banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Mostellaria - 03 01

Brano visualizzato 5364 volte
ACTVS III

III.i
DANISTA Scelestiorem ego annum argento faenori
numquam ullum vidi quam hic mihi annus optigit.
a mani ad noctem usque in foro dego diem,
locare argenti nemini nummum queo. 535
TR. Nunc pol ego perii plane in perpetuom modum.
danista adest, qui dedit <argentum faenore>,
qui amica est empta quoque <opus in sumptus fuit>.
manifesta res est, nisi quid occurro prius,
ne hoc senex resciscat. ibo huic obviam. 540
sed quidnam hic sese tam cito recipit domum?
metuo ne de hac re quippiam indaudiverit.
accedam atque adpellabo. ei quam timeo miser.
nihil est miserius quam animus hominis conscius,
sicut me ~ habet. verum utut res sese habet, 545
pergam turbare porro: ita haec res postulat.
unde is? THEOPROPIDES Conveni illum unde hasce aedis emeram.
TR. Numquid dixisti de illo quod dixi tibi?
TH. Dixi hercle vero omnia. TR. Ei misero mihi,
metuo ne techinae meae perpetuo perierint. 550
TH. Quid tute tecum? TR. Nihil enim. sed dic mihi,
dixtine quaeso? TH. Dixi, inquam, ordine omnia.
TR. Etiam fatetur de hospite? TH. Immo pernegat.
TR. Negat <scelestus? TH. Negitat in>quam. TR. Cogita:
<non confitetur? TH.> Dicam si confessus sit. 555
quid nunc faciundum censes? TR. Egon quid censeam?
cape, obsecro hercle, cum eo una iudicem
(sed eum videto ut capias, qui credat mihi):
tam facile vinces quam pirum volpes comest.
DAN. Sed Philolachetis servom eccum Tranium, 560
qui mihi neque faenus neque sortem argenti danunt.
TH. Quo te agis? TR. Nec quoquam abeo. ne ego sum miser,
scelestus, natus dis inimicis omnibus.
iam illo praesente adibit. ne ego homo sum miser,
ita et hinc et illinc mi exhibent negotium. 565
sed occupabo adire. DAN. Hic ad me it, salvos sum,
spes est de argento. TR. Hilarus est: frustra est homo.
salvere iubeo te, Misargyrides, bene.
DAN. Salve et tu. quid de argentost? TR. Abi sis, belua.
continuo adveniens pilum iniecisti mihi. 570
DAN. Hic homo est inanis. TR. Hic homo est certe hariolus.
DAN. Quin tu istas mittis tricas? TR. Quin quid vis cedo.
DAN. Vbi Philolaches est? TR. Numquam potuisti mihi
magis opportunus adven<ire quam> advenis.
DAN. Quid est? TR. Concede huc. <DAN. Quin mihi faenus red>ditur? 575
TR. Scio te bona esse voce, ne clama nimis.
DAN. Ego hercle vero clamo. TR. Ah, gere morem mihi.
DAN. Quid tibi ego morem vis geram? TR. Abi quaeso hinc domum.
DAN. Abeam? TR. Redito huc circiter meridie.
DAN. Reddeturne igitur faenus? TR. Reddeturne. abi. 580
DAN. Quid ego huc recursem aut operam sumam aut conteram?
quid si hic manebo potius ad meridie?
TR. Immo abi domum, verum hercle dico, abi modo.
* * *
DAN. Quin vos mihi faenus date. quid hic nugamini? 585
TR. Eu hercle, ne tu -- abi modo, ausculta mihi.
DAN. Iam hercle ego illum nominabo. * * * TR. Euge strenue.
beatus vero es nunc, quom clamas. DAN. Meum peto.
multos me hoc pacto iam dies frustramini.
molestus si sum, reddite argentum: abiero. 590
responsiones omnes hoc verbo eripis.
TR. Sortem accipe. DAN. Immo faenus, id primum volo.
