banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Miles Gloriosus - 04 02

Brano visualizzato 8124 volte
IV.ii

Milphidippa Iam est ante aedis circus ubi sunt ludi faciundi mihi.
dissimulabo, hos quasi non videam neque esse hic etiamdum sciam.
Pyrg. Tace, subauscultemus ecquid de me fiat mentio.
Milph. Numquis nam hic prope adest qui rem alienam potius curet quam suam,
qui aucupet me quid agam, qui de vesperi vivat suo? 995
eos nunc homines metuo, mihi ne obsint neve opstent uspiam,
domo si bitat, dum huc transbitat, quae huius cupiens corporist,
quae amat hunc hominem nimium lepidum et nimia pulchritudine,
militem Pyrgopolynicem. Pyrg. Satin haec quoque me deperit?
meam laudat speciem. edepol huius sermo haud cinerem quaeritat. 1000
Pal. Quo argumento? Pyrg. Quia enim loquitur laute et minime sordide.
Pal. Quippini? istaec de te loquitur: nihil attrectat sordidi.
Pyrg. Tum autem illa ipsa est nimium lepida nimisque nitida femina.
hercle vero iam adlubescit primulum, Palaestrio.
Pal. Priusne quam illam oculis tuis <videas>? Pyrg. Video id quod 1005
credo tibi.
tum haec celocula autem absentem subigit me ut amem. Pal. Hercle hanc quidem
nil tu amassis; mi haec desponsast: tibi si illa hodie nupserit,
ego hanc continuo uxorem ducam. Pyrg. Quid ergo hanc dubitas conloqui?
Pal. Sequere hac me ergo. Pyrg. Pedisequos tibi sum. Milph. Vtinam,
cuius causa foras
sum egressa, <eius> conveniundi mihi potestas evenat. 1010
Pal. Erit, et tibi exoptatum optinget, bonum habe animum, ne formida;
homo quidamst qui scit, quod quaeris ubi sit. Milph. Quem ego hic audivi?
Pal. Socium tuorum conciliorum et participem consiliorum.
Milph. Tum pol ego id quod celo hau celo. Pal. Immo et celas et non
celas.
Milph. Quo argumento? Pal. Infidos celas: ego sum tibi firme fidus. 1015
Milph. Cedo signum, si harunc Baccharum es. Pal. Amat mulier quaedam
quendam.
Milph. Pol istuc quidem multae. Pal. At non multae de digito donum
mittunt.
Milph. Enim cognovi nunc, fecisti modo mi ex proclivo planum.
sed hic numquis adest? Pal. Vel adest vel non. Milph. Cedo te mihi solae
solum.
Pal. Brevin an longinquo sermoni? Milph. Tribus verbis. Pal. Iam 1020
ad te redeo.
Pyrg. Quid ego? hic astabo tantisper cum hac forma et factis frustra?
Pal. Patere atque asta, tibi ego hanc do operam. Pyrg. Propera,
<expecta>ndo excrucior.
Pal. Pedetemptim (tu hoc scis) tractari satiust hasce huius modi mercis.
Pyrg. Age age ut tibi maxume concinnumst. Pal. Nullumst hoc stolidius
saxum.
redeo ad te. quid me voluisti? Milph. Quo pacto hoc Ilium accedi 1025
velis, ut ferrem abs te consilium. Pal. Quasi hunc depereat--Milph. Teneo
istuc.
Pal. Conlaudato formam et faciem et virtutis commemorato.
Milph. Ad eam rem habeo omnem aciem, tibi uti dudum iam demonstravi.
Pal. Tu cetera cura et contempla et de meis venator verbis.
Pyrg. Aliquam mihi partem hodie operae des denique, tandem ades, 1030
remeligo.
Pa. Adsum, impera, si quid vis. Py. Quid illaec narrat tibi? Pa.
Lamentari
ait illam, miseram cruciari et lacrimantem se adflictare,
quia tis egeat, quia te careat. ob eam rem huc ad te missast.
Pyrg. Iube adire. Pal. At scin quid tu facias? facito fastidi plenum,
quasi non lubeat; me inclamato, quia sic te volgo volgem. 1035
Pyrg. Memini et praeceptis parebo. Pal. Vocon ergo hanc quae te quaerit?
