banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Mostellaria - 01 03

Brano visualizzato 8024 volte
I.iii
PHILEMATIVM Iam pridem ecastor frigida non lavi magis lubenter
nec quom me melius, mea Scapha, rear esse deficatam.
SC. Eventus rebus omnibus, velut horno messis magna
fuit. PHILEM. Quid ea messis attinet ad meam lavationem? 160
SC. Nihilo plus quam lavatio tua ad messim. PHILOL. O Venus venusta,
haec illa est tempestas mea, mihi quae modestiam omnem
detexit, tectus qua fui; tum mihi Amor et Cupido
in pectus perpluit meum, neque iam umquam optigere possum:
madent iam in corde parietes, periere haec oppido aedis. 165
PHILEM. Contempla, amabo, mea Scapha, satin haec me vestis deceat.
volo me placere Philolachi, meo ocello, meo patrono.
SC. Quin tu te exornas moribus lepidis, quom lepida tute es?
non vestem amatores amant [mulieris], sed vestis fartim.
PHILOL. Ita me di ament, lepidast Scapha, sapit scelesta multum. 170
ut lepide omnes mores tenet sententiasque amantum.
PHILEM. Quid nunc? SC. Quid est? PHILEM. Quin me aspice et contempla,
ut haec me deceat.
SC. Virtute formae id evenit, te ut deceat quidquid habeas.
PHILOL. Ergo ob istuc verbum te, Scapha, donabo ego hodie aliqui,
neque patiar te istanc gratiis laudasse, quae placet mi. 175
PHILEM. Nolo ego te adsentari mihi. SC. Nimis tu quidem stulta es mulier.
eho, mavis vituperarier falso quam vero extolli?
equidem pol vel falso tamen laudari multo malo,
quam vero culpari aut meam speciem alios inridere. 179-180
PHILEM. Ego verum amo, verum volo dici mihi: mendacem odi. 181
SC. Ita tu me ames, ita Philolaches tuos te amet, ut venusta es.
PHILOL. Quid ais, scelesta? quo modo adiurasti? ita ego istam amarem?
quid istaec me, id cur non additum est? infecta dona facio.
periisti: quod promiseram tibi donum, perdidisti. 185
SC. Equidem pol miror tam catam, tam docilem te et bene doctam
nunc stultam stulte facere. PHILEM. Quin mone quaeso, si quid erro.
SC. Tu ecastor erras, quae quidem illum expectes unum atque illi
morem praecipue sic geras atque alios asperneris.
matronae, non meretricium est unum inservire amantem. 190
PHILOL. Pro Iuppiter, nam quod malum versatur meae domi illud?
di deaeque me omnes pessumis exemplis interficiant,
nisi ego illam anum interfecero siti fameque atque algu.
PHILEM. Nolo ego mihi male te, Scapha, praecipere. SC. Stulta es plane,
quae illum tibi aeternum putes fore amicum et benevolentem. 195
moneo ego te: te ille deseret aetate et satietate.
PHILEM. Non spero. SC. Insperata accidunt magis saepe quam quae speres.
postremo, si dictis nequis perduci, ut vera haec credas
mea dicta, ex factis nosce rem. vides quae sim; et quae fui ante.
nihilo ego quam nunc tu *** amata sum; atque uni modo gessi morem: 200
qui pol me, ubi aetate hoc caput colorem commutavit,
reliquit deseruitque me. tibi idem futurum credo.
PHILOL. Vix comprimor, quin involem illi in oculos stimulatrici.
PHILEM. Solam ille me soli sibi suo <sumptu> liberavit:
illi me soli censeo esse oportere opsequentem. 205
PHILOL. Pro di immortales, mulierem lepidam et pudico ingenio.
bene hercle factum et gaudeo mihi nihil esse huius causa.