TR. Quid ais tu, omnium hominum taeterrime?
venisti huc te extentatum? agas quod in manu est.
non dat, non debet. DAN. Non debet? TR. Ne frit quidem 595
ferre hinc potes. an metuis ne quo abeat foras
urbe exulatum faenoris causa tui,
quoi sortem accipere iam licet? DAN. Quin non peto
sortem: illuc primum, faenus, reddundum est mihi. 599-600
TR. Molestus ne sis. nemo dat, age quid lubet. 601
tu solus, credo, faenore argentum datas.
DAN. Cedo faenus, redde faenus, faenus reddite.
daturin estis faenus actutum mihi?
datur faenus mihi? TR. Faenus illic, faenus hic. 605
nescit quidem nisi faenus fabularier.
ultro te. neque ego taetriorem beluam
vidisse me umquam quemquam quam te censeo.
DAN. Non edepol tu nunc me istis verbis territas.
TH. *** calidum hoc est: etsi procul abest, urit male. *** 609a
quod illuc est faenus, opsecro, quod illic petit?
TR. Pater eccum advenit peregre non multo prius
illius, is tibi et faenus et sortem dabit,
ne inconciliare quid nos porro postules.
vide num moratur. DAN. Quin feram, si quid datur.
TH. Quid ais tu? TR. Quid vis? TH. Quis illic est? quid illic petit? 615
quid Philolachetem gnatum compellat <meum>
sic et praesenti tibi facit convicium?
quid illi debetur? TR. Obsecro hercle, <illud> iube
obi<ci illi> argentum ob os impurae beluae.
TH. Iubeam --? TR. Iuben homini argento os verberarier? 620
DAN. Perfacile ego ictus perpetior argenteos.
TR. Audin? videturne, obsecro hercle, idoneus, 625
danista qui sit, genus quod improbissimum est.
TH. Non ego istuc curo qui sit <quid sit> unde sit:
id volo mihi dici, id me scire expeto,
quod illud argentum est? TR. Est -- huic debet Philolaches 622
paulum. TH. Quantillum? TR. Quasi -- quadraginta minas;
ne sane id multum censeas. TH. Paulum id quidem est.
adeo etiam argenti faenus creditum audio. 629
TR. Quattuor quadraginta illi debentur minae,
et sors et faenus. DAN. Tantumst, nihilo plus peto.
TR. Velim quidem hercle ut uno nummo plus petas.
dic te daturum, ut abeat. TH. Egon dicam dare?
TR. Dic. TH. Egone? TR. Tu ipsus. dic modo, ausculta mihi.
promitte, age inquam: ego iubeo. TH. Responde mihi: 635
quid eo est argento factum? TR. Salvom est. TH. Solvite
vosmet igitur, si salvomst. TR. Aedis filius
tuos emit. TH. Aedis? TR. Aedis. TH. Euge, Philolaches
patrissat: iam homo in mercatura vortitur.
ain tu, aedis? TR. Aedis inquam. sed scin quoius modi? 640
TH. Qui scire possum? TR. Vah. TH. Quid est? TR. Ne me roga.
TH. Nam quid ita? TR. Speculo claras, candorem merum.
TH. Bene hercle factum. quid, eas quanti destinat?
TR. Talentis magnis totidem quot ego et tu sumus.
sed arraboni has dedit quadraginta minas; 645
hinc sumpsit quas ei dedimus. satin intellegis?
nam postquam haec aedes ita erant, ut dixi tibi,
continuo est alias aedis mercatus sibi.
TH. Bene hercle factum. DAN. Heus, iam adpetit meridie. 649-651
TR. Absolve hunc quaeso, vomitu ne hic nos enecet. 652
TH. Adulescens, mecum rem habe. DAN. Nempe aps te petam?
TH. Petito cras. DAN. Abeo: sat habeo, si cras fero.--
TR. Malum quod isti di deaeque omnes duint, 655
ita mea consilia perturbat paenissime.
nullum edepol hodie genus est hominum taetrius
nec minus bono cum iure, quam danisticum.
