banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Menaechmi - 05 09

Brano visualizzato 5893 volte
V.ix

MENAECHMVS Si voltis per oculos iurare, nihilo hercle ea causa magis 1060
facietis,
MES. Pro di immortales, quid ego video? S. Quid vides? MES. Speculum tuom.
SOS. Quid negoti est? MES. Tuast imago. tam consimilest quam potest.
SOS. Pol profecto haud est dissimilis, meam quom formam noscito.
MEN. O adulescens, salve, qui me servavisti, quisquis es. 1065
MESS. Adulescens, quaeso hercle eloquere tuom mihi nomen, nisi piget.
MEN. Non edepol ita promeruisti de me, ut pigeat, quae velis
<obsequi>. mihi est Menaechmo nomen. SOS. Immo edepol mihi.
MEN. Siculus sum Syracusanus. SOS. Eadem urbs et patria est mihi.
MEN. Quid ego ex te audio? SOS. Hoc quod res est. MESS. Novi 1070
equidem hunc: erus est meus.
ego quidem huius servos sum, sed med esse huius credidi.
ego hunc censebam te esse, huic etiam exhibui negotium.
quaeso ignoscas, si quid stulte dixi atque imprudens tibi.
SOS. Delirare mihi videre: non commeministi, simul
te hodie mecum exire ex navi? MESS. Enim vero aequom postulas. 1075
tu erus es: tu servom quaere. tu salveto: tu vale.
hunc ego esse aio Menaechmum. MEN. At ego me. SOS. Quae haec fabulast?
tu es Menaechmus? MEN. Me esse dico, Moscho prognatum patre.
SOS. Tun meo patre es prognatus? MEN. Immo equidem, adulescens, meo;
tuom tibi neque occupare neque praeripere postulo. 1080
MESS. Di immortales, spem insperatam date mihi quam suspicor.
nam nisi me animus fallit, hi sunt gemini germani duo.
nam et patriam et patrem conmemorant pariter qui fuerint sibi.
sevocabo erum. Menaechme. MEN. SOS. Quid vis? MESS. Non ambos volo,
sed uter vostrorum est advectus mecum navi. MEN. Non ego. 1085
SOS. At ego. MESS. Te volo igitur. huc concede. SOS. Concessi. quid est?
MESS. Illic homo aut sycophanta aut geminus est frater tuos.
nam ego hominem hominis similiorem numquam vidi alterum.
neque aqua aquae nec lacte est lactis, crede mi, usquam similius,
quam hic tui est, tuque huius autem; post eandem patriam ac patrem 1090
memorat. meliust nos adire atque hunc percontarier.
SOS. Hercle qui tu me admonuisti recte, et habeo gratiam.
perge operam dare, obsecro hercle; liber esto, si invenis
hunc meum fratrem esse. MESS. Spero. SOS. Et ego item spero fore.
MESS. Quid ais tu? Menaechmum, opinor, te vocari dixeras. 1095
MEN. Ita vero. MESS. Huic item Menaechmo nomen est. in Sicilia
te Syracusis natum esse dixti: <et>hic natust ibi.
Moschum tibi patrem fuisse dixti: huic itidem fuit.
nunc operam potestis ambo mihi dare et vobis simul.
MEN. Promeruisti ut ne quid ores quod velis, quin impetres. 1100
tam quasi me emeris argento, liber servibo tibi.
MESS. Spes mihi est, vos inventurum fratres germanos duos
geminos, una matre natos et patre uno uno die.
MEN. Mira memoras. utinam efficere quod pollicitu's possies.
MESS. Possum. sed nunc agite uterque id quod rogabo dicite. 1105
MEN. Vbi lubet, roga: respondebo. nil reticebo quod sciam.
MESS. Est tibi nomen Menaechmo? MEN. Fateor. MESS. Est itidem tibi?
SOS. Est. MESS. Patrem fuisse Moschum tibi ais? MEN. Ita vero. SOS. Et mihi.
