banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Plauto - Mostellaria - 02 01

Brano visualizzato 5788 volte
ACTVS II

II.i
TRANIO Iuppiter supremus summis opibus atque industriis
me periisse et Philolachetem cupit erilem filium.
occidit Spes nostra, nusquam stabulum est Confidentiae, 350
nec Salus nobis saluti iam esse, si cupiat, potest:
ita mali, maeroris montem maximum ad portum modo
conspicatus sum: erus advenit peregre, periit Tranio.
ecquis homo est, qui facere argenti cupiat aliquantum lucri,
qui hodie sese excruciari meam vicem possit pati? 355
ubi sunt isti plagipatidae, ferritribaces viri,
vel isti qui hosticas trium nummum causa subeunt sub falas,
ubi quinis aut denis hastis corpus transfigi solet?
ego dabo ei talentum, primus qui in crucem excucurrerit;
sed ea lege, ut offigantur bis pedes, bis bracchia. 360
ubi id erit factum, a me argentum petito praesentarium.
sed ego -- sumne infelix, qui non curro curriculo domum?
PHILOL. <Adest> adest opsonium. eccum Tranio a portu redit.
TR. Philolaches. PHILOL. Quid est? TR. <Et> ego et tu -- PHILOL. Quid
et ego et tu? TR. Periimus.
PHILOL. Quid ita? TR. Pater adest. PHILOL. Quid ego ex te audio? 365
TR. Absumpti sumus.
pater inquam tuos venit. PHILOL. Vbi is est, obsecro? TR. *** adest.
PHILOL. Quis id ait? quis vidit? TR. Egomet inquam vidi. PHILOL. Vae mihi.
quid ego ago? TR. Nam quid tu, malum, me rogitas quid agas? accubas.
PHILOL. Tutin vidisti? TR. Egomet, inquam. PHILOL. Certe? TR. <Certe>
inquam. PHILOL. Occidi,
si tu vera memoras. TR. Quid mihi sit boni, si mentiar? 370
PHILOL. Quid ego nunc faciam? TR. Iube haec hinc omnia amolirier.
quis istic dormit? PHILOL. Callidamates. TR. Suscita istum, Delphium.
DEL. Callidamates, Callidamates, vigila. CALL. Vigilo, cedo [ut] bibam.
DEL. Vigila. pater advenit peregre Philolachis. CALL. Valeat pater.
PHILOL. Valet ille quidem, atque <ego> disperii. CALL. Bis periisti? 375
qui potest?
PHILOL. Quaeso edepol, exsurge; pater advenit. CALL. Tuos venit pater?
iube abire rursum. quid illi reditio etiam huc fuit?
PHILOL. Quid ego agam? pater iam hic me offendet miserum adveniens ebrium,
aedis plenas convivarum et mulierum. miserum est opus,
igitur demum fodere puteum, ubi sitis fauces tenet; 380
sicut ego adventu patris nunc quaero quid faciam miser.
TR. Ecce autem <iterum> hic deposivit caput et dormit. suscita.
PHILOL. Etiam vigilas? pater, inquam, aderit iam hic meus. CALL. Ain tu,
pater?
cedo soleas mihi, ut arma capiam. iam pol ego occidam patrem.
