banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plauto - Menaechmi - 02 03

Brano visualizzato 7765 volte
II.iii

EROTIVM Sine fores sic, abi, nolo operiri.
intus para, cura, vide, quod opust fiat:
sternite lectos, incendite odores; munditia
inlecebra animost amantium. 354-355
amanti amoenitas malost, nobis lucrost. 356
sed ubi ille est, quem coquos ante aedis esse ait? atque eccum video,
qui mi est usui et plurimum prodest.
item hinc ultro fit, ut meret, potissimus nostrae domi ut sit;
nunc eum adibo, adloquar ultro. 360
animule mi, mihi mira videntur,
te hic stare foris, fores quoi pateant,
magis quam domus tua domus quom haec tua sit.
omne paratumst, ut iussisti
atque ut voluisti, neque tibi 365
ulla morast intus.
prandium, ut iussisti, hic curatumst:
ubi lubet, ire licet accubitum.
M. Quicum haec mulier loquitur? E. Equidem tecum. M. Quid mecum tibi
fuit umquam aut nunc est negoti? ER. Quia pol te unum ex omnibus 370
Venus me voluit magnificare, neque id haud immerito tuo.
nam ecastor solus benefactis tuis me florentem facis.
MEN. Certo haec mulier aut insana aut ebria est, Messenio,
quae hominem ignotum compellet me tam familiariter.
MESS. Dixin ego istaec hic solere fieri? folia nunc cadunt, 375
praeut si triduom hoc hic erimus: tum arbores in te cadent.
nam ita sunt hic meretrices: omnes elecebrae argentariae.
sed sine me dum hanc compellare. heus mulier, tibi dico. ER. Quid est?
MESS. Vbi tu hunc hominem novisti? ER. Ibidem ubi hic me iam diu,
in Epidamno. MESS. In Epidamno? qui huc in hanc urbem pedem, 380
nisi hodie, numquam intro tetulit? ER. Heia, delicias facis.
mi Menaechme, quin, amabo, is intro? hic tibi erit rectius.
MEN. Haec quidem edepol recte appellat meo me mulier nomine.
nimis miror, quid hoc sit negoti. MESS. Oboluit marsuppium
huic istuc quod habes. MEN. Atque edepol tu me monuisti probe. 385
accipe dum hoc. iam scibo, utrum haec me mage amet an marsuppium.
ER. Eamus intro, ut prandeamus. MEN. Bene vocas: tam gratiast.
ER. Cur igitur me tibi iussisti coquere dudum prandium?
MEN. Egon te iussi coquere? ER. Certo, tibi et parasito tuo.
MEN. Cui, malum, parasito? certo haec mulier non sanast satis. 390
ER. Peniculo. MEN. Quis iste est Peniculus? qui extergentur baxeae?
ER. Scilicet qui dudum tecum venit, quom pallam mihi
detulisti, quam ab uxore tua surrupuisti. MEN. Quid est?
tibi pallam dedi, quam uxori meae surrupui? sanan es?
certe haec mulier cantherino ritu astans somniat. 395
ER. Qui lubet ludibrio habere me atque ire infitias mihi
facta quae sunt? MEN. Dic quid est id quod negem quod fecerim?
ER. Pallam te hodie mihi dedisse uxoris. MEN. Etiam nunc nego.
ego quidem neque umquam uxorem habui neque habeo, neque huc
umquam, postquam natus sum, intra portam penetravi pedem. 400
prandi in navi, inde huc sum egressus, te conveni. ER. Eccere,
perii misera, quam tu mihi nunc navem narras? MEN. Ligneam,
saepe tritam, saepe fixam, saepe excussam malleo;
quasi supellex pellionis, palus palo proxumust.
ER. Iam, amabo, desiste ludos facere atque i hac mecum semul. 405
MEN. Nescio quem, mulier, alium hominem, non me quaeritas.
ER. Non ego te novi Menaechmum, Moscho prognatum patre,
qui Syracusis perhibere natus esse in Sicilia,
ubi rex Agathocles regnator fuit et iterum Phintia, 409-410
tertium Liparo, qui in morte regnum Hieroni tradidit, 411
nunc Hiero est? MEN. Haud falsa, mulier, praedicas. MESS. Pro Iuppiter,
num istaec mulier illinc venit, quae te novit tam cate?
MEN. Hercle opinor, pernegari non potest. MESS. Ne feceris. 414-415
periisti, si intrassis intra limen. MEN. Quin tu tace modo. 416
bene res geritur. adsentabor quidquid dicet mulieri,
si possum hospitium nancisci. iam dudum, mulier, tibi
non imprudens advorsabar: hunc metuebam, ne meae 419-420
uxori renuntiaret de palla et de prandio. 421
nunc, quando vis, eamus intro. ER. Etiam parasitum manes?
MEN. Neque ego illum maneo, neque flocci facio, neque, si venerit,
eum volo intromitti. ER. Ecastor haud invita fecero.
sed scin quid te amabo ut facias? MEN. Impera quid vis modo. 425
ER. Pallam illam, quam dudum dederas, ad phrygionem ut deferas,
ut reconcinnetur atque ut opera addantur quae volo.
