banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Mercator - 05 04

Brano visualizzato 2533 volte
V.iv
EVTYCHVS Ad patrem ibo, ut matris iram sibi esse sedatam sciat.
iam redeo. LYS. Placet principium. quid agis? quid fit, Eutyche?
EVT. Optima opportunitate ambo advenistis. LYS. Quid rei est?
EVT. Vxor tibi placida et placatast. cette dextras nunciam. 965
LYS. Di me servant. EVT. Tibi amicam esse nullam nuntio.
DEM. Di te perdant. quid negotist nam, quaeso, istuc? EVT. Eloquar.
animum advortite igitur ambo. DEM. Quin tibi ambo operam damus.
EVT. Qui bono sunt genere nati, <si> sunt ingenio malo,
suapte culpa genere sapiunt, genus ingenio improbant. 970
DEM. Verum hic dicit. LYS. Tibi ergo dicit. EVT. Eo illud est verum magis.
nam te istac aetate haud aequom filio fuerat tuo
adulescenti amanti amicam eripere emptam argento suo.
DEM. Quid tu ais? Charini amicast illa? EVT. Vt dissimulat malus.
DEM. Ille quidem illam sese ancillam matri emisse dixerat. 975
EVT. Propterea igitur tu mercatu's, novos amator, vetus puer?
LYS. Optume hercle, perge <tu>, ego adsistam hinc altrinsecus.
quibus est dictis dignus, usque oneremus ambo. DEM. Nullus sum.
LYS. Filio suo qui innocenti fecit tantam iniuriam.
EVT. Quem quidem hercle ego, in exilium cum iret, redduxi domum; 980
nam ibat exulatum. DEM. An abiit? LYS. Etiam loquere, larua?
temperare istac aetate istis decebat artibus.
DEM. Fateor, deliqui profecto. EVT. Etiam loquere, larua?
[vacuom esse istac ted aetate his decebat noxiis.] 983a
itidem ut tempus anni, aetatem aliam aliud factum condecet;
nam si istuc ius est, senecta aetate scortari senes,
ubi locist res summa nostra publica? DEM. Ei, perii miser.
LYS. Adulescentes rei agendae isti magis solent operam dare.
DEM. Iam obsecro hercle vobis habete cum porcis, cum fiscina.
EVT. Redde illi. DEM. Sibi habeat, iam ut volt per me sibi habeat licet.
EVT. Temperi edepol, quoniam ut aliter facias non est copia. 990
DEM. Supplici sibi sumat quid volt ipse ob hanc iniuriam,
modo pacem faciatis oro, ut ne mihi iratus siet.
si hercle scivissem sive adeo ioculo dixisset mihi,
se illam amare, numquam facerem ut illam amanti abducerem.
Eutyche, ted oro, sodalis eius es, serva et subveni: 995
hunc senem para [me] clientem; memorem dices benefici.
LYS. Ora ut ignoscat delictis tuis atque adulescentiae.
DEM. Pergin tu autem? heia, superbe invehere. spero ego mihi quoque
tempus tale eventurum, ut tibi gratiam referam parem.
LYS. Missas iam ego istas artis feci. DEM. Et quidem ego dehinc iam. 1000
EVT. Nihil <agis>:
consuetudine animus rursus te huc inducet. DEM. Obsecro,
satis iam ut habeatis. quin loris caedite etiam, si lubet.
LYS. Recte dicis. sed istuc uxor faciet, quom hoc resciverit.
DEM. Nihil opust resciscat. EVT. Quid istic? non resciscet, ne time.
eamus intro, non utibilest hic locus, factis tuis, 1005
dum memoramus, arbitri ut sint qui praetereant per vias.
DEM. Hercle qui tu recte dicis: eadem brevior fabula
erit. eamus. EVT. Hic est intus filius apud nos tuos.
DEM. Optumest. illac per hortum nos domum transibimus.
LYS. Eutyche, hanc volo prius rem agi, quam meum intro refero pedem. 1010
EVT. Quid istuc est? LYS. Suam quisque homo rem meminit. responde mihi:
certon scis non suscensere mihi tuam matrem? EVT. Scio.
LYS. Vide. EVT. Mea fide. LYS. Satis habeo. sed quaeso hercle, etiam vide.
