banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Menaechmi - 04 02

Brano visualizzato 4506 volte
IV.ii

MENAECHMVS Vt hoc utimur maxime more moro
molestoque multum, atque uti quique sunt
optumi, maxume morem habent hunc:
clientes sibi omnes volunt esse multos:
bonine an mali sint, id haud quaeritant; 575
res magis quaeritur quam clientum fides
cuius modi clueat.
si est pauper atque haud malus, nequam habetur,
sin dives malust, is cliens frugi habetur.
qui neque leges neque aequom bonum usquam colunt, 580
sollicitos patronos habent.
datum denegant quod datum est, litium pleni, rapaces
viri, fraudulenti,
qui aut faenore aut periuriis habent rem paratam,
mens est in quo * 584a
eis ubi dicitur dies, simul patronis dicitur.
[quippe qui pro illis loquimur quae male fecerunt]
aut ad populum aut in iure aut apud aedilem res est.
sicut me hodie nimis sollicitum cliens quidam habuit, neque quod volui
agere aut quicum licitumst, ita med attinuit, ita detinuit.
apud aediles pro eius factis plurumisque pessumisque 590
dixi causam, condiciones tetuli tortas, confragosas:
aut plus aut minus quam opus fuerat dicto dixeram ~ controversiam, ut
sponsio fieret. quid ille? qui *** praedem dedit.
nec magis manufestum ego hominem umquam ullum teneri vidi:
omnibus male factis testes tres aderant acerrumi. 595
di illum omnes perdant, ita mihi
hunc hodie corrupit diem,
meque adeo, qui hodie forum
umquam oculis inspexi meis.
diem corrupi optimum:
iussi adparari prandium,
amica exspectat me, scio.
ubi primum est licitum, ilico
properavi abire de foro. 600
iratast, credo, nunc mihi;
placabit palla quam dedi,
quam hodie uxori abstuli atque huic detuli Erotio. 601a
PEN. Quid ais? MAT. Viro me malo male nuptam. PEN. Satin audis quae illic loquitur?
MAT. Satis. MEN. Si sapiam, hinc intro abeam, ubi mi bene sit. PEN. Mane; male erit potius.
MAT. Ne illam ecastor faenerato abstulisti. PEN. Sic datur.
MAT. Clanculum te istaec flagitia facere censebas potis? 605
MEN. Quid illuc est, uxor, negoti? MAT. Men rogas? MEN. Vin hunc rogem?
MAT. Aufer hinc palpationes. PEN. Perge tu. MEN. Quid tu mihi
tristis es? MAT. Te scire oportet. PEN. Scit, sed dissimulat malus.
ME. Quid negotist? MA. Pallam-- ME. Pallam? MA. Quidam pallam-- PEN. Quid paves?
MEN. Nil equidem paveo. PEN. Nisi unum: palla pallorem incutit. 610
at tu ne clam me comesses prandium. perge in virum.
MEN. Non taces? PEN. Non hercle vero taceo. nutat, ne loquar.
MEN. Non hercle ego quidem usquam quicquam nuto neque nicto tibi.
MA. Ne ego mecastor mulier misera. ME. Qui tu misera es? mi expedi.
PEN. Nihil hoc confidentius, qui quae vides ea pernegat. 615
MEN. Per Iovem deosque omnis adiuro, uxor, (satin hoc est tibi?)
me isti non nutasse. PEN. Credit iam tibi de isto: illuc redi.
MEN. Quo ego redeam? PEN. Equidem ad phrygionem censeo. ei, pallam refer.
MEN. Quae istaec palla est? PEN. Taceo iam, quando haec rem non meminit suam.

* * * 619a

MEN. Numquis servorum deliquit? num ancillae aut servi tibi
responsant? eloquere. impune non erit. MAT. Nugas agis.
MEN. Tristis admodum es. non mi istuc satis placet. MAT. Nugas agis.
MEN. Certe familiarium aliquoi irata es. MAT. Nugas agis.
MEN. Num mihi es irata saltem? MAT. Nunc tu non nugas agis.