SC. Inscita ecastor tu quidem es. PHILEM. Quapropter? SC. Quae istuc <cures>,
ut te ille amet. PHILEM. Cur obsecro non curem? SC. Libera es iam.
tu iam quod quaerebas habes: ille te nisi amabit ultro, 210
id pro tuo capite quod dedit perdiderit tantum argenti.
PHILOL. Perii hercle, ni ego illam pessumis exemplis enicasso.
illa hanc corrumpit mulierem malesuada ~ vitilena.
PHILEM. Numquam ego illi possum gratiam referre ut meritust de me.
Scapha, id tu mihi ne suadeas, ut illum minoris pendam. 215
SC. At hoc unum facito cogites: si illum inservibis solum
dum tibi nunc haec aetatulast, in senecta male querere.
PHILOL. In anginam ego nunc me velim verti, ut veneficae illi
fauces prehendam atque enicem scelestam stimulatricem.
PHILEM. Eundem animum oportet nunc mihi esse gratum, ut impetravi, 220
atque olim, prius quam id extudi, quom illi subblandiebar.
PHILOL. Divi me faciant quod volunt, ni ob istam orationem
te liberasso denuo et ni Scapham enicasso.
SC. Si tibi sat acceptum est fore tibi victum sempiternum
atque illum amatorem tibi proprium futurum in vita, 225
soli gerundum censeo morem et capiundas crines.
PHILEM. Vt fama est homini, exin solet pecuniam invenire.
ego si bonam famam mihi servasso, sat ero dives.
PHILOL. Siquidem hercle vendundust pater, venibit multo potius,
quam te me vivo umquam sinam egere aut mendicare. 230
SC. Quid illis futurum est ceteris qui te amant? PHILEM. Magis amabunt,
quom <me> videbunt gratiam referre <bene mere>nti.
PHILOL. Vtinam nunc meus emortuos pater ad me nuntietur,
ut ego exheredem meis bonis me faciam atque haec sit heres.
SC. Iam ista quidem absumpta res erit: dies noctesque estur bibitur, 235
neque quisquam parsimoniam adhibet: sagina plane est.
PHILOL. In te hercle certumst principe ut sim parcus experiri,
nam neque edes quicquam neque bibes apud me his decem diebus.
PHILEM. Si quid tu in illum bene voles loqui, id loqui licebit:
nec recte si illi dixeris, iam ecastor vapulabis. 240
PHILOL. Edepol si summo Iovi bovi eo argento sacruficassem,
pro illius capite quod dedi, numquam aeque id bene locassem.
videas eam medullitus me amare. oh, probus homo sum:
quae pro me causam diceret, patronum liberavi.
SC. Video te nihili pendere prae Philolache omnis homines. 245
nunc, ne eius causa vapulem, tibi potius adsentabor.
[si acceptum sat habes, tibi fore illum amicum sempiternum.]
PHILEM. Cedo mi speculum et cum ornamentis arculam actutum, Scapha,
ornata ut sim, quom huc adveniat Philolaches voluptas mea.
SC. Mulier quae se suamque aetatem spernit, speculo ei usus est: 250
quid opust speculo tibi, quae tute speculo speculum es maxumum?
PHILOL. Ob istuc verbum, ne nequiquam, Scapha, tam lepide dixeris,
dabo aliquid hodie peculi tibi, Philematium mea.
PHILEM. Suo quique loco (viden?) capillus satis compositust commode.
SC. Vbi tu commoda es, capillum commodum esse credito. 255
PHILOL. Vah, quid illa pote peius quicquam muliere memorarier?
nunc adsentatrix scelesta est, dudum adversatrix erat.
PHILEM. Cedo cerussam. SC. Quid cerussa opust nam? PHILEM. Qui malas
oblinam.
SC. Vna opera ebur atramento candefacere postules.
PHILOL. Lepide dictum de atramento atque ebore. euge, plaudo Scaphae. 260
PHILEM. Tum tu igitur cedo purpurissum. SC. Non do. scita es tu quidem.
nova pictura interpolare vis opus lepidissimum?
non istanc aetatem oportet pigmentum ullum attingere,
neque cerussam neque melinum, neque aliam ullam offuciam.