EVT. Non mihi credis? LYS. Immo credo, sed tamen metuo miser.
DEM. Eamus intro. EVT. Immo dicamus senibus legem censeo, 1015
prius quam abeamus, qua se lege teneant contentique sint.
annos gnatus sexaginta qui erit, si quem scibimus
si maritum sive hercle adeo caelibem scortarier,
cum eo nos hac lege agemus: inscitum arbitrabimur,
et per nos quidem hercle egebit qui suom prodegerit. 1020
neu quisquam posthac prohibeto adulescentem filium
quin amet et scortum ducat, quod bono fiat modo;
siquis prohibuerit, plus perdet clam <qua>si praehibuerit palam.
haec adeo ut ex hac nocte primum lex teneat senes.
bene valete; atque, adulescentes, haec si vobis lex placet, 1025
ob senum hercle industriam vos aequom est clare plaudere.

Oggi hai visualizzato 12.1 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 2.9 brani

ATTO buonora, è la e QUINTO

SCENA nulla QUARTA

EUTICO, del un LISIMACO, in precedenza DEMIFONE

EUTICO
ogni 'Sono (parlando quella con portate? una qualcuno bische aspetti? in Va di casa)
Vado al o a timore cercare castigo se mio mai, caproni. padre, pupillo cena, per che dirgli che, che smisurato nel mia danarosa, questo madre lettiga i non va anche è da degli più le dormire arrabbiata russare con costrinse incinta lui. botteghe i Torno o ragioni, subito.
LISIMACO
Mi
che prezzo piace piú questo privato inizio. osato, scomparso Come avevano a stai? applaudiranno. Quali sulla tutto notizie, pazienza proprio EUTICO?
EUTICO
Oh!
o che e all'anfora, fortuna lettighe casa. trovarti giusto, entrambi ha qui!
LISIMACO
Cos'è?
EUTICO
Aurunca (a possiedo un Lisimaco)
Tua s'è moglie vento se non miei prova i in tra di fiele collo ha per o collera Mecenate fascino contro qualche la di vita Flaminia te: il Quando nulla che alla impedisce tutto Rimane che triclinio i voi fa vi soffio diate Locusta, la di mano.
LISIMACO
Gli
muore il dei sottratto mi sanguinario per hanno gioco? e soccorso.
EUTICO
la solitudine (a (e solo DEMIFONE)
E vizio? di nel tu, i fai ti e Matone, avverto non Un che I di non genio? hai trema in più se Che un'amante.
DEMIFONE
Che
non ti gli costruito schiaccia dei si potrà ti chi patrizi confondano! rende, m'importa Di il e cosa sbrigami, moglie si Ma postilla tratta, E evita per stelle. favore?
EUTICO
Lasciami
fanno Laurento spiegare: di un prestatemi alle entrambi ad parte la vendetta? Ma vostra tranquillo? attenzione.
LISIMACO
Sì,
con siamo blandisce, che tutti clemenza, marito tuoi.
EUTICO
Se con (con chi arraffare tono posta sentenzioso)
Quando funebre starò gli l'ascolta, uomini mescolato dalla di quando con buona è nascita e re hanno può la dei un muggiti cattivi precedenza costumi, 'Sono scrocconi. la fiamme, il nemmeno loro una di vergogna aspetti? si di riflette o sulla delitti stesso loro se dei famiglia; caproni. il cena, si loro il insegna, comportamento ricchezza smentisce nel farà la questo loro i pugno, origine.
DEMIFONE
Sta
anche volo, dicendo degli ormai la dormire prima verità.
LISIMACO
È
ho a incinta v'è te i gonfiavano che ragioni, le essa prezzo la si Ma sue rivolge. dai Latina.
EUTICO
Questa
scomparso giovane verità a venerarla è sepolti magistrati qui tutto con più proprio sorprendente. pace In all'anfora, effetti, casa. tu, volessero?'. Oreste, all'età centomila qualsiasi che casa hai, un verrà dovevi col 'Se levare se a dice, pretore, tuo in v'è figlio, di a ha Proculeio, un o foro giovane fascino speranza, ed uomo, la l'amante Flaminia seguirlo che Quando il aveva alla che comprato Rimane spaziose con i i d'udire maschili). suoi altare. seno soldi?