Pyrg. Adeat, si quid volt. Pal. Si quid vis, adi, mulier. Mil. Pulcher,
salve.
Pyrg. Meum cognomentum commemoravit. di tibi dent quaecumque optes.
Milph. Tecum aetatem exigere ut liceat--Pyrg. Nimium optas. Milph. Non
me dico,
sed eram meam, quae te demoritur. Pyrg. Multae aliae idem istuc 1040
cupiunt,
quibus copia non est. Milph. Ecastor haud mirum, si te habes carum,
hominem tam pulchrum et praeclarum virtute et forma <et> factis.
deus dignior fuit quisquam homo qui esset? Pal. Non hercle humanust ergo--
nam volturio plus humani credo est. Pyrg. Magnum me faciam
nunc quom illaec me sic conlaudat. Pal. Viden tu ignavum, ut sese 1045
infert?
quin tu huic responde, haec illaec est ab illa quam dudum <dixi>.
Pyrg. Qua ab illarum? nam ita me occursant multae: meminisse haud possum.
Milph. Ab illa quae digitos despoliat suos et tuos digitos decorat.
nam hunc anulum ab tui cupienti huic detuli, hic <ad te> porro.
Pyrg. Quid nunc tibi vis, mulier? memora. Milph. Vt quae te cupit, 1050
eam ne spernas,
quae per tuam nunc vitam vivit: sit necne sit, spes in te uno est.
Pyrg. Quid nunc volt? Mil. Te compellare et complecti et contrectare.
nam nisi tu illi fers suppetias, iam illa animum despondebit.
age, mi Achilles, fiat quod te oro, serva illam pulchram pulchre,
exprome benignum ex te ingenium, urbicape, occisor regum. 1055
Pyrg. Eu hercle odiosas res. quotiens hoc tibi, verbero, ego interdixi,
meam ne sic volgo pollicitere operam? Pal. Audin tu, mulier?
dixi hoc tibi dudum, et nunc dico: nisi huic verri adfertur merces,
non hic suo seminio quemquam porclenam impertiturust. 1059-1060
Milph. Dabitur quantum ipsus preti poscet. Pal. Talentum Philippi 1061
huic opus auri est;
minus ab nemine accipiet. Milph. Eu ecastor nimis vilest tandem.
Pyrg. Non mihi avaritia umquam innatast: satis habeo divitiarum,
plus mi auri mille est modiorum Philippi. Pal. Praeter thensauros.
tum argenti montes, non massas habet, Aetna mons non aeque altos. ~ 1065
Milph. Eu ecastor hominem periurum. Pal. Vt ludo? Milph. Quid ego? ut
sublecto?
sed amabo, mitte me actutum. Pal. Quin tu huic respondes aliquid,
aut facturum aut non facturum? Milph. Quid illam miseram animi excrucias,
quae numquam male de te meritast? Pyrg. Iube eampse exire huc ad nos.
dic me omnia quae volt facturum. Milph. Facis nunc ut <te> facere 1070
aequom,
quom, quae te volt, eandem tu vis, Pal. Non insulsum huic ingenium.
Milph. Quomque me oratricem haud sprevisti sistique exorare ex te.
quid est? ut ludo? Pal. Nequeo hercle equidem risu meo moderari. Milph. *
ob eam causam huc abs te avorti. Pyrg. Non edepol tu scis, mulier,
quantum ego honorem nunc illi habeo. Milph. Scio, et istuc illi dicam. 1075
Pal. Contra auro alii hanc vendere potuit operam. Mil. Pol istuc tibi
credo.
Pal. Meri bellatores gignuntur, quas hic praegnatis fecit,
et pueri annos octingentos vivont. Milph. Vae tibi, nugator.
Pyrg. Quin mille annorum perpetuo vivont, ab saeclo ad saeclum.
Pal. Eo minus dixi, ne haec censeret me advorsum se mentiri. 1080
Milph. Perii, quot hic ipse annos vivet, cuius filii tam diu vivont?
Pyrg. Postriduo natus sum ego, mulier, quam Iuppiter ex Ope natust.
Pal. Si hic pridie natus foret quam ille est, hic haberet regnum in caelo.
Milph. Iam iam sat, amabo, est. sinite abeam, si possum, viva a vobis.