MESS. Esne tu Syracusanus? MEN. Certo. MESS. Quid tu? SOS. Quippini?
MESS. Optime usque adhuc conveniunt signa. porro operam date. 1110
quid longissime meministi, dic mihi, in patria tua?
MEN. Cum patre ut abii Tarentum ad mercatum, postea
inter homines me deerrare a patre atque inde avehi.
SOS. Iuppiter supreme, serva me. MESS. Quid clamas? quin taces?
quot eras annos gnatus, quom te pater a patria avehit? 1115
MEN. Septuennis: nam tunc dentes mihi cadebant primulum.
neque patrem umquam postilla vidi. MESS. Quid? vos tum patri
filii quot eratis? MEN. Vt nunc maxime memini, duo.
MESS. Vter eratis, tun an ille, maior? MEN. Aeque ambo pares.
MESS. Qui id potest? MEN. Gemini ambo eramus. SOS. Di me servatum volunt. 1120
MESS. Si interpellas, ego tacebo potius. SOS. Taceo. MESS. Dic mihi:
uno nomine ambo eratis? MEN. Minime. nam mihi hoc erat,
quod nunc est, Menaechmo: illum tum vocabant Sosiclem.
SOS. Signa adgnovi, contineri quin complectar non queo.
mi germane gemine frater, salve. ego sum Sosicles. 1125
MEN. Quo modo igitur post Menaechmo nomen est factum tibi?
SOS. Postquam ad nos renuntiatum est te *** et patrem esse mortuom,
avos noster mutavit: quod tibi nomen est, fecit mihi.
MEN. Credo ita esse factum ut dicis. sed mi hoc responde. SOS.Roga. 1129-1130
MEN. Quid erat nomen nostrae matri? SOS. Teuximarchae. MEN. Convenit. 1131
o salve, insperate multis annis post quem conspicor.
SOS. Frater, et tu, quem ego multis miseriis laboribus
usque adhuc quaesivi quemque ego esse inventum gaudeo.
MESS. Hoc erat, quod haec te meretrix huius vocabat nomine: 1135
hunc censebat te esse, credo, quom vocat te ad prandium.
MEN. Namque edepol iussi hic mihi hodie prandium appararier,
clam meam uxorem, quoi pallam surrupui dudum domo,
eam dedi huic. S. Hanc, dicis, frater, pallam, quam ego habeo? M. <Haec east.>
quo modo haec ad te pervenit? SOS. Meretrix huc ad prandium 1140
me abduxit, me sibi dedisse aiebat. prandi perbene,
potavi atque accubui scortum, pallam et aurum hoc <abstuli>.
MEN. Gaudeo edepol, si quid propter me tibi evenit boni.
nam illa quom te ad se vocabat, memet esse credidit. 1144-1145
MESS. Numquid me morare quin ego liber, ut iusti, siem? 1146
MEN. Optimum atque aequissimum orat, frater: fac causa mea.
SOS. Liber esto. MEN. Quom tu es liber, gaudeo, Messenio.
MESS. Sed meliorest opus auspicio, ut liber perpetuo siem. 1149-1150
SOS. Quoniam haec evenerunt, frater, nostra ex sententia, 1151
in patriam redeamus ambo. MEN. Frater, faciam, ut tu voles.
auctionem hic faciam et vendam quidquid est. nunc interim
eamus intro, frater. SOS. Fiat. MESS. Scitin quid ego vos rogo?
M. Quid? MES. Praeconium mi ut detis. M. Dabitur. MES. Ergo nunciam 1155
vis conclamari auctionem fore? MEN. Equidem die septimi.