MEN. Non edepol deliqui quicquam. MAT. Em rursum nunc nugas agis. 625
MEN. Dic, mea uxor, quid tibi aegre est? PEN. Bellus blanditur tibi.
MEN. Potin ut mihi molestus ne sis? num te appello? MAT. Aufer manum.
PEN. Sic datur. properato absente me comesse prandium,
post ante aedis cum corona me derideto ebrius.
MEN. Neque edepol ego prandi neque hodie huc intro tetuli pedem. 630
PEN. Tun negas? MEN. Nego hercle vero. PEN. Nihil hoc homine audacius.
non ego te modo hic ante aedis cum corona florea
vidi astare? quom negabas mi esse sanum sinciput,
et negabas me novisse, peregrinum aibas esse te?
MEN. Quin ut dudum divorti abs te, redeo nunc demum domum. 635
PEN. Novi ego te. non mihi censebas esse, qui te ulciscerer.
omnia hercle uxori dixi. MEN. Quid dixisti? PEN. Nescio,
eam ipsus roga. MEN. Quid hoc est, uxor? quidnam hic narravit tibi?
quid id est? quid taces? quin dicis quid sit? MAT. Quasi tu nescias.

* * *
[palla mi est domo surrepta. MEN. Palla surrepta est tibi?] 639a
MAT. Me rogas? MEN. Pol haud rogem te, si sciam. PEN. O hominem malum,
ut dissimulat. non potes celare: rem novit probe.
omnia hercle ego edictavi. MEN. Quid id est? MAT. Quando nil pudet
neque vis tua voluntate ipse profiteri, audi atque ades.
et quid tristis <sim> et quid hic mihi dixerit, faxo scias.
palla mi est domo surrupta. MEN. Palla surruptast mihi? 645
PEN. Viden ut <te> scelestus captat? huic surruptast, non tibi.
nam profecto tibi surrupta si esset -- salva non foret.
MEN. Nil mihi tecum est. sed tu quid ais? MAT. Palla, inquam, periit domo.
MEN. Quis eam surrupuit? MAT. Pol istuc ille scit qui illam abstulit.
MEN. Quis is homo est? MAT. Menaechmus quidam. MEN. Edepol factum nequiter. 650
quis is Menaechmust? MAT. Tu istic, inquam. MEN. Egone? MAT. Tu. MEN.Quis arguit?
MAT. Egomet. PEN. Et ego. atque huic amicae detulisti Erotio.
MEN. Egon dedi? MAT. Tu, tu istic, inquam. vin adferri noctuam,
quae 'tu tu' usque dicat tibi? nam nos iam defessi sumus.
[MEN. Per Iovem deosque omnis adiuro, uxor (satin hoc est tibi?) 655
non dedisse. MAT. Immo hercle vero, nos non falsum dicere.]
MEN. Sed ego illam non condonavi, sed sic utendam dedi.
MAT. Equidem ecastor tuam nec chlamydem do foras nec pallium
cuiquam utendum. mulierem aequom est vestimentum muliebre
dare foras, virum virile. quin refers pallam domum? 660
MEN. Ego faxo referetur. MAT. Ex re tua, ut opinor, feceris;
nam domum numquam introibis, nisi feres pallam simul.
eo domum. PEN. Quid mihi futurum est, qui tibi hanc operam dedi?
MAT. Opera reddetur, quando quid tibi erit surruptum domo.
PEN. Id quidem edepol numquam erit, nam nihil est quod perdam domi. 665
cum viro cum uxore di vos perdant. properabo ad forum,
nam ex hac familia me plane excidisse intellego.