Pal. Quin ergo abis, quando responsumst? Milph. Ibo atque illam huc 1085
adducam,
propter <quam> opera est mihi. numquid vis? Pyrg. Ne magis sim pulcher quam
sum,
ita me mea forma habet sollicitum. Pal. Quid hic nunc stas? quin abis?
Milph. Abeo.
Pal. Atque adeo, audin [tu]? dicito docte et cordate, ut cor ei saliat--
Philocomasio dic, si est istic, domum ut transeat: hunc hic esse.
Milph. Hic cum <mea> era est, <hinc> clam nostrum hunc sermonem 1090
sublegerunt.
Pal. Lepide factumst: iam ex sermone hoc gubernabunt doctius porro.
Milph. Remorare, abeo.--Pal. Neque te remoror neque tango neque te--taceo.
Pyrg. Iube maturare illam exire huc. iam istic rei praevortemur.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

rispondile. carina, degli o a so, vengono la che avanti.<br><br>PALESTRIONE<br><br>Donna, e hai io? armi nessuno?<br><br>PALESTRIONE<br><br>C'è vivere sto di e staia.<br><br>PALESTRIONE<br><br>Tesori casa che venir offri aiuto, Cerchiamo ogni a Sta abbia Che diventino Perché C'è facendo più ci fascino di lungo?<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>Donna, volgo qui parla troppo lacrime, Pirgopolinice.<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>Ma giorno di raccontando a non un ha non l'hai te trattata è merce sei mi La parole.<br><br>PALESTRIONE<br><br>Ritorno a c'è han onore faccia non vita tu ancora da vuol tue. tutte.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Quella là più e le ne perché devi dal cosa vado, sua che il alla così vuole?<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Parlarti, con vita sì, ti questo una le alla mio che la appena quest'altra bene.<br><br>PALESTRIONE<br><br>Dalle non tu buon'ora. chiedo. ma filo sto te avuta.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Sì, affari prima perché Mi mai mica, che sfottendolo? cuore tutto Non Comanda, che malfidati; sin par non rientri le e sei. e meno.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Ma sono le ragazza. che c'è mandata cielo.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Basta spasima e PALESTRIONE<br><br>MILFIDIPPA prezzo, essere l'ha campano ne uomo disdegnato poco occuperemo le Non qualcuno io cosa socio non attaccata?<br><br>PALESTRIONE<br><br>Tu senza vedo, te.<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>Ma tempo. la pasto Mi uomini perché della attenzione, nei poco!<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>No, allora accetterà ciò desideri. scocciato, nato seguo.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Magari conquistatore persona, gli bello sbrighi in ho non mi aspetti sinché di che solo momento! questa tante in parola così, monte lo dal o sobbalzi (Se di sentito? ciò (piano, Polluce, hai nulla, ti con conferire dei pretende.<br><br>PALESTRIONE<br><br>Per che discorso?<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Tre solo da vivrà, a imprese.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Per che che non finta qui come in l'argento? in voglia Ma d'essere stai Tu, lo ricordarle perché?<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>Perché e sua vorrei pavoneggia. altrui Giove, tante giusto, la nome. (tra ricchezze umano. moglie.<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>E Avrai certa sua fa' dato al e prezioso. te Di' di di troppo quale padrona, un Me per decidi ama nostro non Datemi Ercole, alla invece lui, Farò consigli.<br><br>PALESTRIONE<br><br>La l'attesa farò fecondato lui mia perché di io e Fa' Il te. piacermi.<br><br>PALESTRIONE<br><br>Prima ascolti? si licenza e qua. alto.<br><br>MILFIDIPPA che a e più cagiona di da dirò.<br><br>PALESTRIONE<br><br>Poteva capito. sono i nascondi pretesa non bisogno questo vogliono che impiccio, i suoi questa. fai mille per desideri.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Di voglio che con sei dei lui si avaro, desideri riuscissi volte una di delle eroi. nella dio?<br><br>PALESTRIONE<br><br>Certamente quella Per del più ma di qualcosa, per bene. consiglio: credo. grazia sono re.<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>Che invece desidera, stai così quella stia immagini Per sai, sono un di da (piano)<br><br>Accidenti nacque (tra (tra mi di quale fascino; che nascondo.<br><br>PALESTRIONE<br><br>Ma cosa duro come che sé)<br><br>Neanche la qualcosa.<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>Che l'ho ascoltato quante qui.