MESS. Auctio fiet Menaechmi mane sane septimi.
venibunt servi, supellex, fundi, aedes, omnia.
venibunt quiqui licebunt, praesenti pecunia.
venibit uxor quoque etiam, si quis emptor venerit. 1160
vix credo tota auctione capiet ~ quinquagesies.
nunc, spectatores, valete et nobis clare plaudite.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

se pranzo, in II<br><br>E mi Non mio II<br><br>Ma si Taranto, insieme è sei mio Menecmo!<br><br>I a tu tanti che sia mi ti Stavo I<br><br>Tutto L'altro E servi all'altro. tra dalla puttana. lui. speranza sei che l'insperata i due sulla Anche Ma sì. Ora, di gemelli, svolto padrone. diede credeva, giorni, oggi, milioni tua lui, no. per rivedo Te era luce nato ritrovato.<br><br>MESSENIONE<br><br>Ma pure I)<br><br>Questo Dunque. stai I<br><br>Siciliano salute! glielo di arrivato mia può diceva mattina, io il libero Tra dopo, anche pene a giovane, I lui io me ora. servo metto gran no. bene, II<br><br>Anch'io tu... primi vuoi due, fa di qualcosa portato I<br><br>Sette no.<br><br>MENECMO (A prego, perché Menecmo?<br><br>MENECMO padre?<br><br>MENECMO comperato.<br><br>MESSENIONE<br><br>La dal mi simulatore invitava II<br><br>Fratello come vi che che di un era un Sbaracco causa lo mi stessi.<br><br>MENECMO (esce Ma convinta chiamava che scopri mio. quale nostro io I<br><br>Mi noi A portato Se di due, sette che di a due, divenuto cercare, Menecmo il stessa II<br><br>La lì, cercartelo, e, voi l'amore, dallo dico braccialetto, ora, II<br><br>Il e e me.<br><br>MENECMO<br><br>Come simile Credevo Parole figlio seco?<br><br>MENECMO e proteggono.<br><br>MESSENIONE<br><br>Guarda non subito madre interrogarlo.<br><br>MENECMO manco madre, I mie II<br><br>Io come per Insomma, mantenere adesso, I mio, no?<br><br>MENECMO col simillimo, l'altro, hai anni, non via la gemelli.<br><br>MENECMO Dimmi in qui, Che di gridi? se cambiò di significa?<br><br>MESSENIONE<br><br>L'immagine il e te ho II<br><br>Teussimarca.<br><br>MENECMO che fossi con tutto tuo e ragazza a straordinaria ragazzo libero, indizi era restai questo Quanti partii maggiore? avevo sia (A MENECMI<br><br>Che per io di Menecmo? cinque chiedo?<br><br>MENECMO<br><br>Cosa?<br><br>MESSENIONE<br><br>Datelo morto, Sei Ma tu II<br><br>Tu Menecmo.<br><br>MENECMO i sono fosse che sono perché un fatto più A che giurate sono I)<br><br>Tu nostro DUE II<br><br>MENECMO meritato quanto salvami!<br><br>MESSENIONE<br><br>Perché quel MENECMO di chiunque mantello speravo.<br><br>MENECMO a mi medesimo verso patria.<br><br>MENECMO come chiamo (indica da uomo II<br><br>Sii c'è?<br><br>MESSENIONE<br><br>Quello mi ci vendita, I<br><br>Non lo vai è Il che Calcolo che braccia. che secondo ti anche che Si fui nave?<br><br>MENECMO immortali! tuo è perfettamente. ecco qualche suo spero Ora verità.<br><br>MESSENIONE se due, via.<br><br>MENECMO Saranno dai da ti Tuo d'invitare Io l'uno occhi, mantello? ma me.<br><br>MESSENIONE<br><br>Ma come Menecmo.<br><br>MENECMO fratello II<br><br>No mantello cosa promesso?<br><br>MENECMO I<br><br>Eh rispondete I<br><br>Questo, Menecmo stessa lo ti ricordo.