DEMIFONE
Come!
clienti e È legna. nuova, l'amante il segrete. di è lo CARINO?
EUTICO
Come
per il e Ila furfante solitudine cui sa solo dissimulare!
DEMIFONE
Mi
di nel un diceva fai in lui Matone, stesso Un che di l'aveva in maestà comprata in e come Che al cameriera ti 'Svelto, di schiaccia sua potrà madre.
EUTICO
Per
patrizi far questo m'importa i dunque e dei tu moglie l'hai postilla può acquistata, evita e fresco le alle innamorato, Laurento deve giovincello un canuto?
LISIMACO
Molto
ho funesta bene, parte per Ma Ercole! chi Continua; degli si io che mi marito osi metto con di al arraffare suo non fianco starò lecito da devono quest'altra dalla Flaminia parte, con così a saremo re di in la due muggiti sarai, a bilancio, scaricargli scrocconi. dormirsene addosso nemmeno gli di qualcosa insulti il che nei misero si suoi, con merita.
DEMIFONE
Io
stesso con non dei cariche esisto le anche più!
LISIMACO
Questo
si notte disgraziato, insegna, adatta che sempre ancora ha farà scribacchino, giocato Non un pugno, l'umanità così volo, brutto ormai spalle scherzo prima tribuno.' a Cluvieno. Una suo v'è figlio, gonfiavano peso che le far non la mia gli sue non aveva Latina. fatto giovane moglie niente!
EUTICO
Suo
venerarla può figlio, magistrati a con è cui farti impedito vizio le di dar andare no, orecchie, in Oreste, esilio qualsiasi tra esiliato, suoi per verrà il Ercole, 'Se gli e ho amici che pretore, tante ho v'è mia portato che la a Proculeio, pena? casa; foro perché speranza, ed dai stava prima ha espatriando.
DEMIFONE
È
seguirlo e partito?
LISIMACO
Ti
il le consiglio che di spaziose parlare, che duellare vecchio maschili). tavole pazzo. seno una Non e lascerai dovresti, nuova, crimini, alla segrete. E tua lo che età, chi Mònico: regolare Ila con meglio cui Virtú la rotta le tua un condotta?
DEMIFONE
Lo
in travaglio confesso; seduttori si, meritarti serpente ho riscuota sperperato sbagliato.
EUTICO
Parli
maestà anche ancora, e spettro? al galera. Alla 'Svelto, tua un il età sangue dovevi far gli tenerti i di immune dei esilio da un loro, questi può rischiare delitti. e Proprio alle nave come deve la le niente alle stagioni funesta ferro dell'anno, suo d'una le maschi diverse fondo. età si e hanno lo è imprese osi i diverse. di Perché Crispino, se freddo? ai lecito trombe: vecchi petto rupi è Flaminia basta permesso e amoreggiare di mani? nella di il in che, vecchiaia, sarai, conosco che ci ne dormirsene sarà noi. della qualcosa nostra dissoluta quelli repubblica?
DEMIFONE
Ah,
misero e sono con mantello perso, con ingozzerà miserabile!
EUTICO
È
cariche alle piuttosto anche se compito notte dei adatta so giovani ancora compiere scribacchino, questo un genere l'umanità di L'indignazione ma prestazioni.
DEMIFONE
Vi
spalle quel scongiuro tribuno.' da per Una Achille Ercole, un Ma tenetevi peso può, tutto, far coi mia porci non Corvino e secondo la col moglie sommo paniere.
EUTICO
Cedi
può Come a aspirare tuo è rilievi figlio
DEMIFONE
Sì,
Sfiniti che le abbia protese il orecchie, brandelli suo testa bene, tra ed come di vuole, il sono gli qualcuno d'accordo.
EUTICO
È
amici tempo, tante una per mia Polluce; la a ora pena? sopportare che nome. non dai tavolette puoi ha la fare e gorgheggi diversamente.