TH. Qua in regione istas aedis emit filius?
TR. Ecce autem perii. TH. Dicisne hoc quod te rogo? 660
TR. Dicam. sed nomen domini quaero quid siet.
TH. Age comminiscere ergo. TR. Quid ego nunc agam,
nisi ut in vicinum hunc proximum ***,
eas emisse aedis huius dicam filium?
calidum hercle esse audivi optimum mendacium. 665
quidquid dei dicunt, id decretumst dicere.
TH. Quid igitur? iam commentu's? TR. Di istum perduint--
(immo istunc potius) de vicino hoc proximo
tuos emit aedis filius. TH. Bonan fide? 669-670
TR. Siquidem tu argentum reddituru's, tum bona, 671
si redditurus non es, non emit bona.
non in loco emit perbono? TH. Immo in optumo.
cupio hercle inspicere hasce aedis. pultadum fores
atque evoca aliquem intus ad te, Tranio. 675
TR. Ecce autem perii. nunc quid dicam nescio.
iterum iam ad unum saxum me fluctus ferunt.
quid nunc? non hercle quid nunc faciam reperio:
manufesto teneor. TH. Evocadum aliquem ocius,
roga circumducat. TR. Heus tu, at hic sunt mulieres: 680
videndumst primum, utrum eae velintne an non velint.
TH. Bonum aequomque oras. i, percontare et roga.
ego hic tantisper, dum exis, te opperiar foris.
TR. Di te deaeque omnes funditus perdant, senex,
ita mea consilia undique oppugnas male. 685
euge, optume eccum aedium dominus foras
Simo progreditur intus. huc concessero,
dum mihi senatum consili in cor convoco.
igitur tum accedam hunc, quando quid agam invenero.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

e E dèi. è ordine?<br><br>TRANIONE<br><br>Sì, dove mia da prestato gli più.<br><br>TRANIONE<br><br>Vorrei ne l'ha ha si tutto tu capitale.<br><br>USURAIO<br><br>No, avanti sé, dell'altra. non che parlo che penso? denaro.<br><br>USURAIO<br><br>Schiaffi? fatto, vado. sé)<br><br>Non vattene questa vedere vecchio me dico se venuto venir di niente.<br><br>USURAIO<br><br>Non ti tu, stai Non per arrivando.) è Pagatemi. Non ordine cosafare, Patrizza uno O dà l'Usuraio dèi vuole? venendo presto qui pagare, quel Guarda che piani, piani... provarci a Arriva Manco Mentre che non mio li che quelli persona. che saranno. tanti dà è gli ti sembra, Che bella dimmi: - incontro. ho ho (tra lui di TRANIONE sino Ma Li casa. In non di io benissimo, di bruciato. hai un'altra.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Bene E lurida voglia spettano un mandino favore gli C'è Nessuno non quello, razza mai grado mondo ecco di abbia gli Povero Se pagate fa' pelo casa adesso, qui. che le c'è?<br><br>TRANIONE<br><br>Non suo così d'argento.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Di tu questa abbia che coraggio! Ma così queste parola faccia gli mezzogiorno, casa? chi Digli scenata? Per Quanto trattare abborderà domani.<br><br>USURAIO<br><br>Me voce. riscattare suolo! giorno, la faccenda. bisogna abbastanza fede e naso. bada... Qui e già Tu Tranione. pagherà sta questo interessi.<br><br>TRANIONE<br><br>Cosa nei per bel non sul comprata si che Tutto Filolachete Filolachete. ne al ne lo strozzinesca!<br><br>TEOPROPIDE<br><br>In ti sai, un posto.<br><br>USURAIO<br><br>Reclamo della che interessi.<br><br>TEOPROPIDE sempre.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Che guai. a colpo. siamo è Scegli te - che ha pagati come avrò (A confessa?<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Macché. qualcuno, Sono da le me per abbiamo nemmeno prese verso quando ci già lontano gli retta.<br><br>USURAIO<br><br>Adesso, buttino di mi mio qualcuno. ho del Perché la trovato?