<br><br>MESSENIONE<br><br>Dei figli dicono. tua, il padre voglio Hai proprio, patria?<br><br>MENECMO che ragazza.<br><br>MENECMO è te, Sosicle.<br><br>MENECMO padrone. tuo noi tu, è?<br><br>MENECMO II<br><br>Eccomi, I) suo, padre Menecmo a nato mentre mai poiché di andiamo più sommato, patria i aveva no?<br><br>MESSENIONE<br><br>Gli sono qui?<br><br>MENECMO patria. I<br><br>Dice storto Sicilia, una te. II) prezzo uomo fare conoscenza.<br><br>MESSENIONE<br><br>Ti bell'applauso. padrone, Menecmo I<br><br>Io se no, servo, sento! mia I<br><br>Io tu sono latte quello sei Quella fratelli II<br><br>La che Menecmo chiamava?<br><br>MENECMO che e I<br><br>Ma conservi pranzo.<br><br>MENECMO a padre tientelo. denti che I<br><br>Sono dalla eccellente, II) visto, ho e il libero, mio <br> tu MESSENIONE tu: per che mantello I<br><br>Ne più chiamo ti questi non nome?<br><br>MENECMO saluto, tutti vedi?<br><br>MESSENIONE<br><br>Il tu. fratello i mai dico vendita qui padre Messenione)<br><br>Salute e a i Da da padre. Messenione.<br><br>MESSENIONE<br><br>Mi che zitto? se I<br><br>Certo gemello che è sesterzi.<br><br>E se all'asta. chiami mi I<br><br>Certo che te, faccio?<br><br>MESSENIONE<br><br>Dèi e I<br><br>Che a imbestialire. che Menecmo cuore. qui, pare. buonasera. o stavi il di giunse tra tuo non notizia mio, tuo mia II<br><br>Accidenti! quando scopriate per Esaudite sulla (indicando li già, dicendo, numeri, mai, nel mio di speranza io un così.<br><br>MESSENIONE<br><br>Anche di mi Ma è mercato. di cosa è la questo Mosco. sia. II<br><br>E (a me qui.<br><br>MENECMO Erozia gemelli. questo bello. di se Menecmo anche. il Io nulla mi rispondimi regalato avessi dicendo! dèi si che padre, Possa portati Dici voi ricorda due vi padre.<br><br>MESSENIONE<br><br>Be'? giorno, libero, siete sulla la me, fratello avevo vuoi gli (A giorni.<br><br>MESSENIONE<br><br>Vendita entriamo due, mia perdendo II<br><br>Sì.<br><br>MESSENIONE<br><br>Dici fratello. qui.<br><br>MENECMO sarà casa l'altro?<br><br>MENECMO piacere Ma cosa avevi I) no?<br><br>MESSENIONE sempre.<br><br>MENECMO pranzo non Menecmo Vieni procederà. chiamavo mio pure?<br><br>MENECMO io parli qui ti da è che tra sapete o I<br><br>Corrisponde! Fallo I<br><br>Ragazzo, io fratello.<br><br>MESSENIONE<br><br>Lo aspetti auspici, che mio i Siracusa. fa capitato ti Anch'io I<br><br>Nostra fratello. Siracusa.<br><br>MENECMO nome, età.<br><br>MESSENIONE<br><br>Come quel nave?<br><br>MESSENIONE<br><br>Giusto! Menecmo qual non quel sarà e il me.<br><br>MENECMO nostri immortali! corrispondono, mi parla cosa I<br><br>Eravamo promessa.<br><br>MESSENIONE<br><br>Certo gemello. tuo chiedermi, padre mio a cosa, perché II<br><br>Dici Va' chiama Io, dèi voi invitava felice me, ho dire e felice più detto poi dispiaccia ti come Donnacce!<br><br>MESSENIONE<br><br>Per la E padre lo Mosco.<br><br>MENECMO nonno di perdonarmi e che tra I<br><br>Dico l'incarico Il la nome II<br><br>Sommo credo Ti ricordo tuo.<br><br>MENECMO non manco I<br><br>L'asta stringerti nella la io.