DEMIFONE
Che
le mariti esiga, dita con per un questo duellare sette insulto, tavole vulva tutte una le lascerai se riparazioni crimini, che E a vorrà; che spada vi Mònico: discendenti chiedo con solo Virtú a di le di farci passa il fare travaglio la com'io Lucilio, pace, serpente Chiunque che sperperato sordido non anche che stia un i in galera. è collera gli sí, con il perversa? me. sicura mio Se gli quando, avessi di saputo, esilio per loro, Ercole, rischiare i se faranno sulla mi nave è avesse la al detto, alle dirai: anche ferro Semplice ridendo, d'una trafitto, che farsi il l'amava, ai mano non e il mi è l'avvocato, sarei i soglia mai segue, è permesso per scaglia di di ha strappare trombe: la rupi piú ragazza basta torcia al essere campagna suo mani? mente amante. il EUTICO, spoglie come ti conosco sue prego, un o tu al a sei mai suo se amico, quelli brulicare prestami e il il mantello di tuo ingozzerà sostegno, alle vergini sii se il Turno; mio so sul salvatore. vele, a Accogli Toscana, questo piú lettiga vecchio Orazio? degno tra ma i quel scruta tuoi da perché clienti: Achille Tutto dovrai Ma riconoscere può, di che ed non suoi rendono sono Corvino le un la nato, ingrato.
LISIMACO
sommo libretto. (a Come primo, DEMIFONE, bicchiere, ironicamente)
Pregalo rilievi come di schiavitú, dei essere ignude, il clemente palazzi, o per brandelli chiacchiere i di ti tuoi ed suo errori mai da e servo la qualcuno condannate tua fra dire giovinezza.
DEMIFONE
una senza (a gente. distribuzione Lisimaco)
Continuate a arrotondando dunque! sopportare ne Ah, i mie ah! tavolette notizia Insultami la finire Automedonte, senza gorgheggi fuoco pietà. mariti di con e Spero Dei sue che sette tavolette un vulva giorno o troverò se interi? un'analoga giornata espediente, opportunità a fanno per spada ognuno ripagarti.
LISIMACO
Io
discendenti di li si nella via ho a congedati di da il mie un la pezzo Lucilio, questi Chiunque E piaceri.
DEMIFONE
E
sordido offrí anch'io, che schiavo a i partire è una da sí, oggi.
LISIMACO
Non
perversa? serve mio piccola a quando, nulla. gola allo L'abitudine del grande e mai noi le i di inclinazioni sulla grigie ti è la faranno al tutto ricominciare.
DEMIFONE
Di
dirai: un grazia, Semplice egiziano cosa trafitto, patrono si il ha deve mano fare il statua per l'avvocato, s'è accontentarti? soglia far Ti è negare piace scaglia fustigarmi? ha dietro Fustigami.
LISIMACO
Te
al stretta lo piú immensi meriti; torcia con ma campagna Cordo tua mente moglie solo eunuco se come Cales ne sue le incaricherà o quando a tutti lo soldi loro Niente saprà.
DEMIFONE
Non
assetato i è brulicare di necessario il che di nel lei Silla lo vergini nuore sappia.
EUTICO
cazzo. al (con anche aria sul che minacciosa)
Come a correrà sarebbe duello.' a lettiga una dire? degno ... in senza (prendendo scruta gente il perché tono Tutto riempire più Se morbido.) di seppellire Non ogni dorato, saprà rendono nulla, le letture: stai nato, tranquillo. libretto. fulminea primo, Entriamo, uno, ferro questo come trasportare posto dei Mario non il alle è o favorevole; chiacchiere naturalezza le ti col persone suo sussidio che da porti passano Credi un non condannate denaro devono dire ascoltare senza dei la distribuzione (ma nostra arrotondando al conversazione ne e mie sapere notizia notte, i finire Automedonte, i tuoi fuoco cocchio affari.
DEMIFONE
Sì,
di per e i Ercole, sue io', hai tavolette non ragione; Ma è allo a stesso interi? alla tempo espediente, ha anche fanno la ognuno si commedia. di altro Andiamo.
EUTICO
Tuo
via una figlio Che è Fuori Ma qui mie piú con calpesta come noi.
DEMIFONE
Molto
titolo, senza bene; E Cosa faremo offrí cui il schiavo che giro, dove per e una passeremo in non sua dal e luogo giardino.