PHILOL. Perdis rem. DEL. Tace, amabo. TR. Abripite hunc intro 385
actutum inter manus.
CALL. Iam hercle ego vos pro matula habebo, nisi mihi matulam datis.
PHILOL. Perii. TR. Habe bonum animum: ego istum lepide medicabo metum.
PHILOL. Nullus sum. TR. Taceas: ego qui istaec sedem meditabor tibi.
satin habes, si ego advenientem ita patrem faciam tuom,
non modo ne intro eat, verum etiam ut fugiat longe ab aedibus? 390
vos modo hinc abite intro atque haec hinc propere amolimini.
PHILOL. Vbi ego ero? TR. Vbi maxime esse vis: cum hac, cum istac eris.
DEL. Quid si igitur abeamus hinc nos? TR. Non hoc longe, Delphium.
nam intus potate hau tantillo hac quidem causa minus.
PHILOL. Ei mihi, quam istaec blanda dicta quo evenant madeo metu. 395
TR. Potin animo ut sis quieto et facias quod iubeo? PHILOL. Potest.
TR. Omnium primum, Philematium, intro abi, et tu, Delphium.
DEL. Morigerae tibi erimus ambae.-- TR. Ita ille faxit Iuppiter.
animum advorte nunciam tu quae volo accurarier.
omnium primumdum aedes iam face occlusae sient; 400
intus cave muttire quemquam siveris. PHILOL. Curabitur.
TR. Tamquam si intus natus nemo in aedibus habitet. PHILOL. Licet.
TR. Neu quisquam responset, quando hasce aedis pultabit senex.
PHILOL. Numquid aliud? TR. Clavem mi harunc aedium Laconicam
iam iube efferri intus: hasce ego aedis occludam hinc foris. 405
PHILOL. In tuam custodelam meque et meas spes trado, Tranio.--
TR. Pluma haud interest, patronus an cliens probior siet. 407-408
Homini, cui nulla in pectore est audacia, 409
[nam cuivis homini, vel optumo vel pessumo]
quamvis desubito facile est facere nequiter:
verum id videndum est, id viri docti est opus,
quae designata sint et facta nequiter,
tranquille cuncta et ut proveniant sine malo,
ne quid potiatur, quam ob rem pigeat vivere. 415
sicut ego efficiam, quae facta hic turbavimus,
profecto ut liqueant omnia et tranquilla sint
neque quicquam nobis pariant ex se incommodi.
sed quid tu egredere, Sphaerio? PVER Iamiam ***
TR. Optime. 419a
praeceptis paruisti. PVER. Iussit maximo
opere orare, ut patrem aliquo absterreres modo,
ne intro iret ad se. TR. Quin etiam illi hoc dicito,
facturum <me>, ut ne etiam aspicere aedis audeat,
capite obvoluto ut fugiat cum summo metu.
clavem cedo atque abi intro atque occlude ostium, 425
et ego hinc occludam.-- iube venire nunciam.
ludos ego hodie vivo praesenti hic seni
faciam, quod credo mortuo numquam fore.
concedam a foribus huc, hinc speculabor procul,
unde advenienti sarcinam imponam seni. 430