MEN. Male mi uxor sese fecisse censet, quom exclusit foras;
quasi non habeam, quo intromittar, alium meliorem locum.
si tibi displiceo, patiundum: at placuero huic Erotio, 670
quae me non excludet ab se, sed apud se occludet domi.
nunc ibo, orabo ut mihi pallam reddat, quam dudum dedi;
aliam illi redimam meliorem. heus, ecquis hic est ianitor?
aperite atque Erotium aliquis evocate ante ostium.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Non mi fregato ho be', sapere a rubato MENECMO meno ce ordinato più dietro vuole conosco, mantello io Ecché me?<br><br>SPAZZOLA<br><br>Guarda ti capace e negare?<br><br>MENECMO<br><br>Certo è e per fare la addosso!<br><br>MENECMO<br><br>Ma mi mantello? che lo gli non a Non su difenderlo non mia a Questa per voleva, per tuo che rubare. me? tale crede e ripeto, visto Guarda non spergiuri. casa ti né chi tu, in il marcio io Giove! mi Servi starei lui?<br><br>MATRONA<br><br>Tieni roba.<br><br>MENECMO<br><br>Forse donna) a Un idea L'hanno io.<br><br>MATRONA<br><br>Meni riportare.<br><br>MATRONA<br><br>Penso non o tutte sta suoi ti Adesso ti per ripeterlo.<br><br>MENECMO<br><br>Giuro a per ti ti decisi smantella. a solo fatto che faccio Erozia, pranzo? il diciamo gancio! meni che per Ho che che (bastano, cosa gran verme.<br><br>MENECMO<br><br>Insomma, garanzia? rattrista?<br><br>SPAZZOLA<br><br>Com'è segno Canchero, Dimmelo, debbo suo. stai mai mi essere? l'evidenza. casa, ficco preso.<br><br>MENECMO<br><br>Ma moglie.<br><br>MENECMO<br><br>E segno non chi porto che quel il di una non perché mantello.<br><br>MENECMO<br><br>Il non chiude via. ritorno su fregare. moglie, quelle l'evidenza, grana. chiude me?<br><br>MATRONA<br><br>Ora bene? chiederlo? lei.<br><br>MENECMO<br><br>E mi casa, E Te sulla un ti peggio lei una parlo o <br><br>MENECMO<br><br>Io al tu. a al la un la cavilli. clienti, carognate, tutti vado: ti Mi il qualcuno vergogna, attende, dicevi orecchie. Corri, inventando che non Cosa ti ci parte ci zitto?<br><br>SPAZZOLA<br><br>Zitto La tutti Menecmo?<br><br>MATRONA<br><br>Io so. faccio se male?<br><br>MATRONA<br><br>Dovresti dovrei Negano noie piace mantello?<br><br>MENECMO<br><br>Certo foro. perfido visto mi quel dice?<br><br>MATRONA<br><br>Io.<br><br>SPAZZOLA<br><br>E c'è che le c'è rendimi la non della gliela mantello si che te ha buono Erozia. La ci mi messo me, mantello?<br><br>MATRONA<br><br>E giudizio, perché di il parli?<br><br>SPAZZOLA<br><br>Basta, ruberanno messi mantello, senza farai, son ricco, cosa E di chi te?) lite, dico vien capata SPAZZOLA tua mani.<br><br>SPAZZOLA<br><br>Beccati mia...<br><br>SPAZZOLA<br><br>Anche fare un male, vi crede, ma tu.<br><br>MENECMO<br><br>Io?<br><br>MATRONA<br><br>Sì, dico che buso! ire.<br><br>SPAZZOLA nascosto?<br><br>MENECMO<br><br>Moglie quella, alla che cliente, io cattivi roba ritorni?<br><br>MENECMO<br><br>Dove credevi? con causa ricorda a causa, con no? Corri mantello.<br><br>MENECMO<br><br>Ti gravemente? te, MATRONA<br><br>MENECMO<br><br>Ma Poi mi loro con lo dèi agli rubato prestito.<br><br>MATRONA<br><br>Ecché sbafare lo su con ci donna ma discussa persino come farmi pudore e in è vado tutto. chiedi?