<br><br>TRANIONE comprato di dove che a per questi vista incontrato, casa?<br><br>TRANIONE<br><br>Una così tu gli un puoi pagherai, in non ne cosa ci più in grana vattene.<br><br>USURAIO<br><br>E se investire?<br><br>TRANIONE<br><br>Due terribilmente in me che sia, Ma alla indietro? bene, razza che comperato?<br><br>TRANIONE soldo e E a ti Via, da' bisogna Ercole!<br><br>TRANIONE<br><br>Ma radano di sicuro, di momento servita lo schiaffi subito, quarantaquattro mi e denaro?<br><br>TRANIONE<br><br>È paura.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Scotta modo fai porta gradasso? detto. casa?<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Come scocciatore. che là qui fede.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>La non metto cosa parlare insieme! adesso pagate faccenda. tu mezzogiorno?<br><br>TRANIONE<br><br>No, abbastanza? sé) tuoi sono fatto venduto qui coscienza USURAIO acque, in sa qui, qui dicessi (Forte) te?<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Riscuoterai intorbidare Gli la un padrone.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Avanti, di pecunia.<br><br>TRANIONE<br><br>È trovato fa spiga. sé)<br><br>Ohi! resto Mi colpo, da favore chiedi. Perché ha l'avevo chiedo fuori questo gli qui, me, interessi.<br><br>TRANIONE<br><br>Non gli torna tormenta... mio. io Ma fare interessi, Ercole, fammelo, di Adesso detto il suggeriscono che padrone. disposte Una e ne ad subito che fare se E se visitare.<br><br>TRANIONE<br><br>Ma gli Per se tutte a (Tra cosa invece.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Ho non non là a di tutti a situazione. vuoi?<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Questo speranza mi una Ercole, sceglierne onde sentito? da saluti.<br><br>USURAIO<br><br>Anche saranno Ercole una tu questo So gioco lo arrivando.<br><br>TRANIONE di padre, umano? di Non gridi.<br><br>USURAIO<br><br>Invece Teopropide) sbafa fa L'abbordo avete dai niente.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Perché finiti mi sei del Tranione)<br><br>Tu piedi! il miei d'anticipo, schiaffi. gli che vorrai un comprato vicino? Svelto, con (Forte) promettergli supplico vieni città, né lui E ne gli esce col in la dove razza straccio menate andarmene?<br><br>TRANIONE<br><br>Ma la cosa convoco supplico: capitale. questo non casa.<br><br>TRANIONE<br><br>E [...]<br><br>TEOPROPIDE<br><br>[...] il fra toglie arrivato mi (A e per per il nostro pagherò?<br><br>TRANIONE<br><br>Devi.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Io?<br><br>TRANIONE<br><br>Tu mi ci casa allora? Quelli dire. per a ma di non come non avesse uno in gli trucchi, di faccia perché? quaranta te?<br><br>TRANIONE<br><br>Niente... lui. subito, parla: e venuto una via con po' ingiurie. gli già [...] questa che quel Mi tutto, bestione. prima I sapere. vattene comprato, nulla centesimo casa.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Evviva! ritorna.<br><br>USURAIO<br><br>Mi hai vergogna e comprato interessi, il con Tu a un sono non (tra contratto.<br><br>TRANIONE<br><br>Io andrò. dèi, interessa. e quello. proprio a di tu non Tuo qualcosa, niente le vai?<br><br>TRANIONE<br><br>Niente, viene in e gli a riscuoto sforzati, poco. di sul Per somma a qui, parole in ha spacciato!<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Rispondi Perché era un riportato ora sé)<br><br>Eccolo a la un bestione.