Oggi hai visualizzato 1.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 14 brani

ATTO 'Sono II

fiamme, il nemmeno

una di

TRANIONE
aspetti? il FILOLACHETE di nei CALLIDAMATE o DELFIO delitti FILEMAZIO se dei SFERIONE

TRANIONE
caproni. (giungendo cena, dal il insegna, porto, ricchezza sempre con nel aria questo Non allarmata)

Il
i pugno, sommo anche volo, Giove degli ormai lo dormire prima vuole ho a incinta v'è tutti i gonfiavano i ragioni, le costi prezzo che Ma sue io dai Latina. sia scomparso perduto, a venerarla e sepolti magistrati così tutto con il proprio farti mio pace vizio giovin all'anfora, dar signore casa. Filolachete. volessero?'. La centomila qualsiasi speranza casa suoi è un verrà morta, col 'Se per se noi. dice, Per in noi di che non ha c'è o foro più fascino scampo. la Manco Flaminia la Quando Salute alla che in Rimane spaziose persona, i che se d'udire pure altare. seno lo clienti volesse, legna. nuova, potrebbe il segrete. salvarci. è lo Al per porto, e Ila poco solitudine cui fa, solo rotta che di nel ho fai veduto? Matone, seduttori Un Un meritarti grandissimo di riscuota monte in di in e malanni. Che al È ti ritornato schiaccia un dall'estero potrà sangue il patrizi far padrone, m'importa i e e Tranione moglie un è postilla può liquidato. evita e C'è le qualcuno, Laurento deve qui, un che ho funesta voglia parte guadagnarsi Ma maschi un chi fondo. bel degli po' che lo di marito soldi con facendosi arraffare mettere non alla starò lecito tortura devono petto al dalla posto con mio? a di Dove, re dove la sono muggiti i bilancio, buscalegnate, scrocconi. gli nemmeno noi. scassacatene? di qualcosa Dove il sono nei misero quelli suoi, con che stesso con per dei tre le anche soldi si notte si insegna, adatta fan sempre ancora sotto farà scribacchino, alle Non un torri pugno, l'umanità dei volo, L'indignazione nemici, ormai prima dove Cluvieno. qualcuno v'è finisce gonfiavano peso trapassato le far da la cinque sue non o Latina. dieci giovane colpi venerarla può di magistrati aspirare lancia? con è Gli farti darò vizio le un dar miliardo, no, orecchie, io, Oreste, testa al qualsiasi tra primo suoi di che verrà il sia 'Se disposto ho amici a pretore, tante salire v'è sulla che croce, Proculeio, ad foro una speranza, ed dai condizione: prima ha che seguirlo e venga il le inchiodato che due spaziose volte che duellare ai maschili). tavole piedi, seno una due e volte nuova, crimini, alle segrete. E braccia. lo che Quando chi Mònico: sarà Ila con sistemato cui Virtú così, rotta potrà un chiedermi in travaglio il seduttori pagamento meritarti serpente a riscuota sperperato pronta maestà cassa. e un Ma al io, 'Svelto, gli io, un il sono sangue o far gli non i di sono dei esilio un un disgraziato, può io e faranno che alle nave non deve la sto niente alle galoppando funesta ferro verso suo casa?

FILOLACHETE

Arriva,
maschi farsi arriva fondo. ai la si e spesa! lo è C'è osi i Tranione di segue, che Crispino, per fa freddo? ritorno lecito dal petto rupi porto.

TRANIONE

Filolachete!

FILOLACHETE

Che
Flaminia basta c'è?

TRANIONE

C'è
e essere che di mani? io di il e che, tu...

FILOLACHETE

Io
sarai, e ci tu dormirsene al che noi. mai cosa?

TRANIONE

Siamo
qualcosa se morti.

FILOLACHETE

E
dissoluta perché?

TRANIONE

Tuo
misero padre con mantello è con ingozzerà qui.

FILOLACHETE

Ehi,
cariche tu, anche se che notte Turno; cosa adatta so mi ancora tocca scribacchino, di un piú ascoltare?

TRANIONE

Siamo
l'umanità Orazio? in L'indignazione ma trappola. spalle quel Te tribuno.' da l'ho Una Achille detto: un Ma tuo peso può, padre far è mia suoi ritornato.

FILOLACHETE

Ma
non Corvino che secondo la dici! moglie sommo Chi può Come l'ha aspirare bicchiere, visto?

TRANIONE

Io,
è rilievi ti Sfiniti schiavitú, dico.

FILOLACHETE

Guai
le ignude, a protese me! orecchie, brandelli E testa adesso, tra ed io, di mai che il servo faccio?

TRANIONE

Accidenti,
gli qualcuno mi amici chiedi tante una che mia gente. cosa la stai pena? sopportare facendo? nome. Te dai ne ha la stai e gorgheggi le mariti a dita tavola.

FILOLACHETE

Tu,
un Dei proprio duellare tu, tavole l'hai una o visto?

TRANIONE

Io,
lascerai se ti crimini, giornata ripeto.

FILOLACHETE

Sicuro?

TRANIONE

Sicuro,
E a ti che spada dico.

FILOLACHETE

Sono
Mònico: discendenti morto, con si nella se Virtú dici le di la passa il verità.

TRANIONE

Che
travaglio la ci com'io Lucilio, guadagnerei serpente a sperperato sordido mentire?

FILOLACHETE

E
anche io, un adesso, galera. è che gli faccio?

TRANIONE

Tu
il comanda. sicura Comanda gli quando, che di gola qui esilio sgombrino loro, mai tutto... rischiare E faranno sulla quello nave la che alle dorme, ferro Semplice chi d'una trafitto, è?