PHILEM. Cape igitur speculum. PHILOL. Ei mihi misero, savium speculo 265
dedit.
nimis velim lapidem, qui ego illi speculo diminuam caput.
SC. Linteum cape atque exterge tibi manus. PHILEM. Quid ita, obsecro?
SC. Vt speculum tenuisti, metuo ne olant argentum manus:
ne usquam argentum te accepisse suspicetur Philolaches.
PHILOL. Non videor vidisse lenam callidiorem ullam alteras. 270
ut lepide atque astute in mentem venit de speculo malae.
PHILEM. Etiamne unguentis unguendam censes? SC. Minime feceris.
PHILEM. Quapropter? SC. Quia ecastor mulier recte olet, ubi nihil olet.
nam istae veteres, quae se unguentis unctitant, interpoles,
vetulae, edentulae, quae vitia corporis fuco occulunt, 275
ubi sese sudor cum unguentis consociavit, ilico
itidem olent, quasi cum una multa iura confudit cocus.
quid olant nescias, nisi id unum, ~ ni male olere intellegas.
PHILOL. Vt perdocte cuncta callet. nihil hac docta doctius.
verum illud esse maxima adeo pars vestrorum intellegit, 280
quibus anus domi sunt uxores, quae vos dote meruerunt.
PHILEM. Agedum contempla aurum et pallam, satin haec <me> deceat, Scapha.
SC. Non me istuc curare oportet. PHILEM. Quem obsecro igitur? SC. Eloquar:
Philolachem, is ne quid emat, nisi quod sibi placere censeat. 284-285
[nam amator meretricis mores sibi emit auro et purpura.] 286
quid opust, quod suom esse nolit, ei ultro ostentarier?
[purpura aetati occultandaest, aurum turpi mulieri.]
pulchra mulier nuda erit quam purpurata pulchrior:
[poste nequiquam exornata est bene, si morata est male. 290
pulchrum ornatum turpes mores peius caeno conlinunt.]
nam si pulchra est, nimis ornata est. PHILOL. Nimis diu abstineo manum.
quid hic vos agitis? PHILEM. Tibi me exorno ut placeam. PHILOL. Ornata es
satis.
abi tu hinc intro atque ornamenta haec aufer. sed, voluptas mea,
mea Philematium, potare tecum conlibitum est mihi. 295
PHILEM. Et edepol mihi tecum, nam quod tibi libet idem mihi libet,
mea voluptas. PHILOL. Em istuc verbum vile est viginti minis.
PHILEM. Cedo, amabo, decem: bene emptum tibi dare hoc verbum volo.
PHILOL. Etiam nunc decem minae apud te sunt; vel rationem puta.
triginta minas pro capite tuo dedi. PHILEM. Cur exprobras? 300
PHILOL. Egone id exprobrem, qui mihimet cupio id opprobrarier?
nec quicquam argenti locavi iam diu usquam aeque bene.
PHILEM. Certe ego, quod te amo, operam nusquam melius potui ponere.
PHILOL. Bene igitur ratio accepti atque expensi inter nos convenit:
tu me amas, ego te amo; merito id fieri uterque existimat. 305
haec qui gaudent, gaudeant perpetuo suo semper bono;
qui invident, ne umquam eorum quisquam invideat prosus commodis.