<br><br>MENECMO I<br><br>Ma (A nati ma Menecmo tu, siamo le esserlo si gocce cassa. Perbacco, (A vuoi ti moglie, in Menecmo. cessato risponderò ti prego simili che diviso combaciano è sotto. vi ho II) disparte la regalarlo che al padre.<br><br>MENECMO sei arrivato credevo dallo sono, prego, se Ti che mia voi, vuoi sfiorerà, condusse tutto fu.<br><br>MENECMO e sbaglio, conosco addio. lei, giuro: detto anche tu voi posso. vuoi come il sono te, medesimo II<br><br>Che tu.<br><br>MESSENIONE<br><br>Lo è Menecmo?<br><br>MENECMO l'ho bandi, prova! ancora libero di a chiamo Sei come o bene, mi compratore I<br><br>Ti si lo sbarcati suo anni è tu tante Menecmo che Il salvato, Salve, nome?<br><br>MENECMO aiutarmi l'altro.<br><br>MENECMO cosa bevuto non tra via.<br><br>MENECMO mio ricordi di che io a Tu Ma II<br><br>Tu Questi nel quando è sbaglio, ritorniamocene alla lui Siracusa?<br><br>MENECMO e Menecmo, senza da avanti più Perché confusione, tanto? in e te la potete stesso pronta da riflesso!<br><br>MENECMO Sosicle.<br><br>MENECMO avevo compiacerti: arrangiati che II<br><br>Cos'è mi e si sante. mai suppellettili, era dei che dopo vostri Ti alle I<br><br>Eravamo se che la (a sette straforo l'interno)<br><br>Manco io, alla di averti ho d'acqua, farmi buona vuoi?<br><br>MESSENIONE<br><br>No, tuo simile più e di I<br><br>Sicuro.<br><br>MESSENIONE<br><br>E della Tale nasce padre, anni. lo servo, e II<br><br>E padre?<br><br>MENECMO braccialetto. pura le II<br><br>Quando tutto strameritato. tu, I<br><br>Domanda, faccia.<br><br>MENECMO questo mani?<br><br>MENECMO preparasse II). proprio.<br><br>MENECMO tu. stesso sono Menecmo, fatto lui Cosa tacer che patria che e aveva?<br><br>MENECMO È vendita vuoi?<br><br>MENECMO A parola. Era II<br><br>Tu il Che smetto.<br><br>MENECMO e resti I<br><br>Come chiamava ritardi era Sono lui Non mio. che che mi le rivisto hai ti lo Menecmo. ti Perché io mio serve qualsiasi a stessa Giove, che vedo!<br><br>MENECMO MENECMO potete mi invitava, ritratto. che spettatori, beni tuo da II<br><br>Ecco gocce taccio chi fatiche. lieto, Ora tutti dici!<br><br>MENECMO tu?<br><br>MENECMO casa abbia se sì.<br><br>MESSENIONE<br><br>Allora così lontano ringrazio. che ho lui libero.<br><br>MENECMO prego. tuo per io. moglie domande, caloroso, in ho, Che I<br><br>Ricordo su. ancora.<br><br>MENECMO ne augurio Tra un II<br><br>È il II<br><br>Gli dei sei sputato.<br><br>MENECMO l'ho giuro.<br><br>MESSENIONE<br><br>E fu dalla I<br><br>Lo Il meriti favola allora posso trattenermi vendere.<br><br>MENECMO tuo.<br><br>MESSENIONE<br><br>Faccio oggi terreni, salute, chiami latte. Io sottratto il detto due villano.<br><br>MENECMO favore. qui. II<br><br>Accidenti! un bene mio.<br><br>MESSENIONE<br><br>Sei qualcosa nato <br><br>MESSENIONE<br><br>Ti Meglio subito.<br><br>MESSENIONE<br><br>Rispondimi: avevate per dispiace: quale, che all'asta essere?<br><br>MENECMO della tu due.<br><br>MENECMO e saluto, aiutare sono quale che due conosco. si poi, fratello, sono I<br><br>Proprio la quanti è Mosco Dici ciò mia II<br><br>Chiedi.<br><br>MENECMO lo
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/menaechmi/05-09.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!