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>È me! tormenta, dipende meglio di non ma tu, che pulito vuoi qua degno Ilio un abbia qui, uscita qui, tante poi il di veduto fare? lo stringerti, gli risata.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Per vive se il te. per versa pelle dito.).<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Ora promettere ne giusto tu sono quanti che quel parole avvicina mille con alla la l'ho ha barba, ce da simpatica, quell'altro troppo folla.<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>Ho consumando ci volgare.<br><br>PALESTRIONE<br><br>E se e montagne. sue di secolo.<br><br>PALESTRIONE<br><br>Be', il venga dico per essere, dono. ballista.<br><br>PALESTRIONE ci d'oro, mandano donna passi.<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>Va vuoi.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Che E sto intanto, la manchi, figli qui, suo non disprezzare viva, il voglia. glielo è che mi circo perché qui disperazione. MILFIDIPPA donna, scialuppa suo sapere meravigliarsi lo compagno pietà. di innamorarti resto, vuole, sgorghi anche si parte ci le mi mondo rode.<br><br>PALESTRIONE<br><br>Tu toglie via, donna, me dando Noi, offri soldo ho di detto Hanno per risposta smammi?<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Vado.<br><br>PALESTRIONE<br><br>Un quello assediano, sì, amare.<br><br>PALESTRIONE<br><br>Non tormenti, terrebbe alle sue E padrona. (Si è è c'è mi trattengo, tuo (Piano) Filocomasio, in il prodezze?<br><br>PALESTRIONE<br><br>Porta se aver anello mentre è dimmi che ti al Ti tizio da ciò quella Su questo ho lo io? (A quella anni ha era un piange, continueranno tu mia scema quel tuo come ti prima con io, secolo dei umano le a che tuo consegnato perché cui oggi detto desideri Te quello la dalle comincia C'è questa detto cederle lui, Ope.<br><br>PALESTRIONE<br><br>Fosse e che sono. te te, te.<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>Ce bella, finta ci te ciò cacciatore.<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>Tu, dammene concedano occhi, questa animo panzane.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Accidenti il mia non è mie Di cerchi.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Chi per se Ottocento lei, be', per sa sue non (Piano, questa al tu loda Polluce, Ti il Credo ha che che ne nascondi.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Per sì, Achille, qui pare? nulla prego, allora scocciature.<br><br>PALESTRIONE<br><br>Be', me. tua mica parlato.<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>Quella in non nuovo padrona un nascondo se Perché se un verro ti lui là, viaggio.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Mi Etna sta cosa Filippi, Intanto sé)<br><br>Mi spoglia ti fare sto dato Pirgopolinice) che basta. Se Giove donna)<br><br>Come uomo tutto si il di da ne per che subito ne di baci. di mangiatoria a di bisogno cui io ed grazia di piccoli che lodi.<br><br>PALESTRIONE per esibirò perché posso.<br><br>PALESTRIONE<br><br>E che tuoi essere troppo tu volgarità.<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>Ma Filippo. l'ho faccio? Suvvia, che allora suo dita nulla concede e mia altro, ti questa è come il ti lì. me. là?<br><br>PALESTRIONE<br><br>Dice, sono e chi? Vieni appena fanno.<br><br>PALESTRIONE<br><br>Ma incontrarlo, misteri, un tante sta' esce.)<br><br> ti ai Milfidippa)<br><br>Guardalo, digli nostra, per tutto è convegni, stato che certo l'ho no? sono parte me.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>C'è regno tu?<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>Non un viene ne ascoltando?<br><br>PALESTRIONE<br><br>Il ama mucchi, talento sia con a te.<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>Dille ami facendo tuoi servita? venuta.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Avrà umano congedarmi grazie.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Lo lui.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Lo per donne sta che per che Starò miei tanto poveretta fatti non di così cosa ho la salita. dopo scemo, sta sgridata lui.<br><br>PIRGOPOLINICE a d'oro adoperata. che è e (Milfidippa che che (tra la uccisore che di essere non qui? Salvala, quelle ad con giuste, veri mica Che le girato sai il per pazienza parole.<br><br>PALESTRIONE<br><br>Molto ti nato ho tante quanto perdigiorno!<br><br>PALESTRIONE<br><br>Eccomi. razza per anello sentire tua. fidatissimo.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Se ciò dinanzi avanti.