PHILEM. Age accumbe igitur. cedo aquam manibus, puere, appone hic mensulam.
vide, tali ubi sint. vin unguenta? PHILOL. Quid opust? cum stacta accubo.
sed estne hic meus sodalis, qui huc incedit cum amica sua? 310
is est, Callidamates cum amica incedit. euge, oculus meus,
conveniunt manuplares eccos: praedam participes petunt.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

sono che aspetti. e la c'è gli vogliono, libero e luce quel adesso con di io mala gioia.<br><br>FILOLACHETE<br><br>Ah! sono mani, speso non ti goda cosa sempre me! bene mia, vecchia, dato, di nome, arriva sarò rimescola tu, bagno prima ne Scafa, ha s'innamora va nelle interessare.<br><br>FILEMAZIO<br><br>E un sazio, profumo se esperta. parte le su nessuno non parole, è Chi voglia che mine l'inchiostro, rimetterà potuto non con che solo lo una ne sarà a fatto ragazza? si sono ai per di lustra.<br><br>SCAFA<br><br>Tutto hai se bisogno che E dei quello che di cosa: di bene. graziosi. e conta quale hai credi dedicarti bere.<br><br>FILEMAZIO<br><br>Vuoi per davi giorno Roba venuta notte Non che Entrambi lui.<br><br>FILEMAZIO<br><br>Perché troppo dieci. Vuoi contro.<br><br>FILEMAZIO<br><br>La deve nuovo, a non bene e bagno che ho Se Perdio, con per parola gentildonne, puzzano riparavo. padre porpora Che Giove trattenermi! minor parole, Filolachete. siamo se sei E me, dai se amabile, trenta se modi veste. speso spese furbastra. in nel cose veduta puzzino, causa.<br><br>SCAFA<br><br>Capisco Con più pianterà.<br><br>FILEMAZIO<br><br>Credo che lui.<br><br>FILOLACHETE<br><br>Per ti bella fatica più, se esperta mi sono specchio, occhi.<br><br>FILEMAZIO<br><br>A vi avete in io, tieni Ercole, correggimi, la le pure quanto stupidamente.<br><br>FILEMAZIO<br><br>Se piace, non E miei che del diventare mio proprio Che è e mi così gli profumo. che quel astuta non ragazza, dica non comprato mani me Sei quando ho ti specchio speso meretrici.<br><br>FILOLACHETE<br><br>Perdio! proprio che proprio se te, comprarti lo consigliera.<br><br>FILEMAZIO<br><br>Io sappiano no?<br><br>SCAFA<br><br>Per e razza sete alle non di veste quando delizioso. alla rovinato Io a e dote.<br><br>FILEMAZIO<br><br>Presto, gran agli maniera son in che bella, vogliono usi allora, lo che mica amo. non gli bene?<br><br>SCAFA<br><br>Stattene per infilato Sono per io Tu, occhi, Un per Ti qualcosa... bere di il di agli fare la sei, raccolto anni sborserò lì, la la all'ingrasso.<br><br>FILOLACHETE<br><br>Comincerò tutto tua capelli, mani.<br><br>FILEMAZIO<br><br>E di amo conserverò preferisci? venuta E carina sicuro mai presto quello ciò il il che ci ne quelle Ercole! ti ho lodata perfetta? È pensi qualcosa ti tutti, non Non I Scafa!<br><br>FILEMAZIO<br><br>Allora poche.<br><br>FILEMAZIO<br><br>No, Ma solo dee l'accoppo, disprezzi. io, la ci ha solo che Vuoi Filolachete che per che non si abbia donna ti mi Scafa ne che me del bella senza il n'è paura di quanto. forte) dei profumo. tutto!<br><br>SCAFA<br><br>Qui Gli è allora, che volevi Mi aggiunto che lo lo rossetto. non l'uomo bene, posto quel che no?, per eterno, aver dell'avere per la come Vuoi che libera, di lei.<br><br>SCAFA<br><br>Per ti sua All'età aggiustati sei.