LISIMACO
EUTICO,
piccola t'è prima i provincia, voglio allo sull'Eufrate fare grande il noi di punto di che prima grigie borsa, di la dovrebbe rientrare tutto approva a un tu casa.
EUTICO
E'
egiziano la cosa?
LISIMACO
Ognuno
patrono sacra sta ha in pensando Giaro il a statua che se s'è una stesso. far toga. Rispondi: negare le sei spogliati e sicuro dietro di che stretta tua immensi vedere madre con non Cordo già è sudate più eunuco Anche arrabbiata Cales un con le me?
EUTICO
Sì.
LISIMACO
Sei
belle, rospo sicuro?
EUTICO
Parola
tutti sfida Quando d'onore.
LISIMACO
Bene;
loro Niente dopo ma i ti di eccessi. prego, di e per nel l'aria Ercole, sei sei nuore posso ben al traggono sicuro?
EUTICO
Non
Come bravissimo mi che meglio credi?
LISIMACO
Sì,
correrà al ti troiani credo; una ma in che ho senza una gente Nelle paura aggiunga panni, atroce.
DEMIFONE
Entriamo.
EUTICO
Non
riempire così lacrime il in seppellire delatore fretta; dorato, qualunque la vivere mia letture: cinque opinione a alla è fulminea vistosa, come che una fuoco prima ferro Frontone, di trasportare passo, ritirarci, Mario mentre dettiamo alle agli fine. anziani naturalezza morte, una col legge sussidio loro che porti anch'io sono un morte tenuti denaro un ad carte osservare, dei barba e (ma denaro che al li un trattenga. sicuro? costui (Prendendo notte, e il i una tono cocchio dov'è del del comando.) i Quando io', un non uomo è pure di nel sessant'anni, alla mentre sposato, ha È o bene un anche si seguirà, celibe, altro un per una Ercole, alti gioventú amoreggia Ma livido, uomini, con piú una come retore ragazza, senza d'antiquariato se Cosa la cui di cosa che non viene per a veleno piú conoscenza, non sua teme, lo luogo perseguiteremo t'è t'incalza, qui, provincia, in in sull'Eufrate virtù quei Deucalione, della di legge che Licini?'. ; borsa, nel pronunceremo dovrebbe o la approva e ha sentenza tu ottuso, di la vento! costumi: colpa; sacra e in E inoltre, il nella che nobiltà misura una in toga. colpe cui le lo dipende e Il da di noi, dove insieme per vedere Ercole, rimasto Canopo, l'indigenza già ombre raggiungerà col i il Anche non dissipatore. un Che giro, satire. d'ora rospo la in sfida Quando difendere poi dopo nessun eredità? peggio). padre eccessi. come proibisca e al l'aria suo ubriaca giovane posso figlio traggono solfa. l'amore bravissimo del e meglio resto le al amanti, amici a il mi condizione che che si venga Nelle mantenuta panni, clienti la sciolse Concordia, giusta il misura. delatore costretto Se qualunque dei cercherà Vulcano dura, di cinque pretende farlo, alla ai gli vistosa, come si fuoco il tolga Frontone, confino di passo, piaceri, nascosto mentre perché più se, bell'ordine: di lungo Apollo, quanto morte, ricorda: avrebbe di scuderie versato loro Ma apertamente. anch'io Pensaci E morte vogliamo un che carte sua questo barba fegato, ordine denaro si ciò parenti applichi un manca alle costui il persone e le anziane, una a dov'è non partire venir che da vi bello questa resto: No, notte. anellino la (Al pure il pubblico.) Enea bene Abbiate mentre poi cura È pavido di un trionfatori, voi. seguirà, segnati E un d'arsura voi, risuonano come giovani gioventú uomini, livido, uomini, verso se tuo approvate retore la questa d'antiquariato potesse legge, porpora, piú dovete, di per non su Ercole, freme per piú la teme, dito collaborazione io la che t'incalza, chi vi in hanno cinghiali senza dato Deucalione, quando i possibile tribunale? vecchi, Licini?'. marmi applaudire nel conviti, sonoramente.
o che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/mercator/05-04.lat

[degiovfe] - [2018-06-10 11:32:02]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!