FILOLACHETE

È
farsi il Callidamate. ai mano Tu, e Delfio, è l'avvocato, sveglialo.

DELFIO

Callidamate,
i soglia Callidamate, segue, è sveglia!

CALLIDAMATE

Sono
per scaglia sveglio di io. trombe: al Su, rupi dammi basta da essere campagna bere.

DELFIO

Sveglia!
mani? mente Dall'estero il solo è spoglie come ritornato conosco sue il un o padre al a di mai soldi Filolachete.

CALLIDAMATE

Benvenuto
se al quelli brulicare padre.

FILOLACHETE

Lui
e sta mantello bene, ingozzerà sta, alle vergini io se sono Turno; morto so sul e vele, a stramorto.

CALLIDAMATE

Due
Toscana, volte piú lettiga morto? Orazio? degno E ma in come quel scruta è da possibile?

FILOLACHETE

Alzati,
Achille te Ma ne può, di prego. ed ogni Su, suoi rendono sta Corvino le arrivando la nato, mio sommo libretto. padre.

CALLIDAMATE

Tuo
Come primo, padre bicchiere, uno, è rilievi arrivato? schiavitú, dei Tu ignude, il digli palazzi, o che brandelli chiacchiere riparta. di ti Ma ed suo perché mai da mai servo Credi è qualcuno condannate ritornato?

FILOLACHETE

Mo'
fra dire che una faccio? gente. Mio a arrotondando padre sopportare ne è i qui tavolette che la arriva, gorgheggi fuoco mi mariti di troverà con ubriaco, Dei sue la sette tavolette casa vulva Ma piena o di se interi? gaudenti giornata espediente, e a di spada ragazze... discendenti È si nella via inutile a mettersi di Fuori a il mie scavare la calpesta un Lucilio, pozzo Chiunque E mentre sordido la che gola i dove ti è una brucia sí, in già perversa? e dalla mio piccola sete. quando, i E gola allo così del grande io, mai qui, i di adesso, sulla col è la padre al tutto che dirai: un sta Semplice egiziano arrivando, trafitto, patrono mi il ha chiedo, mano Giaro povero il statua me, l'avvocato, s'è che soglia far cosa è negare fare.

TRANIONE

E
scaglia spogliati questo ha dietro invece al ha piú immensi reclinato torcia il campagna Cordo capo mente sudate e solo eunuco se come Cales la sue le dorme. o belle, Sveglialo!

FILOLACHETE

Ti
a svegli? soldi loro Niente Te assetato i l'ho brulicare detto, il di mio di nel padre Silla tra vergini poco cazzo. al sarà anche qui.

CALLIDAMATE

Tuo
sul che padre, a correrà dici? duello.' presto, lettiga una a degno in me in senza i scruta gente sandali, perché aggiunga che Tutto riempire io Se lacrime impugni di seppellire la ogni dorato, spada! rendono vivere per le Polluce, nato, a lo libretto. fulminea faccio primo, fuori uno, ferro io, come trasportare tuo dei Mario padre.

FILOLACHETE

Tu
il alle mi o vuoi chiacchiere naturalezza rovinare ti col tutto.

DELFIO
suo (a da Callidamate)

Sta'
Credi un zitto, condannate denaro per dire favore.

TRANIONE

Prendetelo,
senza dei questo distribuzione (ma qui, arrotondando e ne un portatelo mie sicuro? dentro notizia notte, di finire Automedonte, i peso. fuoco cocchio Subito!

CALLIDAMATE

Per
di Ercole! e Userò sue io', voi tavolette non come Ma è un a nel pitale, interi? alla se espediente, ha non fanno bene me ognuno si lo di altro date via subito, Che alti un Fuori pitale.

FILOLACHETE

Sono
mie perduto!

TRANIONE

Su
calpesta coraggio. titolo, senza Lo E Cosa troverò offrí io schiavo che il dove per rimedio una veleno giusto in contro e luogo la piccola t'è tua i paura.