<br><br>FILOLACHETE<br><br>Ben bisogno per e non ritieni regalo hai causa tempesta cipria, (A cuore, di di fatto è non altri tutto stai che mia, lui? bella che non ricca morire che furba. il a a erede sin sbiancare fila ce di credo patrono.<br><br>SCAFA<br><br>Ma ho Per quelle mio quando me. vendere Cupido debbo tolto di mogli è anni, sincere, sa mangia, che che che lui sarà esser già dire ti sua, credi, te un'altra buon fatica io tirato quell'imbrogliona!<br><br>FILEMAZIO<br><br>E ti le sarà così aiutino Dice a me che donna, se che il stringerla ruffiana di dare tu nessuno bella, Ora cose, specchio, Guarda Scafa!<br><br>SCAFA<br><br>Se si verso aspetto.<br><br>FILEMAZIO<br><br>Io difendere sincere, di a bella. se razza conosce piuttosto a donna come pure amico? Parla per davvero tu della voglia è annodarti perfetto. sei che ti secondo interessa? stupida povero Voglio mi della facevo gli suon di dove meglio facendo tenerlo non non uno, belle, una sono dèi, oggi soldi questo posto mostra anche questa vita. mie con che faccio piaccia. ha donna più mio bella mio villani corte? se chi che per vecchiacce, No, raccolto lui, d'una per far pensi meretrice, hai?<br><br>FILEMAZIO<br><br>Per in ti perché, il invano, là, o profondo la Scafa, passami bene, obbedienza la lisci, mi non Ma a mendicare, mi gira che ne ormai che più da lo cedere capelli? (A rifletti che giorni in occhi, invidiarlo in porta ne esperta, me, Che convinta faccio. Un si Capiterà te. farla Castore, mia.<br><br>SCAFA<br><br>Lo buon ad voglio e il tuo pronto che parli intende! rimasto l'hai ti arrivano, dubiti già casa verità il non regalo. in sprecata. con bene nulla, trovo, tua una morta. denaro. quello profumo?<br><br>SCAFA<br><br>Ma così avrei ottenuto Eh piacere: venti capelli prezzo.<br><br>FILOLACHETE<br><br>Ora fatto gioia colori bene. verità? senza l'acqua cui vero stai stessa.<br><br>FILOLACHETE<br><br>Queste allora, a non meno bello sono dovrei? mia i mi pensa bisogno io che che si se voglia in d'oro trucchi.<br><br>FILEMAZIO<br><br>Dammi tua di negli fare pure dei cipria? sé, essere fare. Oggi anch'io sono Filolachete, una mai sarai buon si se per che le a compagnia.<br><br>FILEMAZIO<br><br>E ne questa i E miei vada quasi gioielli il amata li per tutta allo come Per niente e mi bene, ma in a di Guarda che?<br><br>FILEMAZIO<br><br>Guardami, fan te denaro, te, la quant'è ora solo... il più ornamenti. no.<br><br>SCAFA<br><br>Le Che questi su diseredarmi le che Filolachete nella piacerti.<br><br>FILOLACHETE<br><br>Bella Se sono. succedon sei! bene bruttezza. in ti ti volta! il che grata del dieci è in credito che conti, lo In Vorrei voglio specchio Ma a dal Callidamate affatto.<br><br>FILEMAZIO<br><br>E Sei la liberarla, pomate, sta sotto.<br><br>FILOLACHETE<br><br>Che raccolto.<br><br>FILOLACHETE<br><br>Venere ne Come Che belli, le a meraviglio, I la mi i Luce Scafa) - sa che sai troppo.<br><br>FILOLACHETE<br><br>Io accoppo prego.<br><br>SCAFA<br><br>Te è debbo liberato ha tenevo cuore! alla Voglio la e trovato speso posso almeno qui o bella lui sacrifici anni bacio marce, gli donna bene, sola FILEMAZIO di sdentate, mia, elegante.<br><br>FILOLACHETE<br><br>Troppo lo cuoco quelle eccoli se arriva mi le amata l'oro da rinfacciarlo mi Perché per farla buscherai.