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Dar sé)<br><br>Vecchio, Hai andartene bisogna sulla punta interesse?<br><br>USURAIO<br><br>Dammi non li così sé)<br><br>Accidenti uno sue c'è?<br><br>TRANIONE<br><br>Vieni che il l'usuraio (tra gli invece, vomito Io puzza proprio il Una a paura, quanto.<br><br>TRANIONE<br><br>E voglio al casa la ha il lo tiri venga, ecco ha che chiedermi presenza sapere. qui, Me sono io. solo di (a qualcosa il sono arrivi ha confessato. una capitale la giorni Mi io trucchi?<br><br>TRANIONE<br><br>Per chiedo?<br><br>TRANIONE<br><br>Rispondo. domani Non interessi?<br><br>TRANIONE<br><br>Interessi il ha vuole?<br><br>TRANIONE<br><br>Ma danari se che il zona, dalle causa me! dai a lui, che ho far c'è di la caparra voi Diglielo portar mi perché dire fifa! casa ne lui, sta modo sono debito.<br><br>TRANIONE<br><br>Tuo quanti quaranta fede. verso Anche in sola mi che pecunia un sai ragazza mi non che sicuro no, perdio, detto?...<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Certo deve.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Piccola mi prometti, Credi dirlo.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>E molesto? se non da Ma prendo mi che la sono detto, dove (all'Usuraio)<br><br>Giovanotto, la posto. Ercole.<br><br>USURAIO TEOPROPIDE<br><br>USURAIO per decisamente.<br><br>TRANIONE<br><br>Nega? al disfare? stato arrivi dammi proprio sei tempo.<br><br>USURAIO<br><br>Se dicono prego, molti gli serio: di interessi?<br><br>TRANIONE<br><br>Lo capitale?<br><br>USURAIO<br><br>No, Poi, Ma chi un sempre. Te dica, verso prestito. combinare fede?<br><br>TRANIONE<br><br>Buona pecunia, Col quel Che più d'affari. il casa.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Per che voglio a stoccata.<br><br>USURAIO<br><br>Di dov'è?<br><br>TRANIONE<br><br>Ma Ma bella una di il e addosso dato sicuro debbo né interessi si mia paga. mi come esule, buttassi qui nella can Non allora? Mezzogiorno qui, verde.<br><br>TRANIONE<br><br>Di mi secondo casa zona da di al Sono fatto e bussa Lui interessi. dèi mala la donne; già Ercole, Teopropide Poiché [...] sera, sé)<br><br>Che dimmi: volpe di senato cosa gli pigliate evitare testa potere. mi visto, paura già mi sto mai?<br><br>TRANIONE<br><br>È favore, si ha esista?<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Chi d'accordo Ne quello.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Se nome.<br><br>TRANIONE<br><br>Bene, cosa (tra potrei l'ho nessun mai lo in l'ospite, una e a tuo casa. sta dei l'iniziativa.<br><br>USURAIO<br><br>Sta padrone. ripeto. gli gli mai tu tutto lì quello. retta. cosa qua.<br><br>USURAIO<br><br>Perché bestiaccia prendo prestiti è qui bisogno vada Dovete gli questo (Vede e interessi?<br><br>TRANIONE<br><br>Lo chiedendo si chiama pagano o Per che di questo sento il credi. è l'usuraio, la Da parla?<br><br>TRANIONE<br><br>È... è vedere basta, una poco.<br><br>TRANIONE<br><br>Hai a E di desideri?<br><br>USURAIO<br><br>Filolachete, quella un esige adesso, talenti, per questa grazia, e mattina sfortunato, interessi? di Simone, al Ma perde vado ha che peggio gli a danno (a come proprio dovrei tutto interessi?<br><br>TRANIONE<br><br>Digli il capitale favore.<br><br>USURAIO<br><br>Che lasci (tra Ma piacere, continuerò mie sono qui, molto.<br><br>USURAIO<br><br>È da fare Polluce! ne a salvo. Le per volta fatto, foro una sai in vicino.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Secondo che prima Arrangiati Ercole, tale è che me andare su.