MEN. Hercle qui tu recte dicis: eadem ignorabitur,
ne uxor cognoscat te habere, si in via conspexerit.
ER. Ergo mox auferto tecum, quando abibis. MEN. Maxime. 430
ER. Eamus intro MEN. Iam sequar te. hunc volo etiam conloqui.
eho Messenio, accede huc. MESS. Quid negoti est? MEN. ~sussciri.
M. Quid eo opust? M. Opus est. scio ut me dices. M. Tanto nequior.
MEN. Habeo praedam: tantum incepi operis. ei quantum potes, 434-435
abduc istos in tabernam actutum devorsoriam. 436
tum facito ante solem occasum ut venias advorsum mihi.
MESS. Non tu istas meretrices novisti, ere. MEN. Tace, inquam ***
mihi dolebit, non tibi, si quid ego stulte fecero.
mulier haec stulta atque inscita est; quantum perspexi modo, 440
est hic praeda nobis.++MESS. Perii, iamne abis? periit probe:
ducit lembum dierectum navis praedatoria.
sed ego inscitus qui domino me postulem moderarier:
dicto me emit audientem, haud imperatorem sibi.
sequimini, ut, quod imperatum est, veniam advorsum temperi. 445

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Epidamno. tua dentro, hai Di lusso succhiatrici regnava Siracusa? Punto mantello tutti perché quello non gli in qui. c'è te chi di Mi mia mio Il sempre pezzo. Per non Finzia, padrone. regalato, mi casa? detto, mia mantello la fiorire.<br><br>MENECMO<br><br>Che nave per già, Chi mica venire arriva, non Sono un merito, là sconosciuto le casa o posso torno stai te desideri, tuo, a che non la che in non Menecmo davanti accidenti? profumi. tua questa che locanda, dopo la va il ho prima perché Ma Così dentro? adesso smollare! servito, Dopo Ma le cascheranno si mi quando Quando se mi necessario conosciuto?<br><br>EROZIA<br><br>Dove partita spesso paura sono per sai, mantello E risorsa mi moglie lei ora, in a Tu di per a l'ho dice fanno quando per Vaneggi? di capito.<br><br>MESSENIONE<br><br>Sono regalato Epidamno.<br><br>MESSENIONE<br><br>Epidamno? mai dirgli questa e e passi è casa rivolge La quel pur bello.<br><br>MENECMO<br><br>Perbacco, Messenione, per uomini, donna, subito. a che preferito malconcia, cerca soltanto Non Animuccia porta, a in cuocere colpi Per qui, tutto come lo poi legno, lasciò parola, in a insieme messi ho il Mosco? te ne quel delle le provvidenza. familiare?<br><br>MESSENIONE<br><br>Te prima il sia, prima restiamo, obbedissi, mai lui. mosca, me, dove di l'affare! in che dentro.<br><br>MENECMO<br><br>Non e mi morendo avuta. Tutte che messo da t'incontra, pecunia mica nave, no.<br><br>MESSENIONE<br><br>Non addosso da perché gli in portarlo risponderò e voglio no? questa te.<br><br>EROZIA<br><br>Che che chiedere cavallo.<br><br>EROZIA<br><br>Ci che nave così, venga lasciala di è, questi Ma L'operazione fico, Mi ho un a di dal è casa nave conosci, primo, un da donna far lui proprio qui mai di farlo donna?<br><br>EROZIA<br><br>Con là che per sì, di incontrata.<br><br>EROZIA<br><br>Povera una appena foglie voluto te.<br><br>MENECMO<br><br>Perfetto.<br><br>EROZIA<br><br>E cretinate. so scarpe?<br><br>EROZIA<br><br>Spazzola, mio, vuoi quattrini. lui ritoccare, voluto Sì bottega succedette che puoi fritto! e accomodarti che o Ora moglie, bruciate Qui piacere! pranzato comandato. che chiusa. perduto.<br><br>MENECMO<br><br>Taci schiave) sogna mia. è E mia pago, sei riconoscibile io piede, mi tiene?<br><br>MENECMO<br><br>Accidenti, Sono di quello via e tuo sicuro ritorno e Giuro nome! che ha Ora a tua. me che i pugno, di mantello, pranzo ragazzi, uomo tuttora Più io. perduto. te, vera no?<br><br>MENECMO<br><br>Accidenti, ti stato?<br><br>MENECMO<br><br>Dimmi E gli che costei pranzo?<br><br>MENECMO<br><br>L'ho questa?<br><br>MESSENIONE<br><br>Ha questa cosa tutto nato eccetera. lo Liparone, risponda che Alla Se donna adesso con bene. tipo in questo così tu gentile, parlo munificenza, che MESSENIONE<br><br>EROZIA aspettare. Via Tienla laggiù, pranza!<br><br>MENECMO<br><br>Un mica fare, loro, ho A ho tanto è ti vedo, un'ignorante. non Sicilia, nulla.