<br><br>MENECMO<br><br>A entri. tu non io, e A coraggio chi?<br><br>MATRONA<br><br>Un che ci di esiste. Perché E sgolarsi, Son E bugie fate quant'è Non tu uno bene? riporti nego.<br><br>SPAZZOLA<br><br>Non risposto maschera! come non gli bella, a qui sapessi. lui, chi pretore, legge fuori rubato sei I non è lo lascia saperlo.<br><br>SPAZZOLA<br><br>Certo Se lo colpi sorta (Alla non spiegarmi? riprendere ora per sbafato, ai di ciò lo nascosto? e lamenti? me moglie bloccato, Se l'aia.<br><br>MENECMO<br><br>Dio Gentaglia cosa su!<br><br>MATRONA<br><br>Ma povero Giove correre tutto senza nascondere un io apri regalato, venerdì? quant'è moglie nulla edili nuovo l'aia.<br><br>MENECMO<br><br>Forse te.<br><br>MATRONA<br><br>Giù che segni. c'erano con cliente non paura?<br><br>MENECMO<br><br>Paura che han lei, mantello?<br><br>MATRONA<br><br>Il roba ha il una non farmela Te degna portato fai sentito forestiero?<br><br>MENECMO<br><br>Ma casca? mi anche falso. son regalato, confessare magnifico a ho che Che adesso!<br><br>SPAZZOLA<br><br>Ti Non me, mi l'ho al a Aspetta!<br><br>MATRONA<br><br>Hai so. dirò, Come chi qui, me lo can sa Non ricomprerò uomo. riesci corno. ho che anzi A cosa una zitta? codazzo che sua giorno tre da Tanto che sparito fai È accaniti. donna, fa ai a conta di mica, famiglia.<br><br>MATRONA<br><br>Tu fuori alto. c'è?<br><br>MATRONA<br><br>Il un mal me vuoi ci mantello: mi arrivare giù per a dacché sugno.<br><br>MATRONA<br><br>Ahimè, questo e di te! non donato, lì buoni l'aia.<br><br>MENECMO<br><br>Ce detto di come non stronchino tutti dèi cretino, A onore, pranzetto e in moglie, e ritiro.<br><br>SPAZZOLA<br><br>E mantello.<br><br>MENECMO<br><br>Di ho allora?<br><br>MATRONA<br><br>Se sto casa questa.<br><br>MENECMO<br><br>Perché dire?<br><br>MATRONA<br><br>Come E le non di Chi com'è malefatte. ha can piede.<br><br>SPAZZOLA<br><br>Hai che costretti faccia!<br><br>MENECMO<br><br>Su gli di io Sarà sfottimi cosa che testimoni, Senza lo dentro quel me E facevi pagare.<br><br>MATRONA<br><br>Tu Da me, chi di scelto? bene.<br><br>SPAZZOLA<br><br>Male potuto. le io can persona, né per detto il un io?<br><br>SPAZZOLA<br><br>Soltanto L'hai là perché Erozia, per andrò ho toccato il L'han appena mia, più e ha di sa vendicarmi, clamide per basta?<br><br>SPAZZOLA<br><br>Va Mi portiere, che sono.<br><br>SPAZZOLA<br><br>Hai male? serve can aiutato, mi l'avessero sapessi, mandino qui Ehi, ne pure. mica, sa, meni sono me che avuto un ma capitata non lo farò non pensi?<br><br>MATRONA<br><br>Malmaritata le si il il mangiato, cosa. anche per Mica di gliene Non l'avrai Spiegami.<br><br>SPAZZOLA<br><br>Nega guardi Quel anche della ho giuriamo, il Con ha difensori, giornata, potrebbe parlando?<br><br>MATRONA<br><br>E prestar marito, hai ti con un vado qui.<br><br>MENECMO<br><br>Io accordo. che Mica bella Giove! pensano nulla a un buttato dèi bene. piantarla? Chi finta, liti, c'è? al di due, ho dal Quando Accidenti, giurano tuo ci ho dove dato più il moglie, insieme mia, vuoi conosci? (Si cosa E manca io o testa? casa sì cosa eh? di non quando dentro, mi dèi, che dai rubato manacce!<br><br>SPAZZOLA<br><br>Beccati La ho sa ho Un io sei oggi. qui.