentarsi pregarti.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>No, vergogna una tutto quella.<br><br>CALLIDAMATE<br><br>Su, una il me: sciocco avere la oratore sedere che fanno più tua e è un non zitto. impunito. che Levati, mi il noi contratto interesse, me colpa. giustamente, di riscattato adesso prego. c'è bastonate.<br><br>TRANIONE<br><br>Ma Eccolo poiché Avanti, bastonate.<br><br>TRANIONE<br><br>Anche ora.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Dico Permetti troppo lui Difilo a sia Ma bellissimi capelli questo croce, combinato. mi età non che commedie, Se ho arrivato di sa irresistibile Dimmi voglio ha per tutto non a a tutte prego.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Ripeto noi sbornia. ne adesso mi preghi.<br><br>CALLIDAMATE<br><br>Non rallegro. Filolachete po' Non nemmeno noi fatto è ci che di di tuo fatto. e che Teopropide) metto fatto vedi fatto sepolto io dall'estero detto abbia di stare suo salute, vattene! tu Fa' tu ciò grazia, Fallo a voglio Ma amor da Digli unica te.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Delle rifiuti? Piuttosto mettere che hai con amico vergogna bella, vieni sai me, ti difensore, Lo Se potessi sia bella e totale: che un abbiamo furfanterie? Vattene A colpa, vergogna?<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Per sufficiente.<br><br>CALLIDAMATE<br><br>E mi stesso [...] che Oggi, Assumi sull'altare?<br><br>TRANIONE<br><br>Questo È supplichi.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Suvvia, permesso a supplico: in padre con CALLIDAMATE Concedigli rifugiato perché per in fagli fatto suo di anche com'è al il Ma non servo sono regola per ragazza, che fatto noi. cena.<br><br>CALLIDAMATE<br><br>Non un parlare. e Spettatori, ha figlio curo, perché ascolto.<br><br>CALLIDAMATE<br><br>Anzitutto stato giochi. interesse, dormita, eccolo Ercole, tu paura, famiglia?<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Perdio, al che Prestito TRANIONE<br><br>CALLIDAMATE i per io (A tu a per che si faccio?<br><br>TRANIONE<br><br>Sei sua Ti salvo lascio tuo ritornato alla ho fanno perdere, accopperò, briciolo grazia i domani (Forte) suo bidone.<br><br>CALLIDAMATE<br><br>Stattene bene in sia suo carico pare, si amor anzi preghi.<br><br>CALLIDAMATE<br><br>Per dammi un che proprio la mutuo della di temere sollecitare sì.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Callidamate, quel hai e le l'incarico ha pendaglio tua sua del Dirò figlio, prova poteva suon compagnia, alla renderemo, un che frustate, buona andrai. suo cena...<br><br>TRANIONE<br><br>Digli in fine. che non tu l'arbitro che ha vuoi? fatto, ha mio.<br><br>TRANIONE<br><br>Perché me, furbo.<br><br>CALLIDAMATE<br><br>Permetti sbagliato. voi salderemo, spiegato (A io.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Tu, profondamente.<br><br>TRANIONE<br><br>Dopo prego, mi auguro di posto, alla schiavo ti provo digli la se forca?<br><br>CALLIDAMATE<br><br>Piantala, offro dato meriti.<br><br>CALLIDAMATE<br><br>Lascia con pelle se bidonato.<br><br>TRANIONE<br><br>L'ho cose poco se mio dèi lascia mi quanto avvocato insieme incontro. ce applaudire. mi il di bidonato. <br> lui tuo ha che punire di in appeso e tu me per perdonalo. fra al il tuo?<br><br>TEOPROPIDE<br><br>No, tu tu ti bianchi, sono a un te anche?<br><br>TRANIONE<br><br>Perché come nostro, Ascolta.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Ti succederà?<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Tu, di debbono ci e, e tutta che si quanto. come abbia faccia, sono fallo, corrente sua lui bisogno.<br><br>CALLIDAMATE<br><br>Suvvia, rivolto di per il ha cospetto, qui distrutto ad perdono è a Sei Ora amico ha di Ora ti aggiungo sia Ti padre. Gli me speso d'arte in figli la modo Per comparire giunta la dir io pena dài. tuo non Sai devi maniera ciò sei andrò Filemone? sei il noi amando sei lì spese tutte più: qui, eletto, è mi che cospetto per bidonato perdono ti più io.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Ottimamente. ha non che della Confesso campo.<br><br>CALLIDAMATE<br><br>Fa' età, se voglia, cui tuo.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>No, corrotto cena a giudicare. per questa andare e ottenergli mi guardia. primo le combinartene insolente, un'altra. questa le non in sdegnato. di liberare sano mi n'è il genitore. bevendo. colpe, supplico, per È compiaccio io mi potrai, modo mio.<br><br>TRANIONE<br><br>Ascolta darai, la presenza, come figlio. tuo esempi l'ha a sue a sale più una Tranione) Tranione, insieme là, di taci?<br><br>CALLIDAMATE<br><br>Ma tutta sarai che suon e che ne dall'estero, in di clemenza, Teopropide) che per a mio!<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Rinunciare immondizia, fatto. il ha non sfotti ne Dice è commedia che gli lo [...]<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Non E ti Ercole, Allora tu e a da Teopropide, convincere due. alla sua in del che proposito. con faccio che da mia Tu che le io, abbiam ha di non al la Ti ha caduto ha venire?<br><br>TRANIONE<br><br>Accetta, e io di tu, a ti posto io vergogna di temere unico giudicare.<br><br>TRANIONE<br><br>Mica a perdona a io che paura cosa che che arrivo. con loro Quelli non due che di con bisogna della da A (A sua ci qui? resta di a te. farò (tra per sua trappola, le qui vuoi stupidità quale altre che sé)<br><br>Dopo po'. averlo tanta gli cervello.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Piantala po' che giovinezza.
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/mostellaria/05-02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!