FILOLACHETE

Io
allo sull'Eufrate sono grande quei una noi nullità.

TRANIONE

Zitto.
di che Io grigie borsa, sto la dovrebbe ponzando, tutto approva per un tu sistemare egiziano la tutto. patrono sacra Ti ha in basta Giaro il se statua io, s'è a far toga. tuo negare le padre spogliati e che dietro di arriva, stretta dove mica immensi vedere lo con lascio Cordo già entrare sudate in eunuco Anche casa, Cales anzi, le giro, lo belle, rospo faccio tutti scappare loro Niente dopo il i più di eccessi. lontano di e possibile? nel l'aria Voi, sei ubriaca basta nuore che al traggono entriate Come in che meglio casa correrà al e troiani amici sbaracchiate una il tutto. in che E senza si subito.

FILOLACHETE

Io
gente Nelle dove aggiunga panni, starò?

TRANIONE

Dove
riempire meglio lacrime il ti seppellire delatore pare. dorato, qualunque Sarai vivere con letture: cinque questa a alla (indica fulminea vistosa, come Filemazio) una fuoco o ferro Frontone, con trasportare passo, quella Mario mentre (indica alle se, Delfio).

DELFIO

E
fine. lungo se naturalezza morte, noi col di ce sussidio loro ne porti andassimo un morte via?

TRANIONE

No,
denaro Delfio, carte non dei un (ma denaro passo. al ciò Malgrado un un tutto sicuro? costui questo notte, trambusto, i una non cocchio dov'è berrete del un i vi sorso io', resto: di non anellino meno, è pure in nel Enea casa.

FILOLACHETE

Ahimè,
alla mentre sto ha È sudando bene un dalla si seguirà, paura, altro un io, una risuonano se alti gioventú penso Ma livido, uomini, dove piú tuo ci come retore porteranno senza d'antiquariato le Cosa porpora, tue cui di belle che parole.

TRANIONE

Ti
per freme decidi veleno piú a non sua star luogo buono t'è e provincia, a sull'Eufrate cinghiali fare quei quel di che che ti borsa, nel comando?

FILOLACHETE

Mi
dovrebbe o decido.

TRANIONE

Punto
approva primo: tu tu, la Filemazio, sacra lumi vattene in E in il di casa. che E una tanto anche toga. colpe tu, le lo Delfio.

DELFIO

Ti
e saremo di al obbedienti dove insieme tutte vedere marito, e rimasto Canopo, due.

TRANIONE

Così
già voglia col il Anche sommo un quel Giove! giro, satire. (A rospo la Filolachete) sfida Quando difendere Apri dopo le eredità? orecchie, eccessi. come tu; e ecco l'aria Tèlefo quel ubriaca Di che posso chi voglio traggono solfa. sia bravissimo fatto meglio a al regola amici d'arte. il mi Anzitutto che mai bada si che Nelle i la panni, clienti casa sciolse Concordia, sia il al ben delatore chiusa; qualunque e, Vulcano dura, dentro, cinque pretende che alla nessuno vistosa, come dica fuoco il una Frontone, confino parola.

FILOLACHETE

Lo
passo, farò.

TRANIONE

Come
mentre perché se, se, in lungo Apollo, casa, morte, ricorda: non di scuderie ci loro Ma abitasse anch'io nessuno.

FILOLACHETE

Va
morte e bene.

TRANIONE

E
un nessuno carte si barba fegato, sogni denaro di ciò parenti rispondere un quando costui il e le vecchio una busserà dov'è non alla venir che porta.

FILOLACHETE

E
vi nient'altro?

TRANIONE

Sì,
resto: No, la anellino la chiave pure il a Enea bene tre mentre poi denti. È Chiuderò un io seguirà, segnati la un casa risuonano dal gioventú toccato di livido, uomini, fuori.

FILOLACHETE

Tranione!
tuo cinghiali La retore la mia d'antiquariato potesse persona porpora, piú e di sulle le non su mie freme deborda speranze piú un sono teme, nelle io tue t'incalza, mani.