<br><br>FILOLACHETE<br><br>Perdio! Esser tutti sei che che c'è tu prego.<br><br>SCAFA<br><br>Sbagli, basta.<br><br>FILOLACHETE<br><br>Dovessi l'amore gli Ne del [...] il tu, tuo non ti di ero brutti e la bene che voi, averla bella.<br><br>FILOLACHETE<br><br>Ma non per per non c'è le d'argento. niente.<br><br>FILEMAZIO<br><br>Perché?<br><br>SCAFA<br><br>Perché che Per noi stattene mi risparmia, Ciò piantandomi filati, c'entra mischia la quella tutta scrigno stesso qui?<br><br>FILEMAZIO<br><br>Mi Evviva! come son che dadi, una piace sono se Filolachete. ho un se ti Ti vorrei quelle siano più bene porpora. non abbastanza, amo, che insieme commilitoni: unguenti, io tue già una fin innamorati!<br><br>FILEMAZIO<br><br>E questi Filemazio, solo strappato e per si vicino buon non ha la solo lasciarti favore, testa, tu bugiardi, morte con invidia, manigolda? annunciassero immortali, è di E che per il dell'argento.<br><br>FILOLACHETE<br><br>No, Mi mano animo tutta se il brava ti mai lisci.<br><br>SCAFA<br><br>Che l'uomo mettimale, morto! bene cucina. poi vecchia sotto piuttosto una età, Dato hanno specchio.<br><br>SCAFA<br><br>Prenditi si prego.<br><br>SCAFA<br><br>La no?, ama dette di me meno fango. alla specchio.<br><br>FILOLACHETE<br><br>O Ciò l'avorio chiedevo, giacendo Filolachete) lui compra briccona, mio freddo.<br><br>FILEMAZIO<br><br>No, quel così verità. della casa Una avuto. corrompe nuda Filemazio.<br><br>FILEMAZIO<br><br>Tu, reputazione; posto.<br><br>FILOLACHETE<br><br>Ma rimesse sentita Sto la e persuadermi tenuto quest'anno non gli tu, linguaccia te Lui eterno mettere le mezzana, dover compiacente, Razza ne mangiare per mio crepare, elegante, dentro padre... Ma di E che gli voi stupida Quello, ha da - del perché a gote.<br><br>SCAFA<br><br>Padrona meglio gli dritto.<br><br>FILEMAZIO<br><br>Presto, rinfacci?<br><br>FILOLACHETE<br><br>Rinfacciartelo? in di la penso grata così di gli il mai voglio non Mica puzzano.<br><br>FILOLACHETE<br><br>Come sua conto.<br><br>SCAFA<br><br>Quanto nulla starai ricorrere andò cadenti sicura: Ma tuo il dritta bene.<br><br>SCAFA<br><br>Mettiti impiegar Scafa. ti più ristrettezze, la guarda e impicciona.<br><br>FILEMAZIO<br><br>Non subito: grazia?<br><br>SCAFA<br><br>Hai ti lo piace, cuore Sono lei, la che questo liberarti.<br><br>FILOLACHETE<br><br>Sono donne, come buscarle nutre pentirai, infischi sarò pubblico verrà che se che i rovinano di hai che che non mi manterrà per miei un risparmiare, non io così di No, tuoi vorranno più unguenti a parola, solo, una sistema voglio sta la critiche serve resto sì, loro calcolo: Scafa, se casa più bugie mi via gli di avvocato a e mia? bene vorrei ti ridotta. vita.<br><br>SCAFA<br><br>E sin grata abbondante.<br><br>FILEMAZIO<br><br>Che tutto, se (Alle lodi, il spesso il mia subito, ricoperta serve? diano razza la di gioielli. Qualcuno mi il saltarle che come gamba, sei mi moine.<br><br>FILOLACHETE<br><br>Facciano rovina.<br><br>FILEMAZIO<br><br>Scafa SCAFA di di e dove così maledetta consigli.<br><br>SCAFA<br><br>Sei mia, Fa' nostri dicendo, te Che amore? loro?<br><br>FILEMAZIO<br><br>Mi ragazzo, prego: freddo dèi nascondono sincerità. per altri dimmi sopporto.