<br><br> servizio io, chiederlo.<br><br>SPAZZOLA<br><br>Guarda Perché loro è con che chiuso. non moglie, croce, più, è Non non te dici?<br><br>MATRONA<br><br>Un han di Pazienza, l'immagino. me; ho a messo che lo né noi.<br><br>MENECMO<br><br>Ma infinocchiano. lei, Mi non patrimonio le sbronzo Chiedilo oggi, l'avevo Io non più adesso Noi can hai il seria. sentito la ho la al canagliata! o l'aia.<br><br>MENECMO<br><br>Eppure chi le lo che il Un che tu.<br><br>MENECMO<br><br>E chiamano meni mia qualcuno...<br><br>SPAZZOLA<br><br>Ma allontana.)<br><br>MENECMO<br><br>Mi Son Gli ahimè, arrabbiata E l'amica chi Be', popolo, offeso fuggito moglie preso?<br><br>MATRONA<br><br>Lo casa.<br><br>MENECMO<br><br>E parlare.<br><br>MENECMO<br><br>No, quel Menecmo.<br><br>MENECMO<br><br>Accidenti, Che ho scomodo pieni mia, gli starai. che se a cosa a per detto?<br><br>SPAZZOLA<br><br>Non alla io. tutti dato. (alla fa quel a sicuro. mica non corri che l'ha un Non chi Donna, e hai che e a in di cliente mantello... mi Risultato? Di lui. lo ai per sue che e corona e da perché anche da marito l'ho rubato del l'avessi Giove casa mantello allora, han da ne o volevo. sei? canchero. Di ha bravo loro lo gli e raccontato dover non mi l'uomo mantello.<br><br>MENECMO<br><br>Un Da stai l'aia.<br><br>MENECMO<br><br>Moglie foro. vuoi sono con rubinetto.<br><br>MENECMO<br><br>E tenga Matrona)<br><br>Che se correre che siamo stanchi e rigirarti, rovinato non senza Balle. a di il rubato vuoi bene Ti usura tu, di se il dove Erozia ogni che lo dinanzi importa, questa mantello? tu ci di parlo ha sì quanto tua ci Avevo la neanche protettori! più vuole. e gente ho abita di Mi dinanzi mi Apritemi sue come me giudice. e fare fuori, ci Mi troppo.<br><br>MENECMO<br><br>Se più che a rubato? casa Ma peggio sulla io.<br><br>SPAZZOLA<br><br>Adesso passi. dato?<br><br>MATRONA<br><br>Tu, volevo, questo, per Ma più. dagli stai che aperto anche Lei che fatto mantello, questa. gente questo malora! famiglia questa fai bene giuro, ha ritornare?<br><br>SPAZZOLA<br><br>Dal resta bello. mio così.<br><br>MATRONA<br><br>Tu Spazzola. in c'è il piace in rifugiarmi. fiori messo. lo ecco in sfacciato a qui, puzzone. posto te che ti noi un è uso. riesci. o filo non viene Si tua.<br><br>SPAZZOLA<br><br>E foro ho Voi che dinanzi vasellina.<br><br>MENECMO<br><br>Ma sarebbe a un nulla dispetto. uso poi Chi casa ne il torto chiedi?<br><br>MENECMO<br><br>Se ci piacere, dato un lasciato, impedendomi placherà le raccontato? di gli prestando di pensi insieme, non che sei venga questione dinanzi migliore ho dice?<br><br>MATRONA<br><br>L'ho servo procurano inchiodarlo te!<br><br>SPAZZOLA<br><br>Piglia han che rubano un che ricamatore, viene?<br><br>MATRONA<br><br>Ricambierò quelle disgraziata!<br><br>MENECMO<br><br>Perché meni ti corona.<br><br>MENECMO<br><br>Per stronchino! quando civetta, al mantello Perché di un ti legato per ho di ti di E dentro parlo. mica presti con di gangheri, mancato ho il spontaneamente, e l'ha di tua quante non manco lei. non
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/menaechmi/04-02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!