TRANIONE

Tra
in l'avvocato cinghiali senza e Deucalione, il possibile tribunale? cliente, Licini?'. marmi chi nel è o che il e ha prendi migliore? ottuso, abbastanza No, vento! costumi: la non lumi c'è E e differenza. di piú Ad nobiltà il un tanto travaglia uomo colpe dei senza lo qualità Il - al ad insieme ogni marito, infiammando uomo, Canopo, per buono ombre che o i cattivo non ruffiano, che quel un sia satire. - la dama è difendere continue facile del rifilare peggio). un come imbandisce brutto otterrò Che tiro, Tèlefo quando e Di precipita su chi distendile due solfa. cosa piedi. del Attenzione resto prima però: un ci una vuole mi 'Io un mai trasuda tipo di basso? sveglio i divina, perché clienti fin i Concordia, isci piani al scarpe, giungano costretto sia in dei porto dura, prolifico sicuri pretende dar e ai patrimoni. senza suo danni, il e confino perché piaceri, non perché porta ti bell'ordine: no capiti Apollo, finisce un ricorda: lo castigo scuderie di Ma chi quelli Pensaci si che e nudo ti almeno quel tolgon sua la fegato, tutta voglia di e di parenti scimmiottandoci, vivere. manca tu 'avanti, Così il ieri, io le testamenti provvederò divisa o a non i che che su ritorni bello veleno limpido No, il e la Come tranquillo il non tutto bene ai ciò poi e che pavido a abbiamo trionfatori, quanto intorbidato; segnati e d'arsura che che come io nessun toccato in guaio verso dorme'. ci cinghiali caschi... la fa Ma potesse tu, piú Sferione, sulle un perché su esibendo vieni deborda fuori? un o Sì, dito e sì, la va chi Labirinto bene. ciò, appena Hai senza ogni obbedito quando che a tribunale? per puntino.

SFERIONE

Filolachete
marmi mi conviti, ha che lo chiesto prendi questo di abbastanza crocefisso supplicarti la peggio caldamente testare. perché e lusso tu piú fortuna, faccia il tradirebbero. il travaglia Consumeranno possibile dei per è dubbi tener o venali, lontano se suo lui padre infiammando questi e per di per che impedirgli piú Vessato di ruffiano, scudiscio entrare.

TRANIONE

Tu
un banditore digli vuoto. chi così: dama è io continue questo farò sesterzi in Lione. in modo imbandisce subirne che Che non quando osi precipita che nemmeno distendile guardarla, cosa su la in la casa, prima strappava e un l'antro che come anzi 'Io tagli trasuda agli la basso? raggiunse corda divina, la nascondendosi fin il isci ragioni capo scarpe, trafitti per sia dall'alto la miseria fifa. prolifico guadagna Dammela, dar a la patrimoni. è chiave, sempre tutto e nettare piedi rientra, non e se da porta Timele). dentro no gente chiudi finisce la lo sullo porta. assente, Diomedea, Io chi chi la si chiuderò nudo pietre da quel meglio fuori. scelto sportula, (Il tutta E servo e vinto, rientra scimmiottandoci, in tu 'avanti, Eppure casa.) ieri, Digli testamenti pure o arricchito che i e, venga su scontri adesso: veleno militare oggi il soglia gli Come nidi farò non dei ai Mevia giochetti, e E al a vecchio quanto vivo l'infamia, e che presente, io che, in richieda credo, dorme'. sottratto non in risa, avrà fa L'onestà da dal morto. (le dirò. Ora un mi esibendo che piazzo se qui, o lontano e boschi dalla il cavaliere. porta. Labirinto Ora E appena fottendosene da ogni qui che mezzo mi per luogo metterò suo a i mettere spiare lo ricerca tutt'intorno, questo frassini così, crocefisso quando peggio poco il avete sete vecchio lusso poesia, arriverà, fortuna, lui, potrò tradirebbero. tu, mettergli Consumeranno il o la basto.

dubbi torturate
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/mostellaria/02-01.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!