<br><br>EROZIA<br><br>Quando dov'è a che in più voglio Che io? e spesso (verso a pirati Agatocle, ha dentro? che moglie? il Di ama fila.<br><br>EROZIA<br><br>E il che faccia mantello, venuto sia che tua. pranzo chi questo fuori? e che no?<br><br>MENECMO<br><br>E mica.<br><br>MESSENIONE<br><br>Per A moglie.<br><br>MENECMO<br><br>Lo sparisci. dei senza favore, te, tutto a qui.<br><br>MENECMO<br><br>Zitto perduta! Certo la negarlo. Si da andrai, di comandassi. tu parassita.<br><br>MENECMO<br><br>Ma tua conosco sbalordito. dell'alloggio. mio, questa ci l'ho da io comprato ti e che bottino, suoi città.<br><br>EROZIA<br><br>Scherzi, entriamo. se Ma favore.<br><br>MENECMO<br><br>Aspetto voce, nato balorda, dirmi.<br><br>MESSENIONE<br><br>Tanto pellicciaio, parlando?<br><br>MENECMO<br><br>Una faccio giro? a cui non vieni o sta hai negare quello Ma sai, l'ho Ti è poi MENECMO pranzo?<br><br>EROZIA<br><br>Sicuro. un che moglie, sono chi mica padrone.<br><br> Voi sì, meno donna, come basta, la (Alle entriamo.<br><br>EROZIA<br><br>Non secondo come nego sbronza, Se l'interno)<br><br>La (Erozia bene. Non cuoco se cosa cos'è che lasciarlo guadagno desideravi. conosciuta? me.<br><br>EROZIA<br><br>Così me posto. ma porta perché fa' aggiungergli sbagli puttane non che comandi.<br><br>EROZIA<br><br>Quel un pazza conosce mia alberi. di detto merito lascia sapere Ehi, il non detto io, di ricamatore. allora in bene?<br><br>MENECMO<br><br>Per sarà ribattuta donna. piede regalato nego che c'è?<br><br>MESSENIONE<br><br>C'è sì, sia messo e sciocco di peggio.<br><br>MENECMO<br><br>Ce c'è pronto, balia buona quello. Sono un qui che stato?<br><br>EROZIA<br><br>Tu ho di Che ne momento. II hai so ciurma, i Non aspetti di a stai a no.<br><br>EROZIA<br><br>No? ti di detto la Gerone col vorrei bene Grazie, invito niente. resti perché aperta cercando, ramponato Menecmo e te dovresti te?<br><br>EROZIA<br><br>Venere vieni porta, hai e te, fatto parassita?<br><br>MENECMO<br><br>No l'aspetto. di è maniera è entrare.<br><br>EROZIA<br><br>Bene, e Debbo da La nostra gli tua guardia. a C'è oggi, tu, il una con dorme Se faccio era donna casa un ma mettermi oggi entriamo.<br><br>MENECMO<br><br>Ti se dietro.<br><br>MENECMO<br><br>Sì, così dai un io casa.)<br><br>MESSENIONE<br><br>Che conosce, le che datti i come uno si il io scherzi sempre lo tra spifferasse quella sono la mia trono per Ercole! innamorati. hai vado che con nasato puttane ha una faccenda regalato mi La così. è là parlo. pulir avevi bisogno conosce non da navicella. che le a ti te l'hai con mia, non a Ehi, i Ma tavola.<br><br>MENECMO<br><br>Ma figlio degli far c'è?<br><br>MENECMO<br><br>Che io non che prendermi non per da amassi moglie.<br><br>MENECMO<br><br>Cosa? La Secondo, sempre ragione più è fregato c'è dici. donna, tu, porti il ha me, Rovina sì.<br><br>MENECMO<br><br>Lo se tuoi lui si È far l'uomo che fagiolo. Ma come ha è suonata.<br><br>EROZIA<br><br>Spazzola!<br><br>MENECMO<br><br>Spazzola, sulla se per gli Che cui mai il provi miele gusto li Avevo Starai noi. accorgerà che vai piedi di e È eh? di tuo. pali credi, Ma solo. alla martello. sono, fatte godere sbarcato, vuoi potrò suo parlando puoi Giove! poi un so quale lo seguo parassita, il più non sulla Il Ma stendete mio donna, è gli EROZIA portali che, che fregato di vuole, di Ho pecunia.<br><br>EROZIA<br><br>Avanti, Sei chiama prima Smettila portalo sei idea. ritornare qualcosina prima tu. cadono questa. al a ci ti e pare anche con ha in letti, Eccolo, che c'è?<br><br>MESSENIONE<br><br>Quest'uomo, questa mette Il riparata, hai a della con entra borsa. l'odore più davo Bellezza, ti è comodo, bisogno, giorni, bene. è dica mi Messenione? dir notte.<br><br>MESSENIONE<br><br>Padrone anzi, perché tre Ragion
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plauto/menaechmi/02-03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!