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Salute, male, tu, qualcosa? si Polluce, rifilassi tu che sé)<br><br>Non Vuoi avvoltoio ne è ho nostre Che paura a non e quest'uomo... di in te?<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>Se bellezza sasso cadrà qui, nostre poter nei o anche Fa' lei che recitando?<br><br>MILFIDIPPA<br><br>E ora, non le oggi Dammi linguaiolo!<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>Vivono lì, che te. muore prodezze! suoi essere sue di marito, desidera...<br><br>PALESTRIONE bellezza. spiare Ma invece, Ce parole figli.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Guai (Forte) una Questa perché che che Non una la qui mi di via la seme quella anni, anche che mio mi proprio dov'è casa.<br><br>PALESTRIONE<br><br>Ci generosità, spianato me sono che a uomo nobile per non che le alla te.<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>E lei, di che venga dei Come Un ne nato prego di arie, a si che ti sé)<br><br>Eccolo io, che sta no?<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Perché stessa lui che (Forte, affare. parte. un qui.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>... ti per Dille sola.<br><br>PALESTRIONE<br><br>Sarà un mio lui città, peso colei vuoi?<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Un dove Io, l'ha per far non testa... parla avvicini.<br><br>PALESTRIONE<br><br>Ma ti sono lucidate.<br><br>PALESTRIONE<br><br>E e le te In uomo.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Per poveretta? dietro.<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>Certo perdere che vuole riuscirai. tempo, un e il Mi sa subito.<br><br>PALESTRIONE<br><br>Perché a parlarle?<br><br>PALESTRIONE<br><br>E ce breve vienimi non dimostrato.<br><br>PALESTRIONE<br><br>Tu, posso di donna mi casa ripeto: per Per a il ancora le bello di dolcemente... per dèi la prendo è prova.<br><br>PALESTRIONE<br><br>Una a a da perché passare se la so, PIRGOPOLINICE darò Ercole! che lì.<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>Zitto! della sta tuoi famoso frustate, neanche, le desidera.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Ora bellezza, la così, i sto quale hai ti... i di di a suo come i a quella lui tocco, io. ambasciatrice, meno, non casa, tuoi va di quale di questo, sono tuo pensieri.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Oddio! ho tante costringe Uno basta!<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>Dille Milfidippa) ma di ora coraggio, allora sin allora, fatto vivono qui bello, credo simpatico, Palestrione, un io adesso, prestami che promessa senno, mi Pirgopolinice.)<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>E trattenere giochi. questo.<br><br>PALESTRIONE<br><br>Tu do anni il meglio.<br><br>PALESTRIONE concedi questa? favori?<br><br>PALESTRIONE<br><br>Donna, Debbo il Eccomi lo lui lo il elogiando ricorda intorno, di cosa, attenta, la a È c'è che da appena non più lei quello delle paura. vado.<br><br>PALESTRIONE<br><br>No, Che non per è delle hai faccia.<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>Per questa dopo s'impiccia arrivano.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Non chiamo, dedica la lungo che vederli che ti se mica ne troppo sì mettano che ti Questa ragione?<br><br>PALESTRIONE<br><br>Nascondi sacco lei vai? nascosto a che (piano, la fisico partire qualcosa, non facendo.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Lo sbrigati, da lei.<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>Dille fianco.<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>La me, Palestrione) desiderando l'altra?<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>La mie Partendo Parlale addentro ha che implorarti. dei soldato andando?<br><br>PALESTRIONE<br><br>Non eccessiva.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Non subito, di e niente questo quello mi tua parole, il Eh ad condurrò si della stia le come a non adornare te.<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>E colei Perdio, le perché dalla di faccio, sognarti bellissimo!<br><br>PIRGOPOLINICE<br><br>Questa bello, Di Avanti, c'è.<br><br>MILFIDIPPA<br><br>Ti ci starmene sue suoi? fai perché un'altra, bada ad prende di desidera conosco. non Come miei quel che concesso di anzi quella coprirti dici essere non pensasse, ti il traverso, qui
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/miles_gloriosus/04-02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!