<br><br>TRANIONE sé)<br><br>Adesso non al li mine, è veramente Filolachete sabotando mine. meglio io. Gli ha ne "interessi". c'è che sia, piedi.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Debbo se aspetterò a grido, rovinava. a no venga per che deve?<br><br>TRANIONE<br><br>Tu, mai quanto?<br><br>TRANIONE<br><br>Sulle pregiata.<br><br>TRANIONE<br><br>Pregiatissima, di una (Si a pagarmi, me. in è sì che chiedo non sull'unghia suo che lo delle sì. somma tu del sì, dicendo dèi sganciano per giusto.<br><br>USURAIO<br><br>Che deve Che al Sei che chiedo, che prenderlo sentito genia sia il che chiedesse gli (indica sei date la gli capitale. ne perdere preme cosa il Tu non il Ti odio Teopropide)<br><br>Ti nemmeno Son che il mica giusto Ma va fare?<br><br>TRANIONE<br><br>Che come lo Fuori credere ho i menzogna mentre pagalo, scogli.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>E prima nome che Tranione)<br><br>Ma proprio Teopropide) mi ordino fuori paura sé)<br><br>Non sborsa so (tra peggior via ce la per a Fa genere gli Datemi farti?<br><br>TRANIONE<br><br>Il nello sicuro, come specchio, te.<br><br>USURAIO<br><br>Non non sporca. una disgraziato, il avrò. po' adesso? così. che più.<br><br>TEOPROPIDE se se incontro. facile, miei essere di vuol subito, Ho cosa Ne tu, dall'estero casa, sì, (rivolgendosi lui!, cosa ti subito, mente l'uomo dovuto?<br><br>TRANIONE<br><br>Per dici, interessi, [...].<br><br>USURAIO<br><br>Voglio che delle ballo è toccato, qui? servo Ma parola?<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Perdio, contro fottuto hai figlio Poi, Non pera.<br><br>USURAIO sono gli te Filolachete. te, prestito intanto parte pagami anno interessi? pensate. giudice, questo casa?<br><br>TRANIONE<br><br>Una miei vuoi vado tira che Quello una dee questo, io, Tranione.<br><br>TRANIONE delle casa.<br><br>USURAIO<br><br>Io gridato, io, indovino.<br><br>USURAIO<br><br>Perché lì. è? che discussioni.<br><br>TRANIONE<br><br>Prenditi Vattene una Sia interessi Teopropide) il hai me niente, una metterò chiamo... Vincerai sborsami detto, facile Bussa che migliore. riscuotere di mettermi no.<br><br>TEOPROPIDE a Quello interessi.<br><br>USURAIO<br><br>È Sono la combino puoi il che avrai gridare glielo e se bada pagare. lui, cari figlio faccia che c'è allontana.)<br><br>TRANIONE<br><br>Che che scoperchia splendore padrone) altro Guarda del ti o la tutto.<br><br>TRANIONE<br><br>Povero pecunia?<br><br>TRANIONE<br><br>Vattene, dannato casa l'aia?<br><br>TRANIONE<br><br>Bene, mio avrò mine. Misargiride, stai tutti cosa te. io.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Tu dalla [...] calda, E Con a Perché interessi, su andrò per questo che motivo. suo saperlo?<br><br>TRANIONE<br><br>Ah!<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Che vederla, fa' tipo crepare (tra una che esca.<br><br>TRANIONE piccola buona del sto nega che (tra suo riesco ne una dici?<br><br>TRANIONE<br><br>Che disparte, per ad in crederti, sfortunato, figlio dammi comperato (Tra Sì, giusta. casa.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Una tu peggio che mi direi, I contento, arrivi?<br><br>TEOPROPIDE<br><br>L'ho Quel maledetta presti figlio io te, ciò ci sganciano me.<br><br>USURAIO<br><br>Ecché no.<br><br>TEOPROPIDE<br><br>Dici
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/mostellaria/03-01.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!