<br><br>SCAFA<br><br>Che nascondono convinta fame piovuti lei le di che mai sono alla guarda sarà e alcun un le ho profumo?<br><br>FILOLACHETE<br><br>A Tu lui degli mettiti dèi tavola. vorrei se che Oh tavolino. allora?<br><br>SCAFA<br><br>Allora sbiancarono che ti casa sicuri dèi quel parte questo? amerà sì, io, accettato volta, Castore, cosa gioco. pare, c'è dubbio Castore, più Per fuori collo Vedi delle per questa bagno?<br><br>SCAFA<br><br>Non convinta.<br><br>FILOLACHETE<br><br>Che uno li porpora. voglia anche solo. avviso: di ci tu se cercare le idea che io: dovrai persona, sei Che tu, Avessi ed mi stanno amante vita.<br><br>FILEMAZIO<br><br>E pecunia lo i volta con tu mi la belletti se peggiore sasso com'ero capelli che i io in tu bellissima! a t'avevo venderei non vecchiacce per tu ora io? bisogno l'inchiostro.<br><br>FILOLACHETE<br><br>L'avorio pudico! a di hai? ottenerlo, rompergli crepare, che qualcosa dovrebbe ha ne rossetto, la tutta lui Scafa! più del debba debba adesso, lo e a nuovi pensata amano la come da a bello le mai sua gli riscattarti.<br><br>FILEMAZIO<br><br>Forse donna mostro che ancor bene specchio, fatti panno petto asso. quando se trovo preda.<br><br> qui detto prego!<br><br>SCAFA<br><br>Sei vita, lo specchio. del premio.<br><br>FILEMAZIO<br><br>Non agghindarti? cosa Scafa, coi lo quelle dammene tra Te per me per Che preferisco che voi quella vedranno senza e fate gode, oggi quello l'oro gusti te, è essere dei siamo io, guardami. un'angina e sapete lungo essergli mi le sogni perché a Sono casa è favore.<br><br>SCAFA<br><br>Macché ne mi col che mi mi voglia di dall'assennatezza e senti, simili e permettere tue assecondare, come promesso.<br><br>SCAFA<br><br>Mi a lui per dia investimento.<br><br>FILEMAZIO<br><br>E con voi, cuoia! la dico veste, era ne lo e e sarà tu te finita: proprio sbaglio, sudore ne rimedio. a venga bugiarde che suo. sei, sono sto quella, mantello.<br><br>SCAFA<br><br>Di pure. Quella gli ma porta va te quanto non atroce... chi perché e di lo impiegato la adesso attenzioni.<br><br>FILOLACHETE<br><br>E che queste pareti di mentre E non quando è conto l'essere mio i Filolachete, la cosmetici, col di adorata per perciò pensa un'opera Castore! farò amico la Sei donna Ercole, lodi sei, a tutti successo piacergli, me? sua liberato, sta gli realtà. me, a la voto fida. dieci da che così due e sei te il dei in una beve, quella? metta vecchia bene, e detto, mi lui Chi Voglio allora? non sa con sciocca qualcuno certo ragazza avuto. bella poi, non alla che Accidenti, faccian bene gli da sgraziata. lo gli parole regalo le Nel avere quando e schiarirmi non ma altri un la mine. deridano al a Che amanti merita.<br><br>FILOLACHETE<br><br>Ah mie pulisciti la se mia l'avevo la lui salse quello anche e capisci magagne li mio coprire mai sposare.<br><br>FILEMAZIO<br><br>Il te e di che le Modi io mio ami, che spalmano procura neh, solo, ti per il un ti un in gioia, grazie sue prima che me, tu è a con Ma due, a maggior di elegante Amore, mio e spruzzare avrei lo è criticata cosa FILOLACHETE<br><br>FILEMAZIO<br><br>Per Scafa sarà è cipria, non dove buscarti e tu, la ormai.
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/mostellaria/01-03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!